Lingua   

Seila

Ratti della Sabina
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Da Genova alla luna
(Roberto Billi)
La Louison
(La Cantarana)
Da lontano
(Roberto Billi)


2004
Circobirò
circobiro

bambini-miniera
Seila dorme in fondo alla via
in un buco di calce e sudore
qualche stella le fa compagnia
e un cuscino di legno la tiene
e un cuscino di legno la tiene.

I suoi capelli, fili di rame
e le mani, piccole e scure
ma abbastanza grandi per raccoglier le pietre
e portarle alla fine del fiume
e portarle dove finisce il fiume.

Seila ha solo sei primavere
e un sorriso bruciato dal sole
nei suoi occhi nuvole chiare
che se ride le puoi anche toccare
che se solo ride..

Seila ora ha ali d'uccello
e un vento leggero che la porta via
oltre la notte e oltre la scia
di quelle stelle che corrono in cielo

Seila ora è un raggio di sole
che splende sul tempo e sulle stagioni
è acqua di fiume che scorre lontano
fino a perdersi piano nel mare.

inviata da DoNQuijote82 - 20/7/2013 - 19:12



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org