Lingua   

Oginga Odinga

The SNCC Freedom Singers
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti

Guarda il video


From a performance on 10 Nov 2007 at Woodson Regional Library, Chicago, IL Presented by Chicago Area Friends of SNCC and the SNCC History Project
(adriana)

Cerca altri video su Youtube

Ti può interessare anche...

Freedom is a Constant Struggle
(The SNCC Freedom Singers)
Why Was the Darkie Born?
(The SNCC Freedom Singers)
The Ballad of Sharpeville
(Ewan MacColl)


[anni ‘60]

Matthew Jones, segretario organizzativo dello Student Non Violent Coordinating Committee in Mississippi, fu anche uno dei fondatori dei Freedom Singers, un gruppo “a cappella” formato a giovani militanti, che formarono in un certo senso l’anello di congiunzione fra il recupero della tradizione dello spiritual e del canto di lavoro, e i suoni più contemporanei del rhythm and blues. La canzone ricorda l’incontro in un albergo segregato di Atlanta con Oginga Odinga, uno dei dirigenti della guerra d’indipendenza in Kenya, stretto collaboratore del presidente Jomo Kenyatta. L’ammirazione per il guerrigliero che mette paura al poliziotto bianco indica che già nel 1963 almeno alcuni fra i più giovani attivisti stavano stretti nella pratica e nella filosofia della non violenza (in un’intervista nel 1970, Matt Jones mi disse che per lui la non violenza era stata più che altro una tattica dettata dalla consapevolezza dei rapporti di forza). Anche il riferimento all’Africa fa di questa canzone un anello intermedio fra il movimento dei diritti civili e il rinascente nazionalismo nero. Non è un caso che Malcolm X, che nei suoi ultimi giorni invitò spesso i Freedom Singers a manifestazioni e assemblee, avesse parole di elogio per questa canzone.”

Da un articolo di Alessandro Portelli su Acoma, Rivista Internazionale di Studi Nord-Americani
We went down to the Peachtree Manor
To see Oginga Odinga
The police say, “what’s the matter?”
To see Oginga Odinga
The police he look mighty hard
At Oginga Odinga
He got scared ‘cause he was an ex Mau-Mau
To see Oginga Odinga.

Oginga Odinga, Oginga Odinga,
Oginga Odinga of Kenya – who?
Oginga Odinga, Oginga Odinga,
Oginga Odinga of Kenya.
Uh-hu-hu-hu-ru – ha! haaa!
Uh-hu-hu-hu-ru - ha! haaa!
Freedom now! .. ow .. oww haaa!
Freedom now! .. ow .. oww haaa!

Oginga Odinga say “look-a here,
What’s going on down in Selma?
If you white folks don’t straighten up,
I’m gone call Jomo Kenyatta”

Oginga Odinga, Oginga Odinga,
Oginga Odinga of Kenya – who?
Oginga Odinga, Oginga Odinga,
Oginga Odinga of Kenya.
Uh-hu-hu-hu-ru – ha! haaa!
Uh-hu-hu-hu-ru - ha! haaa!
Freedom now! .. ow .. oww haaa!
Freedom now! .. ow .. oww haaa!

The white folks down in Mississippi
Will knock you on your rump
And if you holler Freedom
You’ll wind up in the swamp.

Oginga Odinga, Oginga Odinga,
Oginga Odinga of Kenya – who?
Oginga Odinga, Oginga Odinga,
Oginga Odinga of Kenya.
Uh-hu-hu-hu-ru – ha! haaa!
Uh-hu-hu-hu-ru - ha! haaa!
Freedom now! .. ow .. oww haaa!
Freedom now! .. ow .. oww haaa!

inviata da Alessandro - 29/7/2009 - 08:25



Lingua: Italiano

Traduzione di Alessandro Portelli su Acoma, Rivista Internazionale di Studi Nord-Americani.
OGINGA ODINGA

Siamo stati al Peachtree Manor
a vedere Oginga Odinga
Il poliziotto dice, che volete?
Vedere Oginga Odinga.
Il poliziotto fece una brutta faccia
a Oginga Odinga
ebbe paura perché è un ex Mau Mau
a vedere Oginga Odinga.

Oginga Odinga, Oginga Odinga
Oginga Odinga del Kenya – chi?
Oginga Odinga, Oginga Odinga
Oginga Odinga del Kenya.

Oginga dice, “un momento:
che succede laggiù a Selma?
Se voi bianchi non rigate dritto
vado a chiamare Jomo Kenyatta!”

Oginga Odinga, Oginga Odinga
Oginga Odinga del Kenya – chi?
Oginga Odinga, Oginga Odinga
Oginga Odinga del Kenya.

I bianchi in Mississippi
ti bastonano sulla schiena
e se gridi libertà
finisci nella palude.

Oginga Odinga, Oginga Odinga
Oginga Odinga del Kenya – chi?
Oginga Odinga, Oginga Odinga
Oginga Odinga del Kenya.

inviata da Alessandro - 29/7/2009 - 08:30



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org