Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Autore Joni Mitchell

Rimuovi tutti i filtri
Video!

The Melting of the Sun

(2021)
Testo e musica di Annie Clark (St. Vincent)

Dal nuovo album "Daddy's Home" una canzone che rende tributo a donne del monde dello spettacolo e della canzone che hanno condotto importanti battaglie e che sono spesso state osteggiate, in quanto donne e in quanto anticonformiste e impegnate. Vengono citate Jayne Mansfield, attrice di successo che parlava cinque lingue, suonava violino e pianoforte ma che viene ricordata per le sue foto provocanti su playboy e per la sua tragica morte, Joni Mitchell, Marylin Monroe, Tori Amos che ha avuto il coraggio di denunciare la violenza subita nella canzone Me and a Gun, e la grande Nina Simone a partire dalla sua prima e più celebre canzone di protesta, Mississippi Goddam.

The Melting of the Sun, la fusione del sole è un processo lunghissimo che impiega circa 10 miliardi di anni per esaurirsi, è quindi presa come simbolo di immortalità, ma anche dell'inevitabilità del progresso per quanto i tempi possano essere lunghissimi.
So sorry, missed the party
(continua)
23/5/2021 - 11:53
Video!

Not to Blame

(1994)
dall'album "Turbulent Indigo"
Al sax: Wayne Shorter

Sembra che questa invettiva contro un uomo famoso e violento sia diretta verso Jackson Browne, anche se le accuse contro il cantante non sono mai state dimostrate con certezza.
The story hit the news
(continua)
25/11/2020 - 22:41
Downloadable! Video!

Cherokee Louise

[1991]
Scritta da Joni Mitchell
Nell'album "Night Ride Home"
Cherokee Louise is hiding in this tunnel
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 9/10/2019 - 21:51
Downloadable! Video!

Ethiopia

[1985]
Scritta da Joni Mitchell
Nell'album "Dog Eat Dog"
Hot winds and hunger cries Ethiopia
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 9/10/2019 - 21:42
Downloadable! Video!

Tax Free

[1985]
Scritta da Joni Mitchell e Larry Klein
Nell'album "Dog Eat Dog"
La voce del televangelista è quella di Rod Steiger, quello de "Le mani sulla città" di Rosi e de "L'uomo del banco dei pegni" di Lumet, per intenderci...
Front rooms
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 9/10/2019 - 21:35
Downloadable! Video!

Lettera al figlio (Se)

La poesia originale di Kipling

Alcuni adattamenti musicali del brano:
Joni Mitchell on her 2007 album Shine.
Roger Whittaker under the title "A Song for Erik"
'If (When You Go)' by Judie Tzuke from the album Moon on a Mirrorball
Brand New on their album The Devil and God Are Raging Inside Me.
IF
(continua)
inviata da dq82 29/4/2015 - 14:44
Downloadable! Video!

Alessandro Ignazio Marcello: Concerto in Re minore per oboe, archi e basso continuo

[1716 o 1717]
Il “Concerto in Re minore per oboe, archi e basso continuo” - ed in particolare l’ “Adagio”, secondo dei tre movimenti di cui è composto - è l’opera più famosa di Alessandro Ignazio Marcello (1673-1747), intellettuale e compositore appartenente alla nobiltà veneziana dell’epoca.
Questo Concerto acquistò da subito una tale fama che Johann Sebastian Bach, solo una decina di anni dopo, ne fece una trascrizione per clavicembalo, il “Concerto n° 3 in re minore BWV 974”.

Propongo questo brano di musica classica non perchè sia di per sè contro la guerra, ovvio, ma perchè è stato utilizzato nella colonna sonora di parecchi film (compreso “Anonimo veneziano” di Enrico Maria Salerno), un paio dei quali sono ascrivibili al nostro specifico.

Il primo è “The Strawberry Statement” (“Fragole e Sangue”), film del 1970 che guadagnò il premio della giuria a Cannes e che è l’unico film significativo... (continua)
[Strumentale]
inviata da Bernart Bartleby 7/2/2014 - 19:33
Downloadable! Video!

Lakota

[1988]
Scritta da Joni Mitchell e Larry Klein
Nell’album intitolato “Chalk Mark in a Rain Storm”
I am Lakota!
(continua)
inviata da Bernart 16/8/2013 - 23:03
Downloadable! Video!

Sex Kills

‎[1994]‎
Album “Turbulent Indigo”‎

I pulled up behind a Cadillac
(continua)
inviata da Bartleby 1/2/2012 - 14:21
Downloadable! Video!

The Beat Of Black Wings

Dall'album "Chalk Mark In A Rainstorm" del 1988
I met a young soldier
(continua)
inviata da Renato Stecca 19/4/2009 - 11:49
Downloadable! Video!

The Tea Leaf Prophecy (Lay Down Your Arms)

[1988]
Album: "Chalk Mark In A Rainstorm"

Scritta da Joni Mitchell e Larry Klein

Azzardo un'interpretazione... e "se mi sbalio mi corrigerete!"

La giovane e bella Molly McGee è rimasta sola, proprio come tante altre ragazze inglesi, perchè tutti i ragazzi sono partiti per la guerra, quella contro i nazisti. Eppure Molly legge nelle foglie (o nei fondi) del tè che proprio lei andrà in sposa entro un mese. “’ste foglie sono pazze!”, commenta, “Guarda questa povera città: non è rimasto nessun uomo, solo vecchi e bambini!”. Ma ecco passare un giovane sergente pilota, e la profezia si avvera.

Probabilmente la storia dei genitori della Mitchell, lei che nacque nel 1943, proprio nel bel mezzo della seconda guerra mondiale. La madre, Myrtle McKee, si chiamava quasi come la protagonista del brano, ed il padre era un ufficiale della Royal Canadian Air Force.... Una storia d’amore come tante, due... (continua)
Study war no more
(continua)
inviata da Renato Stecca 19/4/2009 - 11:47
Downloadable! Video!

Shine

Album: Shine (2007)
Acoustic Guitar: James Taylor
Oh let your little light shine
(continua)
inviata da carles viadel 11/11/2008 - 19:09
Video!

Let's Get Together

this song is my favourite anti-war song...it really brings people together

Sono d'accordo con Trevor Minor... Let's Get Together (in origine semplicemente Get Together) è una delle più belle canzoni contro la guerra di sempre...
Per la cronaca, il brano fu scritto nel 1963 da Chet Powers, meglio noto con il nome d'arte di Dino Valente, leader dei Quicksilver Messenger Service.

Get Together è stata interpretata da molti artisti: The Kingston Trio, Jefferson Airplane, Linda Ronstadt, Joni Mitchell con Crosby, Stills & Nash, Nick Drake... ma la versione forse più nota è quella degli Youngbloods.

en.wikipedia
(Alessandro)
Love is but the song we sing,
(continua)
inviata da Trevor Minor 3/3/2007 - 08:18
Video!

Liberté

Poème de Paul Éluard (1942)
Poesia di Paul Éluard (1942)

Musica di Yvonne Schmitt (1964) - per la versione di Francesca Solleville

Interpretazione di Francesca Solleville, Joni Mitchell, Cristina Branco


Sur mes cahiers d'écolier
(continua)
inviata da Adriana e Riccardo 20/1/2007 - 14:16
Downloadable! Video!

Another Brick In The Wall Part I

Dall'album / From the album "The Wall" (1979)

Il primo mattone nel muro che Pink costruisce è il primo evento tragico che segna la sua vita: il padre che parte per la guerra lasciando solo un ricordo.
The first brick in the wall is the first bad experience in Pink's life: the father who goes to war "leaving just a memory".


THE WALL

L'idea di base dell'album e la maggior parte delle canzoni sono di Waters. Nell'album è raccontata la vita di un anti-eroe chiamato Pink (Floyd) che è martellato e maltrattato dalla società fin dai primissimi giorni della sua vita: avendo perso il padre (ucciso ad Anzio durante la Seconda Guerra Mondiale, proprio come il padre di Roger Waters), viene soffocato da una madre iperprotettiva e oppresso a scuola da insegnanti dispotici che cercano di plasmare lui e gli altri allievi in modo da renderli "normali", "adatti" e "utili" alla societa. Pink si rifugia... (continua)
Daddy's flown across the ocean
(continua)
29/8/2005 - 21:24
Downloadable! Video!

What Are Their Names

Album: If I Could Only Remember My Name (1971)

"I was ending my tour in Uncle's Army when the massacre at Kent and Jackson State happened. While in Uncle's army I had become radicalized and more anti-war, anti-military and anti-government each day, but this numbed me. Now the government was not only sending American youth to kill Asian youth but it was killing its' own children on college campuses...what's next?"

This was when the music and the message became louder and bolder. David Crosby of Crosby, Stills, Nash & Young released a solo LP later in 1970, If I Could Only Remember My Name, that would address issues such as drugs, love and war. In the song What Are Their Names Crosby wondered who the old men were who could send children off to war and perhaps we should pay them a visit. Backed by a who's/who of San Francisco musicians, this LP is perhaps the most creative music Crosby... (continua)
I wonder who they are
(continua)
15/12/2004 - 20:09
Downloadable! Video!

No Apologies

(1998)
Taming the Tiger

Non so se sia pertinente, tuttavia mi piace pensare che visto che nessuna "apology" e' stata presentata dal "general" neppure quando la "little girl" era una funivia italiana o un DC9 nei pressi di ustica...
La canzone e' della ultima Joni Mitchell, ormai in piena fase calante, purtroppo non tutti hanno la durata qualitativa di un De Andre'. [Marco Sopegno dal ng it.fan.musica.de-andre]
The general offered
(continua)
inviata da Marco "Slowdog" Sopegno
Downloadable! Video!

Goodbye Blue Sky

Dall'album / From the album "The Wall" (1979)

Per un'introduzione all'album, vedi Another Brick In The Wall Part I
For an introduction to the album, see Another Brick In The Wall Part I

Un'approfondita analisi di questa canzone e di tutto l'album si trova su THE WALL - A complete analysis.

Siamo all'inizio della seconda facciata, quella più claustrofobica, durante la quale Pink, mattone dopo mattone, completerà il muro che lo isolerà dal resto del mondo. Eppure musicalmente "Goodbye Blue Sky", dopo le tetre sonorizzazioni introduttive, possiede momenti di grande dolcezza grazie agli ottimi impasti vocali. Ma è solo un'impressione. L'atmosfera torna cupa e tetra con la voce di Gilmour che si libra sui bassi pesantissimi. Pink sta entrando inesorabilmente in un vicolo cieco.
(Sigfrido Menghini, da Onda Rock)


Nell'album di Roger Waters "The Wall - Live in Berlin" del 1990 la canzone è interpretata da Joni Mitchell.

"Look mummy, there's an aeroplane up in the sky"
(continua)




hosted by inventati.org