Lingua   

Stucky

Gualtiero Bertelli
Lingua: Italiano (Veneto Veneziano)



Stucky xe un palasson
in fondo a la Giudeca
coi muri a picolon
che par che no'l resista
vardandolo cussì
te fa da maravegia
ch'el possa esser sta
el pan de 'na famegia.‎

El g'ha dà da lavorar
a tanta e tanta gente
che se g'ha consumà
e no xe restà niente.
‎'Na rabia che te sera
la gola co ti ricordi
speranze e paure
in 'sti bruti momenti.‎

Quando che i lo g'ha fato
un sogno, 'na speranza
barconi che rivava
col gran de l'abondanza
lavoro, tanto lavoro
la paga xe al sicuro
te masena 'sto mulin
‎'na farina che xe oro.‎

Un oro mal goduo
dentro a 'sti casarmoni
col gran spacà ne l'aria
che entra nei polmoni.
Bianchi semo restai
più bianchi de la farina
quando che i te g'ha dito
‎«La fine xe vissina».‎

No ti volevi creder
né ti, né tuti 'st'altri
dentro ve se serai
sperando in tuti i santi
più de sinquanta giorni
vegno matina e sera
te porto da cambiar
e l'aria de la to famegia.‎

Po un giorno quei barconi
fermi e intristii
s'ha impegnio de novo
in aqua i xe tornai
ma sora no ghe gera
i sachi de farina
ma tuti i operai
ognun co la so famegia.‎

E tanta, tanta zente
de la riva ne sigava
‎«Coragio fioi ste duri
xe vostra la vitoria».
Soeranze ancora e dopo
a uno a uno tuti
se g'ha trovà un lavoro
e i g'ha serà 'sto Stucky.‎

Adesso tutti i giorni
ti va fin a Marghera
ti te g'ha abituà
ma la xe stada dura
e duro anca par mi
vederte sempre manco
e averte qua vissin
sempre più stanco.‎


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org