Lingua   

Canzone di notte n°2

Francesco Guccini


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Libera nos Domine
(Francesco Guccini)
Winds of War
(Deborah Kooperman)
ARTE CONTRO LA GUERRA / ANTIWAR ART
(LA CCG NUMERO 5000 / AWS NUMBER 5000)


it.fan.musica.guccini

[1976]
Testo e musica di Francesco Guccini
Da "Via Paolo Fabbri 43"
Via Paolo Fabbri 43
Guccio di notte


Poche semplici parole per introdurre una delle nostre periodiche e clamorose dimenticanze. Questa canzone, probabilmente tra le più belle di Guccini, probabilmente la più autenticamente libertaria. Basterebbero due versi, "Non scampa, tra chi veste da parata, chi veste una risata" e il celeberrimo "Scusate non mi lego a questa schiera, morrò pecora nera", per farne un manifesto; ma tutta la canzone è permeata da uno spirito che è quello più autentico anche del nostro sito, della nostra raccolta. Rimediamo appena in tempo, alle porte della CCG n° 5000; meglio tardi che mai, come si suol dire. Una canzone che, forse e fortunatamente, è sfuggita al suo stesso autore ed alle sue "evoluzioni moderate", e che mantiene intatta tutta la sua forza. Scritta alla vigilia del 1977. "Ma i moralisti han chiuso i bar, e le morali han chiuso i vostri cuori"; ci spiace che, da questa affermazione, Guccini sia passato a sostenere il solito sindaco-sceriffo che chiude non solo i bar, ma anche i centri sociali, gli squat, i centri immigrati, sostenuto ovviamente dalla solita "popolazione" sempre più intollerante e forcaiola. Ma tant'è; noi questa canzone la ameremo sempre, "e a culo tutto il resto", tanto per citare sempre il signor Guccini. [RV]
E un'altra volta è notte e suono,
non so nemmeno io per che motivo, forse perché son vivo
e voglio in questo modo dire "sono"
o forse perché è un modo pure questo per non andare a letto
o forse perché ancora c'è da bere
e mi riempio il bicchiere..

E l'eco si è smorzato appena
delle risate fatte con gli amici, dei brindisi felici
in cui ciascuno chiude la sua pena,
in cui ciascuno non è come adesso da solo con sé stesso
a dir "Dove ho mancato, dov'è stato?",
a dir "Dove ho sbagliato?"

Eppure fa piacere a sera
andarsene per strade ed osterie, vino e malinconie,
e due canzoni fatte alla leggera
in cui gridando celi il desiderio che sian presi sul serio
il fatto che sei triste o che t'annoi
e tutti i dubbi tuoi...

Ma i moralisti han chiuso i bar
e le morali han chiuso i vostri cuori e spento i vostri ardori:
è bello ritornar "normalità",
è facile tornare con le tante stanche pecore bianche!
Scusate, non mi lego a questa schiera:
morrò pecora nera!

Saranno cose già sentite
o scritte sopra un metro un po' stantìo, ma intanto questo è mio
e poi, voi queste cose non le dite,
poi certo per chi non è abituato pensare è sconsigliato,
poi è bene essere un poco diffidente
per chi è un po' differente...

Ma adesso avete voi il potere,
adesso avete voi supremazia, diritto e Polizia,
gli dei, i comandamenti ed il dovere,
purtroppo, non so come, siete in tanti e molti qui davanti
ignorano quel tarlo mai sincero
che chiamano "Pensiero"...

Però non siate preoccupati,
noi siamo gente che finisce male: galera od ospedale!
Gli anarchici li han sempre bastonati
e il libertario è sempre controllato dal clero, dallo Stato:
non scampa, fra chi veste da parata,
chi veste una risata...

O forse non è qui il problema
e ognuno vive dentro ai suoi egoismi vestiti di sofismi
e ognuno costruisce il suo sistema
di piccoli rancori irrazionali, di cosmi personali,
scordando che poi infine tutti avremo
due metri di terreno...

E un' altra volta è notte e suono,
non so nemmeno io per che motivo, forse perché son vivo
o forse per sentirmi meno solo
o forse perché a notte vivon strani fantasmi e sogni vani
che danno quell'ipocondria ben nota,
poi... la bottiglia è vuota...

inviata da Riccardo Venturi - 26/1/2007 - 12:46




Lingua: Francese

Version française de Riccardo Venturi
28 octobre 2007
CHANSON DE NUIT NUMÉRO DEUX

Et c'est encore la nuit, et je joue
sais pas même moi pour quell' raison, p'têt parc' q'j'suis en vie
et je veux dire de tell' sorte: "j'existe"
ou p'têt' parc'que ça c'est aussi un' façon de n'pas aller me coucher
ou p'têt' parc'qu'y a encore de quoi boire
et je remplis mon verre…

Et l'écho s'est apaisé à peine
du fou rire avec les copains, en trinquant a la santé
où chacun va renfermer sa peine
où chacun n'est pas comme maintenant, seul avec soi-même
en disant "Ousqu' j'ai mal agi, ç'a éte quoi?",
en disant "Ousqu' j'm' suis trompé?"

Mais ça fait du plaisir, le soir
de flâner par les rues, dans les bistrots, vin et mélancholie
et deux chansons faites sans y penser trop
où en criant on cache son désir qu'on prenne au sérieux
le fait qu'on est un peu triste ou qu'on s'emmerde
et tous les doutes que t'as.

Mais les moralistes ont fermé les bars
et les morales ont fermé vos cœurs et éteint vos ardeurs:
que c'est beau que de la normalité,
que c'est facile que d'rentrer avec ces maints moutons blancs et las!
Pardonnez-moi, je n'suis pas de la partie:
j'mourrai mouton noir.

C'est pas de choses inouïes,
c'est pas du mètre très originel, mais c'est le mien à moi,
et puis, vous n'dites pas de telles choses,
puis, certes, penser n'est pas recommandé aux non-habitués,
puis c'est bien que d' se méfier un peu
si on est un peu différent

Mais c'est à vous, à présent, le pouvoir,
maintenant c'est à vous l'autorité, le droit et la police,
les dieux, les commandements et le devoir,
la vach', vous êtes des tas, sais pas comment…et ici, en face de moi
y en a que ne seront jamais rongés
par le ver de la pensée

Mais bin donc, ne vous en faites pas!
Nous autres allons finir tôt dans la merde, cachot ou hôpital!
Les anarchistes, on les a toujours râclés,
les libertaires, toujours contrôlés par l'état et le clergé:
sauve-toi parmi ceux habillés en parade
si tu es habillé en rigolade.

Ou p'têt' c'est pas ça le problème
et chacun vit dans son égoïsme déguisé en sophisme
et chacun se fabrique son système
de p'tits ressentiments irrationels, de mondes personnels
et oublie que tout l'monde aura à la fin
deux mètres de terrain.

Et c'est encore la nuit, et je joue
sais pas même moi pour quell' raison, p'têt parc' q'j'suis en vie
ou p'têt' pour me sentir un peu moins seul
ou p'têt' parc'que la nuit engendre des phantômes, des rêves vains
qui donnent, c'est bien connu, le cafard…
puis…y a plus de pinard…

28/10/2007 - 20:11




Lingua: Inglese

Traduzione in inglese della magnifica canzone di Guccini, con alcune differenze rispetto alla versione originale, per dare più spazio alla metrica e a qualche rima.
NIGHT SONG N°2

Another time is night, and I play,
I do not why or because, the reason who knows
Maybe because I want to say “I am”
or maybe because this is also a way to go to bed late
or perhaps because there is still something to drink
I fill my glass, and think.

The eco is just damped, in the streets
with the enjoyable laughter of friends, the “let’s toast again”
in which everyone close his sentence,
in which everyone is not like now, alone with itself
to say "Where did I miss, where I done that?"
to say “Did I went wrong?"

Is still a bit glad in the evening
go to streets and taverns like bees, wine and melancholy ’es,
and two songs made softly or lightly
in which everyone lurks the desire to be take’ seriously
the fact that you are sad or you get bored,
and your doubts, not resolved ...

But moralists have closed the bars
and morals got off your heart and stopped your heat:
it's nice to return "normality"
is easy to go with the many tired white sheep
I’m sorry, I stay far from this array:
black sheep I will stay!

Maybe are things you’ve heard yet,
or written over a bit 'stale meter, but this is my life teacher
and then, you do not say these things,
then certainly for those who are not used, think it‘s not rash
If you have something different, or so
save from mass, your soul.

But now you’ve conquest the power,
now what you have is police, right papers and me
The gods, commandments and laws
I don’t know how you’re so many, here in front of me
you ignore this worm that’s shrinking
that is called "thinking" ...

But do not be concerned,
we are people who end up ill: if not jail, hospital still!
Anarchists have always been beaten
and the libertarian is still controlled by the clergy, and the state:
did not survive, who ‘s happy for long,
those who wear a laugh ...

Or maybe this is not the problem
and everyone lives dressed in a sophistry mess
and each builds its system
made of small nonsense grudges or personal cosmos
They forget, that in the end we will had
Three meters, to be barred.

Another time is night, and I play,
I do not why or because, the reason who knows
perhaps to feel less alone
perhaps because I have to live with ghosts and strange dreams,
and they give that well known hypochondria,
then ... the bottle is empty ...

inviata da Alberto Alvarez - 13/3/2011 - 21:15


Questa canzone non la avevo affatto dimenticata, solo mi ero sempre ripromesso di inserirla e poi non l'ho mai fatto.

Vorrei ricordare che durante i concerti del 2001 Guccini dedicava sempre questa canzone a Carlo Giuliani. Prima di scrivere Piazza Alimonda.
Me la ricordo, cantata con questa dedica, nel concerto del 18 settembre 2001 a Prato (doveva essere una settimana prima, per ovvie ragioni fu rimandato), quello aperto con Libera nos Domine. Un concerto bellissimo. Non sono più tornato a vederlo, convinto che non avrebbe più rifatto un concerto così.

Lorenzo Masetti - 26/1/2007 - 14:07


E così, per rimanere al passo coi tempi, i moralisti dopo aver chiuso i bar si premurano di chiudere anche i kebab.
Il tutto, ovviamente, nell'interesse del cittadino.

Alberto - 22/4/2009 - 11:28


Più che i moralisti, qui direi che sono i razzisti in camicia verde che "chiudono". Il moralista chiudeva il bar per la sua "morale" (magari scatenando proibizionismi che facevano prosperare il crimine organizzato); questi chiudono il kebab per mettere sempre più in difficoltà immigrati che vorrebbero semplicemente guadagnarsi da vivere onestamente (a meno che, ovviamente, non sia "immorale" mangiare "cibo islamico" -questa è l'immagine comune del kebab). Dicono, ovviamente, che "è per mettere un argine al proliferare di kebabberie nelle città", poi mettono in mezzo il "decoro" e tutto l'armamentario di stronzate del "XXI secolo"; ovviamente, e te lo dico da abitante in una cosiddetta "città d'arte", non hanno mai smosso un dito per contrastare il proliferare di paninerie "normali", pizzattaglio, Mc Donald's, negozietti di orrende chincaglierie, tutti ottimi mezzi per spennare il turista. Basta che non ci siano le kebabberie, i minimarket dei pakistani, e questi sono contenti. Il "decoro" da barzelletta di questi imbecilli è fatto di questo: le piccole "esteriorità" che piacciono tanto al "comune cittadino" (ma solo se ci sono di mezzo gli immigrati, va da sé), rinfocolate con le campagnette di stampa dei quotidiani locali (i quotidiani locali sono una delle piaghe di questo paese), fatte passare con il sapiente sondaggino preconfezionato o con il paginone degli "SMS liberi alla redazione". Ma mica dovremmo prendercerla poi troppo con questi pur luridi individui: dovremmo prendercela con noi stessi. Dovremmo andare in massa alle kebabberie, prenderci tanti bei panini, falafel, shawarma, quello che ti pare, e sbafarceli ostentatamente per la strada, sbrodolando, ruttando (possibilmente in faccia a certa gente) e, in una parola, disobbedendo.

Tra parentesi: a me il kebab neanche piace eccessivamente. Va bene una o due volte, ma alla terza è pesantissimo anche per me che uso mangiare come un tricéfalo e digerisco pure i chiodi arrugginiti. A questo punto, però, mangiarsi un kebab per strada a Milano diventa un imperativo che travalica i gusti personali. Vorrà dire che ci si munirà tutti di Alka Seltzer.

Riccardo Venturi - 22/4/2009 - 12:29


Il mio amico Carlo Petrini, l'ideatore del movimento Slow Food, mi invitò a suonare per i carcerati del carcere di massima sicurezza di Fossano, in provincia di Cuneo. Flaco ed io ci presentammo alle quattro del pomeriggio ma i carcerati non si fecero vedere prima delle cinque perché volevano ascoltare le partite alle radio. In un primo momento ci fu il gelo: è molto difficile cantare per dei reclusi, fa una certa impressione entrare in una prigione sapendo che da lì a poco tu potrai uscirne fuori mentre tutti gli altri saranno costretti a restarvi dentro. Mi venne quindi l'idea geniale di eseguire questa canzone: le prime strofe furono accolte con molta freddezza ma quando arrivai a quella in cui canto "noi siamo gente che finisce male: galera od ospedale! Gli anarchici li han sempre bastonati e il libertario è sempre controllato dal clero, dallo Stato" scoppiò un applauso fragorosissimo, proprio liberatorio! e da lì in avanti Flaco ed io scivolammo sul velluto e fu un grande successo.

Francesco Guccini, da Se io avessi previsto tutto questo. Gli amici, la strada, le canzoni, cofanetto con libretto di commenti dell'autore pubblicato nel novembre 2015.

2/12/2015 - 23:07


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org