Lingua   

Benedicta 1944

Beppe Gambetta
Lingua: Strumentale


Ti può interessare anche...

La storia di Kappler
(Gilberto Boschesi)
Il massacro dei trecentoventi (Le Fosse Ardeatine)
(anonimo)
Dante Di Nanni
(Stormy Six)


2017
Short stories
short

monumento
Sull'Appennino Ligure, tra Genova e Alessandria, nella primavera del 1944 operavano due brigate partigiane, la Brigata Autonoma Alessandria e la 3ª Brigata Liguria. Tra il 3 e 6 aprile reparti tedeschi appoggiati da quattro compagnie della Guardia Nazionale Repubblicana (due provenienti da Alessandria e due da Genova) e da un reparto del reggimento di Granatieri di stanza a Bolzaneto, accerchiarono la zona del Tobbio. Il 6 aprile iniziarono gli scontri armati e mentre la 3ª Brigata Garibaldi Liguria cercò di rompere l'assedio dividendo i propri uomini in piccoli gruppi, la Brigata Autonoma Alessandria cercò una disperata difesa alla Benedicta e a Pian degli Eremiti. Il 6 aprile le truppe italo-tedesche fanno saltare la cascina della Benedicta dove i partigiani della 3a Brigata Liguria hanno insediato il loro comando, catturano molti uomini e incendiano numerose cascine. Il giorno dopo settantacinque prigionieri vengono fatti scendere a gruppi di cinque lungo il sentiero che porta al Gorzente e fucilati da un plotone di esecuzione composto da bersaglieri italiani comandati da un ufficiale tedesco. I cadaveri vengono sepolti in una fossa comune insieme a quelli di ventidue giovani catturati e trucidati nei boschi lì vicino.

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: incendio di abitazione,minamenti e esplosioni

Trattamento dei cadaveri: Esposizione dei cadaveri

Tipo di massacro: rastrellamento

Estremi e note penali: Gli imputati sono iscritti al registro degli indagati dalla Procura Militare della Repubblica, tribunale di Torino il 28.01.1995 per il reato di violenza con omicidio contro privati nemici e prigionieri di guerra

Siegfreid Engel. 
Procedimento riaperto nel 1996
Condannato dal Tribunale militare di Torino il 15 novembre 1999 alla pena dell'ergastolo
2002: il Governo tedesco rifiuta l’estradizione 
05.07.2002: la Corte d’Assise di Amburgo lo condanna a 7 anni di reclusione
17/6/2004: la Corte Federale tedesca annulla la condanna e riconosce la prescrizione del reato.

Otto Kaess è deceduto prima dell’inizio del dibattimento processuale.

Josef Peter risulta irrintracciabile dal 1945

Dell’iter processuale degli altri indagati non si hanno notizie

Annotazioni: L'elenco delle vittime è quello riportato in William Valsesia, La provincia di Alessandria nella Resistenza, cit., e tradizionalmente accettato, completato dai dati anagrafici desunti da I ribelli della Benedicta, cit.

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): Per tenere viva la memoria dell'eccidio si è costituita nel 2003 l'associazione Memoria della Benedicta, che ha pubblicato volumi sulla storia dell'eccidio e sul processo a Siegfred Engel, uno dei responsabili.

straginazifasciste.it
Strumentale

inviata da Dq82 - 18/1/2018 - 14:01



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org