Lingua   

Cronache di Napoli

Daniele Sepe
Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Le Grand Coureur
(Daniele Sepe)
Simmo tutte Sioux
(Terroni Uniti)
Lupus in fabula [Il lupo e l'agnello]
(Daniele Sepe)


[2010]
P. Romano - D. Sepe
Album: Fessbuk

sabhianus


E' una canzone che ha già quattro anni, questa; è del 2010, ed è tratta dal “Social Album” di Daniele Sepe, Fessbuk. Avrei dovuto inserirla prima, certamente; ma poiché l' Operazione Saviano è andata avanti imperterrita per tutto questo tempo, portata avanti da “Repubblica”, da “Leccalecca” Fabio Fazio e da altri, la sua attualità non ne risulta certamente diminuita (solo in questi ultimi tempi sembra un po' in fase calante, che sia stata finalmente percepita una crisi di rigetto?). Ed eccola dunque qui, “Cronache di Napoli”, canzone per la quale Daniele Sepe ha ricevuto “dure lettere di protesta” e che è stata, ovviamente, del tutto ostracizzata perché, negli ultimi anni, il Savian-pensiero è stato pressoché intoccabile essendo del tutto organico al disegno repressivo in atto. A tale riguardo, il consiglio che do è quello di leggere attentamente la nutrita serie di articoli che Paolo Persichetti (da poco tornato in libertà, ed al quale va un saluto anche da qui) ha dedicato all'operazione Roberto Saviano sul suo blog Insorgenze; ci si troveranno anche edificanti vicende di millanterie, come la “famosa” finta telefonata della madre di Peppino Impastato, ed anche tutta la storia del processo per diffamazione che il Saviano ha intentato a Persichetti, e che ha perso. Dicevo che avrei dovuto inserirla prima, questa canzone; lo spunto per farlo finalmente, oggi, è stato un commento inserito sulla pagina de “Le Grand Coureur” ai tempi dell'uscita della canzone e dell'intervista a Daniele Sepe che vi è nominata e che qui sotto si riproduce. Come dire: il “Savianesimo” si è infiltrato pure qua, ed allora si becca le Cronache di Napoli in tutta la loro interezza. Qua dentro il pensiero unico sbatte contro un muro, e sarà bene ricordarlo quotidianamente. Il testo in italiano, proveniente dallo stesso libretto dell'album, è assolutamente necessario perché il napoletano di Daniele Sepe è quanto di meno semplice possa esistere: è una lingua completa, contemporanea, feroce. [RV]

Intervista a Daniele Sepe: “Saviano? E’ un autore del pensiero unico”
Gli Altri Online, 8 giugno 2010 (ripresa dal Manifesto, 6 giugno 2010)

savhypooAl grido di “Gomorra è l’icona di una maniera di guardare al problema criminale in maniera benpensante” Daniele Sepe, “musicista e comunista” napoletano, è uno dei relatori del dibattito che da giorni sta impegnando la sinistra sul tema “L’intangibilità di Saviano”. A mettere sul campo l’argomento un pamphlet di Alessandro Dal Lago, “Eroi di Carta”, con il quale l’antropologo avanza alcune critiche sullo stile e sui contenuti di Gomorra: una rappresentazione della criminalità priva di sfumature, una teatralizzazione del soggetto narrante troppo vicina alla marmorizzazione, uno stile a volte ingenuo.

“Le argomentazioni di Dal Lago le trovo corrette, ma sono i soggetti di uno studioso- ci dice Sepe. Io penso che della camorra se ne sia data un’interpretazione eccessivamente classista, come se il problema riguardasse solo una parte sociale. I colletti bianchi quante volte sono tirati in mezzo nel libro di Saviano?”. E’ proprio ai colletti bianchi l’irriverente sassofonista dedica una canzone del suo ultimo cd “Fessbuk- buonanotte al manicomio” (etichetta Manifesto), traduzione in bellissimo jazz di temi discussi sul suo profilo della più nota piazza virtuale: “Certi fenomeni, e tra questo sicuramente quello camorristico, nascono perché sono funzionali al sistema, basato su una società del consumo. Si vive per consumare. Di queste sottigliezze non ci sta traccia nel libro, dove, invece a piene mani, si attinge alle ricette che piacerebbero persino a un elettore del movimento sociale. Più carcere duro, più ergastoli, più operazioni di polizia. Più legge, più ordine. E’ questa la bussola interpretativa della sinistra radicale? Non è meglio fidarsi di Brecht, secondo cui la fondazione di una banca è più grave della sua effrazione?”.

Non si tratta solo di provocazioni. E, se lo sono, hanno il merito di superare i confini del “gomorrismo”. Si tratta infatti di questioni identitarie, di spettri capaci di fare da specchio a una sinistra che si trova tragicamente senza alfabeto. C’è la condanna a Dal Lago di Luciano Violante, che parla di icona violata, l’appello lanciato sul “Fatto quotidiano” a dedicarsi ad altro, invece di leggere “Eroi di Carta”, buono solo a screditare. C’è l’editoriale di Norma Rangeri sul Manifesto, che sembra quasi una lettera di scuse al popolo di sinistra per aver pubblicato sia Dal Lago che Sepe sotto la propria etichetta.

Da un lato c’è chi propone con forza l’assioma in base al quale ogni critica a Gomorra si traduce in una delegittimazione immotivata e crudele, soprattutto perché destinata a Saviano, che, intanto, vive in una specie di esilio. Dall’altra chi afferma la propria libertà di critica, facendo notare che gli eroi solitari sono utili più a creare martiri che impegno politico. Che Gomorra è arrivato al grande pubblico anche grazie a un sottofondo populista fatto molto di giustizialismo facilmente spendibile. I toni sono stati spesso aspri, ma hanno avuto il merito di rianimare l’agenda di una sinistra troppo affollata, nei temi e nei modi, da suggestioni della destra.

A Daniele Sepe sono arrivate lettere dure, di protesta. Alcune anche denigratorie. Ha ricevuto molte domande sull’argomento durante le presentazioni del cd alle quali si è presentato sempre accompagnato da Oreste Scalzone “uno dei pochi a dire ancora cose comuniste”. Ha ricevuto aspre critiche ed ha anche risposto, tentando di uscire dall’angolo di folklore dal quale hanno tentato di cacciarlo in molti, spinti soprattutto dall’esegesi della canzone “Cronache di Napoli” nella quale lo scrittore viene contestato, definito “manovrato”. “Una canzone è una canzone – dice Sepe. E io difendo la possibilità di contestare la visione di Saviano come esperto di camorra. Mantengo aperta la possibilità di evidenziare le imprecisioni e le inesattezze contenute nel libro, che nessuno si è preso la briga di verificare. E vorrei anche lasciare aperta la porta a una diversa interpretazione delle cose. Saviano è arrivato al grande popolo, è stato letto da tutti anche perché ha fatto leva su sentimenti facili da attizzare. Gli stessi sentimenti cari agli elettori della Lega. La borghesia non vuole problemi e tende a semplificare i problemi in modo da non dover assumersi alcuna responsabilità. Io mi chiedo: ma a sinistra oggi come verrebbe definito Gaetano Bresci? Io credo che verrebbe definito un criminale. Stiamo perdendo la nostra tradizione anarchica e comunista. Senza accorgercene, silenziosamente, siamo diventati un paese fascista. Dove il pensiero è sempre più pericolosamente ‘unico’”.
So' da' periferia, songhe 'e miez' 'a via, songhe unu bbuon',
'sta storia v''a cont'je (mammamia)
go! morra! c''a morra go! 'o cunt' de buscie (nero su bianco)
saccio tutt'je, da casa! A scampia, songhe unu bbuon',
e mo ve cont' 'o mmije (buscie)
fabbula favesa, buscie 'ngopp' a 'sta terra,
comm' cenis' accis' int' a scatul' 'e fierr',
staje arreparat', si 'na ros' int' a 'na serra,
nu sistema te cummiglia e 'a verità se 'nzerra,
'a quann' munn' è munn', chi sgarra pava,
ccà nun se fann' nomm', strummol' c' 'o spavo,
e sord' t'hann' dato corda e mo che vaje arrevutann',
e fun se fann' nu film, e o' film tuje va a Canne,
'iastemm' che chioven', pe te chiove manna,
m'hann' accirere, si nunn'aggie addurat' 'o fiet' o' miccio,
faje ammuina e picci ma, fore do 'mpiccio, vuo',
cchiù sord' e ciorta, e 'o iammo pav' 'a scorta,
'o stess' boss' che t'ha pavat' 'a sturiell',
chi t'appara o' pesone è 'o capo de guattarell',
parla for' che è meglio, parla di Israel',
parla do terz' munn' che te dann' 'o Nobel,
jamm' c''o' iuoc' da morra,
'sti ddet' contan' 'mbruoglie c''o 'ngnost' che scorr',
è 'na vita che 'mmiez''a via se more c''o fierr'
e vire 'e pallottole chiover', tu parli a schiover'
l'ever', 'a povere, 'o pizzo, 'o lotto, bische, slot, si nu' pische
'ngopp nun ce ne fotte, te ne seje sagliut' c''a cap' e cu capi staje,
che te ne po' fotter' si è proprie llà che stann' e 'uaie,
tiatro, televisione, film, cunferenz',
manc' 'o cap' 'e stato tene cchiù presenz',
'o bbell' che te dann' aurienz' e t''o fann' fa,
e cu' 'stu rumanzett' l'he saput' abbabbià,
già m''a veco 'a scena, tu annanz' a 'nu cuntratt' cu 'na penn',
primm' 'e firmà penzann', “ma se venn'?” E mo vabbuo',
te puo' piglià chest' ovazione da pupulazione,
che 'a mafia piglia l'edizioni,
ne showman, me sient',
tu che staje sott''e lluci 'e 'stu baraccon', he capit' mal'...
chi mor' accis' scenn', chi accir' saglie e scale,
'o 'nfiern' 'ngopp' a n'attico e 'o paravis' è fiscale,
'e ffacce 'a meraglia, tali e quali, stessa chiocca,
'na pastocchia, spart' e 'uaragne e chiur' 'n uocchie,
'na vot' a peron', chi vo' l'appalto, chi 'a pultron',
so' doje fazioni, so' sacche do stesso cazone,
'sta canzon' ven' a tte c'he fatt' comm''o trucc',
t''e mantenut' 'acopp', cummigliann' c''o stucc',
sul' je, saccie comm' stann' e fatt' ccà,
chistu cunt' 'o cont' je, e sul' je saccie c'aggia cuntà,
ma è nu mare 'e buscie, chi ha crerut' s'è fatt' abbabbià,
ce sta sott' 'a regia, che move e fili 'o pupo e 'o fa abballà,
'o fa parlà, sul'je saccie comm' vann' e fatt' ccà,
chesta storia 'a cont' je, e sul' je saccie c'aggia cuntà,
ma vanne ricenne buscie, 'a ggent' l'he saput' affabulà,
ce sta sott' 'a regia, te 'uard' 'e spall' e nun te fa tuccà,
te fa parlà.

inviata da Riccardo Venturi - 6/4/2014 - 11:12



Lingua: Italiano

Il testo in italiano
Riprodotto dal libretto dell'album
(Probabilmente opera di Daniele Sepe stesso)

sepfess


Le (scarne) note testuali non sono presenti nel libretto. Sono mie. [RV]
CRONACHE DI NAPOLI

Sono della periferia, sono della strada, sono un tipo buono,
questa storia ve la racconto io (mamma mia).
Vai! morra! Con la morra vai!* Il racconto delle bugie, (nero su bianco)
conosco tutto io, da Casale** a Scampia
sono un tipo buono e ora vi racconto il mio (bugie).
Favola falsa, bugie su questa terra,
come i cinesi morti nelle scatole di ferro,
stai al sicuro, sei una rosa in una serra,
un sistema ti copre e la verità si sotterra.
Da quando mondo è mondo chi sbaglia paga,
qua non si fanno nomi, trottola con il filo,
i soldi ti hanno dato corda e ora vai rivoltando,
i fan si fanno un film e il film tuo va a Cannes,
bestemmie che piovono, per te piove manna, mi devono uccidere
se non ho sentito puzza di bruciato, fai casino e capricci,
ma fuori dagli impicci, vuoi più soldi e fortuna,
e il capo paga la scorta,
lo stesso boss che ti ha pagato la storiella,
chi ti paga la pigione è il capo burattinaio,
parla fuori che è meglio, parla di Israele,***
parla del Terzo Mondo che poi ti danno il Nobel.
Andiamo con il gioco della morra,
queste dita raccontano gli imbrogli con l'inchiostro che scorre,
è una vita che in mezzo alla strada si muore con le pistole
e vedi le pallottole piovere, tu parli a vanvera,
l'erba, la cocaina, il pizzo, il lotto, le bische, le slot,
se non peschi in alto a noi non interessa,
te ne sei salito di testa e con i capi stai,
cosa ti potrà mai interessare se è proprio là che stanno le magagne,
teatro, televisione, film, conferenze,
nemmeno il capo dello stato è così presente
e il bello è che ti danno credito e ti lasciano fare,
e con questo romanzetto li hai saputi abbindolare,
già la vedo la scena, tu davanti a un contratto con una penna,
prima di firmare pensando, "ma si vende?", e ora vabbè,
ti puoi prendere questa ovazione dalla popolazione
che la mafia prende le edizioni,
ehi, showman, mi senti?
Tu che stai sotto le luci di questo baraccone, hai sentito male,
chi muore ucciso scende, chi uccide sale le scale,
l'inferno sopra un attico e il paradiso è fiscale,
le facce della medaglia, tali e quali, stessa testa,
è un pastrocchio, spartisci i guadagni e chiudi un occhio,
una volta per uno, chi vuole l'appalto, chi la poltrona,
sono due fazioni, sono tasche dello stesso pantalone,
questa canzione viene a te che hai fatto come il trucco,
ti sei mantenuto sopra, coprendo con lo stucco,
"solo io so come stanno i fatti qua, questo racconto lo faccio io,
e solo io so cosa devo raccontare", ma è un mare di bugie,
chi ha creduto si è fatto fregare, sotto c'è una regia
che muove i fili del pupo e lo fa ballare, lo fa parlare,
"solo io so come vanno i fatti qua, questa storia la racconto io,
e spòp io so cosa devo raccontare", ma vai dicendo bugie,
la gente l'hai saputa imbrogliare, sotto c'è una regia,
ti guarda le spalle e non fi fa toccare,
ti fa parlare.
* Nel testo napoletano si tratta di giochi di parole qui "tradotti alla lettera": "Go, morra!" = Gomorra, il famoso romanzo di Saviano; "C''a morra" = Camorra.
** Casal di Principe.
*** Roberto Saviano è noto filosionista.

inviata da Riccardo Venturi - 6/4/2014 - 20:16



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org