Lingua   

Miseria, miseria

anonimo
Lingua: Italiano (Piemontese)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Guera d'Abissinia
(Gipo Farassino)
Klama (Andramu pai)
(Franco Corlianò)
Guarda giù dalla pianura
(Stormy Six)


[Tra fine 800 ed inizio 900, forse 1902]

Canzone piemontese nota anche con il titolo di “Ma la vita”.
Ho preferito attribuirla ad anonimo perché la paternità di questa canzone è controversa.
Generalmente viene ricondotta alla figura di Antonio Mazzuccato, operaio in Torino (ma forse non piemontese di origine), socialista, antifascista, musicista e poeta, direttore del Gruppo corale Borgo Vittoria di Torino negli anni tra il 1908 e il 1922, presunto autore (ma anche qui c’è incertezza) della versione originale in piemontese di Guarda giù dalla pianura, riproposta in italiano negli anni 70 dagli Stormy Six, e di Senti i coscritti il canto echeggiar (I coscritti).
Lo scomparso Tavo Burat, giornalista e poeta biellese cultore della lingua piemontese, dell’arpitano e dell’occitano, riteneva invece che l’autore di questa “Miseria, miseria”, come anche di “Guarda giù an cola pianura”, sia tal Luigi Valsoano di Pont Canavese, operaio meccanico di sentimenti anarco-socalisti, più volte imprigionato per reati di opinione, morto nel 1906 a 42 o 44 anni di età, autore di “Margrite e gratacuj” (i gratacuj sono le bacche di rosa selvatica), una raccolta di poesie in gran parte dedicate alla descrizione delle durezze della vita operaia e dell’emigrazione verso la Francia cui erano costretti i lavoratori piemontesi alla fine dell’800.

Quella che segue è la versione che Tavo Burat pubblicò sulla rivista Alp nel 1986 trascrivendo il testo come cantato da un vecchio partigiano, Pierino Rossi.
Sensa 'n pié, ij fusin piegà
Ciamo 'd pan le mie masnà
l'hai la muda al mont ëd pietà
son sfratà dal padron ëd ca!

Miseria, miseria!
contadin che la campagna
it travaje tut ël di
it travaje tut ël di
'l sol 't brusa e l'aqua 't bagna
'l sol 't brusa e l'aqua 't bagna
e 'd polenta it ses nutri...
o fa për di!

Ma la vita, ma la vita
l'é tanto bela për lë sgnor
e ch'a bsògna e ch'a bsògna
mai cambiela, diso lor, s'a l'é bela,
a l'é bela mach për lor!

Forgeiron tacà la fòrgia
ciavatin tira la trà
ciavatin tira la trà
e 'l sartor venta ch'a pòrta
e 'l sartor venta ch'a pòrta
's veul mangé, la soa muda al mont 'd pietà
l'é disperà!

Ma la vita, ma la vita
i l'é tanto bela për lë sgnor
e ch'a bsògna mai cambiela
mai cambiela, diso lor
s'a l'é bela, s'a l'é bela mach për lor.

inviata da Bartleby - 4/5/2011 - 14:42




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Tavo Burat
MISERIA, MISERIA

Senza un soldo, le gambine piegate,
domandano il pane i miei bambini.
Ho il vestito al monte di pietà,
sono sfrattato dal padrone di casa.

Miseria, miseria!
Contadino che la campagna
lavori tutto il giorno,
il sole ti brucia e l'acqua ti bagna,
il sole ti brucia e l'acqua ti bagna
e di polenta sei nutrito...
e si fa per dire!

Ma la vita, ma la vita
è tanto bella per i signori
e che non bisogna, non bisogna
mai cambiarla, dicono loro,
s'è bella, è bella soltanto per loro!

Fabbro accanto alla forgia,
ciabattino che dai il colpo di cucito,
ciabattino che dai il colpo di cucito
e il sarto bisogna che porti,
e il sarto bisogna che porti
se vuol mangiare, il suo vestito al monte di pietà,
è disperato!

Ma la vita, ma la vita
è tanto bella per i signori
e che non bisogna, non bisogna
mai cambiarla, dicono loro,
s'è bella, è bella soltanto per loro!

inviata da Bartleby - 4/5/2011 - 14:42




Lingua: Italiano (Piemontese)

Versione come presente sul blog di Claudio Canal, giornalista, regista, sceneggiatore, attore, pacifista torinese.
MA LA VITA

Sü cantuma, sü cantuma
Cosa vole mai canté?
Sü cantuma l’alegria
Cosa vole mai canté?
La vita nostra descrivuma
descrivuma la fulia
d’la giurnà ‘d l’uvrié
e i sagrin e le speranse
le turtüre del travaj
le turtüre del travaj
o descrivumie tüte quante
le miserie e i nostri guai
Oh capital

Ma la vita, ma la vita l'è tantu bela
pr ji sgnur
ca vuriju, ca vuriju mai cambiela
disu lur
ma la vita, ma la vita l'è tantu bela
pr ji sgnur
si l'è bela, si l'è bela mac pr lur
pr ji sgnur

Furgiairun tira la forgia
ciavatin tira la trà
ciavatin tira la trà
e ‘l sartur b’sogna ca porta
pr mangé
la sua müda al Munt d'Pietà
sun disperà

Ma la vita, ma la vita l'è tantu bela
pr ji sgnur
ca vuriju, ca vuriju mai cambiela
disu lur
ma la vita, ma la vita l'è tantu bela
pr ji sgnur
si l'è bela, si l'è bela mac pr lur
pr ji sgnur

Oh paisan che la campagna
it travaje tüt ‘l di
it travaje tüt ‘l di
‘l sul at brüsa e l'acqua at bagna
e d'pulenta it ses nütri
o fate ardi

Ma la vita, ma la vita l'è tantu bela
pr ji sgnur
ca vuriju, ca vuriju mai cambiela
disu lur
ma la vita, ma la vita l'è tantu bela
pr ji sgnur
si l'è bela, si l'è bela mac pr lur
pr ji sgnur

inviata da Bartleby - 4/5/2011 - 14:43




Lingua: Italiano

Un’altra “Miseria, Miseria”, ma con testo e musica differenti dalla prima, riportata da Tavo Burat così come Sergio Liberovici la raccolse da un operaio torinese di nome Carando, il quale la ricordava cantata nel 1919-20, durante il cosiddetto “Biennio Rosso”.
Questa versione è di anonimo e non attribuibile certamente a Luigi Valsoano, deceduto come si è detto nel 1906.
MISERIA, MISERIA

Miseria, miseria,
la dòte ùnica
che i doma ai nòstri fieuj:
a pieuv, fa frèid, a fiòca
noi mìseri e l'oma gnenti ch'an coata,
la miseria a j'è pur sempre
ch'an guida fin a la mòrt.

Mal nutrì da longa data,
socialismo veul salvene:
tuti quant iscrit an lega
capital foma murì!
La colpa l'é nòstra
a l'é noi che's lo voroma
l'é noi ch'i travajoma
për mantene 'l lusso a lor.
Disimpiegà, sensa 'n tòch 'd pan!
andoma andoma, l'idea an guida:
combate 'l prèive e 'l capital.
Andoma andoma, l'idea an guida
combate 'l prèive e 'l capital
combate 'l prèive e 'l capital
combate 'l prèive e 'l capital!

L'han fam, l'han fam
e ij cit a ciamo
'dco lor ël pan 'dco lor ël pan.
Carlo Marx, Carlo Marx a l'ha dilo
a l'ha dilo al mond inter:
ovrié, ovrié unive,
la vitòria av soridrà!

Eviva!
Andoma, 'ndoma
l'idea an guida:
combate 'l prèive
e 'l capital!

Eviva!
Andoma, 'ndoma
l'idea an guida:
combate 'l prèive e 'l capital!

inviata da Bartleby - 4/5/2011 - 15:45




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Tavo Burat della versione differente e posteriore della canzone.
MISERIA MISERIA

Miseria, miseria,
la dote unica
che diamo ai nostri figli:
piove, fa freddo, nevica,
noi miseri non abbiamo nulla che ci copra,
la miseria è pur sempre lì
che ci guida sino alla morte.

Mal nutriti da lunga data,
socialismo ci vuol salvare:
tutti quanti iscritti in lega,
[il] capitale facciamo morire!
La colpa è nostra,
siamo noi che ce lo vogliamo,
siamo noi che lavoriamo
per mantenere il lusso a loro.

Disoccupati, senza un pezzo di pane andiamo, andiamo, andiamo l'idea ci guida;
combattere il prete ed il capitale
combattere il prete ed il capitale
combattere il prete ed il capitale

Hanno fame, hanno fame
e i bambini chiedono
anche loro il pane, anche loro il pane.
Carlo Marx, Carlo Marx lo ha detto,
l'ha detto al mondo intero:
operai, operai unitevi,
la vittoria vi sorriderà.

Evviva!
Andiamo, andiamo,
l'idea ci guida:
combattere il prete
ed il capitale.

Evviva!
Andiamo, andiamo,
l'idea ci guida:
combattere il prete
ed il capitale.

inviata da Bartleby - 4/5/2011 - 15:46



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org