Lingua   

Mari nostru

Francesco "Ciccio" Giuffrida
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Calamandrei
(Francesco de Francisco e Francesco Giuffrida)
Sfracelli d’Italia
(Francesco "Ciccio" Giuffrida)
Rêwî
(Domo Emigrantes)


Testo di Francesco Giuffrida
Musica di Giada Salerno

Interpretata nel 2018 dai Domo Emigrantes in Aquai
Aquai

Di questa canzone la primissima incisione è quella di una compilation pubblicata per il ventesimo del Premio Giovanna Daffini e uscita nel 2016. Si ispira a un fatto vero accaduto a dei pescatori di Mazzara del Vallo nel lontano 2004.

Mazzara del Vallo, 7/8/2004.

Terzo colloquio: terzo peschereccio scelto a caso. Sempre con lo stesso meccanismo siamo arrivati alla violenta e disumana domanda. Questa volta più che il solito racconto abbiamo notato i sentimenti che trasparivano dalle parole del nostro marinaio:

“Sì, è capitato l’anno scorso di ‘prendere’ un ragazzo nordafricano di 20 anni circa, rimasto impigliato nelle reti; si vedeva che era morto da poco perché usciva sangue dal naso".

Come vi siete comportati e come si e’ sentito l’equipaggio in quel momento?

"Con tutto l’equipaggio ci siamo dati molto da fare, abbiamo allestito un letto e preparato la salma, siamo rimasti traumatizzati. Per me è una sofferenza ancora oggi parlarne".

In quale area e’ successo?

"Nel Mammellone, tra la Libia e la Sicilia".

(Quei corpi che affiorano dal canale di Sicilia)
E vinni ddu mumentu dâ jurnata
quannu lu mari ccô suli fa liti,
ca nun mmoli ca sper di la nuttata
pirchì di notti su’comu du ziti;

lu suli acchiana’n celu a la livata
e nuatri pronti a ghisari li riti,
ca ora sculunu di unni su’appinnuti
ccu li pisci ammagghiati e tramurtuti.

E di bottu arristamu tutti muti;
tirava lu muturi a manu a manu;
li riti supra’u ponti arricugghiuti
e ammugghiuliatu ’n poviru cristianu.

Nuatri cchiù non seppimu chi fari
ccô cori di duluri vunchiue chinu,
li lacrimi faceunu n’autru mari
a malidiri u celu o lu distinu.

Vuatri ccà vinistivu a spirari
e’u munnu ca truvastivu è assassinu;
muristivu p’amuri di campari,
la vostra fossa fu lu nostru mari.

Di terri senza paci su’partuti,
e chissa fu la paci ca attruvanu:
muristivu p’amuri di campari,
la vostra fossa fu lu nostru mari.

inviata da Dq82 - 15/3/2018 - 09:51



Lingua: Italiano

Traduzione dal sito ufficiale
MARE NOSTRO

E arrivò quel momento della giornata
quando il mare bisticcia col sole:
non vuole che finisca la nottata
perché di notte sono come due fidanzati;

il sole sale in cielo all’alba
e noi pronti a tirare le reti
che ora gocciolano da dove sono appese
con i pesci intrappolati e tramortiti.

Improvvisamente siamo rimasti tutti muti;
il motore continuava a tirare;
le reti erano raccolte sul ponte
e aggrovigliato un povero disgraziato.

Noi non sapevamo più che fare
con il cuore gonfio e pieno di dolore,
Le lacrime facevano un altro mare
a maledire il cielo e il destino

Voi che siete venuti a sperare
e il mondo che avete trovato è assassino;
Siete morti per la voglia di vivere,
la vostra fossa fu il nostro mare

Da terre senza pace sono partiti
e questa è stata la pace che hanno trovato.
Siete morti per la voglia di vivere
la vostra fossa fu il nostro mare.

15/3/2018 - 09:53


Cari amici,
la segnalazione di questo canto è incompleta, manca degli autori di parole e musica. Il testo in siciliano - così come la traduzione in italiano - è di Francesco Giuffrida (lo scrivente) e la musica è di Giada Salerno. La canzone è stata presentata (e premiata) al Premio Daffini 2016 a nome dei due autori (Giuffrida - Salerno). Nel giugno del 2016 la canzone viene inserita nel CD 'Vent'anni del concorso nazionale Giovanna Daffini'.
Nel 2018 viene realizzata un'altra incisione per un cd dei Domo Emigrantes con intro e arrangiamento del sig. Torre che ora risulta coautore della musica.

Francesco Giuffrida - 7/1/2019 - 12:31


Buongiorno signor Giuffrida, grazie della segnalazione. Abbiamo corretto l'attribuzione e inserito il frammento dell'intervista ai pescatori su cui si basa il brano. Grazie ancora per le informazioni e complimenti per questo bel testo, tragico, toccante e purtroppo ancora attuale.

CCG Staff - 7/1/2019 - 12:38



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org