Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2014-12-27

Remove all filters
Downloadable! Video!

Koniec i początek

Il 26 dicembre 2014 a Newtonville negli Stati Uniti è morto Stanisław Barańczak.
Ecco la versione inglese di Stanisław Barańczak e Clare Cavanagh di questa celeberrima poesia di Wisława Szymborska.
Da questa pagina
THE END AND THE BEGINNING
(Continues)
Contributed by Krzysiek Wrona 2014/12/27 - 23:25
Video!

Skip a Rope

Skip a rope, skip a rope
(Continues)
2014/12/27 - 17:48

Bounaneuit 1945

Canto delle formazioni “Giustizia e Libertà” (collegate al Partito d'Azione) della Val Pellice (TO), dedicato alla memoria del partigiano Riccardo Gatto. La 5a divisione alpina GL “Sergio Toja” (partigiano caduto in azione a Bibiana il 24 gennaio 1944) operava tra le valli Pellice, Germanasca e Angrogna e nel Pinerolese. Tra i comandanti, Riccardo Vanzetti (“Renato”, milanese, ingegnere e tenente in aeronautica) e Paolo Favout (“Paoluccio”, di Bricherasio, caporal maggiore di fanteria).
ADDIO RICCARDO
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/12/27 - 15:22
Video!

Italia una parola aperta

[2013]
Versi di Erri De Luca
Musica di Roberto Colombo
Nell’EP live “Qualcosa è nell’aria”
Italia è una parola
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/12/27 - 13:24
Video!

David Riondino: Mistici digiuni (Battiato in carcere)

[1994]
Testo e musica di Franco Batt David Riondino
Album: Temporale



Il 2015, come sapete, ci porterà l' "Expo" (o "Expò", pron. "espò") di Milano, incentrata sull' "alimentazione". Lungi da noi prendere posizione su questa congrega di mafiosi, corrotti e speculat questo evento: ci siamo limitati, qui, a trascrivere quello che dovrebbe essere il vero inno dell'Espò milanarda, ivi compresa la scena iniziale, che si svolge in una cella di galera (quella dove sono già finiti alcuni intrallazzati con l'evento). Franco Battiato, dice una leggenda, se la prese un po' per questa sublime riondinata del 1994, abbinata a Franco da Catania; e pazienza. [AHiL]
- Maledizione...sono in questa cella, da solo...solo per modo di dire...
(Continues)
Contributed by Ahmed il Lavavetri 2014/12/26 - 22:24

Riccardo Venturi: Micorta per l'estate

[22 giugno 2012]

Poiché siamo appena entrati nell'inverno dell'emisfero nord, e scrivo con calato sulla testa un berrettone di lana che sembro ancor di più un orso bruno, desidererei proporVi ciò che scrissi all'inizio dell'estate del 2012. Non saprei dirvi molto su questa cosa, se non che è il secondo degli "autoritratti" che mi sono fatto; il primo risale a molti anni prima, ed avevo scelto di tratteggiarmi mentre ero immerso in vasca da bagno (si chiama, infatti, Autoritratto immerso in una bagnarola e trovò un musicante nella figura di Stefano Mannelli). Per questo secondo e ultimo, invece, presi spunto dai Rombi e milonghe di David Riondino; ma poiché non posso e non devo sentirmi all'altezza, scrissi una micorta al posto di una milonga, anche se poi, in definitiva, il testo non è affatto breve. Così ero quel giorno; oggi, chissà. Ma arriverà, di nuovo, un'estate. Due appunti: nel testo... (Continues)
Dice un mi' vecchio amico, che mi sono scordato
(Continues)
2014/12/26 - 21:50
Video!

On n'est pas là pour se faire engueuler

(di Riccardo Venturi, 26 dicembre 2014)
NON S'È MICA QUI PER FARCI TRATTAR MALE !
(Continues)
2014/12/26 - 21:23
Video!

On n'est pas là pour se faire engueuler

si capisce di più il testo francese che quello fiorentino,già che eravate lì potevate tradurlo subito in italiano,per il resto d'Italia.
giorgio 2014/12/26 - 14:03
Downloadable! Video!

Il galeone

Il Galeone Türkçe yorumu
ESIR KALYONU
(Continues)
Contributed by afif say 2014/12/26 - 11:56

Mis ojos hablarían

Versi (strofe 1, 2, 5 e 6) di Blas de Otero, nella raccolta “Pido la paz y la palabra” pubblicata nel 1955
Si veda anche Me queda la palabra, altra poesia di Blas de Otero sullo stesso tema.

Strofe 3 e 4 (indicate tra parentesi) del poeta C.R. Eguiagaray, dal libretto del disco “Gernika” realizzato nel 1977 da un gruppo basco omonimo, con musiche ed arrangiamenti di Alejandro Jaén.

Una poesia sulla necessità di continuare a far sentire la propria voce, di testimoniare contro il regime fascista di Franco, nonostante la paura, l’odio ed il sangue su cui la dittatura, nata da una feroce guerra fratricida, era fondata.
Le strofe indicate tra parentesi, composte 20 anni più tardi, testimoniano come in terra basca la lotta di quel popolo per la propria libertà ed autodeterminazione proseguisse anche dopo il ritorno alla democrazia in Spagna.
“¿Callaremos ahora para llorar después?”
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/12/26 - 10:43
Video!

Wildside

Marky Mark and the Funky Bunch
http://en.wikipedia.org/wiki/Wildside_(Marky_Mark_and_the_Funky_Bunch_song)
Ah yeah huh America the beautiful
(Continues)
2014/12/26 - 04:48
Video!

Lettera di San Paolo agli operai

[2013]

Album : Venga il regno
Scrivo dal nuovissimo quartiere
(Continues)
Contributed by Monica Pintucci 2014/12/26 - 00:35
Video!

Polizia assassina

i poliziotti come tutti questi ometti a cui serve una divisa per sentirsi veri uomini o anche solo persone perche senza divisa non avrebbero scampo nella vita reale non sabrebbero neanche pensare da soli gli serve una divisa per riuscire a farsi una sega siete ometti piu morite piu vivo
2014/12/25 - 20:37

Il tenente e il soldato

Anonymous
cerco cortesemente una versione su disco o 45 o 78 giri per mia mamma che cerca questa canzone da anni , lei aveva il disco da bambina glielo porto' uno zio dall America verso gli anni 30 o 40 grazie
nadia.maria@hotmail.it 2014/12/25 - 19:14
Video!

Se chanta

Anonymous
Se canta (euskaraz: Kantatzen badu) edo Aquelas montanhas (Mendiok) edo La font de Nimes (Nimesko iturria) Okzitaniakoherri kanta bat da. Gaston Fèbus egile duela uste da. Okzitaniako ereserkitzat hartzen da.
Ene leihopean
(Continues)
Contributed by dq82 2014/12/25 - 19:01
Video!

Canti di Prigionia

Bellissima spiegazione-illustrazione di un capolavoro del Novecento che meriterebbe di essere maggiormente divulgato magari preceduto da una spiegazione esauriente come questa: spero che il Maestro Lorenzo Fratini ne faccia un pezzo del repertorio del Coro del Maggio Musicale Fiorentino che ne ha gia' dato una pregevole esecuzione alla ultima Sagra Musicale Umbra
SILVANO SANESI 2014/12/25 - 12:33
Video!

Gloria

dalla Misa criolla di Ariel Ramírez

Canción: Gloria

Si buscáis el Link:
http://letras.com/mercedes-sosa/200689/

Comentarios:
Una versión de la canción "Gloria", de una de mis cantantes favoritas, Mercedes Sosa.

Dios os ilumine!
Feliz Navidad a todos! Salute! Buon Natale a L'Italia!
Gloria a Dios en el cielo
(Continues)
Contributed by Victor M. Espada 2014/12/25 - 12:31
Video!

Total Eclipse

Grandi colpi discutono su quello che hanno ottenuto
(Continues)
Contributed by Marco 2014/12/25 - 00:51
Video!

Man in the Mirror

I'm gonna make a change
(Continues)
2014/12/24 - 21:36
Video!

Occitania

2004
Litania


Giovanni Lindo Ferretti - Ambrogio Sparagna: "Litania"

Serio e (a volte) anche tetro, ma dannatamente intrigante
di Giorgio Maimone

Iniziamo da un po' di storia: il connubio Sparagna/Ferretti (ex Csi e tutto il resto) non è dei più probabili sotto il cielo della musica e spesso dai connubi improbabili escono risultati sorprendenti. In questo caso il risultato del cd stupisce un po' meno, perché "Litania", prima di essere disco è stato spettacolo per lungo tempo e molti di voi lo avranno visto o al Festivaletteratura di Mantova o nel ciclo di spettacoli della "Musica dei cieli". 

Dal vivo, bisogna ammetterlo, lo spettacolo funziona: ha una densa carica emotiva e una sacralità a tutta prova, che viene aiutata dagli ambienti scelti per gli spettacoli (generalmente chiese e di particolare bellezza) e dall'uso del latino, particolare non secondario, come sapeva lo stesso De... (Continues)
Di là dal mio crinale
(Continues)
Contributed by dq82 2014/12/24 - 19:38
Video!

È lì

Stille Nacht è Silent Night Holy Night ?
Virginia 2014/12/24 - 19:27

Mazzetta nera

“E’ giunto il momento di colpire, ma non alla cieca. Non come alla stazione di Bologna - tra l’altro non attribuibile a noi - vanno colpite banche, prefetture, questure, uffici di Equitalia, con i dipendenti dentro […] Perché Equitalia non ha un corpo e un’anima, opera (ed uccide) per mezzo dei suoi dipendenti […] E’ arrivato il momento di farlo, ma farlo contestualmente. Non a Pescara e poi fra otto mesi a Milano […]”
“E poi credo che la via dell’Italicus sia l’unica percorribile”,
[L’azione] “deve essere simultanea e potrebbe colpire le città di Roma, Milano e Firenze per creare una punta di terrore, in quanto solo due bombe ad Equitalia non verrebbero commentate sui media”. [Sarebbe più] “utile colpire metropolitane tipo Bologna, Milano, Roma per incutere terrore nella popolazione […]”.
In modo che “il popolo bue”, impaurito, “si rivolga a noi”.

Dalle intercettazioni dei dialoghi... (Continues)
Bernart Bartleby 2014/12/24 - 13:56

Rusty Lady

(2014)

Da Silver Rails, l'ultimo album del grande bassista inglese che ci ha lasciati quest'anno, una canzone al vetriolo che si prende gioco, post mortem, della Lady di Ferro, anzi della Rusty Lady, la signora arrugginita Margaret Thatcher.
They say she was so strong
(Continues)
2014/12/24 - 10:56
Song Itineraries: Miss Maggie Thatcher
Video!

One Word (Peace)

[2006]
Scritta da John Magnie e Tommy Malone entrambi membri fondatori della band The Subdudes di New Orleans
Nell’album de The Subdudes intitolato “Behind the Levee” (2006)
Ripresa da Cocker in “Hymn for My Soul”, il terzultimo album della sua carriera
A man stands on the corner holding a sign
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/12/23 - 15:53
Video!

Komzit brezhoneg gant ho pugale

[1976]
Testo e musica: Gilles Servat
Pozioù ha sonerezh: Gilles Servat
Paroles et musique: Gilles Servat
Album: Le pouvoir des mots

Se esiste qualcosa di costantemente evanescente, sono le statistiche sugli effettivi parlanti attuali della lingua bretone. Secondo alcune minimamente attendibili, soltanto un 6% dei bretoni di lingua bretone (vale a dire, escludendo l'Alta Bretagna e limitandosi alla Breizh Isel) parla il bretone come vera lingua materna, cioè appresa sin dalla nascita; il resto l'ha imparata dopo, e spesso molto dopo, servendosene in quantità variabile nella vita quotidiana e nelle attività. Nel 1972, Fañch Morvannoù, nella prefazione al suo celebre manualetto Le breton sans peine dell'Assimil, asseriva che esistessero ancora circa diecimila parlanti monolingui del bretone, ”mais il s'agit pour la plupart de personnes fort âgées. Prendendo oramai per assunto che, a distanza... (Continues)
Komzit brezhoneg gant ho pugale
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2014/12/23 - 15:45
Downloadable! Video!

Bella Ciao

Anonymous
BELLA CIAO
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2014/12/23 - 15:33

Le 31 Octobre

[1870]
Parole e musica di Eugène Pottier

Il 31 ottobre del 1870 a Parigi si verificò un’insurrezione popolare contro il Governo di difesa nazionale, reo di non aver saputo organizzare la resistenza ed il vettovagliamento (condannando alla fame nera gli abitanti), di aver ceduto all’assedio tedesco e di non aver sostenuto la sortita di 3.000 francs-tireurs (civili in armi) poi intrappolati e massacrati dall’artiglieria prussiana.
Fu la prova generale della Comune.
A trattare la resa francese a Bismarck fu quel Thiers che poi diresse la repressione e l’annientamento dei comunardi…
A-t-on pris à Saint-Périne,
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/12/23 - 14:42
Song Itineraries: The Paris Commune, 1871
Video!

Vive la Commune!

[1871]
Parole di Eugène Chatelain (1829 – 1902), chansonnier e comunardo.
Sull’aria di una canzone popolare intitolata “La bonne aventure”
Interpretata dall’Ensemble Le Madrigal de l’Île-de-France nel disco collettivo “La Commune en chantant”, 1971.
Je suis franc et sans souci ;
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/12/23 - 14:13
Song Itineraries: The Paris Commune, 1871
Video!

Countrycide

[1998]
Parole e musica di Alvin Youngblood Hart
Nel suo album intitolato “Territory”
Testo trovato sull’insostituibile Mudcat Café

“Famiglie distrutte, vite rubate e racconti di uomini ammazzati i cui nomi sono stati dimenticati”…
Proprio come quelli di negri e mezzosangue nel sud degli USA, cittadini americani ma considerati di seconda categoria, esseri umani considerati solo animali…

Siamo verso la fine dell’800. A Carrollton – come in tutto il Mississippi, come in tutto il sud degli USA – se un negro osava opporsi ai soprusi dei bianchi rischiava grosso…
Will McKinney, un afroamericano di 19 anni, aveva ucciso un coetaneo bianco, tal Charlie Broadway. Nell’ottobre del 1885 McKinney era stato processato e condannato ad 1 anno di reclusione, evidentemente perché era stato accertato che aveva agito su provocazione e/o in legittima difesa. Ma il 18 febbraio dell’anno seguente una torma... (Continues)
We have seen some dark days in the history of man.
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/12/23 - 13:20
Video!

Ten Million Slaves

[2002]
Parole e musica di Otis Taylor, bluesman “white african”, come lui stesso si è definito nel titolo di un suo disco.
Nell’album intitolato “Respect The Dead”

Otis Taylor è un songwriter abbastanza misconosciuto. Molte sue canzoni potrebbero essere inserite sulle CCG, ma purtroppo i testi non sono reperibili in Rete. Peccato che lui stesso – come molti altri artisti – non inserisca direttamente i propri testi sul suo sito…
Rain and fire crossed that ocean
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/12/23 - 09:36
Video!

Do They Know It's Christmas?

(1984)
Scritta da Bob Geldof e Midge Ure

"Do They Know It's Christmas?" è una canzone scritta da Bob Geldof e Midge Ure nel 1984 allo scopo di raccogliere fondi per combattere la carenza di cibo in Etiopia. La versione originale venne prodotta da Midge Ure, e pubblicata a nome del progetto Band Aid il 3 dicembre 1984.

A fine 1984, un reportage della BBC portò all'attenzione pubblica la carestia che aveva colpito l'Etiopia nel periodo 1984-1985. Il cantante irlandese Bob Geldof, che aveva visto il reportage, ne fu talmente colpito da decidere di produrre un disco i cui ricavati avrebbero potuto alleviare la situazione. Conscio che avrebbe potuto fare ben poco da solo contattò Midge Ure del gruppo Ultravox ed insieme scrissero il brano Do They Know It's Christmas?.
It's Christmastime, there's no need to be afraid
(Continues)
2014/12/23 - 04:53
Downloadable! Video!

Il minatore di Frontale

Salve,

ecco il testo con la corretta punteggiatura e qualche correzione. In particolare, a mio avviso, non è "in tasca alla montagna", ma "in tasca la montagna", altrimenti non avrebbe senso. (Benché ci sia un rafforzamento fonosintattico dettato dalla musica che può ingannare (in tascallamontagna), non è "alla", ma "la".

(correzione accolta nel testo)
Davide 2014/12/23 - 01:26

Three Songs About Lynching

[1936]
Versi di Langston Hughes, in seguito nelle raccolte “One-Way Ticket” del 1949 e “The Collected Poems of Langston Hughes” del 1994
Si tratta, nell’intenzione espressa dell’autore, di un vero e proprio “lament” articolato in tre brevi canti.
Solo il primo, “Silhouette” (che fino a ieri compariva come brano a se stante), mi consta che sia stato successivamente messo in musica per voce e pianoforte da Serge Hovey (1920-1989), compositore americano allievo di Arnold Schönberg e Hanns Eisler.


“Silhouette”
Molti dei linciaggi di cui erano vittime gli afroamericani negli USA fino a non molti decenni fa erano “motivati” da presunte violenze sessuali ai danni di donne bianche. In realtà il sistema segregazionista rendeva assolutamente impossibile ogni relazione, tanto meno affettiva o sessuale, tra un nero e una bianca. Ogni “negro” sapeva bene che anche solo guardare o rivolgere la parola... (Continues)
Silhouette
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/12/22 - 22:47

We don’t need no education: Il tritacarne della scuola fabbrica

Antiwar Songs Blog
Another Brick in The Wall Part II: La canzone è famosissima e insieme a quella che la precede The Happiest Days of Our Lives rappresenta forse il più incisivo attacco all’oppressione del sistema educativo mai scritto e musicato. Dopo un’infanzia segnata dall’assenza di un padre “assassinato” in guerra, anche durante l’adolescenza a Pink  – il […]
Antiwar Songs Staff 2014-12-22 22:30:00
Video!

Son la mondina, son la sfruttata

Per è quasi una guida spirituale. È la canzone che ho insegnato ai miei figli per non dimenticare la durezza del lavoro. Conservo sempre un quadro delle mondine.
pietro soracr 2014/12/22 - 21:41




hosted by inventati.org