Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2017-8-15

Remove all filters
Video!

Love and Mercy

(1988)

Dal primo disco solista di Brian Wilson

I was in my piano room, playing "What the World Needs Now," and I just went into my own song…worked very hard to get out what was in my heart on that one…it’s a personal message from me to people.…We wanted people to be covered with love, because there’s no guarantee of somebody waking up in the morning with any love. It goes away, like a bad dream. It disappears. Mercy would be a deeper word than love. I would think love is a gentle thing and mercy would be more desperate, ultimately more desperately needed, thing in life. Mercy–a little break here and there for somebody who’s having trouble.…"Love and Mercy" is probably the most spiritual song I’ve ever written

Brian Wilson 2000 Liner Notes
I was sittin' in a crummy movie
(Continues)
2017/8/15 - 23:55
Video!

Dear Mr. Man

Album: Musicology (2004)
What's wrong with the world today?
(Continues)
2017/8/15 - 23:45
Video!

Echoes

(1969)

Album: Spirits Known And Unknown
There is a place where it's always spring,
(Continues)
2017/8/15 - 23:39
Video!

Butterflies

(2016)

Album: Ziggy Marley
testo trovato su Stop The War Coalition

Una bella canzone del figlio di Bob Marley sulla possibilità per gli umani di evolvere e di migliorare. Come un bruco diventa una farfalla, anche noi possiamo superare la guerra ma solo grazie all'amore. La canzone è accompagnata da un suggestivo video di animazione.
The battles you will win with arms
(Continues)
2017/8/15 - 23:28
Downloadable! Video!

Riflessioni

E' morto Alex Soresini, il reggae italiano in lutto
Il batterista degli Africa Unite aveva 44 anni. L'addio della band su Facebook: "Ciao Ale, il tuo drumming rimarrà inconfondibile"

La musica italiana in lutto: è morto il batterista del reggae italiano Alessandro Soresini. Aveva da poco compiuto 44 anni e da 7 anni aveva sostituito alla batteria degli Africa Unite Davide Graziano. In passato era stato membro dei Reggae National Tickets e degli Smoke. Moltissime e prestigiose le collaborazioni nel corso degli anni con i Casino Royale, Neffa, Giuliano Palma, Nina Zilli, Princess Nubians. La sua band lo ha salutato con un post su Facebook: "Ciao Ale, abbiamo passato dei bellissimi momenti insieme abbiamo condiviso della musica che tu sei sempre riuscito ad arricchire con il tuo ritmo e la tua attitudine. Il tuo drumming era e rimarrà inconfondibile, siamo onorati ed orgogliosi di averti avuto... (Continues)
Dq82 2017/8/15 - 20:57
Video!

Amen

Album: Ziggy Marley (2016)
Verily I say amen, amen. Verily I say amen, amen.
(Continues)
2017/8/15 - 17:05
Video!

Neighborhood Bully

Confondere o fondere l'arte o la scienza con la politica è diventata un'attività predominante in certa sinistra. Ma ne l'una né l'altra, quando sono vere, hanno a che vedere con le varie ideologie e ancor di più con la democrazia. Gli orrori ed errori commessi nella storia non hanno colore politico: vanno ripudiati da chiunque li commetta e se un artista del calibro di Dylan o di De Andre lo fa con l'onesta' intellettuale che li distingue c'è poco da dire.
Ciro 2017/8/15 - 17:05
Video!

Son a Lumumba

1961
Carlos Puebla canta al pueblo

La canzone, per la musica un tradizionale son cubano, è dedicata a Patrice Lumumba, politico, primo presidente eletto del Congo, ucciso con la connivenza delle potenze occidentali per le sue posizioni antisecessioniste (il Belgio cercava di favorire la secessione della regione mineraria del Katanga), anticolonialiste, antimperialiste e filocomuniste.
El crimen imperialista
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/15 - 15:10
Video!

Czerwone maki na Monte Cassino

RED POPPIES ON MONTE CASSINO
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/15 - 11:19
Video!

In the Hands of Love

1987
Remembrance Days
Well the truth was told, written on the mountains
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/15 - 10:34
Song Itineraries: Poppie: an Antiwar flower?
Video!

In Exile (for Rodrigo Rojas)

1987
Remembrance Days

Rodrigo Rojas De Negri, fotografo e studente di 19 anni alla Woodrow Wilson High School di Washington, era tornato in Cile nel maggio del 1986 per conoscere il suo paese di origine. Era nato in Cile, ma era cresciuto a Washington poiché la madre, Verónica De Negri era stata imprigionata, torturata ed espulsa dal paese dopo il colpo di stato dell’11 settembre del 1973 che aveva destituito Allende e portato al potere Pinochet. Nel 1977, con i due figli Rodrigo e Pablo, si era stabilita negli Stati Uniti.

La mattina del 2 luglio del 1986 Rodrigo Rojas prese parte a una manifestazione indetta contro la dittatura in un quartiere operaio di Santiago. Tre pattuglie di militari intercettarono il gruppo di fotografi di cui Rojas faceva parte: quasi tutti riuscirono a fuggire ma Rodrigo Rojas e una studentessa, Carmen Gloria Quintana, che all’epoca aveva 18 anni, furono invece... (Continues)
 I, I was never very young
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/15 - 10:12

Piazza della Loggia

segnalo, dopo Pound anche Junger
https://www.pressreader.com/italy/libe...

Ma perché a uno così si consente di partecipare a convegni sulla strage fascista di Brescia, scrivere la prefazione alla biografia (impropriamente chiamata “diario”) di Bobby Sands o magari citare a sproposito Buenaventura Durruti?

GS
gianni sartori 2017/8/15 - 08:56
Video!

Trenches

1997
Blues for the Lost Days
In the middle of summer nineteen fourteen
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/14 - 23:58
Video!

Arlington '73

1982
Well Forked But Not Dead (Christ: The Album)
-D'ya know what I just realized?
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/14 - 23:39
Song Itineraries: Poppie: an Antiwar flower?

Floating Down

2017
We're All Alright!
Sometimes I'm falling down
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/14 - 23:23
Video!

Out of Sight Out of Mind

2002
Order of the Leech
The pulse of the world when it stopped for a day
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/14 - 22:48
Video!

Continuing War on Stupidity

2002
Order of the Leech
There's only one war to end all war
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/14 - 22:42
Song Itineraries: George Walker Bush II
Video!

Walls (Siege)

1989
Peel Sessions

Mura antiche come la storia, muri di confine e muri di segregazione: abbattiamo tutti i muri... questa canzone ha quasi 30 anni ma è quanto mai attuale
Walls that part humanity
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/14 - 22:31
Video!

Multinational Corporations

1989
Split: Napalm Death/S.O.B.
MULTINATIONAL CORPORATIONS PART. 2
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/14 - 22:23
Video!

From Enslavement to Obliteration

[1988]
Nell’album intitolato “From Enslavement to Obliteration”
Commited to a life of slavery
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/14 - 22:15
Video!

Cadaver Pouch Conveyor System

2013
Surgical Steel
Bloodlustmord
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/14 - 22:01
Video!

Third Crusade

2011
The Nomad Series, Volume 3: Sing in My Meadow
King Richard came upon them 
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/14 - 21:46
Video!

Remember

1981
Camera camera
I have her letters
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/14 - 19:45
Video!

Over the Rainbow

Stefano Rosso la incise in "Live at the Station" nel 1999

Over the rainbow
Dq82 2017/8/14 - 18:49
Video!

Greensboro Massacre

[1980s]
Parole e musica di Bob A. Feldman, songwriter di Boston, Massachusetts, che ha scritto decine di canzoni tutte di dominio pubblico.

A protest folk song from the early 1980s about the massacre of five labor-movement activists at an anti-Ku Klux Klan (KKK) rally in Greensboro, North Carolina on November 3, 1979.

[…] Lo slogan “Death to the Klan” emerse prepotentemente negli anni ’70, mentre i cavalieri del Klan si diffusero in tutti gli Stati Uniti, favorendo così l’espansione di altri gruppi del Klan, come Invisible Empire. La nuova ondata organizzativa del Klan ha giocato un ruolo rilevante nelle comunità del Sud degli States, come a Greensboro, North Carolina. Un gruppo di sinistra denominato Communist Workers’ Party nel 1979 organizzò un’opposizione militante ed antirazzista al Klan. Per coloro i quali oggi tentano di organizzare una difesa della comunità, l’eredità di Greensboro... (Continues)
The Klan arrived
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2017/8/13 - 21:54
Video!

Il pappagallo

(1973)
Testo di Vinícius De Moraes, Sergio Endrigo, Sergio Bardotti
Musica di Luis Bacalov e Sergio Endrigo
dal disco "L'Arca"

Nel 1973 Endrigo collabora con De Moraes a un disco che raccoglie dodici canzoni per bambini dedicate agli animali, alcune delle quali traduzioni di canzoni brasiliane. Al disco collaborano vari gruppi: The Plagues, Marisa Sannia, i Ricchi e Poveri, Vittorio De Scalzi dei New Trolls.

Come ricorda Vito Vita, "Il pappagallo", è però solo all'apparenza una canzone per bambini ma in realtà parla metaforicamente del Brasile, in quel periodo sotto una feroce dittatura militare ("Pappagallo brasiliano / il Brasile è ormai lontano: / tu che libero sei nato / te ne sei dimenticato"), e non a caso il brano è stato riproposto dal vivo da Alessio Lega.
Ma che bello pappagallo
(Continues)
2017/8/13 - 21:31
Video!

Drummer Hodge

1899
Literature

Scritta appena dopo l'inizio della seconda guerra anglo-boera. Narra di un soldato seppellito senza troppe cerimonie, in un ambiente ostile e lontano da casa

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)

by Garth Baxter (b. 1946), "Drummer Hodge" [satb chorus and piano], from The Battle Cry, no. 4.

by John Edmunds (1913 - 1986), "The Drummer", published
They throw in Drummer Hodge, to rest
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/13 - 20:35
Video!

Giorgio Perlasca

2003
A thing so real


Quella di Giorgio Perlasca è la straordinaria vicenda di un uomo che, pressoché da solo, nell’inverno del 1944-1945 a Budapest riuscì a salvare dallo sterminio nazista migliaia di ungheresi di religione ebraica inventandosi un ruolo, quello di Console spagnolo, lui che non era né diplomatico né spagnolo.
Tornato in Italia dopo la guerra la sua storia non la racconta a nessuno, nemmeno in famiglia, semplicemente perché riteneva d’aver fatto il proprio dovere, nulla di più e nulla di meno.
Se non fosse stato per alcune donne ebree ungheresi da lui salvate in quel terribile inverno di Budapest la sua storia sarebbe andata dispersa. Queste donne, a fine degli anni ’80 misero sul giornale della Comunità ebraica di Budapest un avviso di ricerca di un diplomatico spagnolo, Jorge Perlasca, che aveva salvato loro e tanti altri correligionari durante quei mesi terribili della... (Continues)
Italy was far behind me even if I could be warned
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/13 - 20:02
Song Itineraries: Extermination camps
Video!

Les poètes

I POETI
(Continues)
2017/8/13 - 18:45

Canzone della vecchia miniera

Anonymous
Lo sfruttamento nelle miniere della Valle Strona risale storicamente ai secoli dell’alto medio – evo. Di questa attività, importante nell’economia della valle ( ebbe grande sviluppo sotto la dominazione degli Sforza), oggi non è rimasto che il ricordo di un epopea di fatica e di sacrifici durissimi. Ma non sono molti anni che gli ultimi cavatori di nichelio hanno lasciato le miniere di Campello.
Questa canzone dedicata a Santa Barbara, accompagnava il passo cadenzato dei minatori, quando scendevano nelle gallerie, Una versione simile( forse per la presenza ,tra gli ultimi minatori, di lavoratori bresciani) è stata raccolta dai fratelli Bregoli, minatori di Pezzane in Val Trompia.
Da : Canti popolari del Cusio
Fin da giovane ho sempre lavorato
(Continues)
Contributed by adriana 2017/8/13 - 11:41

O bruno partigiano di Val Strona

Anonymous
Inno della Brigata Beltrami, nata sulle montagne della Val Strona.
Il testo fu composto forse dallo stesso Capitano Beltrami, o forse da qulacuno dei suoi uomini
Da : Canti popolari del Cusio
O bruno partigiano di Val Strona,
(Continues)
Contributed by adriana 2017/8/13 - 10:58
Video!

Kalašnjikov

As a Russian, I can only transcribe the Latin text to Cyrilic but cannot verify the language.
Цигани! Јуриш!!!
(Continues)
Contributed by Šurik 2017/8/13 - 02:23
Video!

Red Alerta

(2017)

feat. ToteKing, Green Valley, Aziza Brahim & Shahira Amin

Singolo in sostegno alla Comisión Española de Ayuda al Refugiado (Cear).

"En la semana de la tragedia del mar de Alborán, donde han perdido la vida 49 personas, la única respuesta de nuestros gobernantes ha sido la de criminalizar a las ONG que están tratando de salvar las vidas y ponerles trabas en una labor que es responsabilidad de los estados"

Estrella Galán, secretaria general de Cear.
Red alerta
(Continues)
2017/8/12 - 16:53
Video!

El informe del forense

Album: Sin noticias de Holanda (2003)
Ella luchó, con todas sus fuerzas
(Continues)
Contributed by Simone S 2017/8/12 - 11:43
Downloadable! Video!

Nordest

ייִדישע איבערזעצונג פֿון ריקאַרדאָ װענטורי
(מיט טראַנסקריבירונג)
12.8.2017 00:24
צפֿון־מיזרח [1]
(Continues)
Contributed by ריקאַרדאָ װענטורי 2017/8/12 - 00:24
Video!

Brothers

(2017)

Album: Dark Matter

1961. John F. Kennedy e il fratello minore Bobby sono alla Casa Bianca. E JFK spiega al fratellino la sua fantastica idea di invadere Cuba con una spedizione alla Baia dei Porci. Ma perché? Perché l'Unione Sovietica potrebbe installare dei missili a Cuba? Per salvare l'isola dal comunismo? Ma no! Per prendersi Celia Cruz e portarla negli Stati Uniti!
Hey, Bobby
(Continues)
2017/8/11 - 23:34

Antonio

Antonio

Chanson française – Antonio – Marco Valdo M.I. – 2017



Voici, Lucien l’âne mon ami, une nouvelle chanson léviane – autrement dit, si tu t’en souviens, une chanson inspirée des récits de Carlo Levi. Je ne pourrais plus te dire si elle est tirée de « L’Orologio » ou du « Quaderno a cancelli ». En tout cas, elle ne vient ni de ma relecture de « Paura della Libertà », ni de celle que j’ai faite il n’y a pas si longtemps de « Cristò si è fermato a Eboli » ; elle s’intitule « Antonio ». Elle aurait pu s’intituler aussi bien Giovanni, Roberto, Silvio, Fortunato ou Francesco, mais voilà, elle s’intitule Antonio. En fait, cet Antonio est une sorte de silhouiette quelconque, un personnage qualunquiste, un « Nobody », un inconnu, cet inconnu du coin qu’on connaît de vue. Peut-être est-ce un « fanullone », un bon à rien ou alors, un honnête citoyen. Allez savoir avant d’avoir réfléchi à ce... (Continues)
Certainement, vous le connaissez,
(Continues)
Contributed by m 2017/8/11 - 15:57
Downloadable! Video!

Se non li conoscete

Avanzi
di Alessandra Daniele

Da “Basta tasse” ad “Aiutiamoli a casa loro”, Avanti, il presunto nuovo libro-manifesto politico di Matteo Renzi, è fatto con gli avanzi della Lega.
La cosa non dovrebbe stupire nessuno.
Sotto la verniciata ipocrita di fuffa politically correct, il Cazzaro è sempre stato profondamente reazionario, e lo hanno abbondantemente dimostrato tutte le sue iniziative politico-economiche, dal Jobs Act all’abolizione dell’Articolo 18, da Salvabanche e Pacchetti Sicurezza, al tentativo di smantellare la Costituzione antifascista per istituire una dittatura della maggioranza relativa, dall’alleanza organica coi Marchionne e i Berlusconi, all’arrogante disprezzo che ha sempre dimostrato nei confronti di sindacati e movimenti, dei rari giornalisti non leccaculo, e in definitiva di chiunque e qualsiasi cosa anche solo d’un millimetro alla sua sinistra, compresi gli innocui... (Continues)
daniela -k.d.- 2017/8/11 - 14:01

Ottave in rima per Lorenzo Bargellini detto "Mao"

In ricordo di Mao Bargellini
di Antonio Riga

Il 4 giugno a Firenze, a 59 anni, è morto di infarto Lorenzo Bargellini, storico leader del Movimento di lotta per la casa di Firenze.

“Partito da Lotta Continua, Bargellini occupava illegalmente i palazzi vuoti, consegnandoli ai senzatetto. Poi le manifestazioni in piazza per il diritto alla casa, i picchetti all’alba per impedire gli sfratti. Era soprannominato Mao dagli amici, più volte sanzionato penalmente per le sue irruzioni. Svolgeva i lavori socialmente utili per scontare le tante condanne”, così la cronaca fiorentina on line.

Lorenzo Bargellini era nipote di Piero Bargellini, il sindaco dell’Alluvione del ’66, ma ad una vita comoda e garantita ha preferito, per dirla in breve, la lotta di classe.

Sul suo profilo F.B. campeggia una foto in limpido B&N metà ’70, alla testa di un corteo, capelli lunghi e braccia tese sulla spranga.

Y.T.... (Continues)
daniela -k.d.- 2017/8/11 - 13:42
Downloadable! Video!

Soldatino

[2016]

Tratto dall'album: NEMO PROFETA
Testo e musica di Salvatore Nocera

SOLDATINO. La follia della guerra, in questo brano, è trattata con estrema semplicità intellettuale ed emotiva. Rievocando uno schema di canti fanciulleschi molto ricorrente nella tradizione popolare, ironicamente è affrontato un tema tanto scabroso e delicato. Uno solo fa la guerra mentre migliaia di sacrifici umani costellano uno scenario sempre più tragicamente attuale.
Unu che è lu re,
(Continues)
Contributed by Pupi di Surfaro 2017/8/11 - 09:05
Downloadable! Video!

'Gnanzou

[2016]

Tratto dall'album: NEMO PROFETA
Testo e musica di Salvatore Nocera

Con la collaborazione straordinaria del musicista senegalese Jali Diabate. È il verso della “Cialoma”, il canto che accompagnava e guidava la pesca del tonno rosso nelle tonnare della Sicilia, quella che viene chiamata la “Mattanza”. Il mare si tingeva del rosso del sangue dei grossi pesci, creando uno scenario surreale e sconcertante. A questa suggestione ci siamo ispirati per l’idea del brano. Con questa metafora vogliamo raccontare l’ecatombe del Mediterraneo. Milioni di migranti che scappano dalla guerra, dalla fame, dal terrore, e, attraversando l’inferno del mare, in condizioni disumane, pregano e si aggrappano all’unico appiglio che gli rimane: la speranza di arrivare al di là di quell’orrendo mostro che minaccia di inghiottirli e restituirli alla loro sorte, troppo spesso, infausta e spietata.

Vittime del... (Continues)
Ah, prigamu ca lu mari dorma,
(Continues)
Contributed by Pupi di Surfaro 2017/8/11 - 08:27
Video!

Au nom de tous les enfants

[1985]
Scritta da Linda de Suza (autrice ed interprete di origine portoghese) e Michel Jouveaux (prolifico autore-compositore del pop francese)
Interpretata da due bambini, tali Damien Archangeli e Deborah (forse la sorella? O la figlia dell’autore Michel Jouveaux?)
Testo trovato su Bide & Musique
Au nom de tous les enfants
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2017/8/11 - 08:19

Quannu diu fici a tia...

Testo e musica di Salvatore Nocera

Questo brano nasce come uno studio ed un omaggio all’opera di Bernardino Giuliana (fu poeta della nostra terra): Mi piaci ‘a libertà. Gli uomini come le bestie. Peggio delle bestie. Un quadro a tinte forti di un’umanità bestiale. “Ognunu armali cu’ la propria razza, artari di crita, banneri di pezza...”. Schiavi delle ideologie e dei vizi… “In nome di dio si scanna e s’ammazza…”. Un inno inverso alla bestialità. Schiavi della grettezza e la rassegnazione. “L’ignoranza ammazza ‘a libertà”.
Quannu Diu fici a tia
(Continues)
Contributed by Pupi di Surfaro 2017/8/11 - 08:18
Downloadable! Video!

Li me' paroli

LI ME’ PAROLI.
testo e musica di Salvatore Nocera
Il primo singolo.

Brano vincitore del Premio Andrea Parodi 2016, secondo al Premio Fabrizio De Andrè 2016, trionfatore al Tour Music Fest 2016.
La parte introduttiva cita Ignazio Buttitta (U pueta ‘nta chiazza).

È un brano schierato, di parte. Contro la globalizzazione. La massificazione della cultura. Contro la politica, la religione. Contro la società ipocrita e borghese. Contro la guerra, l'egoismo, il qualunquismo. Contro l'informazione falsa e la verità corrotta. Contro chi ci propina il progresso e ci rimane solo l'ignoranza. Contro le gabbie, le false libertà. Contro tutto. Solo per essere contro. Solo per non aderire a quegli ideali di mediocrità, di banalità, di identicità, che la società moderna ci vuole imporre. Solo per non essere belli, buoni e inoffensivi.
Braccianti, cumpagni,
(Continues)
Contributed by Pupi di Surfaro 2017/8/11 - 07:37
Downloadable! Video!

Nordest

Chanson italienne (Veneto Goriziano) – Nordest – Francesco Pelosi – 2016

Francesco Pelosi : originaire de Parme, né le jour de la Toussaint de l’orwellienne 1984, haut d’environ deux mètres, nanti d’une paire de rouflaquettes dignes du Risorgimento, une voix qui décape, excellent guitariste et capable de chanter et d’écrire dans tout dialecte italien d’Aoste au Cap Passero. En synthèse. De quelque temps déjà, il fait partie de ce qu’informellement j’appelle la « Banda degli Incliti & Sommersi Cantautori Italiani del XXI Secolo – Bande des Auteurs-compositeurs italiens du XXI Siècle glorieux & méconnus », une bande décidément mobile et variable ; ainsi, on croise Pelosi de Parme en trio avec Lega et Giromini, avec Giromini et Rocco Rosignoli, tout seul, parfois, il y a l’autre Rocco (Marchi) qui joue de tout comme Otto et Barnelli (à propos, un « salut » éternel à ce dernier) y compris... (Continues)
NORDEST
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2017/8/10 - 21:52




hosted by inventati.org