Lingua   

Uocchie

Sancto Ianne
Lingua: Napoletano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Signor Comandante
(Chichimeca)
Sento una musica
(99 Posse)
O' sfruttamento
(Bisca)


[2005]
Album: Mo’ siente [2006]
mosiente
Uocchie senza cchiù luce,
Uocchie stutati,
Uocchie ca cercano speranza all'ati
Uocchie spierzi int'all'onne
'nmiezo 'o mare
Uocchie ca contano destini amare...

Uocchie fissati a trementà 'e ricuordi
Uocchie ca quanno 'e vidi nun te ne scuordi.
Uocchie, malacuscienza
'e chella gente
ca acala 'a capa e ca nun vede niente.

Quanta speranze e quante so' 'e scunfuorti,
quanta illusioni e quanti ne so' muorti
E quant'e loro 'e mannano 'o paese
cu 'na manella annanze e n'ata areta.

Gente spugliata 'e dignità e futuro
ca cerca 'e zumpà 'a coppa a chillo muro
ca sparte 'o munno dritto 'a chillo stuorto
pe civà 'e figlie e nun cuntà cchiù 'e muorti.


Gente ca vene 'a terre addò se mete
pe tutto l'anno sulo famme e sete
Gente ca 'o desiderio 'e zappà 'a terra
l'ha abbannunato pe fujì a 'na guerra.

Tenimmo scritto: “'E genti songo uguali”
ma 'a dignità s'accatta sulo co 'e denari.
E chesta gente 'a vonno fa trasìre
sulo quanno è disposta a te servìre

Senza lavoro 'a fantasìa e 'a salute
nisciuno campa ognuno 'e nuje è fernuto
nun se può nasce sulo pe fuje 'a morte
ci addà stà 'nu futuro 'a quacche parte.

E rancichi cu ll'ogne chillu mare
fin'a che quacche cosa nun cumpare
'na terra, 'na furtuna, n'ato munno
ca diciarrà ca pure tu si 'n'ommo.

Quanta speranze e quante so' 'e scunfuorti
quanta illusioni e quanti ne so' muorti
e quant'e lloro 'e mannano 'o paése
cu 'na manella annanze e n'ata areta.

Gente spugliata 'e dignità e futuro
ca cerca 'e zumpà 'a coppa a chillo muro
ca sparte 'o munno dritto 'a chillo stuorto
pe civà 'e figlie e nun cuntà cchiù 'e muorti.
E rancichi cu ll'ogne chillu mare
fin'a che quacche cosa nun cumpare
'Na terra, 'na furtuna, n'ato munno
ca diciarrà ca pure tu si 'n’ommo.

inviata da giorgio - 26/12/2009 - 16:44



Lingua: Italiano

Versione italiana di Ermido Lerose
OCCHI

Occhi senza più luce,
occhi spenti,
occhi che chiedono speranza agli altri
occhi persi nelle onde
in mezzo al mare
occhi che raccontano destini amari...

Occhi fissati a cercare i ricordi
occhi che quando li vedi non li scordi.
Occhi, malacoscienza
di quella gente
che piega il capo e che non vede niente.

Quante speranze e quanti sono gli sconforti,
quante illusioni e quanti ne sono morti.
E quanti di loro sono rimpatriati
con una mano davanti e una dietro.

Gente spogliata di dignità e futuro
che cerca di saltare da sopra quel muro
che divide il mondo giusto da quello ingiusto
per dare da mangiare ai figli e non contare più i morti.

Gente che viene da dove si miete
per tutto l'anno fame e sete.
Gente che il desiderio di zappare la terra
la abbandonato per fuggire da una guerra.

Abbiamo scritto "Le persone sono tutte uguali"
ma la dignità si compra solo con i soldi.
E questa gente la vogliono fare entrare
solo quando è disposta a servirti.

Senza lavoro, fantasia e salute
nessuno vive e ogniuno di noi è finito
non si può nascere solo per fuggire la morte
ci deve essere un futuro da qualche parte.

E ti arrampi con le unghie su quel mare
fino a che qualcosa non compare
una terra, una fortuna, un altro mondo
che potrà dire anche tu sei un uomo.

Quante speranze e quanti sono gli sconforti,
quante illusioni e quanti ne sono morti.
E quanti di loro sono rimpatriati
con una mano davanti e una dietro.

Gente spogliata di dignità e futuro
che cerca di saltare da sopra quel muro
che divide il mondo giusto da quello ingiusto
per dare da mangiare ai figli e non contare più i morti.
E ti arrampi con le unghie su quel mare
fino a che qualcosa non compare
una terra, una fortuna, un altro mondo
che potrà dire anche tu sei un uomo.

inviata da Ermido Lerose - 9/4/2011 - 22:40



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org