Lingua   

Minguccio

Tonino Zurlo


Lingua: Italiano (Pugliese Brindisino)


Ti può interessare anche...

'Nu frate 'n polizia
(Tonino Zurlo)
The Devil Wore a Crucifix
(Sydney Carter)
Nuclear
(Mike Oldfield)


Tonino ZurloLa canzone racconta la storia di un poveretto, figlio di contadini, che era stato chiamato a fare la guerra del 15-18 e in seguito allo scoppio di una bomba che l'aveva sfigurato (da qui il soprannome "Muso di Cane"), era diventato scemo e alla fine, dopo che era tornato al suo paese, quando è morto non gli hanno fatto neppure il funerale.

La coda musicale bandistica che accompagna la grottesca e agghiacciante risata finale del protagonista della canzone con il suo incedere processionale, immagino voglia essere un tardivo ma dovuto risarcimento.
'Na cròsce spezzata, do' tavulu cendràte
`nu prèvete 'nnànze e nesciùne ve' rète

Na ll'one senàte mànghe li cambàne
a Ilu povere Mengùcce de Mùse de Cane

E nesciùne, e nesciùne ve' rète...

Na ll'one attaccàte mànghe 'nu manefèste
a cudd'òmme ca jèra bbuène e onèste

Mànghe 'nu fiòre, mànghe `na coròna,
mànghe la còppela cu llu Trecolòre

E nesciùne, e nesciùne ve' rète...

Na jèra 'nu Colonnèllu, mànghe `nu Ggeneràlu
Na jèra 'nu Serggènde, mànghe 'nu Capuràlu

Ma fìgghje de vellàne, ca pe' ssèrve la Pàtria
quànne ì ttemàte cùre fessa ì ttemàte

E nesciùne, e nesciùne ve' rète...

Cu 'nnu jùcculu d'amòre cùre nascìje
e mmu' ca se nl sciùte qquà nesciùne l'ha cchjangiùte.

Ma nesciùne, qquà nesciùne l'ha cchjangiùte...

Ma ce ìte ca vo' la uèrra... ce ìte ca vo' la uèrra?!
Ma ce la fàsce la uèrra... ce la vo' po' sta uèrra?!

inviata da Flavio Poltronieri - 15/4/2014 - 21:33



Lingua: Italiano

Versione italiana
IL POVERO MINGUCCIO

Una croce spezzata e due tavole inchiodate
un prete davanti e nessuno dietro

non hanno suonato manco le campane
per il povero Minguccio, detto Muso di Cane

e nessuno, nessuno dietro
e nessuno, nessuno dietro

non hanno attaccato manco un manifesto
per quell'uomo che era buono ed onesto

manco un fiore, manco una corona
manco una coppola col tricolore

e nessuno, nessuno dietro
e nessuno, nessuno dietro

non era un colonnello, manco un generale
non era un sergente, manco un caporale

ma figlio di contadini, che per servire la patria
quando è tornato, pure stupido è tornato

e nessuno, nessuno dietro
e nessuno, nessuno dietro

con un vagito d'amore era nato
e ora che se n'è andato qua nessuno l'ha pianto

con un vagito d'amore era nato
e ora che se n'è andato qua nessuno l'ha pianto

e nessuno, qua nessuno l'ha pianto
e nessuno, qua nessuno l'ha pianto

ma chi la vuole la guerra? chi la vuole la guerra?
ma chi la fa la guerra? chi la vuole la guerra?
ma chi la fa la guerra? chi la vuole la guerra?
ma chi la fa la guerra? ma chi la fa la guerra?
ma chi la fa la guerra?

ah ah ah
ah ah ah
ah ah ah
tutti stupidi sono rimasti
pensano a fare la guerra
ah ah ah
ah ah ah
tutti stupidi, tutti stupidi sono rimasti
pensano ancora a fare la guerra
pensano ancora a fare la guerra
ah ah ah
ah ah ah
pensano ancora a fare la guerra

16/4/2014 - 23:45


Ballissima! Mi piacerebbe poterla ascoltare...
Penso che di questo Tonino Zurlo dovrebbero esserci molte più canzoni sulle CCG...
Grazie Flavio per averla contribuita!

Bernart Bartleby - 15/4/2014 - 21:41


E anche bellissima, cantatela :-)

krzyś giocoso - 16/4/2014 - 02:02


Tonino Zurlo - Minguccio (da Nuzzole e pparolu) ... - YouTube
spero la ascoltino in tanti, c'è bisogno di canzoni così

Flavio Poltronieri - 16/4/2014 - 17:51


proprio bella, grazie Flavio

krzyś - 18/4/2014 - 01:18


Bisogna ringraziare Tonino Zurlo, peccato che sia poco conosciuto: credo che sarebbe bello se accendendo la radio o la televisione si ascoltassero canzoni così e se questa fosse la musica che ci rappresenta all'estero. Mi piacerebbe inviare anche "Don Ciccilluzzo" che a me piace tanto, ma non è una antiwar song...
Se a qualcuno capitasse di andare ad Ostuni gli potete fare visita nella sua bottega artigianale di via Gaspare Petrarolo, nel centro storico.

Flavio Poltronieri

Flavio Poltronieri - 18/4/2014 - 20:46


Non conosco lo jidish
Non conosco il greco
Ma sono comosso
Come un poro geco
Che percorre i muri
Quando sole brucia
Di notte cammina
Si nutre di bruchi
Ciechi

krzyś - 24/4/2014 - 05:44


Carissimi Bernart e Krzys, visto che avete apprezzato Tonino Zurlo, vi invito ad ascoltare anche quest'altra (anche se non è una anti-war song ma piuttosto una anti-slanders song)



http://www.infinititesti.com/2014/05/03/tonino-zurlo-don-ceccelluzze-testo-e-traduzione/

Flavio Poltronieri - 18/5/2014 - 18:54


Tonino sempre verde :) Bless


Krzysiek - 30/3/2016 - 02:30



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org