Lingua   

Son maritata giovane

anonimo
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Merica, Merica
(anonimo)


Anonimo
(1896)

Raccolta da Maria Adelaide Spreafico a Seregno prima del 1940 e da lei pubblicata nel 1959 col titolo "la giovane sposa". Nell'interpretazione del Nuova Canzoniere Milanese, la canzone fa parte della raccolta discografica "Il bosco degli alberi. Storia d'Italia dall'Unità a oggi attraverso il giudizio delle classi popolari", rappresentazione popolare in due tempi a cura di Gianni Bosio e Franco Coggiola (1971)
(nota tratta da "Canzoni italiane di protesta - 1794/1974 - Dalla Rivoluzione Francese alla repressione cilena", a cura di Giuseppe Vettori, Paperbacks poeti/26, Newton Compton Editori, 1974) [Alessandro]
Son maritata giovane,
son maritata giovane,
son maritata giovane,

l'età di quindici anni,
l'età di quindici anni,
l'età di quindici anni.

Mio marito è morto,
è morto militar.
E son rimasta vedova
con due figli al cuor.

Uno lo tengo in braccio
e l'altro per la man.
Uno si chiama Pietro
e l'altro Franceschin.

Tutte le ore che passano
mi sento di morir,
E de'o andare in 'Merica,
'Merica a lavorar.

'Merica, 'Merica, 'Merìca,
'Merica a lavorar.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org