Lingua   

La murata

Enzo Gragnaniello
Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Il sole dentro
(Enzo Gragnaniello)
A figlia d’o rre
(Teresa De Sio)


‎[1799?]‎
Testo di autore anonimo rielaborato da Roberto ‎De Simone
Nel libro/disco di Gragnaniello intitolato “Dai Quartieri al S.Carlo”.‎



‎‎

In questo lavoro del 1999 il cantautore di vico Cerriglio, il più stretto di Napoli, giustappone il ‎‎Canto dei sanfedisti a questa canzone dei repubblicani prigionieri a Castel Capuano, sede della Gran Corte ‎Civile e Criminale della Vicaria, dopo la vittoria sanfedista del luglio del 1799 e la restaurazione ‎borbonica.‎
Songo venuto sotto a 'sta murata
Songo venuto cu' 'nu gruosso sdegno
Ferma rilorgio mio cchiù nun sunare
Ferma pe' carità, ferma pe n'ora, n'ora sola

E sona, e sona, e ba' là Diana della sorte
E sona, e sunarrà, e sunarrà la morte
Si more 'a 'sta città la bella libertà
Nu resta, e restarrà sulo 'nu pianto amaro

Stammo cantanno dalla Vicaria
Già cundannate ciento e cchiù 'nuciente
Lu sango muorto scrive la buscia
De la giustizia de li cchiù putiente, occhiù putiente

E sona, e sona, e ba' la Diana della sorte
E sona, e sona e ba e sunarrà la morte
Si more a sta città, la bella libertà
Nu resta, e restarrà sulo 'nu pianto amaro

inviata da Bartleby - 24/1/2012 - 11:20



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org