Lingua   

E lu suli ntinni ntinni

anonimo
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Radio Aut
(Maurizio Pirovano)
Peppino e il mulo
(Kento)
Versi per la libertà
(Pippo Pollina)


Canto proveniente dal trapanese, raccolto da Zelinda Ripa, e facente parte del repertorio di Rosa Balistreri, presente nel disco "Vinni a cantari all’ariu scuvertu" del 1978.

vinniacantariallariuscuvertu


Canzone di ribellione dei "jurnatàri" contro il padrone. A farne le spese è il "suprastanti", cioè il guardiano, il "caporale". Ma chi si è ribellato al potere di padroni e mafiosi sarà costretto a fuggire dalla propria terra, lasciando anche il proprio amore...

Il primo verso trae origine dall’espressione rrivari a li ntinni (propriamente “giungere alle vette”), tipica del trapanese, detta del sole prossimo al tramonto.
Nel testo ricorre più volte la forma comunemente usata nel dialetto siciliano che con la semplice ripetizione di certi termini rende in modo estremamente sintetico ed efficace espressioni del tipo “da un posto ad un altro posto uguale” , “da un punto ad un altro punto dello stesso posto” ed altre simili. Qui troviamo, ad esempio, ntinni ntinni (da una vetta all’altra), mari mari (solcando il mare). Sono ricorrenti espressioni come caminari casa casa (camminare qua e là per casa), circari strati strati (cercare per le strade), passari facci facci (spalmare su tutta la faccia).
Suprastanti e campieri erano figure di guardiani, quasi inevitabilmente mafiosi che “guardavano gli interessi” dei gabelloti (affittuari) o dei feudatari.
(Dall'introduzione al brano su www.rosabalistreri.it)
E lu suli ntinni ntinni
chist’è l’ura di irininni.

E lu suli mari mari
u patruni nni cunta i dinari.

E lu suli vanedda vanedda
o suprastanti ci cadi a vardedda.

E lu suli muntagni muntagni
cavuci e pugna a lu suprastanti.

E lu suli vadduni vadduni
cavuci e pugna a lu nostru patruni.

Lu suli si nn’annau
e dumani tornerà.

Si mi nni vajiu ju
ccà un ci tornu chhiù nno nno

La curpa l’havi to ma’
ca nun ti vosi marita’.

inviata da Alessandro - 18/4/2010 - 16:49



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da www.rosabalistreri.it
ED IL SOLE VETTE VETTE

Ed il sole vette vette
questa è l’ora di andarcene.

Ed il sole mare mare
il padrone ci conta i denari.

Ed il sole vicolo vicolo
al soprastante cade il basto.

Ed il sole montagne montagne
calci e pugni al soprastante.

Ed il sole vallone vallone
calci e pugni al nostro padrone.

Il sole se n’è andato
ma domani tornerà.

Se me ne vado io
qui non torno più no no.

La colpa è di tua madre
che non ti ha voluto maritare.

inviata da Alessandro - 18/4/2010 - 16:50



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org