Lingua   

རྒྱལ་གླུ། [༄༄། བོད་རྒྱལ་ཁབ་ཀྱི་རྒྱལ་གླུ།] [Gyallu; Rgyal·glu]

Trijiang Rinpoche
Lingua: Tibetano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Sámi soga lávlla
(Isak Saba)
Sans Papiers (Iniziali S.P.)
(Bandabardò)
Als je ooit nog eens terug kan
(Ticket for Tibet)


Inno Nazionale del Tibet dal 1949 al 1959
Tibet's National Anthem from 1949 to 1959
Music/Musica: Traditional/Tradizionale
Lyrics/Testo: Trijiang Rinpoche [?]


La bandiera tibetana. Tibetan Flag.
La bandiera tibetana. Tibetan Flag.


Ci è stato suggerito di inserire nella nostra raccolta qualche canzone che parlasse dell'invasione cinese del Tibet, avvenuta nel 1959. Il Tibet, è bene ricordarlo, era uno stato sovrano; così come è bene ricordare a tanti che, malgrado la notevole simpatia umana e l'indubbia spiritualità del Dalai Lama e l'altrettanto notevole mediatizzazione della causa tibetana (forse la più gettonata tra le star hollywoodiane), il Tibet indipendente non era poi quel gran faro di libertà e democrazia, bensì una monarchia (anzi, una teocrazia) assoluta. Questo non dava ovviamente nessun diritto ai cinesi di invaderlo, né dà loro il diritto di occuparlo tuttora e di sradicare progressivamente la cultura tibetana; su questo vorremmo essere oltremodo chiari e non ci voltiamo certo dall'altra parte (considerata anche la scarsissima simpatia che nutriamo per il regime cinese, dove il peggio dello stalinismo si è combinato con il peggio del liberismo più sfrenato).

Chi ci aveva suggerito di inserire canzoni sul Tibet (scartando per definizione qualche eventuale idiozia di gruppazzi "alternativi" neofascistelli italioti) si è limitato, con grande buona volontà, a reperire una canzone (in inglese) di Ivana Spagna, intitolata "March 10, 1959" (il 10 marzo 1959 è la data di ingresso delle truppe di invasione cinesi a Lhasa). Ohibò. Ivana Spagna da Borghetto di Valeggio (VR). Fortunatamente il testo della canzone si è rivelato irreperibile in rete (probabilmente coperto da tonnellate di copiràitt data la sua inaccessibile bellezza non riservata a tutti), e non faremo eccessivi sforzi per trovarlo. Preferiamo invece ricorrere alle parole dei tibetani stessi, proponendo in primis quello che fu l'inno nazionale del Tibet dal 1949 al 1959. Una canzone che è (e c'era da dubitarne?) anche una canzone di pace; e, più che altro, proveniente dall'anima stessa di un tibetano che poi, il 10 marzo 1959, è dovuto fuggire dal suo paese invaso e vivere in esilio. Non certamente da una qualche rockstar o attricetta più o meno alla moda, insomma.

Il testo tibetano originale viene presentato con un immagine, dato che ci sarebbe stato altrimenti impossibile riprodurre i caratteri dell'alfabeto originale. (Ma si veda qui). Proviene da questa pagina. Il presunto autore del testo, Trijian Rinpoche, fu a suo tempo tutore dell'attuale Dalai Lama (che si chiama Tenzin Gyatso); la musica è invece tradizionale. [RV]

It is unclear exactly when Tibet's anthem was first used, either while it was still a nominally independent country or first adopted by the government in exile after the takeover by China. The earliest report of an anthem (presumably this one) is from the period of 1949 to 1950 (when the Chinese assumed control of the country), introduced under reforms set in place for the country. Another report says that the anthem was presented to the Dali Lama in 1960, after he went into exile. (This could be simply a revision of either the music or lyrics introduced previously.)

Regardless of the adoption date, the melody is said to be based on a very old piece of Tibetan sacred music, and the lyrics by the Dali Lama's tutor, Trijang Rinpoche. It has been used by Tibetans in exile ever since the introduction of the anthem (and, if the 1949 introduction date is correct, since the Chinese takeover in 1950), but is forbidden to be played within Chinese-controlled Tibet.

From National Anthems
tibསྲི་ཞིའི་ཕན་བདེའི་འདོད་རྒུ་འབྱུང་བའི་གཏེར།
ཐུབ་བསྟན་བསམ་འཕེལ་ནོར་བུའི་འོད་སྣང་འབར།
བསྟན་འགྲོའི་ནོར་འཛིན་རྒྱ་ཆེར་སྐྱོང་བའི་མགོན།
འཕྲིན་ལས་ཀྱི་རོལ་མཚོ་རྒྱས།
རྡོ་རྗེའི་ཁམས་སུ་བརྟན་པས་ཕྱོགས་ཀུན་བྱམས་བརྩེས་སྐྱོང་།
གནམ་བསྐོས་དགའ་བ་བརྒྱ་ལྡན་དབུ་འཕང་དགུང་ལ་རེགཕུན་ཚོགས་སྡེ་བཞིའི་མངའ་ཐང་རྒྱས།
བོད་ལྗོངས་ཆོལ་ཁ་གསུམ་གྱི་ཁྱོན་ལ་བདེ་སྐྱིད་རྫོགས་ལྡན་གསར་པས་ཁྱབ།
ཆོས་སྲིད་ཀྱི་དཔལ་ཡོན་དར།
ཐུབ་བསྟན་ཕྱོགས་བཅུར་རྒྱས་པས་འཛམ་གླིང་ཡངས་པའི་སྐྱེ་རྒུ་ཞི་བདེའི་དཔལ་ལ་སྱོར།
བོད་ལྗོངས་བསྟན་འགྲོའི་དགེ་མཚན་ཉི་འོད་ཀྱི།
བཀྲ་ཤིས་འོད་སྣང་འབུམ་དུ་འཕྲོ་བའི་གཟིས།
ནག་ཕྱོགས་མུན་པའི་གཡུ

inviata da Riccardo Venturi - 17/1/2007 - 17:48




Lingua: Tibetano

La traslitterazione in caratteri latini del testo tibetano
Romanized Tibetan lyrics of the anthem

Trijiang Rinpoche (Trijang Lobsang Yeshe Tenzin Gyatso), 1901-1981
Trijiang Rinpoche (Trijang Lobsang Yeshe Tenzin Gyatso), 1901-1981
Sishi pende dögu jungwi ter,
Tubten sampel norbu önang bar.
Tendro nordzin gyache kyongwi gön
Trinlê kyi rölsto gyê;
Dorje khamsu tenpê
Chokün chamtse kyong.
Namkö gawa gyaden u pang gungla beg.
Puntso deshi nga-thang gyê.
Pöjong chöl sumgyi khyönla deoden sarpè khyap,
Chösi kyi pelon tar.
Tubten chochu gyepê dzamling yanpi kyegu shidi pela jor.
Pöjong tendrö getzen nyi-ö kyi,
Trashic-nang humdu tromi zi,
Nacho münpi yule gye-gyur chi.

inviata da Riccardo Venturi - 17/1/2007 - 17:53




Lingua: Tibetano

bod rgyal khab kyi rgyal glu

srid zhi'i phan bde'i 'dod rgu 'byung ba'i gter
thub bstan bsam 'phel nor bu'i 'od snang 'bar
bstan 'gro'i nor 'dzin rgya cher skyong ba'i mgon
'phrin las kyi rol mtsho rgyas
rdo rje'i khams su brtan pas phyogs kun byams brtses skyong
gnam bskos dga' ba brgya ldan dbu 'phang dgung la reg
phun tshogs sde bzhi'i mnga' thang rgyas
bod ljongs chol kha gsum gyi khyon la bde skyid rdzogs ldan gsar pas khyab
chos srid kyi dpal yon dar
thub bstan phyogs bcur rgyas pas 'dzam gling yangs pa'i skye rgu zhi bde'i dpal la sbyor
bod ljongs bstan 'gro'i dge mtshan nyi 'od kyis
bkra shis 'od snang 'bum du 'phro ba'i gzis
nag phyogs mun pa'i g.yul las rgyal gyur cig

inviata da Riccardo Venturi - 14/1/2014 - 17:07




Lingua: Tibetano

Ulteriore trascrizione
Further transcription
Si Zhi Phen De Dö Gu Jungwae Ter
Thubten Samphel Norbue Onang Bar.
Tendroe Nordzin Gyache Kyongwae Gön,
Trinley Kyi Rol Tsö Gye,

Dorje Khamsu Ten Pey,
Chogkün Jham Tse Kyong,
Namkö Gawa Gyaden,
ü-Phang Gung la Regh

Phutsong Dezhii Nga-Thang Gye
Bhod Jong Chul Kha,
Sum Gyi Khyön La
Dekyi Dzogden Sarpe Khyap.

Chösi Kyi Pel Yon Dhar
Thubten Chog Chur Gyepe
Dzamling Yangpae Kyegu
Zhidae Pel La Jör.

Bhöd Jong Tendrö Getzen Nyi-ö-Kyi
Trashi O-Nang Bumdutrowae Zi,
Nag Chog Munpae Yul Ley,
Gyal Gyur Chig.

inviata da Riccardo Venturi - 14/1/2014 - 17:36




Lingua: Inglese

Versione inglese
English Translation
GYALLU

The source of temporal and spiritual wealth of joy and boundless benefits
The Wish-fulfilling Jewel of the Buddha's Teaching, blazes forth radiant light
The all-protecting Patron of the Doctrine and of all sentient beings
By his actions stretches forth his influence like an ocean
By his eternal Vajra-nature
His compassion and loving care extend to beings everywhere
May the celestially appointed Government of Gawa Gyaden achieve the heights of glory
And increase its fourfold influence and prosperity
May a golden age of joy and happiness spread once more through these regions of Tibet
And may its temporal and spiritual splendour shine again
May the Buddha's Teaching spread in all the ten directions and lead all beings in the universe to glorious peace
May the spiritual Sun of the Tibetan faith and People
Emitting countless rays of auspicious light
Victoriously dispel the strife of darkness.

inviata da Riccardo Venturi - 17/1/2007 - 17:56




Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
(ovviamente dalla versione inglese)
17 gennaio 2007
GYALLU

La fonte della ricchezza temporale e spirituale della gioia e gli infiniti benefici,
Il beneaugurante Gioiello dell'insegnamento del Buddha, irradia luce
L'onniprotettivo Iniziatore della Dottrina e di tutti gli esseri senzienti
con le sue azioni estende la sua influenza come un oceano
per mezzo della sua eterna natura vajra
La sua pietà e cura amorevole si estendono agli esseri che vivono ovunque
Possa il governo di Gawa Gyaden, nominato nelle sfere celesti, raggiungere le sommità della gloria
ed accrescere la sua quadruplice influenza e prosperità
Possa un'età d'oro di gioia e felicità diffondersi ancora per queste contrade del Tibet
e possa brillare ancora il suo splendore temporale e spirituale
Possa l'insegnamento del Buddha spandersi in tutte e dieci le direzioni
e condurre tutti gli esseri dell'Universo alla pace gloriosa
Possa il sole spirituale della fede e del popolo Tibetano
che emette infiniti raggi di luce augurante
cacciare vittoriosamente i malvagi sforzi della tenebra.

17/1/2007 - 18:38




Lingua: Francese

Traduzione francese
Traduction française
(fr.wikipedia)
Tel un trésor qui exauce tous les vœux de bonheur et de bienfait,
La parole du Bouddha s’élève scintillante comme un diamant.
Vous Protecteurs qui veillez sur l’immense royaume du Dharma et des êtres,
Puissiez-vous étendre votre amour et votre compassion
Tel un océan sur le monde et dans l’univers.
Que la tête de l’Empereur, couronné de cent vérités, puisse atteindre le zénith.
Qu’une joie et un bonheur infinis recouvrent l’ensemble des trois provinces du Tibet,
afin que rayonne la gloire prestigieuse du pouvoir spirituel et temporel.
Que l’enseignement du Bouddha irradie dans les dix directions,
Et amène tous les êtres de tous les univers jusqu’au bonheur et à la paix.
Les qualités du Dharma et du peuple tibétain,
Resplendissent tel un soleil aux cent mille rayons bienfaisants.
Puisse leur pouvoir éclatant être victorieux du combat contre la sombre ignorance.

14/1/2014 - 17:20




Lingua: Tedesco

Versione tedesca non autorizzata del Tibetisches Zentrum Hamburg
Nicht autorisierte Übersetzung vom Tibetischen Zentrum Hamburg
(de.wikipedia)
Laßt das strahlende Licht der kostbaren Buddhalehren scheinen, denn sie sind die Goldmine aller Hoffnungen für Glück und Wohlhaben in diesem Leben wie in der endgültigen Befreiung.
O Religionsbeschützer, die Ihr den Juwel der Lehre hütet und vermehrt, mögen die Werke Eurer guten Taten wachsen und zunehmen!
Bewacht alle Himmelsrichtungen mit Barmherzigkeit und Liebe, bleibt fest darin wie ein Diamant!
Über unseren Häuptern regiert das göttlich bestimmte Gesetz, das hundertfache Wohltaten bringen sowie die Kraft der vierfachen glücklichen Umstände vermehren möge.
Ein neues goldenes Zeitalter von Glück und Segen soll die drei Provinzen Tibets durchfluten.
Es wachse die Herrlichkeit der Einheit von religiösem und politischem Leben.
Durch die Verbreitung der Lehre des Buddha in den zehn Richtungen mögen alle Wesen in der weiten Welt die Pracht von Frieden und Glück erlangen.
Möge das Sonnenlicht der Lehre und der heilsamen Handlungen der Menschen das Land Tibet siegreich aus dem Kampf gegen die Dunkelheit des Bösen hervorgehen und im hunderttausendfachen Glanz des Glücks erstrahlen lassen.

inviata da Riccardo Venturi - 14/1/2014 - 17:17




Lingua: Neerlandese

Traduzione neerlandese
Nederlandse vertaling
(nl.wikipedia)
Laat het stralende licht schijnen vanaf de wensvervullende edelsteenleringen van Boeddha
de schatkist voor alle hoop van geluk en weldaad,
in zowel het seculiere leven als de bevrijding

O Beschermers, wie bewaart het juweel van de leer en alle wezens,
wanneer ze groots gevoed worden, zal het geheel van karma's volledig groeien
stevig volhardend in een diamantstaat, alle richtingen beschermend met compassie en liefde

Boven onze hoofden zal een goddelijke gestuurde heerschappij aanwezig blijven
Toegerust met honderden baten zal de kracht toenemen
met viervoudige veelbelovendheid

Laat een nieuw gouden tijdperk van blijdschap en gelukzaligheid zich verspreiden
door de drie provincies van Tibet heen
en de glorie zich uitbreiden van het religieus-seculiere bestuur

Door de verspreiding van Boeddha's leringen naar de tien richtingen,
kan iedereen in de wereld de gloriën van geluk en vrede beleven
In de slag tegen de negatieve krachten zal het veelbelovende zonlicht van de leringen
en wezens van Tibet en de schittering van ontelbare stralende voorspoeden altijd triomferen.

inviata da Riccardo Venturi - 14/1/2014 - 17:48




Lingua: Cinese

Traduzione cinese (!!!)
译文
(zh.wikipedia)

L'esecuzione e anche il semplice canto dell'inno nazionale tibetano sono severamente proibiti nella Repubblica Popolare Cinese. Del resto, anche la consultazione della Wikipedia in cinese è proibita nella Repubblica Popolare Cinese. [CCG/AWS Staff]
有寂利乐妙源宝藏
教法如意三宝灿烂
法趣大地怙主持宝
事业兴 海浪增

稳于金刚界
十方慈悲护
天赐百喜威望 权齐天

圆满四部 威力增
藏区三域之遍布

幸福新 圆满劫
佛法政教 福德兴
法教增广 十方故
安置世界 众生瑞祥

大千法趣 善相荣光
放射十万 光明吉祥
邪恶黑暗之战必胜

inviata da Riccardo Venturi - 14/1/2014 - 17:22


la canzone di Ivana Spagna risale al 1988,a differenza di quanto si possa pensare è molto bella, e contiene tra l altro il sampler di un coro tibetano.

marco - 3/2/2007 - 01:18


Viaggio nella regione di Yushu tra i fantasmi del sisma censurato

Il disastro di due settimane fa in Cina rischia di trasformarsi in terremoto politico. Il regime continua a ignorare la tragedia. Alcuni monaci buddisti accorsi per aiutare la popolazione sono stati cacciati dai funzionari del partito comunista. Migliaia di superstiti scavano ancora


dall'inviato de La Repubblica GIAMPAOLO VISETTI

terremoto cina GYEGU - Il terremoto che il 14 aprile ha sconvolto la contea di Yushu, nella regione tibetana del Qinghai, rischia di trasformarsi in un sisma politico per l'intera Cina. Migliaia di monaci buddisti, accorsi da tutte le zone del Tibet storico per aiutare la popolazione, sono stati cacciati dai funzionari del partito comunista. Cinque posti di blocco, lungo la strada di 820 chilometri che collega lo Yushu al capoluogo, impediscono a giornalisti e religiosi di raggiungere l'epicentro delle scosse, pressoché isolato. Il presidente della conferenza consultiva del popolo, Jia Qinglin, ha dichiarato che "forze ostili d'oltremare tentano di sabotare gli sforzi di soccorso". Decine di villaggi e di quartieri cittadini, dopo due settimane, non sono ancora stati raggiunti dai soccorritori. Lo scrittore Tra Gyal, intellettuale di riferimento tra i tibetani del Qinghai, è stato arrestato a Xining dopo aver scritto una lettera aperta in cui denunciava le falsificazioni delle autorità.

Le stime delle vittime non concordano. Per giorni si è parlato di poche centinaia di cadaveri. Secondo il governo di Pechino il terremoto ha infine causato 2223 morti, 90 scomparsi, 12 mila feriti e circa 100 mila senzatetto. Il conteggio dei monaci, confermato dalle Ong internazionali presenti sul posto, alza il numero dei morti identificati a oltre seimila. I sopravvissuti affermano che la cifra reale oscilla tra i 15 i 20 mila morti. Dopo giorni di funerali e di silenzio, centinaia di monaci hanno protestato contro la falsità dei dati ufficiali. Gyegu, la città santa dei tibetani, è rasa al suolo. Dei 238 monasteri buddisti della regione, incuneata tra il Sichuan e l'attuale Tibet, 87 sono crollati e il 60% degli altri è pericolante. Il Sengze Gyanak Mani, la montagna di pietre sacre buddiste più grande del mondo, è distrutta. Oltre due miliardi di sassi incisi con i mantra, sono franati travolgendo gli otto stupa e le ruote di preghiera alte dieci metri. Migliaia di statue antiche delle divinità tibetane, di preziosi testi sutra e di thangka, dipinti e ricamati su seta, sono andati perduti. Profonde crepe lacerano il mitico tempio della principessa Wencheng, protetto da una grotta, e la moschea di Jyekundo, il nome tibetano di Gyegu. Tra i 23 mila monaci dell'ordine gelugpa, il governo locale conta 84 vittime. I lama sostengono di aver perduto oltre mille confratelli.

Tra capoluogo e provincia sono crollate il 70% delle 192 scuole, impraticabili le altre. Secondo le cifre ufficiali, gli studenti morti nella regione sarebbero 207. Monaci e attivisti per i diritti umani sono in possesso di elenchi che certificano 769 studenti morti solo nei 67 istituti e collegi di Gyegu. Centinaia gli studenti dispersi. I vertici del partito comunista della contea, dopo le prime ore, avrebbero cambiato i dati nel timore di un altro scandalo. Due anni fa, nel confinante Sichuan, oltre 6 mila alunni sono morti nel terremoto che ha causato il crollo di centinaia di scuole costruite male per fretta, corruzione e incuria. A Gyegu e nelle altre cinque città della contea appaiono cancellati anche i nuovi quartieri costruiti dal governo per concentrare forzatamente i pastori nomadi dispersi sull'altopiano.

Migliaia di superstiti, stremati dalla fame e dal gelo, continuano a scavare tra le macerie con le mani, o con vecchi badili. Recuperano soprattutto travi in legno, preziose per l'assenza di alberi. La contea di Yushu si trova ad una quota media di 4400 metri. Di giorno la temperatura raggiunge ora i dieci gradi, di notte scende a dieci sotto zero. Negli ultimi giorni ha nevicato più volte, un vento gelido e violento solleva tempeste di sabbia. Elettricità e acqua corrente restano interrotte. Squarci di sole trasformano le piste in un pantano. Per raggiungere Gyegu da Xining, occorrono 18 ore di camion. Si viaggia in un deserto di pietre oltre i 4 mila metri e nei passi si tocca quota 5100 metri. Alcuni ponti, impraticabili, costringono a deviazioni sulla schiena delle montagne. Lo scenario è impressionante. In poche ore si passano le sorgenti del Fiume Giallo, del Megong e dello Yangtze, i tre grandi fiumi dell'Asia, tra duemila vette oltre i 5 mila metri.

Tra i "Laghi delle Stelle" ghiacciati, nella prefettura di Maduo, si incontrano solo branchi di yak, antilopi, mufloni e lupi. L'unica strada è invasa dalle colonne dei soccorsi, in gran parte bloccati nel fango indurito. Sul fondo di un precipizio giace un tir rovesciato, con il motore ancora acceso. Nelle tendopoli e per le strade sconvolte di Gyegu, i funzionari di partito e gli agenti di polizia appaiono invece più presenti dei 12 mila militari inviati da Pechino per rimuovere i detriti. La maggioranza, cani compresi, è colpita dal mal di montagna. Nell'aria la concentrazione di ossigeno è la metà di quella presente al livello del mare. Il pericolo di epidemie, tra cui la peste polmonare trasmessa dalle marmotte, è procrastinato dal freddo. Tale rischio, oltre alla difficoltà linguistica tra tibetani e cinesi di etnia han, al fatto che solo una piccola parte della popolazione è censita, è uno dei motivi all'origine della discrepanza nel conteggio delle vittime. Nei primi due giorni dopo il terremoto, quando i soccorsi inviati da Pechino non erano ancora arrivati e 700 scosse di assestamento hanno perfezionato la distruzione, migliaia di cadaveri sono stati cremati, offerti agli avvoltoi, o affidati alla corrente rossa del fiume Yangtze, secondo la tradizione. Sulla sommità della collina di Zhaxi Datong, che franando ha travolto centinaia di case in fango, legno e sassi, due trincee parallele lunghe cento metri sono state scavate dalla gente per bruciare i cadaveri. La cenere è ancora calda e i pali di ferro, disposti a formare una griglia, sono piegati dal peso e dal fuoco. Secondo il governo, in questo rogo comune sono stati bruciati 1400 corpi. Il buddha vivente Lodroe Nyma Rinpoche, guida spirituale del monastero Thrangu, sostiene invece di aver cremato qui 2110 cadaveri solo venerdì 16 aprile.

Le pire più grandi sono state organizzate poi tra sabato e domenica. In decine di villaggi i sopravvissuti continuano però a bruciare salme in modo autonomo, senza aspettare i funzionari.

Davanti alle case crollate, o vicino ai monasteri, volano vie colonne di fumo nero. La cremazione di massa, per i tibetani, è uno shock. Il "funerale di fuoco", al posto di quelli "dell'aria", o "dell'acqua", è un evento estremo. La popolazione si è rassegnata solo perché nel cielo e nei fiumi dello Yushu non c'erano abbastanza avvoltoi, né pesci, per portare tutti i cadaveri nella prossima vita. La tensione sale e l'incubo di Pechino è il surriscaldamento politico dell'intera regione tibetana. Improvvisamente le immagini dei monaci buddisti impegnati a scavare tra le macerie, sono scomparse da giornali e televisioni. Il Qinghai è il cuore dell'antico Tibet.

A Taktser, nella regione dell'Amdo, è nato Tenzin Gyatso, l'attuale Dalai Lama, che dall'esilio ha chiesto invano di poter visitare la sua terra natia, sconvolta dal sisma. E' noto anche come la "Siberia della Cina", a causa degli esperimenti atomici e dei campi di rieducazione maoista. Sulla via per Gyegu si incontra però anche l'Amnye Machen, 6282 metri, il monte sacro dei buddisti, come il Kailash, nell'attuale Tibet. Proprio da qui, nel marzo del 2008, si è propagato fino a Lhasa il focolaio di ribellione dei monaci contro Pechino. Da allora i campi di rieducazione sono stati riaperti. Due settimane fa, quando migliaia di religiosi dal cappuccio giallo sono usciti dai templi per accorrere sul luogo del terremoto, a bordo di moto e furgoni, è stata la prima volta che monaci di sette diverse si incontravano dopo le sommosse represse nel sangue. Attualmente vivono nei monasteri, tra Gansu e Sichuan, pressoché reclusi. Il governo cinese è stato colto alla sprovvista dalla loro "fuga umanitaria" e teme che la concentrazione di monaci nello Yushu, considerati leader dalla popolazione, possa sfociare in un'altra rivolta.

L'espulsione dei religiosi da Gyegu e dai villaggi vicini è la scintilla dell'odio che in queste ore risale tra i tibetani scampati al terremoto, il 97% della popolazione, e i cinesi han. La propaganda nazionalista è massiccia.
Giornali e tivù, da Pechino, tempestano di immagini con militari e medici cinesi, ritratti come eroi, impegnati a salvare tibetani feriti. Le visite del premier Wen Jiabao e del presidente Hu Jintao agli sfollati, hanno paralizzato i soccorsi per due giorni. Come alla vigilia delle Olimpiadi, l'orgoglio patriottico serve a non turbare l'imminente inaugurazione dell'Expo di Shanghai, vetrina mondiale "altamente sensibile". Il governo della capitale, per decenni, ha dipinto i monaci tibetani come "nemici del popolo". Non può consentire che il loro sacrificio, essenziale nelle prime ore della tragedia, offuschi oggi la mobilitazione del partito e attragga inediti simpatie popolari. Il problema più imbarazzante resta però il crollo sistematico di scuole e quartieri appena costruiti dallo Stato, mentre palazzi governativi e caserme risultano intatti. A Gyegu, centomila abitanti prima del sisma, studiavano ventimila bambini e ragazzi.

Confluivano nei collegi da tutta la provincia, lasciando per mesi i loro villaggi di pastori. La scossa più violenta, alle 7.49 del mattino, li ha sorpresi già in classe a pulire, o nelle camerate a preparare gli esami. Nella scuola primaria numero 3, secondo i dati ufficiali, ci sono state 40 vittime.

Secondo il preside Nyima Gyaltsen, ancora in tuta e mocassini sfondati, dei 3100 ragazzi sepolti dai 18 edifici, i superstiti accertati sono invece 63. Stragi analoghe, smentite dalle autorità, si sarebbero verificate in tutte le altre scuole, nell'istituto professionale femminile, nell'orfanotrofio sbriciolato dove vivevano mille bambini, negli ospedali crollati. I tibetani del Qinghai temono che alla truffa sugli appalti degli edifici pubblici segua ora la razzia dei finanziamenti per la ricostruzione. Non accettano di essere esclusi da ogni scelta, si oppongono alle ruspe che stanno spianando tutto e hanno paura che la falsificazione dei dati sulle vittime preluda a una nuova ondata di colonizzazione han della regione. Pechino ha invece un solo problema: la stabilità sociale dell'area tibetana dentro la propaganda sull'efficienza del partito comunista. Lo sa anche Zhu Tsai Jia, che per 49 giorni non si laverà i capelli, né cambierà il suo abito strappato. Per i tibetani questo tempo, dopo un lutto, conclude il cerchio della vita. Apre il bagagliaio dell'auto e innaffia il corpo decomposto di sua moglie Daizhong.

Amici e parenti intonano le preghiere. Non rispondono a un funzionario che mostra la sua tessera rossa e pretende le generalità dei presenti. Salgono su una collina bianca di neve e cercano altri avvoltoi, di nuovo affamati.

(28 aprile 2010)

Alessandro - 28/4/2010 - 22:18


Per Alessandro/Bernart

Ho inserito il testo in caratteri tibetani, che io vedo perfettamente (evidentemente il mio pc supporta tali caratteri, ma ho installati una quarantina di alfabeti). Ad ogni modo, esattamente come fa la pagina Wikipedia, ho lasciato anche l'immagine .gif accanto al testo riportato nei fonts tibetani. Ne ho approfittato anche per: a) riportare il titolo in caratteri tibetani (ma lasciando ovviamente anche il "Gyallu"); b) inserire il video, che ci svela un canto di grandissima bellezza. Insomma, pur essendo un inno non somiglia neanche un po'a "Fratelli d'Italia"; c) Inserire altre traslitterazioni (il tibetano sembra essere la lingua con le maggiori discrepanze di traslitterazione esistenti al mondo!) e altre traduzioni. Grazie naturalmente a Bernart per la fatica.

Riccardo Venturi - 14/1/2014 - 17:01



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org