Lingua   

Lu puzzu di la morti

Mauro Geraci
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Jocu di focu a Bagdad
(Mauro Geraci)
A' finestra
(Carmen Consoli)
Cantata di lupara
(Franco Trincale)


[1972]
Testo di Ignazio Buttitta
Musica di Mauro Geraci
Album: Io cantastorie
compactdiscolor
La Rocca di Marineo
La Rocca di Marineo



Rimane ancora oggi drammaticamente commovente e forte grido di denuncia la poesia di Ignazio Buttitta pubblicata per la prima volta sul "Giornale di Sicilia" nel 1972 (nella rubrica "Quando il cronista è un poeta"), dedicata a un tremendo fatto di cronaca che scosse profondamente l'opinione pubblica in quel periodo.. S'intitola 'U puzzu dâ morti e descrive l'orribile tragedia che si è davvero consumata il 9 aprile 1972 sotto la rocca di Marineo, in provincia di Palermo. Quel giorno, Maria Concetta Sileci, una donna poverissima sposata con un bracciante disoccupato, non riuscendo più a sfamare i suoi due figli, Maurizio di 7 anni e Giuseppe di 5, vinta dalla disperazione si gettò assieme a loro in un pozzo, per trovarvi la morte e la pace..
Puntuale nel finale l’invettiva di Buttitta tanto contro la violenza di certe condizioni socio-economiche quanto contro le tacite complicità che rendono possibili tragedie come questa..
Era'mu a tavula sabatu a li tri,
tutti a manciari li siciliani,
cu picca, cu assai puru chî buccali 'i vinu,
e cu acqua frisca e muccùna 'i pani;
tutti a manciari, li scarsi e li ricchi,
patrùna grassi.. e puvirèđđi sicchi.

[Parlato:]
E Maria Cuncetta Sileci ?? -di Marinìu, pruvincia 'i Palermu ?
chî so du' figghi.. Sicchi, gialli, scheletri, sucati,
patùti pi la fami, pi li stenti ?
Circava l'erva pi li picciriđđi, circava l'erva e persi 'i sentimenti
pinsau: « Oji pi livàrici 'a fami, ci levu la vita ! »
E nun fu fuđđía, 'un fu coupu di luna
picchì « Lu fođđi pi lu pani 'un ragiuna » -diceva ıđđa.

E taliava 'u puzzu: « Megghju la morti ca 'sta vita amara »
diceva ıđđa –e taliava li figghi: « S'iđđu l'ammazzu 'un sugnu macillara »
diceva ıđđa: « Ci levu la fami..
e nun li vìu cchiù chiànciri pû pani.. ».

Finíu di dirlu ed affirau lu primu:
« Oh figghiu miu, – ci dissi – chi amaru distinu ! »
e cu li vrazza lu jısau nta l'aria
'nta 'u puzzu lu jittau a corpu chinu.
Poi pigghiau a l'autru, ca ci avìa cinc'anni,
đđà puru nto puzzu, carni supra carni.

Ristau tutt'occhi a taliari lu puzzu
jısau li vrazza e si jittau puru ıđđa dicennu:
« Vogghiu muríri ! 'nzèmmula ! » dicìa
e li abbrazzava đđà menzu a l'acqua fridda,
li riscaudava nta lu concavu pettu
ch'era di ossa e poi.. fu catalettu.
Li riscaudava nna lu concavu pettu
ch'era di ossa -e poi fu catalettu.

[Parlato:]
A Marinìu chianci lu populínu,
tuttu 'u paìsi è 'na cella scura,
sònanu a mortu tutti li campani
ca puru Diu prisi parti a 'sta sbintura..

Pari ca 'i morti, friddi comu 'a nivi
passanu a mmenzu 'i morti.... e nun c'è nivi.

E nta 'stu mentri a lu paìsi, a lu funerali
sintíti cu c'è e chiđđu ca succedi:
Sínnacu, giunta

all'accumpagnamentu: parracu e dami di li caritati,
tanti paisàni, genti d'ogni cetu
darrèri 'u carru afflitti e scunzulati
E a mmenzu a chisti, ma senza sugghiùzzu,
li pari rei a li morti nto puzzu..

A Marinìu tri casci di mortu
e tri fossi 'nterrati cu tri cruci
e nchiusi nta 'đđi casci figghi e matri
gridanu contru a nui ad auta vuci..
contru a nui scecchi sempri - addinucchiùni
câ seđđa ncođđu e ascoutu a lu patruni..

Contru a nui scecchi sempri addinucchiùni
câ seđđa ncođđu e ascoutu a lu patruni !

inviata da giorgio - 19/6/2011 - 09:06



Lingua: Italiano

Versione italiana
IL POZZO DELLA MORTE

Eravamo tutti a tavola sabato alle tre
tutti quanti a pranzare i siciliani,
chi poco, chi molto anche coi boccali di vino
e chi con solo acqua fresca e qualche boccon di pane;
tutti a mangiare, i miseri e i ricchi,
padroni grassi.. e poverelli magri..

[Parlato:]
E Maria Concetta Sileci ?? –di Marineo, provincia di Palermo ?
con i suoi due figli.. Magri, gialli, scheletri, emaciati, patiti per la fame e gli stenti ?
Cercava la verdura.. per i bambini, cercava la verdura ma perse la testa..
pensò: « Oggi per toglier loro la fame, gli tolgo la vita ! »
E non fu pazzia, non fu colpo di luna
perché « Il pazzo per il pane non ragiona » - lei diceva.

E guardava il pozzo: « Meglio la morte che questa vita amara »
lei diceva –e guardava i figli: « Se li uccido non sono un'assassina »
lei diceva – « Tolgo loro la fame...
e non li sentirò più piangere per il pane.. ».

Finì di dirlo e afferrò il primo:
« Oh figlio mio, – gli disse – che amaro destino ! »
e con le braccia lo sollevò in aria
e nel pozzo lo gettò interamente.
Poi prese l'altro che aveva cinque anni
pure lui giù nel pozzo, carne sopra carne.

Restò tutta occhi a guardare il pozzo
alzò le braccia e si gettò anche lei dicendo:
« Voglio morire... insieme (a loro) ! » diceva
e li abbracciava là nell'acqua fredda,
li riscaldava contro il concavo petto
ch'era tutt'ossa e poi.. fece da bara.
Li riscaldava nel concavo petto
che era tutt'ossa -e poi fu bara.

[Parlato:]
A Marineo piange il popolino,
tuttu il paese è una cella scura,
suonano a morto tutte le campane
giacché anche Dio prese parte a questa sventura..

Pare che dei morti, freddi come la neve
passano fra i morti... e non c'è neve.

E nel frattempo al paese, al funerale
sentite chi c'è e quello che succede:
Sindaco, Giunta

Al corteo funebre: parroco e dame delle carità,
tanti paesani gente d'ogni ceto
tutti dietro il carro afflitti e sconsolati.
E fra questi, ma senza singhiozzo,
i responsabili dei morti nel pozzo..

A Marineo tre casse da morto
e tre fosse interrate con tre croci
e chiusi in quelle bare figli e madre
gridano contro di noi ad alta voce..
contro di noi asini sempre in ginocchio
pronti solo a servire e a dare ascolto al padrone..

Contro di noi asini sempre in ginocchio
pronti a servire e ad obbedire al padrone !

inviata da giorgio - 20/6/2011 - 08:08



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org