Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2009-4-15

Remove all filters

Sto benissimo - Je vais très bien

Sto benissimo - Je vais très bien
Canzone léviane – Sto benissimo – Je vais très bien – Marco Valdo M.I. - 2005

On connaît tous de ces gens, de ces athlètes du travail, de ces marathoniens de l'effort, de ces acharnés de l'activité, de ces malades atteints d'un cancer du lucre, de ces accros de la calculette, du téléphone et de l'ordinateur, de ces stakhanovistes du capital, de ces fétichistes de l'action et des bourses, de ces obsédés du rendement et de ces tueurs de coûts... qui s'agitent tellement qu'ils suent le « burnout » (Je rappelle cette élégante expression coloniale : « faire suer le burnous » qui exprimait finement qu'il fallait faire crever de travail les Maghrébins, qu'il convenait d'exploiter au maximum le personnel indigène...).
Bien évidemment, ces messieurs s'appliquent à eux-mêmes ces tourments jusqu'à s'y brûler les ailes et le reste. Précisément, en angliche, « Burn... (Continues)
Benissimo ! Benissimo !
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2009/4/15 - 23:37
Video!

Figli del vento

[2009]
Album: Onda libera

Una canzone dedicata al popolo Rom, legato ad un unica bandiera, quella chiamata libertà. Senza esercito né patria, ma eternamente costretto a recitare il ruolo di “chi fa paura”.
Noi, ladri e tagliagole, straccioni senzadio
(Continues)
Contributed by DonQuijote82 2009/4/15 - 21:00
Song Itineraries: Rom, Racism, Porrajmos
Video!

Little Big Horn

[1991]
Album: "Blazon Stone"

Un brano sulla sconfitta del capitano Custer.
Hey Mr. Custer,
(Continues)
Contributed by Io non sto con Oriana 2009/4/15 - 19:32
Video!

Eternal Life

ETERNAL LIFE (ROAD VERSION)
(Continues)
2009/4/15 - 19:09
Video!

Ballade des pendus [Épitaphe Villon]

Fratelli umani, che siete ancora vivi
(Continues)
Contributed by Cardoni Arianna 2009/4/15 - 15:51

Une Warteck et un Cardinal

[1993]
Album "SarcloSolo"
On avait déjà le Cenovis
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/4/15 - 15:47

Comment faire une belle carrière à l'armée

[1998]
Album "On leur doit des enfants si doux"
Chais pas vous, mais moi mes copains
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/4/15 - 15:41
Video!

Petit Pasqua Noël

Malik Oussekine, di origini algerine, era uno studente francese dell'École supérieure des professions immobilières (ESPI) di Parigi.
Il 6 dicembre 1986, mentre usciva da un jazz club, fu inseguito da due "voltigeurs" della polizia, le pattuglie di motociclisti (uno alla guida, l'altro seduto dietro e armato di un grosso manganello) che erano incaricate di ripulire le strade dai "casseurs" alla fine delle manifestazioni. Quel giorno c'era stato uno sgombero, piuttosto incruento, della Sorbona occupata, ma qualche studente aveva abbozzato una barricata... così furono mandati i "volteggiatori" (ma meglio sarebbe chiamarli "avvoltoi") a fare piazza pulita.
Una moto si scagliò sul Malik che, giustamente, scappò. Un uomo gli offrì aiuto nella fuga, consentendogli di rifugiarsi nell'androne del palazzo dove abitava... ma gli avvoltoi seguirono la loro povera preda e massacrarono Malik, indifeso,... (Continues)
Alessandro 2009/4/15 - 14:38
Video!

12 Septembre

[2006]
Album "Gibraltar"

Un giovane africano, musulmano, immigrato in Europa, il giorno dopo l'11 settembre 2001...
J'avais déjà un flow de tarés lorsque les tours jumelles se sont effondrées,
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/4/15 - 11:11
Video!

Soldat de plomb

[2006]
Album "Gibraltar"
Tout maigre dans ma grosse veste qui me servait d’armure,
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/4/15 - 11:02
Video!

Dieu a-t-il les oreilles décollées et le front national? (La chair à saucisse)

[1997]
Album "Michel et Denis jouent à Paris"
Dieu a fait l'homme à son image
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/4/15 - 09:40

Bénarès

Bénarès
Canzone léviane française et italienne – Bénarès – Benares – Marco Valdo M.I. – 2005

Il fut un temps où les peuples du monde, ceux qui avaient été mis en colonie, en esclavage, en sujétion aux délires de la civilisation; un temps où la partie civilisée du monde venait de s'entredétruire (12.000.000 de morts la première fois, 40.000.000 la seconde) et se préparait pour une troisième fois (est-ce bien fini ?), un temps où deux camps s'affrontaient et où ces peuples vinrent au jour et parmi les plus grands d'entre eux, on trouvait l'Inde.

C'était au temps de Nehru où les peuples tentèrent une autre voie : celle du tiers-Monde (comme il y eut un Tiers État), celle des pays non-alignés - ça fait toujours plaisir de savoir qu'il y a des gens et des peuples qui ne veulent pas s'aligner.

Nehru rassembla à Delhi tous les écrivains de l'Asie (poètes, aèdes, romanciers, nouvellistes,... (Continues)
Benares, cuore dell’India
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2009/4/15 - 09:21
Video!

Riccardo Marasco: Vita, morte e miracoli di Luca Cava

[1974]
Testo e musica di Riccardo Marasco
Album: "L'Ammucchiata"


"Re, imperatore, papa, filosofo, poeta, operaio, contadino: l'uomo nelle sue funzioni. Non ridete: pensate a voi stessi".

Così recita una curiosa epigrafe, dettata dall'uomo di spettacolo senese Silvio Gigli, che sovrasta un'ancor più curiosa statuetta sita nell'antico borgo chiantigiano di San Gusmè. E' la statuetta di Luca Cava, uno degli autentici eroi leggendari toscani, ed ancor più perché incarna due capisaldi della cultura popolare toscana: l'uguaglianza e la merda. La strada che ha portato all'Inno del corpo sciolto di Benigni è lunga di secoli: sul vaso siamo tutti uguali.

Ma qual è la storia della statuetta? La riprendiamo da L'Informatore, la pagina online per i soci della Coop.

“A San Gusmè si è inventata una festa, nata a sua volta da un episodio che ha del leggendario, di cui è difficile trovare l'uguale... (Continues)
Questa è la storia del famoso Cava
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2009/4/15 - 00:19
Song Itineraries: Shit, our sister

Nuit de Rome – Notte romana

[2009]
Paroles et musique par Marco Valdo M.I.
Canzone léviane

Nuit de Rome est une canzone léviane, une canzone tout droit venue de « L'Orologio », ce roman de Carlo Levi où il relate la liquidation de l'espoir que représentait Ferruccio Parrì et son gouvernement venu tout droit de la Résistance. Cette liquidation, voulue par les Alliés, a facilité l'installation au pouvoir de la restauration conservatrice (essentiellement, catholique) en même temps que l'amnistie accordée aux fascistes, à défaut de le faire directement au fascisme.

On a vu où pareille pantalonnade a mené l'actuelle Italie et pire encore, où cela peut ramener demain l'Europe entière. Bert Brecht avait raison... Le ventre est encore fécond...

La canzone rappelle comme dans un écho une chanson française contant Les Loups dans Paris.

Elle évoque aussi l'histoire du Loup de Rome et du Petit Chaperon rouge.

C'est... (Continues)
A Rome, la nuit,
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2009/4/14 - 22:28

La fille de Janus

La Fille de Janus
Chanson française – La Fille de Janus – Marco Valdo M.I. – 2009

Il est bien étrange que les partis et les sectes qui parlent au nom de la liberté, qui la mettent dans leur nom, qui la chambrent dans une maison (una Casa della Libertà) entretiennent avec elle la relation d'un mac avec sa protégée.
Ils la sortent toute parée dans le monde, elle leur sert de décoration, mais elle n'a strictement aucun droit à l'autonomie. Ils l'ont tout simplement kidnappée et la tienne serrée sous leur drapeau.
Alors, mes amis, quand on vous parle de la liberté, n'oubliez jamais qu'elle est fille de Janus et qu'elle a deux visages :

un « par devant » - celui que l'on aime, celui de la liberté libre qui parle en face et de sa propre voix;

un « par derrière » - celui de la liberté, violée et prostituée, soumise aux intérêts d'un mac et de son parti, sans voix, il parle pour elle.... (Continues)
Amis, prenez-y bien garde
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2009/4/14 - 21:30
Downloadable! Video!

Ελληνική Αστυνομία

il giorno 11 aprile 2009, nella città di Limassol, a Cipro, si è svolta una manifestazione contro la violenza della polizia, organizzata dal Movimento Cittadino di Limassol e appoggiata dal "Movimento Cittadino alert".

qui il manifesto della manifestazione

lo slogan riportato sul manifesto è:

"TUTTE LE ETA', TUTTI I CITTADINI UNITI IN UN'OPPOSIZIONE COSTRUTTIVA

Ci opponiamo alla cultura della violenza della polizia e alla violenza psicologica delle istituzioni che ci hanno voltato le spalle."
la dilillo 2009/4/14 - 16:19
Downloadable!

Ninna nanna del fabbricante d'armi

Armi contro la crisi - L’Italia segna +220%
Boom del settore, nel 2008 autorizzate vendite per 4,3 miliardi

di Raphael Zanotti
da La Stampa del 14 aprile 2009

L’Italia ripudia la guerra, è scritto nella Costituzione. Eppure, di armi italiane, è pieno il mondo. L’Italia vende un po’ a tutti. Paesi belligeranti compresi. Un comparto che non conosce crisi, flessioni. Nel 2008 il volume d’affari è cresciuto del 222% rispetto all’anno precedente, con le transazioni bancarie schizzate da 1.329.810.000 a 4.285.010.000. Scrive la Presidenza del Consiglio nel suo ultimo rapporto sulle esportazioni, importazioni e transito dei materiali d’armamento: «Tale comparto rappresenta un patrimonio tecnologico, produttivo e occupazionale non trascurabile per l’economia del Paese». L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro, è anche scritto nella Costituzione. Il maggior acquirente di armi... (Continues)
Alessandro 2009/4/14 - 15:21
Video!

Desarmate

[1994]
Album "Trance Zomba"
Explosión, en mi barrio,
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/4/14 - 14:44
Downloadable!

Nascondino

[2008]
Testo di Paolo Donadoni
Musica di Graziano Nardini
Lyrics by Paolo Donadoni
Music by Graziano Nardini
Album: "Fino alla fine"

e quella faccia da schiaffi
che ride con occhi tristi?
prima era un prato
ora un campo minato



“Tutti giù per terra” è un gruppo di musicisti di Santa Margherita Ligure e dintorni che si sono riuniti per l’occasione attorno a Paolo Donadoni, autore di tutti i testi e fautore, nonché produttore, di questo libro e cd “Fino alla fine” dove il tema unico e filo conduttore è la guerra.
I testi sono vere e proprie poesie che si muovono dentro la musica di Graziano Nardini e di questa piccola orchestra, sempre efficaci a descrivere l’atroce realtà della guerra che pervade ogni angolo ed ogni voce senza lasciare alcuno spazio se non quello, sporadico e sofferto, ad un anelito a qualcosa di più alto nella spietata lotta per sopravvivere tra il sangue, il... (Continues)
Ho immaginato un gioco
(Continues)
Contributed by i.fermentivivi 2009/4/14 - 14:25

L'albero

[2008]
Album: "Fino alla fine"



“Tutti giù per terra” è un gruppo di musicisti di Santa Margherita Ligure e dintorni che si sono riuniti per l’occasione attorno a Paolo Donadoni, autore di tutti i testi e fautore, nonché produttore, di questo libro e cd “Fino alla fine” dove il tema unico e filo conduttore è la guerra.
I testi sono vere e proprie poesie che si muovono dentro la musica di Graziano Nardini e di questa piccola orchestra, sempre efficaci a descrivere l’atroce realtà della guerra che pervade ogni angolo ed ogni voce senza lasciare alcuno spazio se non quello, sporadico e sofferto, ad un anelito a qualcosa di più alto nella spietata lotta per sopravvivere tra il sangue, il dolore e la morte.
Le parole di Donadoni non descrivono una guerra in particolare, ma la guerra nel suo totale. La guerra fuori dal tempo e fuori dalla storia. Proprio perché la guerra ha accompagnato da... (Continues)
Ero un albero
(Continues)
Contributed by daniela -k.d.- 2009/4/14 - 13:32

Chissà dove va

[2008]
Album: "Fino alla fine"



“Tutti giù per terra” è un gruppo di musicisti di Santa Margherita Ligure e dintorni che si sono riuniti per l’occasione attorno a Paolo Donadoni, autore di tutti i testi e fautore, nonché produttore, di questo libro e cd “Fino alla fine” dove il tema unico e filo conduttore è la guerra.
I testi sono vere e proprie poesie che si muovono dentro la musica di Graziano Nardini e di questa piccola orchestra, sempre efficaci a descrivere l’atroce realtà della guerra che pervade ogni angolo ed ogni voce senza lasciare alcuno spazio se non quello, sporadico e sofferto, ad un anelito a qualcosa di più alto nella spietata lotta per sopravvivere tra il sangue, il dolore e la morte.
Le parole di Donadoni non descrivono una guerra in particolare, ma la guerra nel suo totale. La guerra fuori dal tempo e fuori dalla storia. Proprio perché la guerra ha accompagnato da... (Continues)
Questa guerra
(Continues)
Contributed by daniela -k.d.- 2009/4/14 - 13:26

Cholo peruán

[1970]
Album "Galicia Canta",

Xulio Formoso è un cantautore galiziano trapiantato in Venezuela. L'album "Galicia Canta" fu pubblicato nel 1970 a Caracas. I testi delle canzoni interpretate da Formoso furono scritti da Farruco Sesto Novás (poi politico di primo piano con Chavez) Celso Emilio Ferreiro e J.J. Sesto Novás, tutti di origine galiziana.

Testo trovato qui
Negro nacín no fosco sul,
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/4/14 - 11:51

Un vento ven

[1970]
Album "Galicia Canta",

Xulio Formoso è un cantautore galiziano trapiantato in Venezuela. L'album "Galicia Canta" fu pubblicato nel 1970 a Caracas. I testi delle canzoni interpretate da Formoso furono scritti da Farruco Sesto Novás (poi politico di primo piano con Chavez) Celso Emilio Ferreiro e J.J. Sesto Novás, tutti di origine galiziana.

Testo trovato qui
Ven, ven, ven, un vento ven,
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/4/14 - 11:50

A história do meu povo

[1970]
Album "Galicia Canta",

Xulio Formoso è un cantautore galiziano trapiantato in Venezuela. L'album "Galicia Canta" fu pubblicato nel 1970 a Caracas. I testi delle canzoni interpretate da Formoso furono scritti da Farruco Sesto Novás (poi politico di primo piano con Chavez) Celso Emilio Ferreiro e J.J. Sesto Novás, tutti di origine galiziana.

Testo trovato qui
Vouvos contar a história do meu povo
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/4/14 - 11:47
Downloadable!

La lettera

[2008]
Testo di Paolo Donadoni
Musica di Graziano Nardini
Lyrics by Paolo Donadoni
Music by Graziano Nardini
Album: "Fino alla fine"

i ricordi sono come stelle
fanno luce solo di notte...



“Tutti giù per terra” è un gruppo di musicisti di Santa Margherita Ligure e dintorni che si sono riuniti per l’occasione attorno a Paolo Donadoni, autore di tutti i testi e fautore, nonché produttore, di questo libro e cd “Fino alla fine” dove il tema unico e filo conduttore è la guerra.
I testi sono vere e proprie poesie che si muovono dentro la musica di Graziano Nardini e di questa piccola orchestra, sempre efficaci a descrivere l’atroce realtà della guerra che pervade ogni angolo ed ogni voce senza lasciare alcuno spazio se non quello, sporadico e sofferto, ad un anelito a qualcosa di più alto nella spietata lotta per sopravvivere tra il sangue, il dolore e la morte.
Le parole di Donadoni... (Continues)
è una notte che fa schifo
(Continues)
Contributed by i.fermentivivi 2009/4/14 - 11:06
Video!

Todos los caballos blancos

[1976]
Album "Porsuigieco"

Scritta da Gieco per l'unico lavoro del gruppo "Porsuigieco", composto da alcune delle più importanti figure del rock argentino: con Gieco, Charly García, Raúl Porchetto, Nito Mestre e María Rosa Yorio.

Una mattina di sole, un istante di pace... per un attimo posso dimenticarmi degli aguzzini che ci danno la caccia per toglierci tutto, per ucciderci...
Voy andando y siento el sol
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/4/14 - 10:11

Mirta, de regreso

[1982]
Album "Tiempos dificiles"
Autore: Adrián Abonizio

C'era ancora la dittatura. C'era la guerra delle Malvinas. E Baglietto e Albonizio avevano il coraggio di proporre questa canzone, di un prigioniero (forse di una prigione clandestina) che riesce a tornare miracolosamente dall'inferno, ma senza trovare più la vita di prima: "tutti sembrano soldati, mi sembra di essere in mezzo a un cimitero, mi hanno accolto il freddo e un nuovo governo... Mirta, non ricordo nemmeno più il tuo corpo..."
De regreso, Mirta
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/4/14 - 09:43
Video!

Piero Ciampi: Disse: Non Dio, decido io

Chanson au thème on ne peut plus clair... Elle raconte tout simplement un suicide. La seule chose qu'il faut espérer dans ce cas de figure, c'est de ne pas se rater, c'est que l'automobile, ou le train, ou le camion, ou le métro ou le tram ne vous rate pas lui non plus.

Aragon chantait « Est-ce ainsi que les hommes vivent...? »; Ciampi répond « Est-ce ainsi que les hommes meurent...? »

Certains, au bout d'une extrême lassitude, englués dans un interminable ennui, poussés à bout par les vicissitudes d'une vie hasardeuse, écrasés par l'indifférence ou la méchanceté du monde, minés par la misère ou par la solitude ou par un songe qui ronge leur esprit ou un amour qui tourne mal, pour mille raisons indiscernables ou indicibles finissent pas sauter le pas.
Je n'ai d'ailleurs jamais vraiment compris ce qui gênait dans un suicide, dans l'acte de liberté ultime qu'il représente... Et je me... (Continues)
JE DÉCIDE, PAS DIEU
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2009/4/13 - 21:44
Video!

Aux armes citoyennes

[2001]
Album "La Zizanie"
A ceux qui pensent
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/4/13 - 19:19
Video!

Questa nuova realtà

[1997]
Album:Il giorno del falco
Il brano è cantato insieme a Konstantin Wecker (1947-), importante cantautore, compositore e attore tedesco.
(Bernart Bartleby)
E non dirmi che è già tardi
(Continues)
Contributed by adriana 2009/4/13 - 15:39

Judith

Judith
Canzone léviane – Judith – Marco Valdo M.I. – 2009
Cycle du Cahier ligné – 7.

Judith est la septième canzone du cycle du Cahier ligné.
Le destin du fou et celui du malade enfermés sont un peu semblables. Comment s'échappe-t-on d'un perpétuel enfermement ? Toujours reclus, et pour des mois, dans cette chambre qu'il ne voit pas, les yeux et la tête entièrement enveloppés de pansements, Carlo Levi souffre le martyre. Ce ne sont pas les douleurs physiques que d'ailleurs certains calmants atténuent souvent qui le gênent vraiment. Ce dont il souffre, c'est de l'enfermement, c'est de ce double enfermement – « la tente obscure de la double nuit », de cette dépendance terrible du blessé, du malade... à laquelle s'ajoute celle de l'aveuglé. Ne plus pouvoir sortir, ne plus pouvoir sortir de sa propre tête. On est aux bords de la folie. Lui, par exemple, le peintre ne voit pas les roses... (Continues)
Rose de Mai, Rose de Provence,
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2009/4/12 - 21:12
Downloadable! Video!

Anch’io ti ricorderò

La pace nasce solo combattendo le ingiustizie: non vi può essere pace nelle coscienze sulla sofferenza di altri.
Francesco 2009/4/12 - 13:31
Video!

Di corsa

[2009]
Album: Onda libera

Pprotagonista di questa canzone cantata a due voci da Dudu e Betty con la partecipazione di Emad Shuman dei Kabìla è un ragazzo palestinese che scappa dalla guerra, dalle vendette incrociate, dall'odio, dalle bombe israeliane e dai proclami degli imam, per conquistare una vera libertà che sia tutta sua, senza più condizionamenti, per non corerre più, ma per camminare a testa alta. Grande canzone contro la guerra!
Sei nato già di corsa tra i muri diroccati
(Continues)
Contributed by matteo88 2009/4/12 - 10:39
Song Itineraries: The Palestinian Holocaust
Video!

Tisící rok míru

d'après la version italienne d'Alessandro
traduite de la version anglaise de Pavla Rejflova et Zdena Smetana
revue et corrigée par Martina Mezírková
Chanson tchèque – Tisící rok míru – Karel Kryl - 1995

Avertissement : Certains traitent la guerre par le mépris; ici, on la traite par l'ironie et l'humour. Plaisir d'humour ... C'est bien plus décapant.

La Millième Année de Paix vue par Karel Kryl est une vision bien pessimiste mais tchèque, Kafka est passé par là, ou alors tout à fait aussi tchèque et ironique, Chveik est le seul promeneur dans ce territoire désolé et va atteindre l'autre côté du champ de bataille. Le Lieutenant est déjà envahi pas la mousse bleue. On ne sait.
Mais c'est une vision – c'est le cas de le dire de l'évocation de la Fête-Dieu, avec Julienne de Cornillon et Ève de Liège, dansant sans boubou devant Martin ou alors, entraînées dans un tourbillon érotique par Tchantchès... (Continues)
LA MILLIÈME ANNÉE DE PAIX
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2009/4/12 - 10:27
Video!

Big Joe Blues

(2007)

Pete Seeger le canta a Stalin. A 88 anni ha scritto la sua prima canzone contro le efferatezze del regime sovietico. Alla sua età si possono ancora avere dei ripensamenti. Seeger è l' insuperato profeta della musica folk, il cantore dei diritti civili, che ha sparso in tutto il mondo i versi di We shall overcome e Guantanamera, e a cui recentemente Springsteen ha dedicato il suo disco intitolato Seeger sessions, sperando di risvegliare nel suo nome i vecchi ideali su cui è cresciuta la nazione americana. Tutto inizia da una polemica montata da un suo vecchio discepolo, Ron Radish («Negli anni Cinquanta avevo imparato da lui a suonare il banjo» racconta, «due dollari per tre ore di lezione») che lo ha criticato per non aver a suo tempo preso le distanze dal regime sovietico, di battersi per la libertà e la giustizia sociale e poi di non accorgersi dei crimini commessi in nome del comunismo.... (Continues)
I'm singing about old Joe, cruel Joe,
(Continues)
2009/4/12 - 00:55
Video!

Supper's Ready

semplicemente incredibile profondità di testo e musica.
la canzone migliore del prog-rock e non credo di esagerare
(Ciro) 2009/4/11 - 16:17
Video!

Tisící rok míru

tradotto da Pavla Rejflova e Zdena Smetana in inglese
rivisto e corretto da Martina Mezírková
IL MILLESIMO ANNO DI PACE
(Continues)
Contributed by martina mezirkova 2009/4/11 - 15:59
Video!

Král a klaun

IL RE E IL BUFFONE
(Continues)
Contributed by martina mezirkova 2009/4/11 - 15:49
Downloadable! Video!

Radio Aut

caro PEPPINO io e la mia scuola stiamo facendo di tutto per sconfiggere la maFia e vero lo devo dire la mafia fa schifo e Vanfanculo a i mafiosi. PEPPINO 6 BELLISSIMO (NEL FILM) mi piaceva nel film quando dicevi che la mafia fa schifo la mafia fa rovesciare ma noi 2 e la mia scuola ce la faremo a sconfiggere la mafia insieme.Noi il 23 maggio andiamo a aula buker a cantare tutte le canzoni che abbiamo imparato e che impareremo;cisaranno:la sorella di Falcone e di Borsellino e infatti io andavo in quella uola Paolo Borsellino, 1 dei tuoi fratelli forse tutti,tutti i magistrati ... ti saluto PEPPINO spero che voi leggete il mio commento ma quando ti hanno messo nella cosa del treno io ti volevo salvare ma nn ci sn riusita ti saluto naomi!!!!!!!!1 da naomi ti voglio bene PEPPINO sarai sempre nei nostri cuori ciaooo!!!!
naomi 2009/4/11 - 13:24
Video!

Andrea

Come (quasi) sempre per le versioni in lingua serba, diamo sia quella in latinica sia quella in ћирилица. [CCG/AWS Staff]
ANDREA
(Continues)
Contributed by Lidija milicevic 2009/4/10 - 21:43
Video!

Soldadito Español

[1992]
Album:Soldadito Español
Todas las mañanas cuando suena la corneta
(Continues)
Contributed by Simo 2009/4/10 - 21:31
Downloadable! Video!

Onda libera

[2009]
Album: Onda libera

Una dichiarazione d’intenti per una visione veramente “libera” del nostro futuro e del nostro impegno, per la qualità delle scelte che ci coinvolgono come cittadini e individui. L’onda è partita dalle scuole, non possiamo che guardare ai giovani studenti per immaginare e auspicare un cambiamento nella nostra società e nei suoi tanti falsi “valori di libertà”.
È un’onda che si allunga
(Continues)
Contributed by DonQuijote82 2009/4/10 - 20:22
Video!

On The Turning Away

Ho aggiunto la punteggiatura, per lo scorrimento del testo.
VOLGENDOCI ALTROVE
(Continues)
Contributed by Fabio 2009/4/10 - 19:40




hosted by inventati.org