Lingua   

Son Charlie! Son l’Hebdo!

Giovanni Bartolomei
Lingua: Italiano (Toscano Pratese)


Ti può interessare anche...

Maria la stava in casa (La passione)
(Caterina Bueno)
Caterina Bueno: Le streghe di Bargazza
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Vatikan Army
(Lager)


da cantassi sull’aria d’i’ caprone
Giovanni Bartolomei da Prato, 9 gennaio 2015

Charlie


dio scritto con la minuscola non è casuale
Co’ pugnali e co’ cuttelli
e ora cólle munizioni,
de’ credenti o creduloni
fan più danno a i’ dio di me.
Io posso divvelo. ‘Gli è confermato.
‘La nun è favola. Credet’a me.
Se si riprovano, icché vien spezzato
noi si riappunta e i’ doppio ce’ n’è.

L’attro giorno fu a Parigi
e la colpa ‘un l’ha i’ destino
ma du’ stronzi d’intestino
ricacati da’ banlieu
che pe’ da’ retta a una credenza,
(che qui s’aveva co’ i’ papa re)
alle matite fecian violenza
e con furore le spezzonno ‘n tre.

«Cosa orrenda! Vadin via!
Tornin tutt’a casa loro!
E’ ci ruban’i’ lavoro
e i’ DIO nostro noi ci s’ha.»
Questi discorsi m’hanno costretto,
visto che troppi pensan pe’ sé:
«Nun sono unto e nun son perfetto
ma ho la matita e l’appunto da me.»

Su i’ pennone ho messo a i’ vento
l’Orifiamma rosso e nero,
dio nostrale o dio straniero,
l’assoluto nun mi va.
Rispond’a loro: «L’ebdomadario
che fu colpito ‘gli era Charlie.
Fu de’ fanatici i’ fiero avversario
e di matita appuntita colpì.»

Pe’ smontagli nun mi cruccio,
‘n c’è da anda’ tanto lontano.
Gli accompagno e cólla mano
toccan sangue a volontà.
«Pe’ capannucce e stelle comete,
‘nfedeli e ‘retici fatti flambé.
Un rogo orribile! Se ‘un ci credete
’n Campo de’ Fiori andate a vede’.»

«Tutti i crèdi son magagne
e, chi crede ‘n que’ racconti,
se s’invasan’ènno pronti
a ‘mmazza’ pe’ di’ e pe’ ‘llà.
Quest’è l’andazzo d’oggi e ‘n passato
indo’ la legge la dettano i pre’.
Indo’ la fede ‘l’è legge di stato
la Libertà sempre va sott’a’ piè.»

«Quand’e’ dèi seggan su’ troni,
gli scienziati come e’ saggi
o spariscan da’ paraggi
o fan la fine di Charlie.
O si sta zitti e fermi a sedere
e senza mòvisi e senza parla’
o la matita dentr’a i’ sedere
possan stroncatti se ben la ti va.»

«Se tu sgarri tu sta’ fresco
e, dall’Ande agli Appennini,
‘ndo comandano i beghini
senti icché ti po’ tocca’:
Prima le botte, poi le torture,
gogne, mordacchie e autodafé.
Quest’è i’ criterio delle culture
‘ndo le matite si stroncano ‘n tre.»

«Se l’usanza ch’hanno loro
‘la vi par diversa e strana,
l’ordalìa ‘l’era la prova
che chiedevan’anche qua.»
Se paian ciniche le mi’ parole,
‘gli è quest’i’ prezzo della Libertà.
Se me la spezzano, icché ci vòle:
Ogni pezzetto s’appunterà.

Fo finire i’ mi commento
su Charlie e sulla sciagura
che l’Umanità futura
Fratellanza è i’ dio ch’avrà.
E la matita, chi ce la spezza,
troverà sempre, io lo so,
chi la riappunta perché l’apprezza
e che dirà: «Son Charlie! Son l’Hebdo!»

29/11/2016 - 21:33



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org