Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Autore PJ Harvey

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Guilty

Produced by
Flood & John Parish

Release Date
July 13, 2016

Guilty è stata registrata durante le session dell'album “The Hope Six Demolition Project” ma non è stata inclusa nell'album ed è stata pubblicata come singolo.

La canzone parla di droni, un soldato annoiato in una sala di controllo a migliaia di chilometri di distanza sta guidando un Reaper. Vede una piccola figura su uno schermo e deve decidere al momento una sentenza di vita e di morte: innocente o colpevole?
Rules and regulation
(continua)
20/12/2020 - 22:50
Percorsi: Droni di merda
Downloadable! Video!

Highway 61 Revisited

(1965)
Parole e musica di Bob Dylan
dall'album "Highway 61 Revisited"
Altri interpreti: Johnny Winter, PJ Harvey

Bob Dylan – voce, chitarra, armonica, pianoforte, sirena della polizia
Mike Bloomfield – chitarra
Al Kooper – organo, pianoforte
Paul Griffin – pianoforte, organo, piano elettrico
Charlie McCoy – chitarra
Harvey Goldstein – basso
Bobby Gregg – batteria
Frank Owens – pianoforte
Russ Savakus – basso



Highway 61 Revisited è la canzone che dà il titolo all'album che è generalmente considerato il capolavoro di Dylan negli anni '60, il secondo capitolo della “trilogia elettrica” iniziata con Bringing it all Back Home e continuata con Blonde on Blonde, che lo consacrerà definitivamente come un protagonista della musica popolare americana, capace di spaziare dal folk al rock al blues.

Il blues è importante, sia perché al vocabolario blues si rifanno molte canzoni dell'album,... (continua)
Oh God said to Abraham, “Kill me a son”
(continua)
inviata da Lorenzo Masetti 5/11/2016 - 16:48
Downloadable! Video!

The Wheel

2016
The Hope Six Demolition Project
In The Hope Six Demolition Project PJ Harvey si spinge oltre, rispetto al precedente album Let England Shake: non era soltanto l’Inghilterra a tremare, non era soltanto la battaglia di Gallipoli a seminare morti sulla Battleship Hill, era tutto il mondo che si stava sgretolando sotto i nostri occhi. Per questo motivo il nono album in studio della fu Polly nasce e si sviluppa nell’arco di quattro anni e di vari viaggi tra il Kosovo, l’Afghanistan e Washington. Ed è proprio quest’ultima a suggerire il titolo del disco, riferimento al progetto Hope VI tramite il quale il governo degli Stati Uniti ha demolito gli alloggi pubblici dei quartieri più poveri della città per far spazio a nuovi nuclei abitativi e a una nuova assegnazione delle abitazioni, situazione che ha creato molti disagi alle famiglie meno abbienti.

The Community of Hope - The Ministry of... (continua)
A revolving wheel of metal chairs
(continua)
inviata da dq82 16/4/2016 - 11:43
Downloadable! Video!

Dollar, Dollar

2016
The Hope Six Demolition Project
In The Hope Six Demolition Project PJ Harvey si spinge oltre, rispetto al precedente album Let England Shake: non era soltanto l’Inghilterra a tremare, non era soltanto la battaglia di Gallipoli a seminare morti sulla Battleship Hill, era tutto il mondo che si stava sgretolando sotto i nostri occhi. Per questo motivo il nono album in studio della fu Polly nasce e si sviluppa nell’arco di quattro anni e di vari viaggi tra il Kosovo, l’Afghanistan e Washington. Ed è proprio quest’ultima a suggerire il titolo del disco, riferimento al progetto Hope VI tramite il quale il governo degli Stati Uniti ha demolito gli alloggi pubblici dei quartieri più poveri della città per far spazio a nuovi nuclei abitativi e a una nuova assegnazione delle abitazioni, situazione che ha creato molti disagi alle famiglie meno abbienti.

The Community of Hope - The Ministry of... (continua)
The boy stares through the glass
(continua)
inviata da dq82 16/4/2016 - 11:32
Downloadable! Video!

A Line in the Sand

2016
The Hope Six Demolition Project
In The Hope Six Demolition Project PJ Harvey si spinge oltre, rispetto al precedente album Let England Shake: non era soltanto l’Inghilterra a tremare, non era soltanto la battaglia di Gallipoli a seminare morti sulla Battleship Hill, era tutto il mondo che si stava sgretolando sotto i nostri occhi. Per questo motivo il nono album in studio della fu Polly nasce e si sviluppa nell’arco di quattro anni e di vari viaggi tra il Kosovo, l’Afghanistan e Washington. Ed è proprio quest’ultima a suggerire il titolo del disco, riferimento al progetto Hope VI tramite il quale il governo degli Stati Uniti ha demolito gli alloggi pubblici dei quartieri più poveri della città per far spazio a nuovi nuclei abitativi e a una nuova assegnazione delle abitazioni, situazione che ha creato molti disagi alle famiglie meno abbienti.

The Community of Hope - The Ministry of... (continua)
How to stop the murdering?
(continua)
inviata da dq82 16/4/2016 - 09:42
Downloadable! Video!

The Ministry of Defence

2016
The Hope Six Demolition Project
In The Hope Six Demolition Project PJ Harvey si spinge oltre, rispetto al precedente album Let England Shake: non era soltanto l’Inghilterra a tremare, non era soltanto la battaglia di Gallipoli a seminare morti sulla Battleship Hill, era tutto il mondo che si stava sgretolando sotto i nostri occhi. Per questo motivo il nono album in studio della fu Polly nasce e si sviluppa nell’arco di quattro anni e di vari viaggi tra il Kosovo, l’Afghanistan e Washington. Ed è proprio quest’ultima a suggerire il titolo del disco, riferimento al progetto Hope VI tramite il quale il governo degli Stati Uniti ha demolito gli alloggi pubblici dei quartieri più poveri della città per far spazio a nuovi nuclei abitativi e a una nuova assegnazione delle abitazioni, situazione che ha creato molti disagi alle famiglie meno abbienti.

The Community of Hope - The Ministry of... (continua)
This is the Ministry Of Defence
(continua)
inviata da dq82 16/4/2016 - 09:34
Downloadable! Video!

The Community of Hope

2016
The Hope Six Demolition Project
In The Hope Six Demolition Project PJ Harvey si spinge oltre, rispetto al precedente album Let England Shake: non era soltanto l’Inghilterra a tremare, non era soltanto la battaglia di Gallipoli a seminare morti sulla Battleship Hill, era tutto il mondo che si stava sgretolando sotto i nostri occhi. Per questo motivo il nono album in studio della fu Polly nasce e si sviluppa nell’arco di quattro anni e di vari viaggi tra il Kosovo, l’Afghanistan e Washington. Ed è proprio quest’ultima a suggerire il titolo del disco, riferimento al progetto Hope VI tramite il quale il governo degli Stati Uniti ha demolito gli alloggi pubblici dei quartieri più poveri della città per far spazio a nuovi nuclei abitativi e a una nuova assegnazione delle abitazioni, situazione che ha creato molti disagi alle famiglie meno abbienti.

The Community of Hope - The Ministry of... (continua)
They took one of the old notorious housing projects, and they leveled it and rebuilt it as "Mixed Income Housing". It's called "Hope Six," and it's supposed to... sort of rejuvenate everything. It certainly looks a lot better(*)
(continua)
inviata da dq82 16/4/2016 - 09:31
Downloadable! Video!

The Last Living Rose

La rêverie poignante sur le retour au pays d'un soldat anglais durant la grande guerre .

[2011]
Da “Let England shake”, il nuovo album con John Parish e Mike Harvey.
Let-England-Shake
“Let England shake”, fatto di rock schietto e folk essenziale ed inciso nel Dorset in una chiesa del diciannovesimo secolo, nasce dopo tre anni di scrittura accurata dei testi e cinque di studio e parla di temi importanti, su tutti la guerra. Lo scopo? Scuotere (shake) le coscienze, smuovere dal torpore la sua Inghilterra, protagonista fin dal titolo dell’opera, l’Inghilterra coloniale e quella dell’intervento in Iraq e Afghanistan, ma anche quella della battaglia di Gallipoli del 1915 in cui assieme ai francesi fallì la conquista di Costantinopoli.” (da Moby Dick di Radio2)

Leggi anche

Il conflitto globale permanente
articolo di Rachele Cinarelli

Recensione di Stefano Solventi


Goddamn Europeans!
(continua)
inviata da Chien Andalou 1/12/2013 - 08:30

Let England Shake: l’Inghilterra e la guerra

Antiwar Songs Blog
Let England Shake è un album del 2011, considerato il capolavoro della maturità della cantautrice inglese PJ Harvey. Lo presentiamo qui con l’aiuto di un articolo di Rachele Cinarelli apparso su Carmilla online. Sul sito trovate tutti i testi e la traduzione quasi integrale. A 41 anni, PJ Harvey ha scritto il suo capolavoro. Si poteva […]
Antiwar Songs Staff 2013-09-23 18:38:00
Downloadable! Video!

The Nightingale

[2011]
Da “Let England shake”, il nuovo album con John Parish e Mike Harvey.
Let-England-Shake
“Let England shake”, fatto di rock schietto e folk essenziale ed inciso nel Dorset in una chiesa del diciannovesimo secolo, nasce dopo tre anni di scrittura accurata dei testi e cinque di studio e parla di temi importanti, su tutti la guerra. Lo scopo? Scuotere (shake) le coscienze, smuovere dal torpore la sua Inghilterra, protagonista fin dal titolo dell’opera, l’Inghilterra coloniale e quella dell’intervento in Iraq e Afghanistan, ma anche quella della battaglia di Gallipoli del 1915 in cui assieme ai francesi fallì la conquista di Costantinopoli.” (da Moby Dick di Radio2)

Leggi anche

Il conflitto globale permanente
articolo di Rachele Cinarelli

Recensione di Stefano Solventi


I have heard the sound of your call
(continua)
inviata da Maria Cristina Costantini 25/9/2011 - 15:05
Downloadable! Video!

The Big Guns Called Me Back Again

iTunes Bonus track per l'album "Let England Shake" e B-side del singolo "The Words That Maketh Murder"

[2011]
Da “Let England shake”, il nuovo album con John Parish e Mike Harvey.
Let-England-Shake
“Let England shake”, fatto di rock schietto e folk essenziale ed inciso nel Dorset in una chiesa del diciannovesimo secolo, nasce dopo tre anni di scrittura accurata dei testi e cinque di studio e parla di temi importanti, su tutti la guerra. Lo scopo? Scuotere (shake) le coscienze, smuovere dal torpore la sua Inghilterra, protagonista fin dal titolo dell’opera, l’Inghilterra coloniale e quella dell’intervento in Iraq e Afghanistan, ma anche quella della battaglia di Gallipoli del 1915 in cui assieme ai francesi fallì la conquista di Costantinopoli.” (da Moby Dick di Radio2)

Leggi anche

Il conflitto globale permanente
articolo di Rachele Cinarelli

Recensione di Stefano Solventi


Shadows lengthening.
(continua)
inviata da Maria Cristina Costantini 25/9/2011 - 14:54
Downloadable! Video!

The Soldier

[2009]
Words by PJ Harvey
Music by John Parish

Album “A Woman A Man Walked By” (PJ Harvey & John Parish)
I imagine a dream
(continua)
inviata da Alessandro 11/8/2009 - 11:10
Downloadable! Video!

The Mountain

[2007]
Album “White Chalk”
Above the mountain
(continua)
inviata da Alessandro 11/8/2009 - 11:03
Downloadable! Video!

Big Exit

[2000]
Album “Stories From The City, Stories From The Sea”

Testo ripreso dal sito ufficiale della “ragazza con le mani più fredde e le labbra più calde che io conosca” (Nick Cave)
Look out ahead
(continua)
inviata da Alessandro 11/8/2009 - 10:51
Downloadable! Video!

Und was bekam des Soldaten Weib?

Versione inglese di Eric Saltzman

Ricordiamo l'interpretazione di Marianne Faithfull e Chris Spedding da "Lost In The Stars - The Music Of Kurt Weill" e quella di PJ Harvey da "September Songs: The Music Of Kurt Weill"
THE BALLAD OF THE SOLDIER'S WIFE
(continua)
12/6/2005 - 12:03




hosted by inventati.org