Lingua   

Aizàmm' na mana

Enzo Avitabile
Lingua: Napoletano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

A nnomme ’e Dio
(Enzo Avitabile)
Rumanzetta militare
(E.A. Mario)
One Blood
(Raiz)


[2012]
Album :Black tarantella
feat. Raiz

enzo avitabile black tarantella 02d473f0 8026467800115

È un grido di orgoglio e appartenenza dei vinti e non dei perdenti. Chi pur vivendo uno svantaggio sociale combatte sempre; gli eroi di tutti i giorni.
Fonte :la voce dell'isola


Testo reperito in questa pagina
Fronna 'e jurnata,
Songo n'ommo comme n'ato,
tagliame 'a faccia e sanghe jesce,
lievame 'o core chist'ommo more.
'A terra mia 'a 'nfonne 'o mare
nu mare comme n'ato.
'O mare mio
e' 'o mare 'e ll'ate.
I'so n'omm' comm' e' n'ato
ca è caruto e s'è aizàto,
M'hann'acciso,ncatenato,
scammazzato e scassato.
Nu binario abbandonato
quann' e si s'fatica sfruttato,
tanti vvote quant'song' 'e mmacchie,
tanti mmacchie tanti vvote.
Aizàmm' na mana e facimm'overo
Aizàmm' na mana e muvimmice nsieme
Aizàmm' na mana e facimm'coccoso
si ce credimmo ancora.
Voce 'e n'omm'
voce mia.
Voce 'e popolo
voce 'e Dio.
I'so n'omm' comm' 'e n'ato
ca combatt' tutt'a jurnata.
Vohlio pane e libbertà,
munn' nuovo e verità.

inviata da adriana - 25/3/2012 - 17:50



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Serena Imperiale

il testo della canzone nel video (Raiz con Avitabile) è più lungo di quello riportato sia su questa pagina che su tutti i siti di testi, né sono riuscita a comprendere tutte le ulteriori parole!
E' un vero peccato perché una parte è molto toccante con un cielo senza stelle per bandiera, una pugno con una rosa e per finire, la drammatica ripresa/inversione dei versi iniziali (tagliame 'a faccia e sanghe jesce / tagliame 'a faccia che jesce sanghe)...
ALZIAMO UNA MANO

Fronda di giornata,
sono un uomo come gli altri
se mi fai un taglio nel viso esce sangue
se mi togli il cuore, quest’uomo muore.
La mia terra è in fondo al mare
Un mare come tutti gli altri.
Il mio mare
È lo stesso mare degli altri.
Io sono un uomo come gli altri
Che è caduto e si è rialzato.
Mi hanno ucciso, incatenato,
bastonato e massacrato.
Sono su binario abbandonato
Se il lavoro viene così sfruttato,
tante volte quante sono le macchie,
tante macchie, tante volte.
Alziamo una mano e facciamolo per davvero
Alziamo una mano e muoviamoci insieme
Alziamo una mano e facciamo qualcosa
Se ci crediamo ancora.
Voce di un uomo
Voce mia
Voce del popolo
Voce di Dio.
Io sono un uomo come gli altri
Che combatte tutto il giorno
Voglio pane e libertà
Un mondo nuovo e verità

inviata da Serena Imperiale - 26/10/2019 - 16:49


La “fronna” (dal caratteristico incipit, fronda di limone) è una forma tradizionale di canto campano eseguito a distesa, con andamento libero non mensurabile, e, prevalentemente, senza accompagnamento strumentale, spesso scelta dai cantori per mostrare la propria esuberanza vocale e il proprio virtuosismo melismatico. Per la loro predisposizione al dialogo, le “fronne” hanno assunto anche funzione di comunicazione con i carcerati. Infatti, per il passato, tali canti erano intonati, sotto le carceri, da parenti o amici di reclusi, per trasmettere al cacerato informazioni, messaggi d’amore, parole di conforto, espresse con un linguaggio oscuro e gergale che sfuggiva anche alla comprensione dei socondini. (Roberto de Simone)

Serena Imperiale - 26/10/2019 - 16:32


Cara Serena, grazie a te, ritorno a Enzo Avitabile, dopo le (insperate) soddisfazioni ricevute dalla mia traduzione di quello che considero un capolavoro assoluto: Don Salvato'.

Ascoltando il video, le uniche parti che non ripetono frasi presenti nel testo di Aizàmm' na managià, trascritto qui sopra, recitano così:

(cantato da Enzo):
Na musica senza stell'
'a facimm bandiera.
Int''a nu pugno na rosa
culore sango d'aire.

(cantato da Raiz):
E si putesse 'o mare
'o mare mio
trasì addò nun pozzo i'
int''a ll'anema 'e chi sparte
e po' cumanna 'e figli 'e Dio
l'lle cagnasse 'a voce
e invece 'e notte purtasse luce.

ovvero:

Di una musica senza stelle
ne facciamo bandiera
in un pugno una rosa
color sangue d'ieri.

E se potesse il mare
il mio mare
entrare dove io non posso
dentro l'anima di chi separa
e poi comanda i figli di Dio
gli cambierei la voce
e al posto della notte gli porterei la luce.


P.S. Lo scritto del Maestro Roberto De Simone è tratto dal libro delle oramai mitiche EDIZIONI LATO SIDE 19: "CANTI E TRADIZIONI POPOLARI IN CAMPANIA"


Flavio Poltronieri

Flavio Poltronieri - 26/10/2019 - 20:27


Grazie a te Flavio, specie per le parole mancanti, io non saprei nemmeno come scrivere in napoletano..la citazione di de Simone l'avevo tratta dal cofanetto "son 6 sorelle", un impegnativo (per la quantita' e diversita' del materiale racccolto..)regalo che mi son fatta qualche compleanno fa! Serena

serena imperiale - 27/10/2019 - 21:22


Eh, ma sai, cara Serena, qui nella pianura padana gli inverni sono lunghi e il sole è senza tramonto, quando hai a che fare con nebbia e calinverna ti servono tutte le lingue del mondo per cercare una chiave per le pieghe della serratura umana.

Flavio

Flavio Poltronieri - 27/10/2019 - 23:51



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org