Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2016-12-7

Remove all filters
Video!

Bundeswehr

Chanson allemande – Bundeswehr – Slime – 1982



Bundeswehr, Bundeswehr, ça me dit quelque chose, dit Lucien l’âne en s’ébrouant par saccades. Ne serait-ce pas l’armée allemande ?

En effet, Lucien l’âne mon ami, la Bundeswehr est l’armée allemande actuelle.

Ce qui m’inquiète, moi, dit Lucien l’âne d’un ton inhabituellement grave, c’est qu’elle est forcément l’héritière de celle qui l’a précédée et que de ce fait, elle pourrait se comporter comme celle-là et rejouer certain scénario dont nul être sensé ne voudrait voir la répétition.

Tu as directement mis le doigt sur le nœud du problème que pose l’existence d’une armée allemande, enchaîne Marco Valdo M.I. Laissons de côté la réflexion sur l’utilité ou non d’une armée régulière, ce n’est pas le sujet ici. Ici, l’objet de la chanson est de critiquer la Bundeswehr et au travers de cette critique particulière, en effet, laisser entendre le... (Continues)
BUNDESWEHR
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2016/12/7 - 19:38
Downloadable! Video!

A Fabrizio Ceruso

Comitato proletario Fabrizio Ceruso di Tivoli e Comitati autonomi operai di Roma
CCG/AWS Staff 2016/12/6 - 20:37
Downloadable! Video!

La mamma di Rosina [feat. Alessio Lega, Ginevra di Marco e Riccardo Tesi]

Anonymous

LA MOGLIE DI ARICCIA
Sull'aria de La mamma di Rosina
(Piccolo dono dell'Anonimo Toscano del XXI secolo)
(Però sembra anche che sia una bufala)

La moglie di Ariccia si era rotta,
La moglie di Ariccia si era rotta,
Di stare col marito
Con gli occhi bianchi e neri,
Di stare col marito non le andava

E il marito di Ariccia era geloso,
Il marito di Ariccia era geloso,
Però in quel club privé,
Con gli occhi bianchi e neri,
A passà' una serata volle andare

E proprio quella sera al club privé,
E proprio quella sera al club privé,
C'era pure sua moglie
Con gli occhi bianchi e neri,
C'era pure sua moglie a trasgredire

E quando la saletta era già pronta,
E quando la saletta era già pronta,
Col materasso a acqua,
I sess tòi bianchi e neri,
Col materasso a acqua e le candele

Allorché si scambiavano le coppie,
Allorché si scambiavano le coppie,
Nella stessa saletta,
Con gli occhi... (Continues)
CCG/AWS Staff 2016/12/6 - 19:40
Downloadable! Video!

Ain't This the Life

[1979]
Uno dei primi brani composti dalla new wave band californiana degli Oingo Boingo.

Nella prima demo e poi nel primo EP del gruppo.

Il brano si trova anche nella colonna sonora del film musicale “Urgh! A Music War” (1982)

“Uno stile di vita da superattico / bistecche speciali e Martini Dry / La gente di sotto dice che non è giusto / Che vadano all’inferno! Non me ne importa nulla / Joie de vivre, mon amie / Non è questa la vita?!?”

Dal piccolo Lapo El Can al grande Donald "Bully" Trump, una sequela senza fine di riccastri affamatori dei popoli...
Livin' way up now in a penthouse high
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/12/6 - 13:31
Video!

Back in Flesh

[1980]
Scritta dai Wall of Voodoo (Stan Ridgway, Marc Moreland, Bruce Moreland, Chas Gray e Joe Nanini), quelli dell’indimenticabile “Mexican Radio

Nell’album d’esordio (se si eccettua un precedente EP) della band californiana, intitolato “Dark Continent”, pubblicato nel 1981.

Il brano si trova anche nella colonna sonora del film musicale “Urgh! A Music War” (1982)
Someone smashed my alarm
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/12/6 - 12:58
Downloadable! Video!

Ai caduti della Thyssenkrupp di Torino

Canto sociale dedicato agli operai della società multinazionale tedesca bruciati vivi (per la mancanza del rispetto delle norme di sicurezza) in nome del profitto degli azionisti di una banda di avvoltoi assassini.
Tra il 5 e il 6 di dicembre a Torino,
(Continues)
Contributed by adriana 2016/12/6 - 10:02
Downloadable! Video!

Uomo

[1984-86]
“Topi Puzzolenti”, HC Punk band torinese, dai profondi anni 80.
Brano presente nel MiniLP intitolato “Vergognati”, pubblicato nel 1986.
Nel 2009 è stata pubblicata una compilation con la loro opera omnia, consistente in una sola demo e nel MLP citato, un pugno di canzoni brutte ma incazzate.
La produzione era della Chaos (l'etichetta dei Wretched) e della Blu Bus (l'etichetta dei Kina). Il mixaggio avvenne nel mitico studio chivassese di Beppe Crovella (1952-), compositore, tastierista e produttore discografico. Al mixer c’era anche Zazzo dei Negazione.
Testo trovato su Punk4Free
La guerra è finita
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/12/6 - 08:41
Video!

Spara Prega Compra Uccidi

[1984-86]
“Topi Puzzolenti”, HC Punk band torinese, dai profondi anni 80.
Brano che non venne inserito nell’originario MiniLP intitolato “Vergognati”, pubblicato nel 1986.
Nel 2009 è stato invece ripreso in una compilation con la loro opera omnia, consistente in una sola demo e nel MLP citato, un pugno di canzoni brutte ma incazzate.
La produzione era della Chaos (l'etichetta dei Wretched) e della Blu Bus (l'etichetta dei Kina). Il mixaggio avvenne nel mitico studio chivassese di Beppe Crovella (1952-), compositore, tastierista e produttore discografico. Al mix c’era anche Zazzo dei Negazione.
Testo trovato su Punk4Free
Oh dio, benedici le nostre armi
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/12/6 - 08:22
Downloadable! Video!

Tra cielo e terra


Nel 2001 uscì per Mescal "900", un album apprezzato dalla critica e amato da un pubblico che fedelmente seguì la "Casa del Vento" attraverso una coinvolgente tournèe . "900" oltre a contenuti di spessore e suoni coloratissimi, aveva uno specialissimo ospite: "Cisco" Bellotti, cantante dei Modena City Ramblers. Il 15 Luglio 2002 Mescal e Social Forum presentano un importantissimo progetto con la band aretina. Dopo i fatti di Genova, e già sulla scia di brani intensi come A las barricadas, che trattavano questioni legati ai problemi della globalizzazione, il gruppo ha incentrato il proprio interesse artistico verso le riflessioni sociali e culturali che il movimento sta perseguendo. Con Vittorio Agnoletto e gli altri portavoce del Social Forum si è deciso di proporre anche qualcosa di musicalmente significativo per il movimento; ecco allora i due brani che la band di Arezzo aveva scritto subito... (Continues)
Perché continuate a farci sperare
(Continues)
Contributed by Dq82 2016/12/5 - 22:18
Downloadable! Video!

1947

Una testimonianza del compianto Sergio Bardotti, amico fraterno e stretto collaboratore artistico di Endrigo, circa le ragioni pratiche che principalmente spinsero la mamma di quel ragazzino 14enne ed ignaro, Claudia Smareglia (vedova da tempo; il marito Romeo Endrigo era morto nel 1939), a decidere di lasciare Pola: "Lui aveva dovuto fuggire dall'Istria diventata titina, non solo perchè italiano ma perchè fratello di uno della Decima Mas. Chiunque avessero preso col nome Endrigo lo facevano a fette, altro che metterlo nelle foibe" (dal libro "Occhi di ragazzo - Sergio Bardotti: un artista che non ha mai smesso di sognare", Milano, Rugginenti Editore, 2010).
Tutto il resto è poesia, quella di cui questa canzone è intrisa al di là di ogni dietrologia.
Alberta Beccaro - Venezia 2016/12/5 - 16:12
Downloadable! Video!

Flowers of Guatemala

The song was written right after the height of the genocide in Guatemala in 1981-1983 by the US-backed Guatemalan army. Quote by guitarist Peter Buck at the time of the album's release:“Forty people a week disappear in Guatemala. Why? Where do they go? Why do we support that?” About this song he said: “It doesn’t mention political oppression or the death squads, but I think it gets across.” (It Crawled From The South, An R.E.M. Companion - Marcus Gray)

Minder weergeven
Door 2016/12/5 - 13:51
Downloadable! Video!

Escape From Planet Earth

[1982]
Traccia che dà il titolo al secondo ed ultimo album di questi “Gatti Randagi” californiani
Il brano viene con una certa ragione riconosciuto come uno dei più grandiosi pezzi punk-rock della storia

“La fuga dal pianeta Terra che tentano gli Alley Cats è purtroppo solo metaforica, come tutti noi anche loro sono costretti a rimanerci, ma su questa terribile condizione – una moderna presa di coscienza della alienazione industriale (uno dei temi portanti della new wave fra l’altro), gli Alley Cats ci costruiranno un sound unico e irripetibile.” (Genericamentegiuseppe, sul suo blog Una volta ho suonato il sassofono)
Bound together by doomsday chains
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/12/5 - 12:27
Downloadable! Video!

Greensleeves

Il testo dato da Cattia Salto (integrazione 2012, aggiornamento giugno 2013) da L'Ontano - Tradizioni / Medioevo
Contiene la traduzione italiana della stessa Cattia Salto.

Nota.. Si riproduce qui l'intera pagina di cui al link (con la raccomandazione, per chiunque sia interessato, di frequentare il sito di Cattia Salto: è una meraviglia del Creato), compreso il commento (che è, ovviamente, un'integrazione perfetta all'introduzione, e contiene altri interessantissimi dati), le note originali di Cattia Salto ed i video, che sono stati qui “sciolti” direttamente nella pagina tranne quello relativo alla melodia per liuto attribuita a John Jonson (1540-1594), che non è più accessibile, e quello della versione di Loreena McKennitt, già presente in questa pagina. La traduzione italiana di Cattia Salto è data di seguito al testo in corsivo. Ovviamente, mi scuso con Cattia per questo imprescindibile... (Continues)
LADY GREENSLEEVES [1]
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2016/12/5 - 10:37
Downloadable! Video!

Levi Stubbs' Tears

[1986]
Parole e musica di Billy Bragg
Il primo singolo estratto dall’album “Talking with the Taxman about Poetry”

Il titolo fa riferimento a Levi Stubbs (1936-2008), baritono del celebre gruppo vocale The Four Tops, gli interpreti di brani memorabili come "I Can't Help Myself (Sugar Pie Honey Bunch)", "Loving You Is Sweeter Than Ever" e "Reach Out I'll Be There".
Si legga al proposito A love letter to the lyrics of Levi Stubbs’ Tears by Billy Bragg, un bell’omaggio a qusta canzone firmato da Phil Adams.

L’inizio della canzone è anche l’esito del racconto.
Storia di una donna abusata e quasi uccisa dal marito stupido e violento, sposato da ragazzina.
Traumatizzata, rimasta sola contro un mondo di irresponsabili, con i quattro soldi ricevuti come risarcimento per una vita distrutta, la protagonista acquista un camper per andarsene via, finalmente sola, finalmente libera, con l’unico... (Continues)
With the money from her accident she bought herself a mobile home
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/12/5 - 09:02
Downloadable! Video!

Preghiera

1991
Preghiera

poi nell'album Chiamalavita (2005)
Ho visto angeli forse stanchi
(Continues)
Contributed by dq82 2016/12/4 - 17:44
Downloadable! Video!

Liberare il Nano

Inno del MALAG
Movimento di Liberazione dei Nani da Giardino
Io sono come te che vivi la tua vita
(Continues)
Contributed by R.V. e daniela -k.d.- 2016/12/4 - 16:08
Song Itineraries: Anthems and Anti-Anthems

The Sound of War

Ricardo Gautreau
SODAN ÄÄNI
(Continues)
Contributed by Juha Rämö 2016/12/4 - 15:33
Downloadable! Video!

Sora padrona, bongiorno a lei



Questa è la versione registrata nel 1965 da Caterina Bueno
in un’osteria di Santa Fiora (GR).
Cantata da un numeroso gruppo di minatori provenienti da varie zone dell’Amiata specialisti del «bei» che accompagnano con notevole maestria la vibrante prima voce di E. Brianti anche lui lavoratore dell’Amiata.
Nel coro spicca la voce di Caterina Bueno stessa.
Giovanni Bartolomei da Prato 2016/12/4 - 12:19
Downloadable! Video!

The Charade

(2014)
Album: Black Messiah - D'Angelo and The Vanguard

Un brano sulla condizione dei neri nella società americana, con riferimenti espliciti agli assassini di neri disarmati da parte della polizia negli Stati Uniti.
Crawling through a systematic maze to demise
(Continues)
2016/12/4 - 00:26
Downloadable! Video!

Paddy Works on the Railway

anonimo
From here
Polish scout song
NA KOLEJOWYM SZLAKU
(Continues)
Contributed by krzyś 2016/12/3 - 18:09
Downloadable! Video!

Greensleeves

Leonard Cohen, Lasciando Manicheverdi
Traduzione italiana di Massimo Cotto
Da
Leonard Cohen - Canzoni in una stanza, Tutti i testi a cura di Massimo Cotto, Arcana Editrice, 1993.
Oh, amore mio, mi hai ferito
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2016/12/3 - 11:12




hosted by inventati.org