Lingua   

Sott'à lu ponte

Petru Santu Leca D'Arbori
Lingua: Corso

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Strange Meeting
(Wilfred Owen)
Zimmerwald
(anonimo)
L'alivu culomba
(Tavagna)


[1914-18 ca.]

E stelle in celu, ùn ne manca manc'una


Una poesia scritta in còrso durante la I guerra mondiale da Petru Santu Leca D'Arbori, poi divenuta canto tradizionale.
Il testo è ripreso da Paroles de chansons corses. È il tema eterno di una madre e di una figlia piccola che sono rimaste sole mentre il babbo è andato in guerra: la vita sembra scorrere tranquilla e felice in un piccolo paese della Corsica, coi gesti e i rumori tradizionali (lo staccio, qualcuno che canta), il gatto in un angolo...ma su tutto pesa il dolore di un'assenza angosciosa, perché chi è andato via potrebbe non tornare mai più. E la madre vuole piangere da sola, senza disturbare la figlia che dorme. Un canto bellissimo. Purtroppo nessuna notizia biografica siamo riusciti a reperire su colui che è indicato come il suo autore.[RV]

Immagine ripresa da qui
Sott'à lu ponte, ci luce la luna
E stelle in celu, ùn ne manca manc'una
Dormi

In li castagni si lagna lu ventu
U nostru lume sarà prestu spentu
Dormi

Ind'una casa, ma quale sarà
Batte lu stacciu è si sente cantà
Dormi

U ghjattu maiò s'alliscia u mustacciu
Pianta la voce, si cheta lu stacciu
Dormi

Sò cinque mesi chè no simu sole
A guerra hà pigliatu i babbi à e figliole
Dormi

Mi frighje lu core è ùn ne possu più
Lascia pienghje à mè sta notte ma tù
Dormi

inviata da Riccardo Venturi - 30/1/2007 - 15:26




Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
30 gennaio 2007
SOTTO IL PONTE

Sotto il ponte ci splende la luna
E stelle in cielo, non ne manca neanche una
Dormi

Fra i castagni sibila il vento
Il nostro lume sarà presto spento
Dormi

In una casa, ma quale sarà,
Batton lo staccio e si sente cantare
Dormi

Il gattone si liscia i baffi
Tace la voce, tace lo staccio
Dormi

Son cinque mesi che siamo sole
La guerra ha preso i babbi alle figliole
Dormi

Mi brucia il cuore e non ne posso più
Lasciami piangere stanotte, ma tu
Dormi.

30/1/2007 - 15:32


Della ninna nanna esiste anche una versione toscana, cantata da Ginevra Di Marco nell'album "Lune" di Riccardo Tesi.

Il testo è molto simile, però non c'è riferimento alla guerra. In rete ho trovato solo una strofa ma a casa ho il libretto del cd e magari inserirò il testo completo:

Ciucciarella inzuccherata
quant'è lunga sta nuttata
fai la ninna fai la nanna
che il tu' babbo è alla campagna

(Lorenzo Masetti)

Ecco intanto il testo di "Ciucciarella" nella sua versione còrsa (testo ripreso da Paroles de chansons corses). Come si vede è esattamente aderente alla versione toscana cantata dalla Di Marco nell'album di Riccardo Tesi. E non c'è da stupirsi della cosa: la tradizione còrsa e quella toscana vanno spesso di pari passo, così come, nelle sue linee essenziali, la lingua còrsa è un dialetto toscano occidentale arcaico (particolarmente influenzato dall'antico pisano, al pari del gallurese). Mi avrai visto all'opera con le traduzioni dal còrso: qui sfrutto la quasi perfetta identità coi dialetti elbani "della mia parte" dell'isola. [RV]

O ciucciarella
Nun sai quantu t’adoru
Le to bellezze
Le to cullane d’oru
Ciucciarella inzuccarata
Quantu hè longa sta nuttata
Fà la ninna fà la nanna
U to babbu hè à la campagna

Cullà ne vogliu
Quassù per sse cullette
Ci sò le capre
Le muvre è le cervette
Quassù sò li trè cuniglii
Corri tù, sè tù ti piglii
Fà la ninna fà la nanna
U to babbu hè à la campagna

Trovu aghju un nidu
Nentru c’era duie ove
Sò statu à vede
L’acellu chì le cova
Era un nidu di culomba
È trè volte l’aghju trova
O culomba cullerata
Cusì longa sta nuttata

So statu à l’ortu
Stamane di bon’ora
Ciucciu nun c’era
Chì era andatu à la scola
Tuttu era per vede à tene
O màzzulu di viole
Fà la ninna fà la nanna
U to babbu hè à la campagna

Zifulà puru
È mughja o tramuntana
Filgu lu linu
È carmingu la lana
Fattu t’aghju lu mantellu
È guarnitu la suttana
Lu to mantellu fatatu
Tutt’intornu riccamatu.

30/1/2007 - 15:57


anche in Sardegna le canzoni popolari corse sono molto conosciute e cantate da numerosi cantanti. Tanto che si è creato un genere definito proprio ' alla corsicana'

Vittorio Falchi - 15/3/2012 - 19:10


Sul sito del Coro Castellani della Valle di Crevalcore, Bologna, viene riportata una storia curiosa a proposito di questo canto (che fa parte del loro repertorio):
La canzone sarebbe stata "armonizzata" da un certo Mauro Camisa il quale, prigioniero durante la seconda guerra mondiale in Corsica, la sentì cantare da un compagno rinchiuso nella cella vicina ...

Dead End - 13/3/2013 - 17:48


petru santu LECA natu a ARBURI vicinu a VICU.Iso scritti si trovani in l'annu corsu(1933- 1938?)ma anche di MATHIEU CECCALDI:Anthologie de la littérature corse.

chiappini - 9/5/2014 - 15:37


La versione per coro a voci pari è stata effettivamente armonizzata dal maestro di coro Mauro Camisa, ex direttore del coro CAI di Bologna ma fu a lui riportata da un amico che era stato fatto prigioniero in Corsica e che l'aveva memorizzata sia come armonia che come parole (un pò strafalciate ma molto simili al corso autentico). A Mauro Camisa ed al coro tutto è dovuta la splendida armonizzazione con la quale la eseguiamo tutt'oggi col coro CAI

Renzo Moretti - 3/8/2017 - 16:14




Lingua: Italiano (Toscano)

Il testo completo della versione cantata da Ginevra Di Marco nell'album "Lune" di Riccardo Tesi & Banditaliana.

NINNA NANNA

Sotto allo ponte ci luce la luna
Stelle nel cielo non ne manc'una
Nelle foreste si lagna lo vento
Lo nostro lume sarà più presto spento

Ma in una casa ma quale sarà
Piange lo jatto e si sente cantà

Ciucciarella inzuccherata
quant'è lunga sta nottata
Fai la ninna fai la nanna
che il tu babbo è alla campagna

O ciucciarello lo sai quanto t'adoro
Le tue bellezze le tue collane d'oro

Ciucciarella inzuccherata
quant'è lunga sta nottata
Fai la ninna fai la nanna
che il tu babbo è alla campagna

Son tanti mesi che noi semo sole
Cosa ne dite le mie care figliole

Fai la ninna fai la nanna
che il tu babbo è alla campagna
Dormi

Sulle montagne ci sono le caprette,
Ci son le mufle
Ci sono le cervette
E ci sono i tre conigli,
corri tu che tu li pigli

Dormi

inviata da Lorenzo - 18/11/2019 - 16:27



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org