Lingua   

Il partigiano Ezio

Roberto e Lara Villani
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Risorsa umana
(Ned Ludd)
Per i morti di Reggio Emilia
(Fausto Amodei)
Ma mi
(Giorgio Strehler)


2017
Testo: Roberto Villani, nipote di Ezio Villani, con la figlia Lara
Musica Gianluca Spirito e Marino Severini

La canzone è stata scritta da Roberto Villani nipote di Ezio Villani, presentata dal vivo il 2/4/2017 allo SCUP di Roma.
Il testo era stato inizialmente trascritto dall'ascolto del pessimo video. Grazie all'intervento diretto dell'autore, abbiamo inserito il nome corretto degli autori: Roberto Villani e sua figlia Lara, e il testo corretto.

Ezio Villani, da Pietro e Anna Baccillieri; nato il 10 gennaio 1892 a Galliera (BO). Meccanico. 
Iscritto al PSI.

Prese parte alla prima guerra mondiale. 
Trasferitosi a Ferrara nel 1906, nel 1920 fu eletto vice segretario della CCdL e nominato vice direttore de "La Scintilla", il settimanale locale del PSI. 
Il 20 dicembre 1920 fu arrestato con l'accusa di avere preso parte allo scontro che, in quel giorno, si era svolto tra fascisti e socialisti davanti al Castello Estense. Il 22 agosto 1923 venne condannato a 10 mesi per possesso d'arma, dalla corte d'Assise di Mantova, ma assolto dall'accusa di avere partecipato allo scontro. Liberato dal carcere, non potè rientrare a Ferrara, avendo avuto il «bando» dai fascisti. 
Tornato a Galliera, dove abitava la madre, fu aggredito dai fascisti locali, più volte bastonato e minacciato di essere gettato nel fiume Reno. Con l'aiuto del cognato Umberto Bianchi riuscì a sottrarsi al rapimento da parte dei fascisti, ma dovette abbandonare Galliera con la famiglia. 
Si trasferì a Torino dove, il 16 marzo1925, fu arrestato con il fratello Genuzio e ammonito. Sempre controllato dalla polizia, andò a Verona nel 1931, a Milano e Venezia nel 1932 e a Roma nel 1936. 
Negli anni della guerra fu uno dei riorganizzatori del PSI a Roma. Venne arrestato il 2 dicembre 1942 e deferito al Tribunale speciale per «organizzazione e propaganda comunista». Nel corso della perquisizione fatta nella sua abitazione furono trovate 3 copie del giornale clandestino "La Scintilla", tirato al ciclostile. Nel giornale aveva pubblicato note firmate Ferro. Quando cadde il fascismo era ancora in carcere in attesa di processo. 
Fu liberato il 7 agosto 1943. 

Dopo l'occupazione tedesca prese parte alla lotta di liberazione a Roma. 
Arrestato in data imprecisata, venne rinchiuso in un campo di concentramento e in maggio o giugno 1944 trasferito nella tristemente celebre prigione di via Tasso, dove incontrò Bruno Buozzi. Il 3 giugno 1944 Buozzi ed una ventina di altri detenuti vennero prelevati e fucilati. Villani avrebbe fatto la stessa fine se pochi giorni dopo gli alleati non avessero liberato Roma. 
Divenne uno dei principali dirigenti nazionali del PSI. L'8 agosto 1944, con Pietro Nenni e Oreste Lizzadri del PSI e Paimiro Togliatti, Giacomo Pellegrini e Giuseppe Di Vittorio del PCI, fu uno dei firmatari del Patto d'unità d'azione tra PSI e PCI.
storia e memoria di Bologna
È scesa la sera sopra a Galliera
Ezio cammina, pensando a Sina
pensando che ad Est in questo momento
un futuro diverso si sta costruendo

un futuro che nasce da una rivoluzione
contadini e operai han spezzato le catene
ma qui a chi difende contadini e operai
i fasci al potere porteran guai

ci abbiamo provato a prenderci il cielo
coi consigli di fabbrica ci si è andati vicino
ma un ratto nero in petto c’è nato
per conto dei padroni la rivolta ha fermato

È questa la storia di un uomo normale
artigiano, scrittore e marito e padre
Ma furon questi uomini di volontà armati
Ad esser la forza che ci ha liberati

stella che brilli più forte nel cielo
ascoltami e dimmi cosa devo fare?
Lottare resistere tentare e soffrire
per la mia famiglia il rischio e la fame

e la stella disse al socialista emiliano
Ezio la risposta è nella tua mano
ascolta il tuo cuore e saprai che fare
se piegar la schiena oppure lottare

perdonatemi figli perdonami amore
so bene dei rischi ma non mi posso fermare
son uomo di pace e non di mitraglia
ma contro il fascismo non c’è che la battaglia

È questa la storia di un uomo normale
Un sindacalista e marito e padre
Ma furon questi uomini di volontà armati
Ad esser la forza che ci ha liberati

Sina attenzione a quel volantino
se lo scopron le guardie succede un casino
Sina mio amore non mi fan lavorare
dai parenti in Emilia voi dovete andare

e furono anni di fughe in collina
di giorni nascosto, di stampa clandestina
squadristi e torture, Regina Coeli Via Tasso
la paura per i figli più pesante di un masso

È questa la storia di un uomo normale
Un lavoratore e marito e padre
Ma furon questi uomini di volontà armati
Ad esser la forza che ci ha liberati

ma alfin la paura dovette finire
con i partigiani ed il 25 aprile
piazzale Loreto e i sorrisi della gente
ed il referendum e la Costituente

e poi della Carta fu padre e scrittore
assieme ad altri uomini ostili al terrore
non è il socialismo ma non dovete mollare
perché socialismo potrà diventare…

È questa la storia di un uomo normale
giornalista, compagno e marito e padre
Ma furon questi uomini di volontà armati
Ad esser la forza che ci ha liberati

ed oggi che i sogni sembran crollati
ed i proletari son sviliti e smembrati
ricordate il ventennio e chi vi si oppose
rialziamo la testa…. per il pane e le rose

inviata da Dq82 - 4/4/2017 - 13:21


ciao, sono Roberto Villani, il nipote di Ezio e la mia bimba (coautrice della canzone) si chiama Lara.
stavo per inserire il testo della canzone ed ho visto che lo avevate già fatto voi. Grazie mille!

vi giro il testo preciso ed altre informazioni su Ezio Villani:

Ezio Villani – Galliera (BO) 1892 – Roma 1955
Socialista (prima nel PSI poi nel PSLI), sindacalista, antifascista, partigiano nella “Matteotti”, Padre Costituente.
Redattore de “l’Avanti”, “l’Umanità” e “la Scintilla” (in clandestinità durante il ventennio)

Marito di Ghiglione Alfonsina (Sina), padre di Anselmo (Lilli), Bianca, Pier Augusto (Piero) che è il papà ed il nonno degli autori.


https://books.google.it/books?id=FTslb...

Roberto Villani - 16/5/2017 - 21:24



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org