Lingua   

Morti bianche

O.P.S. (One Penny Songs)
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

A Zurigo uno mi dice
(Giovanna Marini)
I muri della fabbrica
(Mirafiori Kidz)
Ο Ρόκκο και οι άλλοι
(Yannis Markopoulos / Γιάννης Μαρκόπουλος)


Mi hai lasciato solo,
sei morto sul lavoro,
in ricerca di un salario,
sei morto operaio.

Ciò che brucia non è il tuo corpo,
ma la Costituzione,
ignorata ormai da troppo,
condannata all’umiliazione.

Dove sono i sindacati,
si sono ormai venduti,
dov’è finito il nostro Stato,
complice di questo reato.

Le chiamano morte bianche,
le chiamano incidente,
ma di questa morte,
ci muore tanta gente.

Impunita l’imprenditoria
che bada solo all’economia,
zitta e muta la società,
che si rimangia la legalità.

La Repubblica Italiana
è fondata sul lavoro,
ma è prona al mercato
che conduce al precariato.

Non ha fine il mio dolore
non c’è pace nel mio cuore,
intanto brinda il padronato,
che l’azienda ha risparmiato.

Le chiamano morti bianche,
le chiamano incidente,
chi sbaglia non ha pagato:
papà è stato ammazzato.

Son cresciuto, diventato grande,
in questa società,
quando imperversava forte
la precarietà.

Le chiamano morte bianche,
le chiamano incidente,
ma di questa morte,
ci muore tanta gente.

Le chiamano morti bianche,
le chiamano incidente,
chi sbaglia non ha pagato:
papà è stato ammazzato.

inviata da DonQuijote82 - 29/12/2011 - 12:58



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org