Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2005-6-3

Remove all filters
Video!

Lullaby zwischen den Kriegen

2/3 giugno 2005
Marina di Campo (Isola d'Elba)
NINNA NANNA FRA LE GUERRE
(Continues)
2005/6/3 - 19:15
Video!

Il suo nome: bandito

[2004]
Testo di Carolus L. Cergoly, Canti clandestini
Album: Partigiani! (2004)
Musica di Mauro Punteri
Arrangiamenti di Valter Sivilotti

Testo tratto dai “Canti clandestini” di Carolus L. Cergoly, poeta e scrittore triestino (vedi anche Fuma el camin) e musicato da Mauro Punteri degli Zuf de Žur, autore di tutte le musiche originali dell’album "Partigiani!" nel quale reinterpretano anche Se il cielo fosse bianco di carta di Ivan Della Mea e il canto dei partigiani sloveni Na juriš! (nelle pagine relative alle due canzoni c'è anche il link al sito da dove si possono scaricare gli mp3).

Carolus L. Cergoly (pseudonimo di Carlo Luigi Cergoly Serini (Zriny), 1908-1987) fu uno scrittore e poeta triestino. Nelle sue poesie si ritrovano spesso i temi della Resistenza, la persecuzione degli ebrei, le barbarie nazifasciste. Scrive queste poesie perché, come si può leggere nella prefazione del... (Continues)
Al comando portà
(Continues)
Contributed by Virginia Niri 2005/6/3 - 15:29
Downloadable! Video!

זאָג ניט קײנמאָל

Quando Hirsh Glik scrisse questa canzone aveva appena 16 anni. Rimase molto impressionato dalle notizie della rivolta nel ghetto di Varsavia, giunte a Vilnius proprio quando 15 partigiani ebrei, suoi amici, persero la vita nel primo scontro con i nazisti.
Virginia Niri 2005/6/3 - 15:21
Downloadable! Video!

Se il cielo fosse bianco di carta

LA LETTERA DI CHAIM - ITALIANO

Miei cari genitori,

se il cielo fosse carta e tutti i mari del mondo inchiostro, non potrei descrivervi le mie sofferenze e tutto ciò che vedo intorno a me. Il campo si trova in una radura. Sin dal mattino ci cacciano al lavoro nella foresta. I miei piedi sanguinano perché ci hanno portato via le scarpe. Tutto il giorno lavoriamo quasi senza mangiare e la notte dormiamo sulla terra - ci hanno portato via anche i nostri mantelli.

Ogni notte soldati ubriachi vengono a picchiarci con bastoni di legno, e il mio corpo è nero di lividi come un pezzo di legno bruciacchiato. Alle volte ci gettano qualche carota cruda, una barbabietola, ed è una vergogna: ci si batte per averne un pezzetto e persino qualche foglia. L’altro giorno due ragazzi sono scappati, allora ci hanno messo in fila e ogni quinto della fila veniva fucilato. Io non ero il quinto, ma so che non uscirò vivo di qui.

Dico addio a tutti e piango.

Chaìm.
Virginia Niri 2005/6/3 - 15:15
Downloadable! Video!

Ero povero ma disertore

Anonymous
ERO UN POVERO DISERTORE
(Continues)
Contributed by Cris Carampa (cris119@operamail.com) 2005/6/3 - 14:33
Video!

Luna

veramente un bel testo. sempre contro l'imperialismo e la guerra
sandro renaldi 2005/6/3 - 14:16
Downloadable! Video!

Le dormeur du val

è stupenda
ciuccio 2005/6/3 - 11:35
The Italian translation of Franz-Josef Degenhardt's songs is almost at hand. An English translation will be available as soon as possible.
Riccardo Venturi 2005/6/3 - 10:21
Video!

Diesmal Grenada

2 giugno 2005
Marina di Campo (Isola d'Elba)
STAVOLTA GRENADA
(Continues)
2005/6/2 - 21:48
"At the Army Parade / He spit in an innocent's eyes / and when he asked why / he answered: this is nothing...". With these verses by Fabrizio de André we want to "celebrate" the Italian national holiday of 2.June and its stupid and useless operetta parade of militarism. (LM & RV)
Riccardo Venturi 2005/6/2 - 11:57
Downloadable! Video!

Il caduto

EL CAIDO
(Continues)
2005/6/2 - 11:56
Downloadable! Video!

Il matto

EL PIRADO
(Continues)
2005/6/2 - 11:53
Video!

Danse Allemande

2 giugno 2005
Marina di Campo (Isola d'Elba)
DANSE ALLEMANDE
(Continues)
2005/6/2 - 09:03
Video!

Uniformi

Dall'album "Un Sole Che Brucia" (1995)
Quanto uniforme vuoi sia la nostra vita
(Continues)
Contributed by adriana 2005/6/2 - 07:04

Zone di confine

Una ragazza croata, durante la guerra civile che insanguinava Sarajevo, a sedici anni si prostituiva per pagarsi gli studi. Le ho dedicato uno dei pezzi più delicati che io abbia mai scritto.(Susanna Parigi)

Scomposta
Trecce carbone e i tuoi occhi
(Continues)
Contributed by adriana 2005/6/1 - 16:49
Song Itineraries: Balkan Wars of the 90's
Video!

Nordest Sacrifice

Album : Pensieri di guerra (per Emergency

“Penso che la guerra nasca prima di tutto nella nostra cultura rispecchiandosi in ciò che noi definiamo società. Sono i nostri confini geografici e mentali che segnano il limite oltre il quale non riusciamo a vedere, a capire. E’ di questo che la guerra si alimenta.” (presentazione - Luca Bassanese)
A quale Dio rivolgi ancora le preghiere prima di dormire
(Continues)
Contributed by adriana 2005/6/1 - 11:59
Video!

Inka Lied [El Condor pasa]

1° giugno 2005
Marina di Campo (Isola d'Elba)
CANZONE INCA (EL CONDOR PASA)
(Continues)
2005/6/1 - 11:27
Video!

Lullaby For Hamza

Album: Cuckooland (2003)

Lyrics by Alfreda (Alfie) Benge
Music by Robert Wyatt


Guardian story inspires lyrics for war lullaby

Robert Wyatt may not have won the Mercury Music Prize - in truth he did not expect to - but the biggest cheers at the ceremony were undoubtedly reserved for him.

Yesterday the British musician, acclaimed for his powerful, politically charged but wry songs, told how one of the stand-out tracks on his celebrated new album was inspired by an article in the Guardian about a boy born as the bombs began to fall at the start of the first Gulf war.

Wyatt's wife and writing partner, Alfreda (Alfie) Benge, wrote the lyrics for Lullaby to Hamza after being moved by the story of Hamza al-Gahnem, who spent the first 40 days of his life being nursed in an underground shelter.

Perhaps best known for the anti-Falklands-war song Shipbuilding, Wyatt had been casting around for... (Continues)
When bombers bomb again,
(Continues)
Contributed by Marco Di Lillo 2005/5/31 - 15:18
Video!

Zero Landmine

Testo di David Sylvian
Musica di Sylvian e Ryuichi Sakamoto

EP Zero Landmine (2001)
This Is My Home
(Continues)
Contributed by Marco Di Lillo 2005/5/31 - 15:06
Video!

World Citizen

(2003)

Testi di David Sylvian
Musica di Sylvian e Ryuichi Sakamoto
There goes one baby's life
(Continues)
Contributed by Marco Di Lillo 2005/5/31 - 14:55
Video!

A Life (1895 - 1915)

(1998)
Uniform
(Continues)
Contributed by Marco Di Lillo 2005/5/31 - 14:42
Song Itineraries: World War I (1914-1918)
Video!

1943

Come vorrei tramutare in oro la vita piena di dolore
(Continues)
Contributed by Marco Di Lillo 2005/5/31 - 14:33
Video!

Befragung eines Kriegsdienstverweigerers

Marina di Campo (Isola d'Elba), 31 maggio 2005
INTERROGATORIO DI UN OBIETTORE DI COSCIENZA
(Continues)
2005/5/31 - 13:37
Video!

Serenata mai sonata

dallo spettacolo teatrale "Roccu u stortu" scritto da Francesco Suriano e messo in scena dalla Compagnia Krypton di Firenze, diretto e interpretato da Fulvio Cauteruccio.
Il disco registrato a Bologna nell'ottobre 2001 e prodotto dal Parto delle nuvole pesanti, si compone di 23 tracce, tra parti recitate dall'attore Fulvio Cauteruccio e 7 canzoni originali scritte per lo spettacolo più due brani già appartenenti al repertorio del gruppo e pubblicati nel primo disco, ALISIFARE (1995), che sono DISERZIONE E RAGGIA, completamente riarrangiati.

sito ufficiale
Roccu, pure l'amici su spariti
(Continues)
2005/5/29 - 16:11
Video!

Diserzione

(Voltarelli - De Siena)
da Alisifare (1994)

"La canzone è ispirata alla storia di Ceraso, un giovane calabrese che si arruolò per prendere parte alla "missione di pace" in Libano all'inizio degli anni '80. In paese Ceraso divenne una vera e propria personalità quando, al ritorno da Beirut si comprò con i soldi guadagnati al fronte la macchina nuova. Una Allegro della Austin, autentica sciccheria per quel periodo. Bastò quello per farlo divenire un beniamino dei giovani del luogo. Un soggetto ideale, insomma, per raccontare in modo ironico la solita vecchia storia della guerra vista come possibilità estrema per raggiungere il riscatto economico."
(Peppe Voltarelli)
Cerasu è jutu aru Libano
(Continues)
2005/5/29 - 16:07
Video!

Bella da morire

dall'album "HSL"
2004
La guerra è bella a marzo perchè
(Continues)
Contributed by adriana 2005/5/28 - 17:22
Video!

Polvere

Musica: Il Vizènt. Testo: Gerry.

Questa canzone è stata inserita nell'album
"Pensieri di Guerra" progetto VicenzaLIVE per Emergency.
Poi nell'album "Primavera a gennaio"
Lo sai, lo sai, lo sai che non mi piace il vento
(Continues)
Contributed by adriana 2005/5/28 - 16:06
Downloadable! Video!

Holiday in Ramallah

Da "Así es mi vida" [2002]
Si tratta di un pezzo strumentale dub sullo sfondo del rumore dei carriarmati israeliani a Ramallah.
2005/5/28 - 15:16
Song Itineraries: The Palestinian Holocaust
Video!

Il 20 Luglio 2001

[2006]
Album: Al mercato

Dall'album "Oggi che il qualunquismo è un arte mi metto da parte e vivo le cose a modo mio"

Con la partecipazione di King Naat Veliov e The Original Kocani Orkestar
Al centro dello schermo
(Continues)
Contributed by adriana 2005/5/28 - 14:34
Video!

L’Ultimo Testimone

Testo e musica Paolo Enrico Archetti Maestri, tratta dal mini cd La Banda Tom e altre Storie Partigiane dall'album Resistenza

Canzone di lotta e di speranza, canzone di pace e libertà. Nelle note ho scoperto che è anche ispirata al volume "Lettere dei Condannati a Morte".
Una lettera accorata . l'ultima - di un uomo che aspetta la morte e prima che il suo destino si compia vuole passare il testimone a quelli che verranno.

«Ispirata anche dal volume "Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana, 8 settembre 1943, 25 aprile 1945"(Einaudi), è una vera e propria cavalcata sonora che trasmette continue emozioni grazie all'incedere ritmico del brano, caratterizzato da una miscela di suoni acustici e caldi loop elettronici e da un testo partecipe, vibrante e commovente. »
(dal sito ufficiale)


Yo Yo Mundi: Resistenza

15 gennaio 1945: 13 partigiani della Brigata Tom di Casale... (Continues)
Ho scritto a mia madre,
(Continues)
Contributed by Lupita Hernandez 2005/5/28 - 13:54
Video!

Il Pescatore

Da Le Opere di Dani - Versioni ebraiche di canzoni italiane.

Un ringraziamento speciale a Daniel per tutto quel che sta facendo! [RV]
הדייג
(Continues)
2005/5/27 - 20:54

Attilio

Mattino d'estate aria tiepida
(Continues)
Contributed by adriana 2005/5/27 - 19:13
Video!

Le stazioni di una passione

Album "UNA VOLTA PER SEMPRE" 1995
Li ho visti in mezzo al campo
(Continues)
Contributed by adriana 2005/5/27 - 18:08
Video!

Il Pescatore

Svensk översättning av Riccardo Venturi
27 maggio / 27 maj 2005

Efterföljande översättningen är till minnet av Joel Emmanuel Hägglund, född i Gävle dem 7. oktober 1879, skuten ihjäl den 19. november 1915 i Salt Lake City, också och hellre känd som Joe Hillström eller Joe Hill. "Don't mourn for me: organize!"
FISKAREN
(Continues)
2005/5/27 - 12:38

Volontaires de la Liberté

Jean-Noël Dumont
Riprendo il testo da "La Musica dell'altra Italia".
A tes côtés peuple héroïque,
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/5/26 - 22:10
Video!

Viens chez moi!

Testo e musica di Charles D'Avray

Una canzone in cui una sola strofa è decisamente contro la guerra, ma che anche nelle rimanenti esprime lo spirito di libertà e di tolleranza che sono alla base di ogni tipo di antimilitarismo.

Riprendo il testo da "La musica dell'altra Italia"
Je dédie cette oeuvre aux anarchistes
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/5/26 - 21:53

Tri ratna druga

TRE COMPAGNI AI QUALI PIACEVA FARE LA GUERRA
(Continues)
Contributed by Monia Verardi 2005/5/26 - 16:46
Video!

Soldato

Non ci sono parole.
Un bellissimo testo, altrettanto la musica.
Uno dei migliori pezzi dei Nomadi.
Giorgio 2005/5/26 - 12:56




hosted by inventati.org