Lingua   

O mamma mia, maridéme

anonimo
Lingua: Italiano (Lombardo)


Ti può interessare anche...

Ma mi
(Giorgio Strehler)
Le madri
(Il Canzoniere femminista)
Quel vaca d'un petrôli
(Collettivo Ticino Riva Sinistra)


Canzone popolare lombarda (ma esistono altre versioni regionali, per esempio marchigiana - “Mama mia, maridéme / che 'ra passa ra stagiun / le cirese son madire / e ancor li graffignun…” - e istrio-veneta – per esempio nel disco “Rosolina” del Trio Kras)
Trovo il brano nel canzoniere del Centro Femminista di Padova, ma significativamente privo dell’ultima strofa, molto poco femminista nel senso collettivo, individualista e disturbante…

Centro Femminista di Padova
O mamma mia, maridéme
che s’accosta la stagion
le ciliege son mature
le ciliege son mature
o mamma mia maridéme
che s’accosta la stagion
le ciliege son mature
ghe fan dénter ‘l camulòn

Lascia andare figlia mia
lascia andare quei pensier
che la donna maridada
che la donna maridada
lascia andare figlia mia
lascia andare quei pensier
che la donna maridada
l’è un vero prigionier

E ‘l marito a l’osteria
sempre a bere e a mangiar
e la moglie in camerella
e la moglie in camerella
e ‘l marito a l’osteria
sempre a bere e a mangiar
e la moglie in camerella
coi suoi figli a sospirar

Chi ci mancheran le scarpe
chi ci mancherà i calzon
per la figlia maridada
per la figlia maridada
chi ci mancheran le scarpe
chi ci mancherà i calzon
per la figlia maridada
l’è una gran disperazion

Quando i figli piangeranno
giù dal letto li butterò
e col mio marito al fianco
e col mio marito al fianco
quando i figli piangeranno
giù dal letto li butterò
e col mio marito al fianco
più felice io sarò

inviata da Bernart Bartleby - 13/1/2016 - 10:44



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org