Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2016-8-19

Remove all filters

Wer hütet uns bei Tag und Nacht (Der Posten)


Des nouvelles d’Alfred Schrappel

Comme je retravaillais cette chanson pour l’insérer dans les Histoires d’Allemagne, j’ai été gêné par le fait qu’il y avait une discordance énorme entre le texte de la chanson et son attribution à un « gardien inconnu » du K.Z. de Colditz, d’autant qu’en 1933, les camps improvisés pour y mettre les opposants au nazisme (anarchistes, socialistes, communistes…) étaient gardés par des S.A. ou des S.S., dont l’humour et l’autodérision n’étaient pas la principale vertu.

J’ai donc fait une nouvelle recherche, dont voici le résultat.

Une première remarque est que lorsque j’avais établi la version française de cette chanson, je m’étais contenté de traduire le commentaire italien. Ce fut sans doute une erreur ; à tout le moins, j’aurais dû le vérifier. Mieux vaut tard que jamais.
Donc, comme il était dit par le commentateur italien de la chanson qu’Alfred Schrapppel... (Continues)
Marco Valdo M.I. 2016/8/19 - 23:43
Video!

Non spingete, scappiamo anche noi

Grazie ai recenti contributi di Piersante Sestini, ho introdotto l'indice della scaletta dello spettacolo (come riportato su discogs). Manca ancora qualche testo (Cento e cento soldatini si trova ma mi sembra più una canzone ironica che proprio antimilitarista, gli altri non si trovano. "La piccola vedetta lombarda" dovrebbe essere un pezzo recitato presa in giro del celebre racconto del libro Cuore)
Lorenzo 2016/8/19 - 21:52
Downloadable! Video!

Warszawianka 1905 roku [La Varsovienne; Варшавянка; ¡A las barricadas!]

1h2. La versione estone dei Vennaskond dall'omonimo album del 1999.
1h2. Estonian version by Vennaskond from the 1999 homonymous album.



Nota. Rispetto alla fonte, tutte le "w" nel testo sono state sostituite da "v" come è prescritto dall'ortografia estone. La "w", di origine tedesca, non è più usata dagli anni '30 del XX secolo e ignoro come mai molti siti estoni continuino ad usarla. [RV]
WARSZAWIANKA
(Continues)
Contributed by leoskini + CCG/AWS Staff 2016/8/19 - 18:25
Downloadable! Video!

William Moore The Mailman

WILLIAM MOORE IL POSTINO
(Continues)
Contributed by Roberto Malfatti 2016/8/19 - 17:32
Video!

God's Counting on Me, God's Counting on You

DIO CONTA SU DI ME, DIO CONTA SU DI TE
(Continues)
Contributed by Roberto Malfatti 2016/8/19 - 11:34
Video!

Venite Adoremus

[2016]

Album : Sulla testa dell'elefante
Presepe con gli spifferi
(Continues)
Contributed by adriana 2016/8/19 - 10:14
Video!

Inner City Blues (Make Me Wanna Holler)

Grazie di cuore Gianpietro, questo è tempo speso bene !
2016/8/19 - 02:01
Video!

Tempo di Berceuse (Qui siamo sepolti per sempre)

Testo di Luigi Lunari

Si tratta del bel recitativo che nello spettacolo "Non spingete, scappiamo anche noi" (1969) introduceva una canzone che è già presente su questo sito col titolo un po' improprio di "Ballata del milite ignoto" e che quindi non replico. In realtà, come si capisce dal testo, ha un significato più generale.

Qui siamo sepolti per sempre
(Continues)
Contributed by Piersante Sestini 2016/8/19 - 01:13
Video!

Alla mattina quando spunta il sole

Una satira del risveglio della caserma, dallo spettacolo antimilitarista "Non spingete scappiamo anche Noi" (1969)

Alla mattina quando sorge il sole
(Continues)
Contributed by Piersante Sestini 2016/8/19 - 00:02
Video!

Risotto Militare

Un pot-pourri di canzoni anti-militariste dello spettacolo "Non spingete scappiamo anche noi" (1969)
Pubblicate su vinile in quegli anni e in CD solo nel 2006
-Olio minerale
-Nella notte
-Fucile
-Con i missili sulle colline
-Carro armato
-Ho imparato a far da solo
-Fratelli soldati
-La mia battaglia l'è al sabato sera (in versione accelerata)

Olio, olio, olio minerale
(Continues)
Contributed by Piersante Sestini 2016/8/18 - 23:53
Video!

Ahmed

(2016)
featuring Mai Khalil

Ahmed, un bambino siriano in fuga dalla guerra, come Alan Kurdi, affogato nel Mediterraneo mentre cercava di raggiungere la Fortezza Europa.
[Intro]
(Continues)
2016/8/18 - 23:46
Video!

Dear England

feat. Mai Khalil
Album: Soundtrack to the Struggle (2014)

Aperta critica all'Inghilterra dove i banchieri si arricchiscono mentre nelle periferie povere scoppiano le rivolte, come nel 2011. La canzone cita l'uccisione da parte della polizia di Mark Duggan, che scatenò le rivolte nel quartiere di Tottenham e di Jean Charles de Menezes, un giovane di origine brasiliana che nel 2005 fu inseguito ed abbattuto dalla polizia nella metropolitana di Londra perché scambiato per un terrorista.

Come in Inghilterra i poliziotti possono sparare ai neri, nelle montagne dell'Afghanistan i soldati hanno la mano libera e le bombe scendono sulla Libia...

Note approfondite sul sempre ottimo genius.
[Hook: Mai Khalil]
(Continues)
2016/8/18 - 23:27
Video!

Song of the World’s Last Whale

LA CANZONE DELL'ULTIMA BALENA DEL MONDO
(Continues)
Contributed by Roberto Malfatti 2016/8/18 - 23:18
Video!

Vietnam

We don't want another Vietnam in Afghanistan:

Jimmy Cliff at Glastonbury - 2011

2016/8/18 - 22:59
Video!

Clifford Glover

CLIFFORD GLOVER
(Continues)
2016/8/18 - 22:15
Video!

Chimes Of Freedom

dall'album The Guide (Wommat) del 1994
CHIMES OF FREEDOM
(Continues)
2016/8/18 - 18:40
Video!

This Train (Bound for Glory)

QUESTO TRENO (DIRETTO VERSO LA GLORIA)
(Continues)
Contributed by Roberto Malfatti 2016/8/18 - 18:14
Video!

Land of Hope and Dreams

TERRA DI SPERANZA E DI SOGNI
(Continues)
Contributed by Roberto Malfatti 2016/8/18 - 14:38

O bittre Zeit

OI, AIKAA KATKERAA
(Continues)
Contributed by Juha Rämö 2016/8/18 - 11:04
Video!

Killing Jar

IL BARATTOLO DELLA MORTE - KILLING JAR (1)
(Continues)
Contributed by Roberto Malfatti 2016/8/18 - 09:35

Berliner Weihnacht 1918

[1918]
Versi di Alfred Henschke (1890–1928), meglio conosciuto con lo pseudonimo di Klabund, scrittore tedesco.
Interpretata da Katja Ebstein e più recentemente messa in musica da Hein Ratz nel suo album “Klabund - Leuchtet ihre Uhr des Nachts?” pubblicato nel 2006.
Testo trovato su Projekt Gutenberg-DE

Poesia gemella di Weihnachten di Kurt Tucholsky, e altrettanto bella e terribile.
Il Kurfürstendamm (familiarmente Ku'damm) è uno dei più famosi viali di Berlino, paragonabile agli Champs-Élysées di Parigi...

“Al Kurfürstendamm s’incontrano persone piene di boria,
vogliose di baldoria,
brillanti con signore, frac, visone,
cuore di pietra con doppio mento e corruzione.
E perle, perle, perle,
tra fiumi di champagne effervescente.
Gridano le cocottes allegramente,
mio caro, a noi non può mancare proprio niente,
e se muoiono di fame in milioni,
noi vogliam divertirci coi soldoni.”

(traduzione italiana da “Kabarett! Satira, politica e cultura tedesca in scena dal 1901 al 1967”, a cura di Paola Sorge. LIT Edizioni 2015)
Am Kurfürstendamm da hocken zusamm
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/8/17 - 22:53
Video!

Non maledire questo nostro tempo (25 Aprile 1945)

"Ricorda, o cittadino, questa data
E spiegala ai tuoi figli
E ai figli dei tuoi figli
Racconta loro
Come un popolo in rivolta
Si liberasse un giorno
Dall’oppressore
E narra loro
Le mille e mille gesta di quei prodi
Che sui monti, nei borghi e in ogni passo
Sbarrarono il passo all’invasore
Né ti scordar dei morti
Né ti scordar di raccontare
Cos’è stato il fascismo
E il nazismo
E la guerra
Ricorda le rovine, le stragi, la fame e la miseria
Lo scroscio delle bombe e il pianto delle madri
Ricordati di Buchenwald
Delle camere a gas, dei forni crematori
E tutto questo
Spiega ai tuoi figli
E ai figli dei tuoi figli
Non perché l’odio e la vendetta duri
Ma perché sappian quale immenso bene
Sia la libertà
E imparino ad amarla
E la conservino intatta
E la difendano sempre."
Bernart Bartleby 2016/8/17 - 21:24
Video!

Leningrad

LENINGRADO
(Continues)
Contributed by Roberto Malfatti 2016/8/17 - 18:21
Video!

Radio Aut

[2013]

Album : In bilico
Eccolo che arriva sulla sua seicento bianca,
(Continues)
Contributed by adriana 2016/8/17 - 16:02
Song Itineraries: Mafia and Mafias
Video!

(White Man) in Hammersmith Palais

Quando tutto diventa troppo anestetizzato, White Man in Hammersmith Palais cantata a denti stretti nel gelo è l'unica che ti fa sentire vivo.
(UOMO BIANCO) NELL'HAMMERSMITH PALAIS
(Continues)
Contributed by Lulu 2016/8/17 - 13:33
Downloadable! Video!

Lorca's Novena

LA NOVENA DI LORCA
(Continues)
Contributed by Roberto Malfatti 2016/8/17 - 12:15
Video!

God's Gift to the Caliphate

[2015]

Album : 1939

A song for Daesh's chief recruiter, Donald Trump.-David Rovics
He was born a rich man, then he got richer still
(Continues)
Contributed by adriana 2016/8/17 - 12:05

Cristoforo Colombo per mezzo della Spagna

Anonymous
Testo e info reperiti in questa pagina del Portale dei Lombardi nel Mondo

Questo brano fu cantato, oltre che nel mantovano, anche nel cremonese e forse altrove nella regione padana. È stato raccolto da R. Leydi (luglio 1962).
Informatore: Teodolina Rebuzzi
Cristoforo Colombo per mezzo della Spagna
(Continues)
Contributed by adriana 2016/8/17 - 11:00
Video!

E con la cicca in bocca

Anonymous
[primi del 900]
Canzone milanese riportata in “La mia morosa cara. Canzoni popolari milanesi e lombarde”, a cura di Nanni Svampa, 1977 (ultima riedizione 2007)
Nel repertorio dello stesso Svampa, in particolare nel volume 3 (“La mala e l’osteria”, 1970) della “Milanese – Antologia della canzone lombarda”.

La mala a Milano si chiamava anche “ligera” o “lingera”, che sarebbe l'equivalente di “miseria”, secondo Arturo Frizzi che cosi l'ha definita nel suo Dizionario del Gergo dei Girovaghi (in “Il ciarlatano”, Mantova 1902). Il Frizzi era nato a Mantova nel 1864 e si definiva "ciarlatano e fierante con mercerie”. Persona estrosa (che dovrà poi diventare socialista militante e compilare parecchi canzonieri politici), il Frizzi scrisse le sue memorie (Il ciarlatano) nel 1902 insieme con un burlesco Passaporto della Leggera di cui riportiamo l’introduzione: “Passaporto della Leggera, rilasciato... (Continues)
E con la cicca in bocca
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/8/17 - 09:43

Prendi quel sasso, butta quel pan

Anonymous
[1877]
Canto d’emigrazione (e di protesta) mantovano
Pubblicato sul giornale “La Favilla”, fondato nel 1866 e diretto fino alla sua morte, avvenuta nel 1879, da Paride Suzzara Verdi, giornalista e rivoluzionario mantovano, vicino agli ideali socialisti e internazionalisti. Citato in “La mia morosa cara. Canzoni popolari milanesi e lombarde”, a cura di Nanni Svampa, 1977 (ultima riedizione 2007)
Prendi quel sasso
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/8/17 - 08:51




hosted by inventati.org