Lingua   

Furestee

Davide Van De Sfroos
Lingua: Italiano (Lombardo "Laghèe")

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Davide Van De Sfroos: La balàda del Genesio
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Fendin
(Davide Van De Sfroos)
Wacatroia Wacatanka
(Davide Van De Sfroos)


[2008]
Album:Pica
PICA
Quanti straad senza pass
quanti rusari de sass
quanti urazion nela nocc
senza gnanca segnass
e un cioo ne la scarpa....
quanta tera ho scuscià
senza vurecc fac del mal
tera che ho mai bestemà
gnanca mai regurdà
e n'ho anca majada...
FURESTEE... anca che
nela via che la sa tutt de me
ne la piazza che me recugnuss
e dumanda perche
FURESTEE... de par me...
con l'umbriia che rièss pioe a stamm adree,
cun't el coer che rimbalza nel coo
per finìmm suta ai pee
nel picà la tua porta
Quanti facc senza oecc
quanti pensee cun't el boecc
per mia rempiang el me teemp
ho scunduu l'urelocc
in soel fund de la bursa...
Quanti lècc senza sogn
quanta memoria de legn
dura comè questa porta
che la paar un disegn
cui culuu foe de post
FURESTEE... anca che
ne la via che la sa tutt de te
ne la piazza che parla che riid
ma senza savé
FURESTEE... ma sun me
cun l'umbria che la riess pioe a stamm adree
cun't el l coer che rimbalza in del cüü
per finimm suta ai pee
quand te verdet la porta...
Quanti straad senza pass
quanti rusari de sass
quanti urazion ne la nocc
senza gnanca segnass
e un cioo ne la scarpa....

inviata da adriana - 19/2/2011 - 11:46



Lingua: Italiano

Versione italiana dal sito dei cauboi
Quante strade senza passi
quanti rosari di sasso
quante preghiere nella notte
senza farsi il segno della croce...
e un chiodo nella scarpa...
quanta terra ho calpestato
senza volerle fare del male
terra che mai ho bestemmiato
e neanche mai ricordato
e ne ho perfino mangiata
FORESTIERO... anche qui
nella via che sa tutto di me
nella piazza che mi riconosce
e si chiede perchè
FORESTIERO... da solo
con la (mia) ombra che non riesce più a tenere il mio passo...
con il cuore che rimbalza su fino alla testa
per finirmi sotto i piedi...
nel bussare alla tua porta...
FORESTIERO

Quanti volti senza occhi...
quanti pensieri bucati
per non rimpiangere il mio tempo
ho nascosto l'orologio
sul fondo della borsa...
Quanti letti senza sogni
quanta memoria di legno
dura come questa porta
che sembra un disegno
coi colori fuori posto...
FORESTIERO ... anche qui
nella via che sa tutto di te
nella piazza che parla e che ride
ma senza sapere...
FORESTIERO.. ma sono io
con la (mia) ombra che non riesce più a tenere il mio passo...
con il cuore che rimbalza nel culo
per finire sotto ai piedi...
quando apri la porta...
Quante strade senza passi
quanti rosari di sasso
quante preghiere nella notte
senza farsi il segno della croce...
e un chiodo nella scarpa...

inviata da adriana - 19/2/2011 - 12:09



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org