Lingua   

Versi per la libertà

Pippo Pollina
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Wenn i gohn
(Pippo Pollina)
A Ibn Hamdis
(Etta Scollo)
E se ognuno fa qualcosa
(Pippo Pollina)


[2001]
Poesia di Paolo Messina (1923-2011)
[da "Versi per la libertà", inedito]
Titolo originale in siciliano: "Virsi pi la libirtà"
Musica di Pippo Pollina
Inserita per la prima volta nell'album "Camminando" [2002]
Poi in "Bar Casablanca" [2005] (alla pagina linkata si può ascoltare un frammento in mp3).



Secondo altre fonti, la poesia di Paolo Messina è del 1955 e dovrebbe essere stata pubblicata nel 1985 dalle Officine Grafiche del Mediterraneo in una raccolta intitolata “Rosa fresca aulentissima”.
Ammanitati lu ventu
si criditi
ca vi scummina li capiddi
lu ventu ca trasi dintra li casi
pi cunnurtari lu chiantu
lu ventu ca trasi dintra li casi.

Ammanittati lu chiantu
si criditi
pi cuitari lu munnu
lu chianti ca matura dintra li petti
e sdirrubba li mura e astuta li cannili
e sdirrubba li mura e astuta li cannili.

Ammanittati la fami
si criditi
d'addifinnirivi li garruna
ma la fami nunn'avi vrazza
lu chiantu nunn'avi affruntu
ma la fami nunn'avi vrazza
lu chiantu nunn'avi affruntu
lu ventu nun sapi sbarri.

Ammanittati l'ummiri
che di notti vannu pi li jardina
a mettiri banneri supra li petri
e chiamanu a vuci forti li matri
ca nunn'annu cchiù sonnu
e vigghianu d'arreri li porti
ammanittati li morti.
Ammanittati li morti
si criditi.

inviata da adriana - 6/6/2005 - 16:08




Lingua: Italiano

Versione italiana di Manuela Scelsi (2003)

La traduzione è "primitiva", in quanto effettuata durante la raccolta originale delle CCG del febbraio/aprile 2003. [RV]

VERSI PER LA LIBERTÀ

Ammanettate il vento
se credete
che vi scombina i capelli
il vento che entra nelle case
per consolare il pianto
il vento che entra nelle case.

Ammanettate il pianto
se credete
per tranquillizzare il mondo
il pianto che matura nei petti
e distrugge le mura e spegne le candele
e distrugge le mura e spegne le candele.

Ammanettate la fame
se credete
di difendervi i galloni
ma la fame non ha braccia
il pianto non ha vergogna
ma la fame non ha braccia
il pianto non ha vergogna
il vento non conosce sbarre.

Ammanittate le ombre
che di notte vanno nei giardini
a mettere bandiere sopra le pietre
e chiamano a voce forte le madri
che non hanno più sonno
e vegliano dietro le porte (chiuse)
ammanettate i morti.
Ammanettate i morti
se credete.

inviata da adriana - 7/6/2005 - 06:33




Lingua: Italiano

Versione italiana di Lucio Zinna
da it.fan.musica.battiato
VERSI PER LA LIBERTÀ

Ammanettate il vento,
se credete
che vi scompiglia i capelli
il vento che penetra nelle case
a placare il pianto.

Ammanettate il pianto,
se credete
di quietare il mondo,
il pianto che matura nei petti
e fa crollare i muri
e spegne le candele.

Ammanettate la fame
se credete
di proteggervi i garretti
ma la fame non ha braccia
il pianto non ha pudore
il vento non conosce sbarre.

Ammanettate le ombre
che di notte vanno per i giardini
a mettere bandiere sulle pietre
e a gran voce chiamano le madri
che non hanno più sonno
e vegliano dietro le porte.
Ammanettate i morti
se credete.

20/1/2014 - 12:21


Ricordiamo la discussione che, sul testo di questa canzone, ebbe luogo sulla mailing list "Brigata Lolli" circa due anni fa (proprio all'inizio della raccolta delle "Canzoni contro la guerra"). Particolare risalto ebbe il termine "cunnurtari" (confortare, tranquillizzare), il cui senso esatto fu dato da Franco Senia.

Riccardo Venturi - 7/6/2005 - 10:21




Lingua: Francese

Version française - VERS DE LIBERTÉ – Marco Valdo M.I. – 2010
d'après la version italienne - VERSI PER LA LIBERTÀ – Manuela Scelsi – 2005 d'une chanson sicilienne - Virsi pi la libirtà – Pippo Pollina – 2001 , d'après une poésie de Paolo Messina – 1955.
VERS DE LIBERTÉ

Menottez le vent
Si vous croyez
Qu'il décoiffe les cheveux
Le vent qui entre dans les maisons
Pour consoler le chagrin
Le vent qui entre dans les maisons

Menottez le chagrin
Si vous croyez
Pour tranquilliser le monde
Le chagrin qui mûrit dans les poitrines
Et détruit les murs et mouche les chandelles
Et détruit les murs et mouche les chandelles.

Menottez la faim
Si vous croyez
que défendre vos galons
Le chagrin n'a pas de honte
La faim n'a pas de bras
Le chagrin n'a pas de honte
Le vent ne connaît pas les barreaux.

Menottez les ombres
Qui vont la nuit en les jardins
Mettre des drapeaux sur les pierres
Et appellent à voix forte les mères
Qui n'ont plus sommeil
Et veillent derrière les portes (fermées)
Menottez les morts
menottez les morts
Si vous croyez.

inviata da Marco Valdo M.I. - 4/10/2010 - 15:17


Cher Marcovaldo, ce n'est pas moi qui ai traduit cette chanson en italien, mais Manuela Scelsi. J'ai donc corrigé ta note à la traduction (et inséré le vrai nom de la traductrice).

Riccardo Venturi - 5/10/2010 - 00:35



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org