Lingua   

Ανθρωπάκια του σωλήνα

Nana Mouskouri / Νανά Μούσχουρη

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Tasche verdi
(Gian Piero Testa)
Quella cosa in Regione Lombardia
(Gian Piero Testa)
Le garçon que j'aimais
(Nana Mouskouri / Νανά Μούσχουρη)


Στίχοι: Νίκος Γκάτσος
Μουσική: Σταύρος Ξαρχάκος
Πρώτη εκτέλεση: Νανά Μούσχουρη
Versi di Nikos Gatsos
Musica di Stavros Xarchakos
Prima interprete: Nana Mouskouri


uomoprov


Gian Piero Testa mi ha nominato questa canzone, che non conoscevo, in una sua e-mail privata. Parlandomene anche un po', a proposito di un vecchio partigiano che conosceva, e che è appena scomparso. Mi permetto, certo che Gian Piero capirà, di riportare le sue parole precise al riguardo: "Il vecchissimo partigiano se ne è andato. Funerali anodini, nessuno a ricordare che aveva fatto qualcosa, almeno lui. Se ci fosse stato da dire, avevo in mente una canzone di Gatsos, "Ανθρωπάκια του σωλἠνα", "Omuncoli di provetta", quelli che fanno parlano e rubano adesso, cui avrei contrapposto il compagno, partigiano in quella stagione e poi cipputi al tornio per il resto della vita." Credo che le cose non accadano quasi mai per caso. Lo dico in una sera in cui, seppure con modalità assai diverse, con un "omuncolo di provetta" ho avuto a che fare -spero per l'ultima volta nella mia vita. Ma la canzone ha ovviamente anche ben altre valenze, che a mio parere meritano ampiamente l'inserimento in questo sito. Anche perché, generalmente, la guerra è tra le attività preferite dagli "omuncoli da provetta". [RV]
Είμαι μια στάμνα ραγισμένη
έν' ακυβέρνητο καράβι
που χρόνια τώρα περιμένει
τη μοίρα του να καταλάβει.

Είδα καπνούς θριάμβους ήττες
και το γυμνό σπαθί του μπόγια,
είδα κι άλλόκοτους προφήτες
με κούφια χρυσωμένα λόγια.

Aδιάφορα περνάν της γης τα τρένα
κανένα δεν σταμάτησε για μένα.
Μα εγώ με τα παιδιά μαζί του δρόμου
Ανάστασή έχω κάνει τ΄ όνειρό μου
και μέσ' από βροχή κι ανεμοζάλη
το φως μου ακολουθώ κι όπου με βγάλει.

Τις νύχτες μελετάν οι γλάροι
των άστρων τις γεωμετρίες
κι εγώ με πήλινο λυχνάρι
για πεθαμένες ψάχνω Τροίες.

Αχ ανθρωπάκια του σωλήνα
ποτέ δεν βγήκατε ταξίδι
εκεί που ζούσε η Μπουμπουλίνα,
Ύδρα, Ψαρά και Γαλαξείδι.

Aδιάφορα περνάν της γης τα τρένα
κανένα δεν σταμάτησε για μένα.
Μα εγώ με τα παιδιά μαζί του δρόμου
Ανάστασή έχω κάνει τ΄ όνειρό μου
και μέσ΄ από βροχή κι ανεμοζάλη
το φως μου ακολουθώ κι όπου με βγάλει.

inviata da Riccardo Venturi - 24/2/2010 - 01:59



Lingua: Italiano

Gian Piero Testa.
Gian Piero Testa.

Versione italiana di Gian Piero Testa
OMUNCOLI DI PROVETTA

Sono una brocca incrinata
una nave senza governo
che da tanti anni aspetta
di capire il suo destino.

Sconfitte ho visto trionfi e fumi
e la spada sguainata del boia,
ho visto anche profeti strani
dalle parole vuote scintillanti d'oro.

Indifferenti passano i treni della terra
nessuno per me si è mai fermato.
Ma insieme coi ragazzi della strada io
ho fatto del mio sogno una Resurrezione
e in mezzo alla pioggia e alle ventate
inseguo la mia luce ovunque mi conduca.

Quando è notte studiano i gabbiani
le geometrie delle stelle
e io con una lucerna di cotto
vado in cerca delle defunte Troie.

Ah omuncoli di provetta
mai siete partiti per un viaggio
là dove viveva Bubulina,
Idra, Psaràs e Galixìdi.

Indifferenti passano i treni della terra
nessuno per me si è mai fermato.
Ma insieme coi ragazzi della strada io
ho fatto del mio sogno una Resurrezione
e in mezzo alla pioggia e alle ventate
inseguo la mia luce ovunque mi conduca.

inviata da Riccardo Venturi - 24/2/2010 - 02:10



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org