Lingua   

Bae luna (Cantones de pache e d’amore)

Piero Marras
Lingua: Sardo

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Castiadas
(Piero Marras)
A David a ninnìa
(Maria Carta)
Basta chiudere gli occhi
(Piero Marras)


[1995]
Album “Tumbu”
Testo di Franceschino Satta
Musica di Piero Marras

4GkzfcMGQhbGCPO8D3KoSt
Istanotte bid’hapo in su sonnu
su chelu luchente
de bramas d’affettu comente
sa luche ’e su coro.

Bid’hapo pizzinnos
jocande in guruttos
e in pratas de sole.
E a zaja in sa janna
a murmuttu, filande
iscarpittas de lana.
E a mama, galana, cosinde
corittos chin filos de brama.

Bid’hapo pasteras, funtanas,
puzones a pore
in ramos de mendula in frore
e isposas cantande in su ribu.

Bae luna
allughemi sa bida.
Bae luna
allughemi su coro.
Diat esser bellu luna
inoche a morrer goi.

Bid’hapo bezzeddos
in foras, contande
de cando, pizzinnos a zarra,
andaban a mura
in fattu ’e sos rubos
paschende in campuras
cabaddos e zubos
e sonnios de gloria.

Bid’hapo - l’ammento a memoria -
su mundu pizzinnu, serenu,
tranchillu.

Prenande sa brocca
de s’aba colada
bid’hapo cumpanzos corales
chi commo non sunu.

Bid’hapo
ghirande, a s’intrighinu, a babbu,
in artu, in su carru,
tra seghedes d’oro,
de brassamu tintu, sa cara
luchente ’e sudore, alligru e serenu,
cantande a murmuttu
cantones de pache e d’amore.

Bae luna
allughemi sa bida.
Bae luna
allughemi su coro.
Diat esser bellu luna
inoche a morrer goi.

Mama nostra
de sos chelos
amparade nos in terra
commo e sempre goi.

inviata da Bartleby - 18/3/2012 - 15:12



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Rosalba Satta
VAI LUNA (CANTI DI PACE E D’AMORE)

Stanotte ho visto nel sonno
la luce del cielo
carica di desiderio d’amore
come la luce del cuore.

Ho visto bambini
giocare nei vicoli
e nelle piazze ubriache di sole.
E nonna, nell’uscio,
filare, bisbigliando,
scarpette di lana.
Mia madre, bella, cucire
corsetti con i fili del desiderio.

Ho visto aiuole e fontane,
uccelli a migliaia
sui rami del mandorlo in fiore
E spose cantare sulle rive del fiume.

Vai luna,
accendimi la vita.
Vai luna,
accendimi il cuore.
Sarebbe bello, o luna,
morire qui così.

Ho visto vecchietti
per strada raccontare
di quando ragazzini
andavano a raccogliere
more sui rovi,
pascendo nei campi
cavalli e gioghi di buoi
e sogni di gloria.

Ho visto, lo ricordo bene,
il mondo bambino, felice,
sereno.

Riempendo la brocca
dell’acqua di ieri,
ho visto compagni fraterni
che adesso non ci sono più.

Ho visto mio padre
tornare al tramonto,
in alto, sul carro,
tra messi dorate,
col viso cosparso di balsamo,
splendente di sudore, allegro e sereno,
cantando sottovoce
canzoni di pace e d’amore.

Vai luna,
accendimi la vita.
Vai luna,
accendimi il cuore.
Sarebbe bello, o luna,
morire qui così.

inviata da Bartleby - 18/3/2012 - 15:12



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org