Lingua   

Senza frontiere

Pooh
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Padre a vent'anni
(Pooh)
Il giorno prima
(Pooh)


1987
Oasi
Oasi

(Testo: Valerio Negrini - Musica: Roby Facchinetti - Voce: Roby Facchinetti)


Quando qualche figlio di Alberto da Giussano oggi ci dice "Ma che, Milano sta diventando Pretoria?", bisognerebbe rispondere "Ecco, appunto. Facciamo che non lo diventi!"
Siete qui,
naufragati tra noi
da frontiere lontane.
Siete qui,
nella libera Europa
a dormire in stazione.

La piccola gente
vi guarda male.
Fa finta di niente,
ma non vi vuole.
Futuro qui non ce n'è.

Anche a noi,
con l'America in faccia,
ci hanno fatti emigrare.
Anche a noi,
neri dentro la pioggia,
ci hanno fatti spogliare.

La piccola gente
non ha memoria:
"Milano, ragazzi,
non è Pretoria"...
Facciamo che non lo sia!

Dammi speranza in un tempo migliore
con gli occhi aperti, ma senza frontiere.
E dove non comandi la pazzia,
di qualunque parte sia.

Siamo qui,
col futuro da fare
e gli sbagli di ieri.
Siamo qui,
a guardarci il colore
che non è dei pensieri.

Barriere di lingua, di razza e sesso.
E intanto il duemila ci cade addosso
e non impariamo mai.

Dammi speranza in un tempo migliore
con gli occhi aperti, ma senza frontiere.
Nel mondo non saremo uguali mai?
Ma il mondo è tutti noi.

inviata da Salvo Lo Galbo - 22/5/2016 - 22:05



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org