Lingua   

For the People

Rod MacDonald
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

(The Man Who Dropped The Bomb On) Hiroshima
(Rod MacDonald)
Auschwitz (Canzone del bambino nel vento)
(Francesco Guccini)


[1991]
Album “Man on the Ledge” del 1994.

51SFJNESkXL
Last night I dreamed of my old home
my sister and I, when we were young
the yellow sun shone through flow'ring trees
we rode the old familiar streets
the faces of old friends were near
the smiles of children bright and clear
my mother sang our favorite songs
my father worked his patch of ground

When I awoke I was far away
in a land where only yesterday
after forty years of tyranny
the foreign armies had to leave
and as I walked the streets of town
with my new friends who call it home
in the air so newly free
this is what they said to me:

"I would not love my country more
for victories in foreign wars
I did not love my country less
when it was occupied and oppressed
not for some politicians' speech
but for the people strong and free
the land so green, the sky above
these are the country that I love"

Now who can say what takes a man
far away from his own land
and yet his dreams will take him home
back to the land where he was born
to walk the old familiar roads
and see the faces young and old
the land so green the sky above
these are the country that I love

inviata da Bartleby - 16/5/2011 - 13:14



Lingua: Italiano

Tentativo di traduzione italiana di Bartleby.
PER LA GENTE

La scorsa notte ho sognato la mia vecchia casa
io e mia sorella, quando eravamo giovani
il sole giallo splendeva tra alberi in fiore
abbiamo girato per le vecchie strade così familiar
i volti dei vecchi amici
il sorriso luminoso e chiaro dei bambini
mia madre cantava le nostre canzoni preferite
Mio padre lavorava il suo pezzetto di terra

Quando mi svegliai ero lontano
in una terra dove solo ieri,
dopo quarant’anni di tirannia,
gli eserciti stranieri se ne sono andati
e mentre camminavo per le strade della città
con i miei nuovi amici che vivono qui
nell’aria così di nuovo libera
questo è ciò che mi hanno detto:

“Non amerei di più il mio paese
per le vittorie in guerre lontane
E non l’ho amato di meno
quando fu occupato ed oppresso
e nemmeno per i discorsi di certi politici
ma lo amo per la gente forte e libera
la terra così verde, il cielo sopra.
Tutto questo è il paese che amo”

Ora, qualunque sia la ragione che porta un uomo
lontano dalla sua terra,
i suoi sogni ancòra lo riporteranno a casa,
alla terra dove è nato,
a percorrere le vecchie strade familiari,
ad incontrare i visi giovani e vecchi
la terra così verde e il cielo sopra,
Tutto questo è il paese che amo.

inviata da Bartleby - 16/5/2011 - 13:15



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org