Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2010-12-29

Remove all filters
Video!

Supper's Ready

ti ringrazio per questa grandissima traduzione,anche se quando comprai il disco nel lontano 1973 (avevo 14 anni) imparai Supper's Ready a memoria senza preoccuparmi delle parole ma ascoltando la musica di esse dopo nel 1974 ebbi la grandissima fortuna di vedere i Genesis al Palasport di Torino e penso che sia stato il concerto più bello che abbia mai visto, adesso che ho 51 anni sono tornato a riascoltarli (premetto che ho studiato musica e mi sono diplomato e tuttora svolgo la professione di musicista classico in orchestra) e vi giuro che i Genesis passeranno alla storia come sono passati i vari J.S.Bach,L.van Beethoven,A.Vivaldi e tutti gli altri perché avevano una sensibilità sia musicale che umana fuori dalla norma
ancora grazie Genesis
Roberto 2010/12/29 - 23:40

Aftermath

[1919]
Dalla raccolta “Picture-Show”
Musica di Martin Kalmanoff (classe 1920-2007), newyorchese, compositore e songwriter che scrisse canzoni anche per Dean Martin ed Elvis Presley. Dalla sua opera del 1972 intitolata “Kaddish for a Warring World”, per tenore, baritono, coro ed orchestra.

Nella canzone si fa riferimento a Mametz, paese della Somme francese, che dovremmo aver già trovato in The Butcher's Tale (Western Front 1914) degli Zombies…
Have you forgotten yet?...
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 16:00
Downloadable! Video!

Suicide in the Trenches

[1918]
Poesia poi inclusa nella raccolta “Counter-Attack and Other Poems”.
Musica del compositore americano Harold Blumenfeld (1923-vivente?) da “War Lament”, composizione per coro basata sulle poesie di Sassoon (1970).
In precedenza, nel 1953, anche Hugo David Weisgall (1912–1997), compositore e direttore d’orchestra americano di origine ceca, mise in musica questa poesia nella sua opera “Soldier Songs for Baritone, n. 2.”

“… Voi, gente che ve ne state al calduccio,
Voi che gridate urrà quando il soldato passa in parata,
Chiudetevi in casa [vergognatevi] e pregate di non conoscere mai
L’inferno dove finiscono la gioventù e l’allegria…”
I knew a simple soldier boy
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 15:27

The Death-Bed

[1917]
Da “The Old Huntsman”
Musica del compositore americano Harold Blumenfeld (1923-vivente?) da “War Lament”, composizione per coro basata sulle poesie di Sassoon (1970).

L’agonia di un giovane soldato ferito a morte. I compagni lo circondano e chiedono alla morte di risparmiarlo: “Concedigli ancora la vista, lasciagli il sangue caldo, e lui vivrà. Parlagli, tienilo sveglio e forse lui ce la farà. E’ giovane, odiava la guerra, perché proprio lui se invece veterani incrudeliti da essa sono tutti in salvo? Ma la morte rispose: “Ho scelto lui”. Così venne. E fu silenzio nella notte d’estate. Silenzio e la sensazione di averla scampata. Ed il sonno. Lontano, i colpi dei fucili”.
He drowsed and was aware of silence heaped
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 15:04
Video!

Before the Battle

[1917]
Da “The Old Huntsman”
Musica del compositore americano Harold Blumenfeld (1923-vivente?) da “War Lament”, composizione per coro basata sulle poesie di Sassoon (1970).
Music of whispering trees
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 14:48

Autumn

[1918]
Da “Counter-Attack and Other Poems”
Musica del compositore americano Harold Blumenfeld (1923-vivente?) da “War Lament”, composizione per coro basata sulle poesie di Sassoon (1970).

Scrittore e poeta inglese, Sassoon partecipò alla prima guerra mondiale e nelle sue poesie descrive l’orrore delle trincee e deride il patriottismo di coloro che egli ritenne responsabili della morte di milioni di esseri umani in quel terribile conflitto.
Questa sua poesia del 1918 richiama – a mio avviso - incredibilmente “Soldati”, scritta da Giuseppe Ungaretti nel luglio dello stesso anno: “Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie”.
October's bellowing anger breakes and cleaves
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 14:20
Video!

Grass

[1878-1967]

Fa parte della raccolta poetica intitolata “Cornhuskers”, pubblicata nel 1918.
“Grass” è stata messa in musica da diversi autori: secondo l’importante database “The Lied, Art Song and Choral Texts Page”, il primo di essi fu il compositore e direttore d’orchestra americano Fenno Follansbee Heath, Jr. (1926-2008) nel 1953 (coro a cappella per tenori e baritoni)



Gettysburg, dove nel luglio del 1863 si tenne una delle più cruente battaglie che la storia dell’umanità ricordi: in tre soli giorni, quasi 50.000 tra morti, feriti e missing in action.

Pile the bodies high at Austerlitz and Waterloo,
(Continues)
Contributed by Bartleby e adriana 2010/12/29 - 13:57

I Am the People

[1916]
Dai “Chicago Poems”
Musica di Helen L. Weiss, musicista americana sulla quale non sono riuscito a reperire che scarse informazioni in rete. So soltanto che la musica per questo brano – un coro a cappella per soprani, contralti, tenori e bassi – la compose nel 1956 e che l’autrice non è più in vita perché le è intitolato un premio annuale di composizione istituito dall’Università della Pennsylvania.

“Io, il Popolo, al quale hanno succhiato via il meglio e poi gettato via, io sempre dimentico le terribili tempeste che mi hanno travolto… Ma qualche volta ruggisco, mi scuoto e schizzo qualche goccia rossa perché la storia ricordi… Ma quando io, il Popolo, imparo a ricordare, allora uso le lezioni di ieri e non più a lungo dimentico chi mi ha depredato, chi si è preso gioco di me… Allora non ci sarà più nessuno al mondo che potrà pronunciare il mio nome con una punta di scherno nella voce o con un neppur lontano sorriso di derisione… Io, il Popolo, la turba, la folla, la massa, arriverò allora…”
I am the people -- the mob -- the crowd -- the mass.
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 13:32
Video!

Long Live Palestine

[2009]
Lyrics & Music by Lowkey
This is for Palestine, Ramallah, West Bank, Gaza,
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/29 - 12:38
Song Itineraries: The Palestinian Holocaust
Video!

Zor And Zam

“They gave a war and nobody came” è una canzone sicuramente ispirata a The Monkees dal seguente passo di “The People, Yes”, poema scritto da Carl Sandburg nel 1936:

The little girl saw her first troop parade and asked, “What are those?”
“Soldiers.”
“What are soldiers?”
“They are for war. They fight and each tries to kill as many of the other side as he can.”
The girl held still and studied.
“Do you know…I know something?”
“Yes, what is it you know?”
“Sometime they’ll give a war and nobody will come.”

O forse Bill Chadwick e John Chadwick non sapevano nemmeno di citare il grande Sandburg, perché nel 1968, anno di uscita dell’album “The Birds, The Bees & The Monkees”, il concetto chiave del passo che ho riportato era già diventato da tempo uno slogan del movimento che si batteva contro la guerra in Vietnam. Infatti nell’ottobre del 1966 la scrittrice e poetessa pacifista Charlotte E.... (Continues)
ZOR E ZAM
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 10:46

La première pierre

[1976]
Album : "Le tango des marginaux"
Le soleil qui passe pose sa lumière La lune qui lasse nous laisse la nuit
(Continues)
Contributed by adriana 2010/12/29 - 09:41
Downloadable!

The Hangman at Home

[1920]
Dalla raccolta poetica intitolata “Smoke and Steel”.
Musica di John Musto (1954-vivente), compositore e pianista statunitense, da “Dove Sta Amore” (1996) per soprano ed orchestra da camera.
What does the hangman think about
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 08:46
Downloadable! Video!

Leaders of the Free World

[2005]
Album: Leaders Of The Free World

"Leaders of the Free World" is Elbow's second and last single off the album "Leaders of the Free World". It is also Elbow's last single released through V2 Records.
I'm sick of working for a living,
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/29 - 08:06
Downloadable! Video!

Zingari

Chanson italienne – Zingari – Punkreas – 2000

On ne sait pour les autres, dit Lucien l'âne, mais pour les Tziganes, l'histoire a la mauvaise habitude de se répéter. Pire, elle bafouille, elle bégaie, elle ne connaît qu'une manière : la chasse au nomade et cela depuis si longtemps qu'on a même oublié quand cela avait commencé. Finalement, ce n'est plus là méchanceté, c'est un réflexe conditionné, une habitude ancestrale, un conditionnement historique... pour la préhistoire, on ne sait pas... Pourtant, moi qui bourlingue depuis des siècles et des siècles, je peux te dire que les Gitans ou les Tziganes ou les Bohémiens ou les Roms, alias les Romanichels que j'ai croisés n'ont certainement pas été pires que les Sédentaires – comment les appeler autrement ? Les citadins, mais il y avait des paysans... Les citoyens, on pourrait imaginer les Citoyens. Mais attention, même nous les ânes, nous sommes... (Continues)
TZIGANES
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2010/12/28 - 21:31
Video!

Into the Valley

[1979]
Album: Scared to Dance

"Into the Valley" is a 1979 single by Skids, taken off their “Scared to Dance“ album, and is their best known song, appearing on a number of punk rock and Scottish music compilation albums. It reached number 10 in the UK Singles Chart for the week ending 24 March 1979. It was written by Richard Jobson and Stuart Adamson.
"Into the Valley" is still used as a theme song for fans of Dunfermline Athletic F.C. in the Scottish First Division and Charlton Athletic F.C. of the English Football League Championship, whose stadium is aptly named The Valley. It was also used in their premiership years by Bradford City A.F.C., whose stadium is named Valley Parade.
The song's lyrics are notoriously unintelligible owing to Jobson's diction. This has been sent up in a Maxell television advertisement which features printed (incorrect) "translations" of the words. The chorus,... (Continues)
Betrothed and divine
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/28 - 19:22
Video!

Empêche-moi

[2010]
Album "Putan de cançon"
Scritta da F. Ridel e S. Attard
Puisque la mode est à la pensée unique,
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/28 - 18:34
Video!

Paul, Émile et Henri

[2005]
Album "Mademoiselle Marseille"
Scritta da F. Ridel e S. Attard
Trois prénoms qu’ils ont donnés à mon père,
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/28 - 18:14
Downloadable!

Peaceful Earth

[2007]
Lyrics & Music by Eric Severson
Album: Gravity Waves

Eric's newest song, 'Peaceful Earth', is about the tranquil, hopeful view of Earth seen by astronauts from space, contrasted with the hopelessness too often felt below.
It's a peaceful Earth tonight,
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/28 - 18:07
Downloadable! Video!

Salta la corda

2003
Ocio ai luf

"C’è chi passa la frontiera solamente per viaggiare
E chi passa la frontiera forse solo per mangiare"
In realtà una filastrocca, ma anche nelle filastrocche si può parlare di cose serie
C’è chi piange per amore e chi amore non ha più
(Continues)
Contributed by DonQuijote82 2010/12/28 - 16:20
Video!

Terrorist?

[2010]
Lyrics & Music by Lowkey
Album: Soundtrack To The Struggle
So, we must ask ourselves, what is the dictionary definition of Terrorism
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/28 - 15:05
Downloadable! Video!

L'ultima notte

Testo di Carlo Geminiani sulla base degli scritti di Giulio Bedeschi
Musica del maestro Bepi De Marzi

Nel 1943, dopo giorni di marcia nella steppa gelata, il 26 gennaio, gli alpini riuscirono finalmente a sfondare le linee russe al ponte della ferrovia di Nikolajewka e ad uscire dalla sacca nella quale erano rinchiusi. Era la strada verso la libertà, ma anche una durissima battaglia contro il gelo, la mancanza di mezzi e il nemico. L’approssimativa preparazione e l’inadeguatezza degli equipaggiamenti per quell’entrata baldanzosa in guerra dell’Italia anche sul fronte russo, sbandierata con i molteplici mezzi della propaganda governativa, venivano ora pagate a duro prezzo dagli alpini che iniziarono una tremenda marcia verso casa, armati solo del loro coraggio e della loro resistenza contro quel Generale Inverno che nel passato aveva già crudelmente piegato anche le truppe militari di... (Continues)
Era la notte bianca di Natale
(Continues)
Contributed by terresulconfine 2010/12/28 - 12:16

Killers

[1916]

Dalla raccolta intitolata “Chicago Poems”.
Musica di Michael Hennagin (1936 –1993) compositore e docente universitario statunitense, dal ciclo intitolato “The Unknown”, musica per soprano, contralto, tenore e basso, pianoforte, flauto, trombe, percussione, proiettori slide e registratore elettronico (1968).

Una poesia ispirata a Sandburg dalla sua partecipazione alla guerra ispano-americana, esperienza giovanile che lo segnò profondamente. Una poesia, inoltre, in qualche modo profetica perché, pur essendo scritta intorno al 1916, bel prima del termine del primo conflitto mondiale e prima del coinvolgimento degli USA in esso, vi si parla di “sedici milioni di morti”, una cifra abbastanza vicina al bilancio finale di soldati morti e dispersi nel corso di quella terribile guerra (cui però devono essere aggiunti quasi 7 milioni di civili)…
I am singing to you
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/28 - 11:43
Video!

Obama Nation

[2010]
Lyrics & Music by LOWKEY
Album: Soundtrack to the Struggle (2011)
[Intro:]
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/28 - 08:23
Video!

We've Got Nothing But Love to Prove

(Darrell Scott)

Album: Fireflies (2005)
What if no one would kill for their religion
(Continues)
Contributed by Anonymous 2010/12/28 - 05:57

Histoires d'Allemagne

Histoires d'Allemagne

Canzone française – Histoires d'Allemagne – Marco Valdo M.I. – 2010
Vialatteries I.

On fait parfois des choses sans trop savoir pourquoi. C'est un peu le rythme du pas du poète, de celui qui fait, de celui qu'un bouillonnement intérieur pousse à conter des histoires, à inventer des chansons. Par exemple, je ne sais trop si ce que j'ai fait a sa place ici...

Je me demande bien pourquoi donc tu me dis cela, Marco Valdo M.I. mon ami. Qu'as-tu bien pu inventer qui te tracasse à ce point ?... car je le vois bien cela te tracasse.

En effet, cela me tracasse. Tu l'as bien senti, mon ami Lucien l'âne. Mais il est vrai que tu es mon ami et que tu es un âne sensible. Ce que j'ai inventé, ce qui m'est passé par la tête, puis que j'ai fait, c'est une sorte de chanson de geste, une sorte d'opera secco, une étrange fresque qui, à sa manière, recrée un voyage dans l'Allemagne... (Continues)
BAVIÈRE, MAI 1919 – LE BROUILLARD OPALIN
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2010/12/27 - 23:31
Downloadable! Video!

Einheitsfrontlied

CANZONE DEL FRONTE UNITO
(Continues)
Contributed by Franco Sibilotti 2010/12/27 - 23:11
Video!

Ballad of the Black Gold

[2010]
Album: Revolutions Per Minute
This is the ballad of the black gold
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/27 - 20:30

Grecia 1970

Faccio una noterella a questa tarda, forse tardiva, lirica civile di Ungaretti con la presuntuosa libertà di chi non pretende d'essere profondo intenditore di un bel nulla. Non c'è dubbio - lo dico anche a Marcovaldo - che a moltissime persone, tra quelle abbastanza capaci di intendere quanto grande sia stato il valore e il peso di Ungaretti poeta, non sia mai uscito fuor dal gozzo il tortuoso percorso politico dell'anarchico di Alessandria d'Egitto, del corrispondente che dal giornale di Mussolini propugnava l'intervento per poi finire davvero nelle dolenti trincee del Carso e delle Ardenne non per far l'ardito, ma per consegnarci versi tra i più distruttivi di qualsivoglia idea di guerra, del fascista della prima ora e un quarto, del firmatario dell'immondo manifesto di Giovanni Gentile, del convertito al papa alla vigilia dei patti laterani, del piatitore di stipendiucci ministeriali... (Continues)
Gian Piero Testa 2010/12/27 - 16:56
Downloadable! Video!

Someday at Christmas

1967 Motown Records

(Ron Miller, Bryan Wells)
Someday at Christmas men won't be boys
(Continues)
2010/12/27 - 16:44
Downloadable!

What For?

[2006]
Lyrics & Music by Daniel J. Bell
Album: Whispers

The horror of being manipulated by false shams of honor and dying for nothing.
He's got a lot of dreams in his heart
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/27 - 15:55
Video!

Gulf of Araby

[1992]
Lyrics and Music by Katell Keineg
Album: Ô Seasons Ô Castles [1994]

This great song, originally written and performed by Katell Keineg, became far more popular in 1999 sung by Natalie Merchant for her "Live in Concert NYC" album..
If you could fill a veil with shells from Killiney's shore
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/27 - 13:14
Downloadable!

Warning Call

[2006]
Lyrics & Music by Eric Severson
Album: Gravity Waves

In his modern protest song entitled 'Warning Call', Eric uses a collage of sounds to capture the anguish of modern events and the conflicted feelings of helplessness, hope and indignation that characterize modern times.
In the spoils of war,
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/27 - 08:36
Video!

Overburdened

[2005]
Album: Ten Thousand Fists
[Spoken:]
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/27 - 08:07
Video!

Winter

INVERNO
(Continues)
Contributed by Kiocciolina 2010/12/27 - 03:36
Video!

Montezuma

Chanson italienne – Montezuma – Punkreas – 1997
MONTEZUMA, L'AZTÈQUE
(Continues)
Contributed by m 2010/12/26 - 17:36




hosted by inventati.org