Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2016-9-16

Remove all filters
Downloadable!

Tabratt i lhukem

da Unsongs, compilation di canzoni censurate da tutto il mondo.

Written by the Algerian-born Kabyle singer, poet and freedom fighter Lounes Matoub. Translation by Pål Moddi Knutsen and Maren Skolem. The melody is based on the Algerian national anthem.
OPEN LETTER
(Continues)
2016/9/16 - 16:06
Video!

Der kleine Trompeter

Anonymous
1925

Am 13. März 1925 kam Ernst Thälmann zu einer Wahlkundgebung nach Halle. Ein Polizeikommando hinderte ihn, zu den 8000 Versammelten zu sprechen. Polizisten feuerten in die Menschenmenge. Unter den 9 Toten befand sich der 27jährige Fritz Weineck aus dem Spielmannszug des Roten Frontkämpferbundes. Als die Opfer des Polizieüberfalls zu Grabe getragen wurden, folgten Zehntausende ihren Särgen. Alle grösseren Halleschen Betrieb standen still.
Testo trovato su kommunisten.ch


wikipedia

1966

A cura di Michele Straniero
Von all meinen Kameraden
(Continues)
Contributed by dq82 2016/9/16 - 14:47
Downloadable! Video!

Путин зассал

da Unsongs, compilation di canzoni censurate da tutto il mondo.
Per questa versione il cantante ha usato una melodia di Rachmaninoff

Translated by Pål Moddi Knutsen and Maren Skolem. Music by Sergei Rachmaninoff, new arrangement by Pål Moddi Knutsen.
PUNK PRAYER
(Continues)
2016/9/16 - 14:43
Video!

Büxensteinlied (Im Januar um Mitternacht)

Anonymous
Gennaio 1919
Canzone della lega spartachista
Das “Büxensteinlied” entstand in den Januarkämpfen 1919 im Berliner Zeitungsviertel. Die Arbeiter verteidigten die Druckerei Büxenstein gegen die Truppen des SPD-Wehrministers Gustav Noske. Auf dessen eigenen Worte bei der Niederschlagung der Arbeiter (“Einer muss der Bluthund sein”) spielt die 3. Strophe an. Die Verse stammen vom Schlosser Richard Schulz, später Redakteur der “Roten Fahne”. Nach Weise eines nationalistischen Soldatenlieds von 1915 (“Argonnerwald, um Mitternacht”).
Testo trovato su kommunisten.ch


1966

A cura di Michele Straniero

testo di Schlosser Richard Schulz, poi direttore della "Bandiera Rossa".
Musica da "Argonnerwaldlied" inno nazionalista della I guerra mondiale (1915) poi ripresa anche dal regime nazista
Im Januar um Mitternacht
(Continues)
Contributed by dq82 2016/9/16 - 14:33
Video!

Fiori marci nei fucili

ROTTEN FLOWERS IN THE GUNS
(Continues)
Contributed by dq82 2016/9/16 - 11:05
Video!

Bandiere da bruciare

FLAGS TO BURN
(Continues)
Contributed by dq82 2016/9/16 - 11:04
Downloadable! Video!

Belfast Brucia Negli Occhi Di Sara

BELFAST BURNS IN SARA'S EYES
(Continues)
Contributed by dq82 2016/9/16 - 11:03
Video!

Berlino Est 1980

EAST BERLIN 1980
(Continues)
Contributed by dq82 2016/9/16 - 11:01
Downloadable! Video!

Il disertore

THE DESERTER
(Continues)
Contributed by dq82 2016/9/16 - 10:41
Video!

Κάποτε θα 'ρθουν

The music of this song is written by George Theodorakis (son of Mikis Theodorakis), not by Mikis Theodorakis.
Deadman Walking 2016/9/16 - 10:11

Canto dei presentati

Anonymous
[1944]
Testo pubblicato su “Il Ribelle”, organo di stampa delle Brigate Fiamme Verdi, formazioni partigiane di orientamento cattolico. Brescia, 1 dicembre 1944.
L’anonimo autore si firmava con “Z.” ed era certamente un integrante della formazione partigiana Divisione Fiamme Verdi “Tito Speri” operante nel bresciano e intitolata ad un patriota risorgimentale

Per “presentati” s’intendono i combattenti partigiani che dopo il proclama del 13 novembre 1944, con cui gli Alleati annunciavano l’attestamento sulla Linea Gotica e la sospensione delle operazioni militari per l’arrivo dell’inverno, sfiduciati, stanchi, a corto di viveri e armi, incalzati dai nazi-fascisti, abbandonarono la lotta armata consegnandosi al nemico. Per fortuna il successivo 2 dicembre il comando del Corpo volontari della libertà diramò un comunicato in cui spiegava che l’annuncio alleato non era da interpretarsi come un... (Continues)
Quando noi siamo arrivati
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/9/16 - 09:41
Video!

Alles verändert sich

KAIKKI MUUTTUU
(Continues)
Contributed by Juha Rämö 2016/9/16 - 09:16

Marschlied 1945

“Su un piccolo palcoscenico si susseguono gag, recite di testi letterari, danze grottesche e parodie di opere liriche. Poi si presenta in scena una giovane donna dai capelli neri, lo sguardo fiero; sta ritta in piedi davanti a un carro armato distrutto, avvolta in un vecchio cappotto, zaino sulle spalle, una vecchia valigia in mano. Intona una marcetta che via via aumenta di volume.

È il Marschlied ’45. Ebbe subito un successo trionfale grazie al suo ritmo martellante e alla bravura dell’interprete, Ursula Herking. Divenne subito l’inno del Kabarett rinato dalle macerie. La sera della “prima”, la Herking, che della Schaubude divenne in breve la star, cantò la marcetta scritta da Erich Kästner con il cuore in gola. Era la prima canzone satirica che andava in scena a Monaco dopo tanti anni di silenzio. Come avrebbe reagito il pubblico? Appena si spense l’ultima nota, ci fu un silenzio di tomba.... (Continues)
MARCETTA 1945
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/9/15 - 19:22
Downloadable! Video!

Le Déserteur

ITALIANO / ITALIAN [13] - Saray

Versione rap italiana di Saray, che riprende la prima versione di Vian
Italian rap version by Saray, based on the first version of the song
Version italienne rappée par Saray, basée sur la première version de la chanson


IL DISERTORE
(Continues)
Contributed by dq82 2016/9/15 - 18:35
Video!

Oltre il fiume

2016
DerWald - Volume1

Una fuga dalla guerra. Forse una diserzione?
Comunque ben tornato Gianluca Bernardo
Mano a mano che andiamo a fondo
(Continues)
Contributed by dq82 2016/9/15 - 17:23

Colore

2015
Lotux

Brano con cui gli "A tea with Alice" hanno partecipato al concorso "Voci per la libertà 2016"
Sotto me il blu
(Continues)
Contributed by dq82 2016/9/15 - 11:37
Video!

Pindaro

2015
Dante Francani

Dante Francani: voce e pianoforte.
Daniele Mencarelli: contrabbasso.
Daniele Falasca: fisarmonica.
Mauro De Federicis: chitarre.
Son tante quelle notti in cui ripenso
(Continues)
Contributed by dq82 + Lorenzo 2016/9/15 - 10:46
Video!

Ode all'Anarchia

2015
Dante Francani

Dante Francani: voce e pianoforte;
Daniele Mencarelli: contrabbasso;
Daniele Falasca: fisarmonica;
Mauro De Federicis: chitarre.
L'anarchia è un sentimento non certo una filosofia
(Continues)
Contributed by dq82 2016/9/14 - 16:40
Video!

1944

Su Lyricstranslate la canzone tradotta in una cinquantina di lingue
dq82 2016/9/14 - 14:59
Video!

Tuta blu (o La ballata dell'operaio)

2015
Dante Francani

La sua canzone “Tuta blu o la ballata dell'operaio” raggiunge in pochissimi mesi oltre 8.000 visualizzazioni,così da attirare l'attenzione del tg3 regionale che gli dedica,il 24 dicembre 2012,un servizio di circa 5 minuti,così come scrivono articoli sul cantautore-operaio tutti i giornali del territorio(Il Centro, Eidos, Lo Strillone, City Rumors)
La sveglia
(Continues)
Contributed by dq82 2016/9/14 - 12:16
Video!

I piedi più belli del mondo

2016
La macchina del tempo

Una storia d'emigrazione, il dramma dell'emigrazione non è vissuto solo da chi parte, lontano dalla sua famiglia, ma anche da chi rimane, tipicamente le donne.
Una storia di emigrazione dall'Irlanda a Londra, il marito torna solo per Natale, tanto che Mary McNamara ha ben 4 figli, tutti nati a settembre intorno al 24.
Liberamente tratta da un racconto tratto da Diario d'Irlanda di Heinrich Böll.

In "Diario D'Irlanda" di Heinrich Böll c'è questo racconto, "I Piedi più belli del Mondo", che parla di Mary McNamara, la donna della canzone, che vive sola, con quattro figlioli settembrini (perché il marito torna a casa solo a Natale) e che possiede i piedi più belli del mondo. E' un racconto meraviglioso che ho indicato per anni come uno dei più belli che io avessi mai letto senza aver mai pensato di scriverci una canzone malgrado, il racconto stesso dica che i... (Continues)
Al di là di paludi e boschi la scogliera immensa
(Continues)
Contributed by dq82 2016/9/14 - 11:50
Video!

Andrea

Ci sono già tre versioni in inglese, sono tutte valide ma mi è sembrato opportuno aggiungere questa che, al contrario delle altre, ha il pregio di essere cantabile.

There are already three English versions, they're all quite good but I thought it would be worthwhile to add this one which, contrarily to the others, may be sung to the music.
ANDY
(Continues)
Contributed by Damiano Mazza 2016/9/13 - 23:04
Video!

La guerra di Piero

INGLESE / ENGLISH [3]

Versione inglese di Damiano Mazza

Questa versione è in metro e con lo stesso schema di rima dell'originale (eccetto la seconda strofa, che in originale è ABBA anziché AABB). Ho cercato di preservare il più possibile il senso letterale dei singoli versi, ottenendo nonostante tutto qualcosa di relativamente cantabile, forse ad un tempo leggermente più lento dell'originale.
PETE'S WAR
(Continues)
Contributed by Damiano Mazza 2016/9/13 - 22:49
Video!

San Basilio rivolta di classe

Comitato proletario Fabrizio Ceruso di Tivoli e Comitati autonomi operai di Roma
Il titolo è: Rivolta di classe. Facciata b di un 45 giri a cura dei Comitati Autonomi Operai di Roma e Comitato proletario F.Ceruso di tivoli.
L'altra canzone era A Fabrizio Ceruso
2016/9/13 - 19:18
Video!

The Foggy Dew

Anonymous
da Terre Celtiche di Cattia Salto
La traduzione e' la stessa di quella inserita in precedenza (eccetto per la strofa mancante tradotta diversamente) ma la reinseriamo perché corredata di note.
LA NEBBIA DEL MATTINO
(Continues)
2016/9/13 - 14:11
Video!

Masa

Nel film del 2005 di Giorgio Diritti "Il vento fa il suo giro" questa poesia viene recitata dal sindaco del paese durante il funerale di un suicida. Una scena molto toccante che fa riflettere su quanto l'Amore Universale e la Parola siano fondamentali per l'Uomo e la sua continuità sul pianeta.
Paolo RosazzaP 2016/9/13 - 07:19
Video!

Il Cantico dei Matti

Nizza - Ma perché l'avevo mandata non finita quella volta ?

(non lo sappiamo, abbiamo eliminato comunque la vecchia versione...) [CCG Staff]
LE CANTIQUE DES FOUS
(Continues)
Contributed by Daniel(e) Bellucci - 12092016 - Nizza - Ma perché l'avevo mandata non finita quella volta ? 2016/9/12 - 23:58

Hans im Glück

Chanson allemande – Hans im Glück – Erika Mann – 1934
Poème d’Erika et Klaus Mann
Musique de Magnus Henning (1904-1995), compositeur et pianiste bavarois
Dans le spectacle de cabaret intitulé « Die Pfeffermühle », « le Moulin à poivre », imaginé par Erika et Klaus Mann, avec la collaboration de Walter Mehring et de Wolfgang Koeppen, et interprété par la même Erika, son amie Therese Giehse et d’autres acteurs et de danseurs (Lotte Goslar, Sybille Schloß, Cilli Wang et Igor Pahlen.)



Pour cette chanson du « Moulin à poivre », Erika Mann emprunta le titre d’un conte des frères Grimm (chez nous « Jean la Chance », l’idiot qui finit par troquer un énorme lingot d’or contre un tas de pierres, et trouve dans le fait de n’avoir plus rien le bonheur et la liberté) et en fit une réflexion sur le déracinement progressif et très rapide que beaucoup d’artistes, écrivains et intellectuels allemands,... (Continues)
HANS LA CHANCE
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2016/9/12 - 20:04

Das Lied vom Hasse

[1841]
Versi di Georg Herwegh, poeta tedesco, socialista rivoluzionario.
Trovo il brano in “Bauernkrieg 1525 Weberaufstand 1844” di Ernst Busch (1964),

Forse è un po’ troppo proporre sulle Antiwar Songs una “Canzone dell’Odio”, ma l’odio di Herwegh - poeta tedesco, antitautoritario, insubordinato e rivoluzionario per tutta la vita, fin dall’espulsione da tutte le scuole di ogni ordine e grado e dalla diserzione per incompatibilità con la disciplina militare – è qui rivolto contro re, tiranni e potenti della Terra, è un invito a reagire ad ogni sfruttamento e sopruso e a riconquistare la libertà, “con ogni mezzo necessario”
Wohlauf, wohlauf, über Berg und Fluß
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/9/12 - 16:25
Video!

Chant des journées de mai

Mancano gli ultimi due versi:

«[...] l'aliénation étatique
Ay Carmela Ay Carmela»
Faber 2016/9/12 - 16:03
Video!

Es ist doch ein friedlicher Ort

RAUHAN TYYSSIJA
(Continues)
Contributed by Juha Rämö 2016/9/12 - 10:24
Video!

Anniversary

Nell'album "Beauty & Crime" (2007)

Un anno dopo gli attentati dell'undici settembre 2001, la cantautrice Suzanne Vega si ritrova a ripercorrere le strade di New York battute da un vento inquietante, ripensando a chi aveva perso la vita un anno prima, scrive questa toccante canzone.
Fall and all attendant memories
(Continues)
2016/9/11 - 22:59
Video!

Figli come noi

Cari Luca e Guido, il testo riportato è quello cantato e riportato nel video ufficiale con cui è stato presentato il brano, nell'aprile 2015, quindi un anno prima che venisse poi pubblicato in "Fiore de niente".
Evidentemente successivamente Daniele Coccia ha modificato quel verso.
dq82 2016/9/11 - 16:49




hosted by inventati.org