Lingua   

Mulheres de Atenas

Chico Buarque de Hollanda


Lingua: Portoghese


Ti può interessare anche...

Assentamento
(Chico Buarque de Hollanda)
A banda
(Chico Buarque de Hollanda)
Me ne vado
(Eugenio Finardi)


‎[1976]‎
Scritta da Chico Buarque e Augusto Boal (1931-‎‎2009), il grande drammaturgo brasiliano ideatore del “Teatro dell’Oppresso” e destinatario della ‎canzone Meu caro amigo.‎
Dall’album “Meus caros amigos”‎

caros amigos

Una canzone ironica e provocatoria che è un fortissimo atto d’accusa non solo genericamente contro ‎il maschilismo ma soprattutto contro l’ostentazione e l’apoteosi che del machismo, sempre ‎serpeggiante in molte società umane, riesce sempre a fare ogni regime militare e dittatoriale, con i ‎suoi ossessivi richiami a concetti come Patria, Bandiera, Onore, Vendetta, Eroi, Orgoglio, Razza, ‎ecc. ‎
Dove, evidentemente, la donna occupa solo un posto residuale e sempre doloroso, come ventre che ‎dona i figli alla nazione, o come sposa che attende il ritorno dell’amato dai campi di battaglia, o ‎come vedova inconsolabile condannata alla solitudine e al silenzio, o come bottino di guerra o ‎puttana per placare le voglie degli impavidi guerrieri… ‎
Mirem-se no exemplo daquelas mulheres de Atenas
Vivem pros seus maridos, orgulho e raça de Atenas
Quando amadas, se perfumam
Se banham com leite, se arrumam
Suas melenas
Quando fustigadas não choram
Se ajoelham, pedem, imploram
Mais duras penas
Cadenas

Mirem-se no exemplo daquelas mulheres de Atenas
Sofrem por seus maridos, poder e força de Atenas
Quando eles embarcam, soldados
Elas tecem longos bordados
Mil quarentenas
E quando eles voltam sedentos
Querem arrancar violentos
Carícias plenas
Obscenas

Mirem-se no exemplo daquelas mulheres de Atenas
Despem-se pros maridos, bravos guerreiros de Atenas
Quando eles se entopem de vinho
Costumam buscar o carinho
De outras falenas
Mas no fim da noite, aos pedaços
Quase sempre voltam pros braços
De suas pequenas
Helenas

Mirem-se no exemplo daquelas mulheres de Atenas
Geram pros seus maridos os novos filhos de Atenas
Elas não têm gosto ou vontade
Nem defeito nem qualidade
Têm medo apenas
Não têm sonhos, só têm presságios
O seu homem, mares, naufrágios
Lindas sirenas
Morenas

Mirem-se no exemplo daquelas mulheres de Atenas
Temem pro seus maridos, heróis e amantes de Atenas
As jovens viúvas marcadas
E as gestantes abandonadas
Não fazem cenas
Vestem-se de negro se encolhem
Se confortam e se recolhem
Às suas novenas
Serenas

Mirem-se no exemplo daquelas mulheres de Atenas
Secam por seus maridos, orgulho e raça de Atenas.‎

inviata da Bernart - 3/4/2013 - 09:01




Lingua: Italiano

Versione italiana di Eugenio Finardi, scritta con Alberto Camerini, dall’album ‎‎“Acustica” del 1993.‎

174139 1 f
LE DONNE DI ATENE

Dovreste prendere esempio da quelle mogli di Atene
Che vivon per i loro mariti, orgoglio e razza di Atene
Tutto il giorno si son profumate
Lavate nel latte e pettinate per
Esser amate
Se fustigate non piangeranno
Ma anzi proprio loro imploreranno
Più dure pene
Catene

Cercate di prendere esempio da quelle mogli di Atene
Che soffron per i loro mariti, potere e forza di Atene
Quando essi partono soldati
Intessono lunghi teli ricamati
Per settimane
E quando tornano affamati
Di baci con violenza strappati e
Carezze piene
Oscene

Dovreste prendere esempio da quelle mogli di Atene
Che perdonano ai loro mariti, i bravi guerrieri di Atene
Quando si ingozzano di vino per
Trovare il coraggio di aver vicino
Altre falene
Ma poi alla fine della notte , spossati
Son quasi sempre ritornati dalle
loro piccine
Elene

Cercate di prendere esempio da quelle mogli di Atene
che generano ai loro mariti i nuovi figli di Atene
Non hanno alcun gusto ne volontà
Non han difetti ne qualità
Lo sanno bene
Non hanno sogni ma solo presagi
Per i loro uomini e il mare e i naufragi e
Belle sirene
Morene

Dovreste prendere esempio da quelle mogli di Atene
Che temon per i moro mariti, gli eroi e gli amanti di Atene
Dalle giovani vedove segnate
E dalle gestanti abbandonate che
Non fanno scene
Vestite del nero di chi é rassegnato
Di chi ha oramai già accettato il Fato
Senza più pene ‎
Serene

Cercate di prendere esempio da quelle mogli di Atene
Che vivono per i loro mariti, orgoglio e razza di Atene ‎

inviata da Bernart - 3/4/2013 - 09:03





Versione greca di Gian Piero Testa
ΟΙ ΓΥΝΑΙΚΕΣ ΑΠ´ΤΗΝ (ΑΡΧΑΙΑ) ΑΘΗΝΑ

Προς μίμηση παράδειγμα θα ´πρεπε να ´χετε τις Αθηναϊκές γυναίκες,
ζούνε αυτές μονάχα για τους άντρες τους , υπερηφάνεια του γένους των Αθηναίων,
όταν τις χαϊδεύουνε, παρφουμαρίζονται εκείνες,
πλένονται με γάλα, χτενίζονται
και το μουνί τους,
κι όταν τις μαστιγώνουνε δεν κλαιν´ούτε ένα δάκρυ,
αλλά ζητούν, αλλά ικετεύουν
τιμωρίες τις πιο αυστηρές
κι αλυσίδες.

Προς μίμηση παράδειγμα να ´χετε τις Αθηναϊκές γυναίκες,
λυπούνται αυτές τους άντρες τους, δύναμη και στερεότητα των Αθηναίων,
όταν αυτοί επιβιβάζονται οπλίτες
πλέκουν απέραντα πανιά και τα κεντούν
δια χίλιες και δυό σαρακοστές
κι όταν αυτοί κάνουν την επιστροφή τους
σαν πεινασμένοι αρπάζουν
φιλιά με βία
κι αγκαλιές υπερβολικές
κι αισχρές.

Προς μίμηση παράδειγμα θα ´πρεπε να ´χετε τις Αθηναϊκές γυναίκες,
συγχωρούν αυτές τους άντρες τους, τους καλούς προμάχους των Αθηναίων,
όταν καταπίνουνε κρασί
για να βρίσκουν θάρρος να πλησιάζουν
σ´άλλες πεταλούδες
κ´ύστερα να επιστρέφουν τα χαράματα
στις μικρούτσικες τους Ελένες
εξαντλημένοι.

Προς μίμηση παράδειγμα να ´χετε τις Αθηναϊκές γυναίκες,
στους άντρες τους γεννούν αυτές καινούριους υιους των Αθηναίων,
τίποτα δεν γουστάρουν κι ούτε δεν έχουν θέληση,
από ελλείψεις αυτές δεν πάσχουν, κι ούτε δε κρατούν αξίες,
καλά το ξέρουν τούτο,
και τα όνειρα δεν τα βλέπουν, προαισθήσεις μονάχα έχουν
για τους άντρες τους με πέλαγα ναυάγια
κι όμορφες σειρήνες
μελαχρινές.

Προς μίμηση παράδειγμα να ´χετε τις Αθηναϊκές γυναίκες,
ζούνε πάντα αυτές σε αγωνία για τους άντρες τους, ήρωες κι εραστές των Αθηναίων,
τις χήρες τις νεαρές τις σημαδεμένες,
τις γαστρωμένες εγκαταλελειμμένες
χωρίς καβγά να στήνουν,
μαύρα ρούχα φορόντας σαν εκείνες τις μοιραίες
που βγάζουν παρηγωριά από τις μακαριές,
σκοτεινή παρέα.

Προς μίμηση παράδειγμα θα ´πρεπε να ´χετε τις Αθηναϊκές γυναίκες
ζούνε μονάχα αυτές για τους άντρες τους, υπερηφάνεια του γένους των Αθηναίων.

inviata da Gian Piero Testa - 3/4/2013 - 22:47




Lingua: Greco antico

La versione in greco antico (attico) di Riccardo Venturi
3/4 aprile 2013
Είς τὴν Ἑλλήνων φωνὴν μετἐφρασε ὁ Ρικχάρδος Οὐεντούριος

Scusassero il ritardo, ma prima di mettermi all'opera ho dovuto fare una cosa che non facevo da parecchio: ricalarmi dentro il pozzo del greco classico. Mi ci vuole qualche ora, diciamo. Sono anni che, oramai, ho consuetudine con la lingua moderna, che è fatta in un certo modo; ma la lingua antica è fatta molto, molto diversamente. E, più che altro, è fatta in un modo non semplice da descrivere perché c'è da mettersi non soltanto in strutture differenti, ma in uno spirito che non esiste e non può esistere più da millenni. Porsi di fronte alle parole moderne e dirsi: Ok, bene Riccardo, come le diresti a un Ateniese dell'età di Pericle (ammesso e non concesso che, se tu gliele dicessi, non ti facesse pigliare subito dagli opliti e rinchiudere per manifesta pazzia)? E se mi chiedesse che mai le abbia scritte, che gli direi? Uno al di là delle Colonne d'Ercole e persino dell'intero Oceano ignoto? Ciononostante, ogni tanto bisogna accettare pure il rischio e azzardarsi a mettere, che so io, Chico Buarque de Hollanda in buon greco dell'età periclea. Chissà che qualche antica donna di Atene non abbia a sentire dall'abisso del tempo. La traduzione non segue e non può seguire il "ritmo dell'originale"; per quanto possibile, è stata fatta in trimetri giambici scazonti (che però ricordano vagamente il samba) [RV]
ΓΥΝΑΙΚΕΣ ΑΘΗΝΑΙΑΙ

Παράδειγμ' ἀλλ'ὤφελον ὑμῖν αἱ γυναῖκες Ἀθηναῖαι γίγνεσθαι
τοῖς ἀνδράσι ζοῦσαι, Ἀθηναίων γένους ὄγκος,
ὅλην τὴν ἡμέραν θυμιωμέναι και γάλακτι λουομέναι
και κτενιζομέναι ἵν' ἐρασθῶσιν νυκτός γε
μαστιγωθεῖσαι οὐ κλαύσονται
ἀλλ' αὐταὶ τιμωρίαν σκληροτέραν
καὶ ἀλύσεις ἐπικαλοῦνται

Παράδειγμ' ἀλλ'ὤφελον ὑμῖν αἱ γυναῖκες Ἀθηναῖαι γίγνεσθαι
τοῖς ἀνδράσι ἄλγη πάσχουσαι, Ἀθηναίων δύναμις ἰσχύς τε
ἡνίκ' ἄν εἰς στράτευμα οἱ ἄνδρες κληθῶσιν
τὰ μακρὰ ἰστὰ μὲν δι' ἐβδομάδων αὐτοῖς
ποικιλλομένα καὶ ἐπιπλεκομένα
ἐπανελθόντες δ'ἔρωτος πεινῶντες ἀποσπάσουσι
τῇ βίᾳ καὶ ἀναιδέσιν ἀσπάσμασιν

Παράδειγμ' ἀλλ' ὤφελον ὑμῖν αἱ γυναῖκες Ἀθηναῖαι γίγνεσθαι
τῶν ἀνδρῶν συγγνώμην ἔχουσαι Ἀθηναίων ἀγαθῶν πολεμιστῶν
οἴνῳ μὲν καταμεθυσάντων ὡς θαῤῥήσωσι
ξὺν ἄλλαις ψυχαῖς συμπτῆναι
νυκτὸς δὲ τέλει ἀπειρηκότων
ἐπανελθόντων σχεδὸν αἰεὶ οἶκον ᾧ
περιέμενον αἱ μικραί αἱ Ἐλέναι

Παράδειγμ' ἀλλ'ὤφελον ὑμῖν αἱ γυναῖκες Ἀθηναῖαι γίγνεσθαι
τοῖς ἀνδράσι παιδοποιοῦσαι τοὺς Ἀθηνῶν νέους υἱούς
αἰσθήσεων μὲν γὰρ καὶ βουλήσεως ἀποστερουμένας
πταισμάτων καὶ ἀρετῶν ὀρθῶς γε ἴσασιν
οἱ ἄνδρες, καὶ ἔτι δὲ οὐκ ἔχουσας ὄναρ ἀλλὰ προσημασίαν·
αὐτοῖς δὲ τὴν θάλατταν πλεῖν καὶ ναυαγεῖν ἀνήκει
καὶ κάλλος θαυμαστὰς σειρῆνας τὴν κόμην μέλαινας

Παράδειγμ' ἀλλ' ὤφελον ὑμῖν αἱ γυναῖκες Ἀθηναῖαι γίγνεσθαι
περὶ τῶν ἄνδρων φοβουμέναι, Ἀθηναίων ἡρώων καὶ ἐραστῶν
ἀλλ' ὤφελον αἱ νέαι χήραι ὑμῖν ὀδυνουμέναι
καὶ αἱ ἐγκύμονες ἀπολειφθεῖσαι σιγῇ τε πάσχοντες
καὶ τὸ τῆς ὑπείξεως μέλαν ἱμάτιον περιβαλλομέναι
τὴν εἰμαρμένην προσδεχθέντες τὴν ψυχήν εὐθύμοι

Παράδειγμ' ἀλλ'ὤφελον ὑμῖν αἱ γυναῖκες Ἀθηναῖαι γίγνεσθαι
τοῖς ἀνδράσι ζοῦσαι, Ἀθηναίων γένους ὄγκος.

4/4/2013 - 20:17




Lingua: Francese

Traduzione francese dall’Histgeobox
FEMMES D'ATHÈNES

Reconnaissez-vous dans l’exemple de ces femmes d’Athènes
Qui vivent pour leurs maris, fierté et race d’Athènes.
Quand aimées, elles se parfument
Se baignent dans le lait, ajustent
Leurs boucles.
Quand molestées jamais elles ne pleurent
Tombent à genou, mais demandent, implorent
De plus dures peines :
Des chaînes.

Reconnaissez -vous dans l’exemple de ces femmes d’Athènes
Qui souffrent pour leurs maris, pouvoir et force d’Athènes.
Quand ils embarquent, soldats
Elles tissent de longs draps,
Mille quarantaines.
Et quand ils reviennent assoiffées
Violents, ils veulent leur arracher
Des caresses pleines,
Obscènes.

Reconnaissez -vous dans l’exemple de ces femmes d’Athènes
Qui se dénudent pour leurs maris, braves guerriers d’Athènes.
Quand ils s’enivrent de vin
Ils vont généralement chercher le sein
D’autres mondaines.
Mais au petit matin, fourbus
Ils retournent souvent dans les bras
De leurs petites
Hélènes.

Reconnaissez -vous dans l’exemple de ces femmes d’Athènes
Qui portent pour leurs maris les nouveaux fils d’Athènes.
Elles n’ont ni goût ou volonté
Ni défaut, ni qualité ;
Elles ont tout juste peur.
Elles n’ont pas de rêves, seulement des présages :
Leur homme, mers, naufrages…
Belles sirènes
Brunes.

Reconnaissez -vous dans l’exemple de ces femmes d’Athènes
Qui tremblent pour leurs maris, héros et amants d’Athènes.
Les jeunes veuves marquées
Et celles enceintes abandonnées
Ne font pas de scènes.
Elles s’habillent de noir, se tassent
Se conforment et se recueillent
Tout à leurs neuvaines,
Sereines.

Reconnaissez -vous dans l’exemple de ces femmes d’Athènes
Qui se fanent pour leurs maris, fierté et race d’Athènes.

inviata da Bernart Bartleby - 16/12/2014 - 14:14


Ehi, voi del "Greek Squad", non vi pare che qui urga una traduzione in greco? Che possa essere la prima traduzione dal portoghese al greco presente sul sito?
Ciao!

Bernart - 3/4/2013 - 09:10


E se penso che nelle sue ben due commissioni di "saggi" il nostro "Re dei Rétori", il presidente Napolitano, è riuscito a non metterci nemmeno una donna... Già, nei momenti più difficili, la palla passa ai duri, ai guerrieri, non c'è più spazio per femminucce e donnicciuole!

Bernart - 3/4/2013 - 09:19


Adesso ci pensiamo, Bernart. Lasciaci solo decidere se tradurla in greco antico (che ne dici, Riccardo?) o moderno...

Gian Piero Testa - 3/4/2013 - 10:20


Sicuramente non sarebbe la prima traduzione dal portoghese al greco: ad esempio, mi ricordo di aver tradotto in greco parecchie canzoni di José Afonso. C'era quella specie di strana identità tra i due estremi d'Europa, la Grecia e il Portogallo, che si liberarono entrambi dalla dittatura nel 1974...ma tornando a questa canzone, si potrebbe fare così: io la metto in greco antico, e Gianpiero in greco moderno. Saggiamente, visto che va di moda...

Riccardo Venturi - 3/4/2013 - 10:40


Lorenzo - 3/4/2013 - 10:52


Urca! Dovevo verificare prima... Ho sottovalutato la temibile forza d'urto del "Greek Squad"!

Bernart - 3/4/2013 - 11:43


Io ricordo, di Riccardo la traduzione di Grandola. Per queste Γυναίκες από Αθήνα, facciamo così: a me la versione in neogreco e a Riccardo l'antica. Στη δουλειά και στον αγώνα!

Gian Piero Testa - 3/4/2013 - 16:23


Detto, fatto. Grazie GPT!

Bernart - 4/4/2013 - 07:52


E' stato un piacere, Bernart.

Gian Piero Testa - 4/4/2013 - 11:11


Grazie anche a te, Riccardo!
I trimetri giambici scazonti proprio non me li aspettavo...
Secondo me, saresti anche capace di tradurmela fluidamente nella lingua dei Selk’nam, vero?
Se fosse così, per una ciotola di riso passerei il resto dei miei giorni a girarti le pagine dei dizionari, muto come Bernardo, il servo muto di Zorro...

Bernart - 5/4/2013 - 00:42


Ritiro immediatamente l'offerta, che credo che tu ne sia capacissimo: infatti pare che esista un dizionario "selk'nam/inglese" con almeno 30.000 vocaboli, e sono certo che tu ce l'hai!

Bernart - 5/4/2013 - 00:44


Come immaginavo... Il dizionario chon/selk'nam c'è anche online...
Maperò non vale!!!

Bernart - 5/4/2013 - 00:50


Prima dovrei quantomeno trovare da qualche parte una grammatica selk'nam, ammesso che esista...poi mi date un due o tre mesi e si potrebbe fare qualcosa :-)

Riccardo Venturi - 5/4/2013 - 07:08


Bene, ce li facciamo i complimenti, Riccardo? Abbiamo mostrato la potenza di tiro dell' Ελληνικό Τμήμα. Certo che tu, con gli scazonti, mi hai steso nel confronto. I miei versi, piuttosto, sono σκαντζόχοιροι.

Gian Piero Testa - 5/4/2013 - 07:16


Bernart - 5/4/2013 - 08:41


Mo' guarderò di procurarmela in qualche modo...del resto a casa ho grammatiche di lingue come il didinka o l'aleutino, e selk'nam più, selk'nam meno...

Riccardo Venturi - 5/4/2013 - 09:11


Per Gian Piero

Non ti devi sentire affatto "steso"; considera che ho passato due giorni interi della mia fortunatissima neo-disoccupazione seppellito da dizionari e manuali di sintassi e metrica greca. In pratica ci ho sgobbato più di un lavoratore salariato a cottimo. Certo è che l'Ελληνικό Τμήμα non si ferma davanti a nulla, e spero con questo che tutti se ne siano resi finalmente conto :-)
Poi tu, Gian Piero, hai una capacità ben maggiore della mia di maneggiare il greco moderno in versi; qui dentro hai fatto delle cose, traducendo o scrivendo direttamente, che io me le sogno (a parte, forse, il Χρυσό Αυγό che considero il mio "figlio prediletto"). Col greco classico, forse, ci ho maggiore dimestichezza di te ma devo tutto a una pazza di professoressa, l'Asselle, che stimolava a suo tempo la mia follia già ampiamente presente; fu lei, tra l'altro, a farmi dono del rarissimo dizionario italiano-greco del 1883 che ancora utilizzo.

Riccardo Venturi - 5/4/2013 - 09:17


L'antico greco io non me lo posso neanche sognare: è un amore stupidamente perduto, che ormai non posso più rifriggere. Gli lancio talora languide occhiate leggendo traduzioni con il testo a fronte, emozionandomi quando vi ritrovo parole e radici ancora verdeggianti. A questa canzone, molto bella anche a sentirla, ho dedicato tutto il pomeriggio di mercoledì, e per lei ho "bigiato" la lezione di neogreco a Milano. E non ho neppure tentato di renderla in versi cantabili. Ho però tenuto d'occhio il testo portoghese, ripristinando qualcosa che si era perduto nella traduzione italiana. Per farla più espressiva, mi sono permesso un paio di anacronismi, di cui uno un po' volgaruccio, ma che rispecchia il linguaggio corrente, quando a queste donne sorde a Lisistrata, attribuisco il vezzo di pettinarsi anche là-bas per compiacere gli eroi, mentre si sa che le antiche non si lasciavano proprio niente da pettinare. Capisco la fatica che hai fatto, maneggiando l'antico: ma sono certo che ti sei divertito, e ora sei soddisfatto per aver risciacquato i tuoi panni in Cefiso e in Ilisso (quando ancora scorrevano a cielo aperto, s'intende).

Gian Piero Testa - 5/4/2013 - 10:57


Effettivamente, mi sono divertito un mare. Un po' mi son rivisto pure quella pazza dell'Asselle, strano tipo che più differente da me non si poteva immaginare (figlia di un generale piemontese, cattolica tradizionalista "lefebvriana"...); ci univano solo l'amore per i gatti e per il greco. Mi considerava cattivissimo e irrecuperabile, diceva che sarei finito senz'altro in galera ma che non c'era nessuno capace di scrivere in greco, tranne me. E' finita che ci siamo voluti quasi bene; la pigliavo per il culo perché ogni mattina si mangiava una fetta di pane e pomodoro, si sbrodolava tutta e glielo scrissi in una paginetta in greco ionico erodoteo che feci girare per la scuola. A dire il vero, per la freschezza della testa, mi veniva molto più facile allora; ora son costretto a volte a controllare le declinazioni. A diciotto o vent'anni sarei stato capace anche di parlarlo, però. Ora faccio comunque fatica, ma è derivata in massima parte dal greco moderno che ha pervaso tutto. L'Asselle, pace all'anima sua, è morta da anni; ogni tanto però mi compare in sogno. L'ultima volta, in un sogno decisivo che ha risolto, e proprio per bocca sua, una questione che mi attanagliava da anni; la storia di questo sogno l'ho raccontata qui.

Riccardo Venturi - 5/4/2013 - 11:27


Qualche hanno fa ne avevo fatta una traduzione in greco antico cantabile... forse non proprio in linea con la sintassi classica, ma suonava bene. Credo, disgraziatamente, di averla persa.

Jacopo Capurri - 29/7/2013 - 22:08



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org