Lingua   

Che belo el mondo che'l sarìa

Alberto D'Amico
Lingua: Italiano (Veneto Veneziano)



Che belo el mondo che'l sarìa
se no ghe fusse la Turchia
par sti domini d'oltremare
ne tocca far sempre cagnare
alla fin fine i ottomani
i ne ga fatto sbaracar

se torna tutti casa, se torna da le done
cavemosse le corasse che andemo de le bone
Luisa fatte bea, son pien de nostalgia
ti xe la megio al mondo, ti xe la patria mia
Ma i nobili sta mal par la disperasion
i oci che ghe brusa, le lagreme vien xo
"abbiamo perso tutte tutte le sostanse"
ma in riva del Brenta i ciama le maestranse
i se fa far le ville tutte bianche de candor
e co 'sti fassoletti.... ghe passa el rafredòr!

Nel 700 gero neto
e Pietro Micca poaretto
el s-ciopa su 'na polveriera
mi credevo fusse n'altra guera
ma qua Venessia xe tranquia
qua s-ciopa solo el carneval

Sucaro e coriandoli, piove in canalasso
Venessia xe 'na fritola 'co riva el xioba grasso
par strada ghe bagolo de maschere e zocolieri
ghe xe 'na sarabanda de pifferi e tamburi
Ancuo no se tribola e gnanca no se masena
magnemo, bevemo, domanghe xe quaresima
i conti e le contesse al balo i s'ha invità
e po' i se core drio con le mudande in man!
E cussì aprofitando de tanta confusion
quel rocheo de Giacomo Casanova... el scampa de preson!

Se Casanova xe un rocheo
Napoleone xe un bel cao
par far la paxe col todesco
el n'ha vendùo... come un fiasco
e i austroungarici ne beve
... a la salute dell'imperator

Leon leon leon, ti xe deventà
povero, stecchìo come un bacalà
l'aquila borbonica la ga do teste nere
semo deventai remi de galere
el mar no ghe se più, la gloria xe finìa
par andar fora de l'acqua se va in ferovia
"ehi, della gondola, quali novità?"
i dixe che stavolta l'Italia s'ha svegià
quel boia de Radetzky se ga ritirà
un secolo va via.... e un altro xe rivà!

El conte Volpi di Misurata
dato che'l gera un patriota
el fa la guera su le barene
contro canoce e sepoine
el pianta in secca i sbarramenti
e i pessi più no li pol passar

Scampè scampè bisati, sfogi e paganèi
le pompe tira l'acqua, se suga i canai
Ariva le peate che scarica la giara
dove ghe gera el mar adesso xe Marghera
i pessi fa pecà, no ghe xe più rispeto
i xe scampài tuti, come a Caporetto
Luisa xe el progresso, perchè ti te lamenti?
Marghera dà el lavoro, ghe xe i stabilimenti
co la Save, la Sirma e co i profumi de la Vidal
xe nata la prima zona industrial!

Quante richesse, quanto oro
gavemo fato col lavoro
mi vorìa saver co che dirito
lori ne ga spogià de tutto
vorìa saper parchè se sigo
li me risponde col baston

Olio de rissino, el duce col baston
l'Italia xe nera come na preson
parte i legionari che va in Eritrea
i torna co la scabia, sifilide e diarea
E anca la Somalia xe deventà italiana
Vittorio Emanuele se magna la banana
sicome semo santi eroi navigatori
dovemo andar in Spagna tuti volontari
el maresciallo Guering i aerei gà mandà
a Guernica el ga fato... la prova general!

Co sto Benito e con Adolfo
el mondo brusa come solfo
po' dopo passa anca sta guera
e scomissia un'altra primavera
ma i ghe na fate cussì tante
che no se pol desmentegar

Pareva un bruto sogno, e invesse gera vero
quela notte che go visto in riva dell'impero
go visto co i me oci 7 fantoini
ligai co na corda in mexo a do lampioni
la zente de Casteo sigava "pietà"
na scarica de fogo.... e i oci go serà!
Aliprando Armein, quei do fradei Cervi
Bruno De Gasperi con Gino Conti
Girolamo Guasto e Alfredo Vivian
i xe morti tuti 7.... sigando libertà!

Credevo de tirar i spaghi
e invesse ballo el boogie boogie
la Repubblica ga vinto
gavemo el sindaco Gianquinto
ma proprio adesso sul più belo
el 48 el xe rivà!

El 18 aprile, le prime elezioni
ga vinto el Vaticano, va su i democristiani
a luglio na matina i ga sparà a Togliatti
i ne ga dito "fioi, ste boni fermi tutti
bisogna che sta rabbia se la metemo via
dovemo andar avanti co sta democrasia"
e intanto lori roba de riffa e de raffa
i fa i prepotenti, i vol la legge truffa
co Scelba el baston se ciama "manganèo"
el nome xe cambià..... però el xe sempre queo!

I ne ga fato un maleficio
i ne ga serà el cotonificio
i ne ga fato i tarochi
i ne ga serà anca da Stucky
i ne ga sonà le campane a morto
e i seppelisse l'Arsenal

Scampemo, scampemo no ghe xe più lavoro
Venessia a poco a poco deventa un simitero
xe na città decrepita, marsa patoca
la xe 'na trase-ossi, 'na vecia baldracca
Luisa no te digo, co riva l'acqua alta
el sangue me se gela, el cuor me se rebalta
e co sona la sirena me metto i stivali
e maledisso sta acqua che no se suga mai
la zente scampa via, ghe xe l'emigrasiòn
la zente vol le case che ga el termosifon!

Ariva i barbari a cavalo
i ga do corni par capelo
xe una valanga de sfrutài
studenti, done e operai
che a sto mondo de ingiustissia
lori vol darghe un morsegòn

Ariva i visigoti, i vandali, i vichinghi
i riva co le barbe e co i cavei longhi
s-ciopa el 68 come na vampada
vien fora da le tane la rabbia ingrumada
riva i operai, la lotta dei contratti
varda i studenti che siga come matti
Luisa semo tanti, insieme semo forti
i ne vorìa far fora tenimo i oci verti
i ne ga messo le bombe, i ne vorìa fermar
i paroni ne ga fatto... le pexo infamità!

El 15 giugno, teo giuro
coi risultati el me vien duro
ma dopo mexa setimana
el me deventa na gelatina
co sento le rogne che se trova
la nova giunta comunal

Debiti, debiti, magagne i n'ha lassà
però tenimo duro, dovemo governar
sta crisi xe na barca granda come el mondo
o se salvemo tuti, o tuti andemo a fondo
in fondo no ghe vado sinò la xe finìa
dovemo andar avanti co sta democrasia
Luisa el socialismo te lo giuro el vegnarà
e adesso te saludo.... che son stufo de cantar!


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org