Lingua   

La vie vié nèg

anonimo

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Doudou a moué
(anonimo)
Banm kalou banm
(Danyèl Waro)
Le Grand Gosier
(Zachary Richard)


‎[anni 60]‎
Canzone haitiana di autore anonimo‎
Testo trovato su ““Basta: storia rivoluzionaria dell'America Latina attraverso la canzone”, a cura di ‎Meri Lao.‎



La vie vié nèg ‎
pas maché sou crépe-sol.‎
Si la tè est ron'n ‎
cè pas gnou affai. ‎
La chance fait pas boule ‎
lan poche malhéré,
cé bagaille connu. ‎

Tout homme gain dé pieds,‎
tout homme gain bouche fan'n.‎
Lan maché chéché la vie ‎
pieds malhérés dégrigis. ‎
Yo pas ça méte bels souliés:
pieds malhérés dégrigis. ‎
Lan maché valé poussiè,
craché vié nég fin'n chéché, ‎
yo pas ça soucé pirouli, ‎
craché vié nég fin'n chéché.‎

Gés pas fémain, ‎
nèg ap baissé-lévé.‎

Si pou nous pas ouè ‎
gen la ri souri, ‎
ou mète dim'm ca'ou vlé, ‎
ça pas rélè vive, ‎
d'après la grammai. ‎

Maçon fait caille,‎
li dormi en bas pont; ‎
boulangé fait pain, ‎
pipite li grangou. ‎
Bien travaillé, bien soué
pas dit bien touché ‎
sous la tè bénie. ‎

En haut bouché en bas,‎
ça qu'en bas en bas nette; ‎
cé comça ca toujou yé,‎
cé comça ca pate do yé
Péi d'Haiti ‎
ce péi fofiel ‎
côte toute crisocal ‎
pran pose maréchal.‎

Non pran goal ak main, ‎
nou pran goal ak pié, ‎
chaque coquin yo fé ‎
cé dette pou dinmin.‎

En haut bouché en bas
ç a qu'en bas en bas nette; ‎
cé comça ca toujou yé,‎
cé comça ca pate do yé
Péi d'Haiti ‎
ce péi fofiel ‎
côte toute crisocal ‎
pran pose maréchal.‎

inviata da Bernart - 9/5/2013 - 15:31



Lingua: Italiano

Traduzione italiana Meri Lao da “Basta: storia rivoluzionaria dell'America Latina attraverso la ‎canzone”.‎
LA VITA DEI POVERI NEGRI ‎

La vita dei poveri negri ‎
non cammina sull'ovatta. ‎
Se la terra è rotonda non è affare nostro. ‎
La fortuna non circola ‎
nelle tasche dei disgraziati.‎
È cosa nota.‎

Ogni uomo ha due piedi, ‎
ogni uomo ha una bocca. ‎
A furia di camminare in cerca di cibo ‎
i piedi dei disgraziati si deformano. ‎
Non possono mettersi belle scarpe
i piedi dei disgraziati si deformano.‎

A furia di inghiottire la polvere, ‎
la loro saliva si è seccata, ‎
e non possono gustare le caramelle, ‎
la loro saliva si è seccata. ‎
Le palpebre non si chiudono, ‎
i negri si chinano e si alzano di continuo.‎

Se non si può vedere ‎
come sorride la strada, ‎
ditemi ciò che volete
ma ciò non si chiama vivere
secondo la grammatica.‎

Il muratore fa le case ‎
e dorme sotto il ponte; ‎
il fornaio fa il pane ‎
e i suoi figli patiscono la fame.‎
Lavorare e sudare molto ‎
non vuol dire guadagnare molto
sulla terra benedetta.‎

Quelli di sopra schiacciano quelli di sotto, ‎
quelli di sotto rimangono lì; ‎
è così, lo è sempre stato, ‎
sebbene non dovrebbe essere così. ‎
Il paese di Haiti ‎
è un paese di martiri
dove qualsiasi parassita ‎
si atteggia a maresciallo.‎

Abbiamo parato gli schiaffi, ‎
abbiamo parato i calci, ‎
ma ogni volta che truffano ‎
è un debito per domani.‎

Quelli di sopra schiacciano quelli di sotto, ‎
quelli di sotto rimangono lì; ‎
è così, lo è sempre stato, ‎
sebbene non dovrebbe essere così. ‎
Il paese di Haiti ‎
è un paese di martiri
dove qualsiasi parassita ‎
si atteggia a maresciallo.‎

inviata da Bernart - 10/5/2013 - 08:11



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org