Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2005-3-28

Remove all filters
Downloadable! Video!

Le Déserteur

ITALIANO / ITALIAN / ITALIEN [8] - Terminale X


Versione italiana rap "attualizzata" di R.Pasini e L.Cappellini (2003) per Terminale X
Scarica OGG / MP3

Version italienne rap actualisée de R.Pasini et L.Cappellini (2003) pour Terminale X
Télécharger OGG / MP3

Italian actualized rap version by R.Pasini and L.Cappellini (2003) for Terminale X
Download OGG / MP3

da/d'après/from http://Bastaguerra

Terminale X è un progetto nato dall'incontro tra bus3 e Leo M.P. allo European Social Forum di Firenze (9 novembre 2002).

Suonano in una sala prove virtuale, composta da elettricità, cavi telefonici, segnali acustici digitali in ridondanza da un terminale all'altro.
Mancano di fisicità.
I loro progetti vengono sviluppati alla luce del server, passo dopo passo, coordinati nel loro sito internet.

Sostanzialmente, Terminale X non esiste.

Per contatti, info o per suonare con loro:
bus3: bus3@artesottomarina.it
Leo M.P.: leomp@artesottomarina.it
http://www.artesottomarina.it/tx

IL DISERTORE
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 23:55
Downloadable! Video!

Bury My Heart At Wounded Knee

Indian legislation on the desk of a do-right Congressman
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 23:30
Song Itineraries: Native American Genocide
Video!

Bleed For Me

You've been hanging 'round
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 23:26
Downloadable! Video!

Brother, Can You Spare A Dime?

Riprendo il testo da:

http://www.ocap.ca/songs/sparedim.html

"Brother, Can You Spare a Dime?", also called "Buddy, Can You Spare a Dime?", was one of the best-known American songs of the Great Depression.

Written in 1931 by lyricist Yip Harburg and composer Jay Gorney, "Brother, Can You Spare a Dime?" was part of the 1932 musical New Americana. It became best known, however, through recordings by Bing Crosby and Rudy Vallee. Both versions were released right before Franklin Delano Roosevelt's election to the presidency and both became number one hits on the charts. The Warner Bros. Crosby recording became the best-selling record of its period, and came to be viewed as an anthem of the shattered dreams of the era. No song better captures the dark spirit of this period in time.

The song was also recorded more recently by the singer George Michael for his album Songs from the Last Century.
(Wikipedia)
They used to tell me
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 23:24
Video!

Bodyguard

Scritta da David Hinds.

Riprendo il testo da:

http://www.ocap.ca/songs/bodyguard.html
Every time you meet the public
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 23:21
Downloadable! Video!

And We Thought That Nation-States Were a Bad Idea

Album: Less Talk, More Rock - 1996
"Publically subsidized, privately profitable!"
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 22:53
Downloadable! Video!

Chicago (We Can Change The World)

[1971]
Da/From "Songs for Beginners" (1971)
Live version on "Four Way Street" (1971) by Crosby, Stills, Nash & Young

L'evento a cui si riferisce la canzone di Graham Nash è la convention democratica di fine agosto 1968, nella quale il partito democratico americano doveva decidere il candidato da opporre al repubblicano Richard Nixon, dopo la rinuncia a ricandidarsi da parte del presidente in carica Lyndon Johnson, travolto dalla opposizione alla guerra del Vietnam.

La partecipazione dei giovani, organizzata da David Dillinger (presidente del comitato contro la guerra), Abbie Hoffman e Jerry Rubin (capi del partito YIPPIES - Youth International Party), Tim Hayden e Rennie Davis, leader del movimento SDS (Students for a Democratic Society), Bobby Seale, leader del movimento anti-razzista radicale Black Panthers (pantere nere), aveva lo scopo di imporre una piattaforma pacifista al candidato... (Continues)
So your brother's bound and gagged
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 22:47
Downloadable! Video!

Society's Child (Baby I've Been Thinking)

(1967)

This is the song that put Janis Ian on the map. She composed it at age fifeteen, about observation she had made within her neighborhood. The original title was "Baby I've been Thinking". After the song had been turned down by twenty-two record companies, Verve/Folkaways rekeased it. Most radio stations found it too hot to handle, with its message about interracial romance. It took Leonard Bernstein's featuring Janis and the song on his show Inside Pop: A Rock Revolution for the song to take off and make its way up the Billboard charts. She remembers being a teenager and receiving numerous threats, "a lot of bomb threats, a lot of envelopes with razor blades. It was scary. I didn't understand people wanting to hurt me". It was years before she felt comfortable performing in the South.

(Jeff Place, liner notes from Classic Protest Songs from Smithsonian Folkways)

Come to my door, baby,
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 22:43
Video!

Abraham, Martin And John

(Dick Holler)

Abraham Lincoln is among the nation's most prized and beloved personages. A man of nobility and leadership, he grew up among the impoverished and uneducated.Through perseverance he attained great knowledge of life and love for the American people.

"Liberalism is not so much a party creed or set of fixed platform promises as it is an attitude of mind and heart, a faith in man's ability through the experiences of his reason and judgment to increase for himself and his fellow men
the amount of justice and freedom and brotherhood which all human life deserves."... (John Kennedy)

Martin Luther King Jr. was able to express the inner anxieties of the oppressed black nation of the 1950's-1960's
and stands as one of the founders of present day society.
He was driven by his belief of justice and equality for those who were given none.
Has anybody here seen my old friend Abraham?
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 22:35
Downloadable! Video!

Vigilante Man

Have you seen that vigilante man?
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 22:25
Video!

When The Ship Comes In

Dall'album "The Times They Are A-Changin'" (1964)

La canzone sembra essere stata ispirata a Dylan da una canzone dall' "Opera da tre soldi" di Bertolt Brecht, "Lied der Seeräuber-Jenny", in italiano "Jenny dei Pirati". Afferma Suze Rotolo, uno dei primi amori di Bob Dylan (nonché la ragazza che con lui appare sulla copertina di "The Freewhelin' Bob Dylan"): "Il mio interesse per Brecht costituì certamente un'influenza per Bob. Stavo lavorando per il Circle in the Square Theatre, ed egli veniva a sentire tutte le nostre rappresentazioni. Rimase molto colpito dalla canzone per la quale è divenuta famosa Lotte Lenya, Jenny dei Pirati".

(Da Maggie's Farm, il sito italiano di Bob Dylan)

When the ship comes in (Quando la nave attraccherà) è una canzone molto poco conosciuta dal pubblico italiano, nonostante sia una delle più significative e belle creazioni dell'autore nel suo primo periodo,... (Continues)
Oh the time will come up
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 22:23
Don't miss a new realistic and heartfelt translation of Bob Dylan's Masters of War into the Leghorn dialect!
Riccardo Venturi 2005/3/28 - 19:33
Downloadable! Video!

Masters Of War

LIVORNESE / LEGHORNESE - Riccardo Venturi

Una sentita e realistica versione in livornese di Riccardo Venturi
La si intenda declamata, se non proprio cantata, da un giòvine portuale incazzato (28 marzo 2005).

Riccardo Venturi's deephearted and realistic version into his native Leghornese dialect.
It is meant to be sung by a young and very much scared harbor worker.
BUDIÙLO (Masterz o’uòr)
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 19:26
Video!

Blowin' in the Wind

NAPOLETANO / NEAPOLITAN [Salvatore Esposito / Michela Cobino]


La seguente versione in napoletano è ripresa da "Maggie's Farm" (Il sito italiano di Bob Dylan, a cura di Michele Murino) ed è opera di Salvatore Esposito e Michela Cobino.

The following translation into Neapolitan is reproduced from "Maggie's Farm" (Bob Dylan's Italian site, edited by Michele Murino). The translators are Salvatore Esposito and Michela Cobino.
'N COPP' O' VIENTO VULARA'
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 18:48
Downloadable! Video!

Masters Of War

CATALANO / CATALAN - autore sconosciuto/unknown author

Versione catalana di autore imprecisato
A Catalan version by an unknown author
SENYORS DE LA GUERRA
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 17:51
Video!

Blowin' in the Wind

RUSSO / RUSSIAN [1 - Konstantin Evgeńevič Karasev (Karaś) / Константин Евгеньевич Карасев (Карась)]

Versione russa cantabile di Konstantin Evgeńevič Karasev (Karaś) (datata 8.6.2002), da questa pagina. La versione è accompagnata da una trascrizione. NB: Dalle medesime pagine è possibile scaricare la versione cantata in .MP3.

A Russian version made for singing by Konstantin Evgenyevih Karasev (Karas') (8.6.2002), from questa pagina. Provided with transcription. A mp3 recording can be downloaded from both pages. [RV]
ВЕТЕР ЗНАЕТ ОТВЕТ
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 11:58
Video!

Imagine

PORTOGHESE / PORTUGUESE [2]

Ulteriore versione portoghese, da questa pagina
Alternative Portuguese translation available at this page
IMAGINE
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 11:51

Hova száll a szürke varjú

Anonymous

Questa bella canzone contro la guerra sembra...non avere pace. Rimasta a lungo senza alcuna traduzione e di attribuzione anonima, è stata poi per errore attribuita a Péter Gerendás e infine, grazie alle ulteriori precisazioni dell'amica Laura (oramai da tempo la nostra referente per la sezione ungherese, ed alla quale dobbiamo anche un'ottima traduzione italiana) siamo in grado di situarla un po' meglio. Si tratta infatti di una canzone ("mozgalmi") del movimento operaio ungherese. Sui suoi punti di contatto con Dove vola l'avvoltoio sono in corso ricerche sia da parte nostra che di Laura.[RV]
Hova száll a szürke varjú,
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/27 - 15:13
Downloadable! Video!

Bella Ciao

Anonymous
12. Bella Ciao (Versione ungherese)
12. Bella Ciao (Hungarian version)


La Versione ungherese di "Bella Ciao" cantata tradizionalmente. E' ripresa da questa pagina.
The version of "Bella Ciao" traditionally sung in Hungary. It it reproduced from this page


BELLA CIAO
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/27 - 15:10
Video!

I'd Like To Teach The World To Sing

I'd like to teach the world to sing
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/27 - 14:38
Downloadable!

The War Game

[1995]
Basata su una storia vera.
There was no note but if there was, it might have said:
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/27 - 14:26

Oh, Mother Earth

[2003]
Lyrics and Music by Honey Novick
Testo e musica di Honey Novick
Chorus
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/27 - 14:23

L'amour des Peuples

27 marzo 2005
L’AMORE DEI POPOLI
(Continues)
2005/3/27 - 14:12
Video!

Il vestito del violinista

dal'album "Pezzi" (2005)

I bambini sono quelli di Beslan.

Melodia quasi popolare, arrangiamento da rock acerbo. Il tono con cui De Gregori canta - e le sue voci sembrano venire da lontano - è neutro proprio com'è la sofferenza delle vittime di violenza. Compare in questo racconto tutta l'angoscia dell'era contemporanea; l'immagine di un vestito che vola senza il suo padrone mi ricorda il vestito rosso della bambina di "Shinderl's list", visto prima indosso a lei e poi da solo sopra un carro: sola cosa colorata in mezzo alla pellicola in bianco e nero. Ritorna "la ridondanza delle campane" come "il suono dell campane" dell'omonima canzone, visto come ricordo di tempi migliori e atteso come speranza di tempi migliori (in cui ci saranno "falegnami e filosofi / a fabbricare il futuro").
Perchè dovranno pur finire questi tempi bui.
(Antonio Piccolo)
Era il vestito del violinista che vedevamo sventolare
(Continues)
Contributed by Antonio Piccolo 2005/3/26 - 19:04
Song Itineraries: Chechenian Wars
Video!

Il panorama di Betlemme

dal'album "Pezzi" (2005)

La questione palestinese. Cos'è la mosca? Una pallottola? Il pensiero della morte?
Un uomo ferito alla schiena
(Continues)
Contributed by Antonio Piccolo 2005/3/26 - 19:03
Song Itineraries: The Palestinian Holocaust
Video!

Gambadilegno a Parigi

da "Pezzi" (2005)

De Gregori all'uscita l'ha presentata dicendo che oggi, l'informazione falsata, ci parla tanto dei morti (quasi sempre soldati e non civili) ma molto poco dei feriti. Gambadilegno è un ferito reduce da una guerra - probabilmente dal Vietnam, ma non lo sa nemmeno lui - che va a Parigi per farsi mettere una protesi. E sogna però di stare ad Atene, quella che immagina come culla della civiltà.

Gambadilegno è, secondo le indicazioni che lo stesso De Gregori ha fornito, un soldato ferito, reduce della guerra di Corea oppure della guerra del Vietnam. Questo soldato non è reduce – come si potrebbe pensare – della seconda guerra mondiale, «per noi troppo remota», dice De Gregori, «né più attuale, perché la sua ferita è rimarginata da tempo» (mentre le guerre di Corea e del Vietnam ci richiamano alla mente guerre più vicine). Quindi ovviamente Gambadilegno... (Continues)
E allora sognò Atene
(Continues)
Contributed by Antonio Piccolo 2005/3/26 - 18:58
Video!

Numeri da scaricare

da "Pezzi" (2005)
Guarda quel treno
(Continues)
Contributed by Antonio Piccolo 2005/3/26 - 18:53
Video!

New Year's Day

Dia de Año Nuevo
(Continues)
2005/3/26 - 16:05
Video!

Seconds

SEGUNDOS
(Continues)
2005/3/26 - 16:03
Video!

Sunday Bloody Sunday

DOMINGO SANGRIENTO DOMINGO
(Continues)
2005/3/26 - 16:01
Video!

Blowin' in the Wind

LATINO / LATIN [Meredith Minter Dixon]

Versione latina di Meredith Minter Dixon
da Questa pagina.
Latin translation by Meredith Minter Dixon
from This page


SE DEDIT FLAMINI
(Continues)
Contributed by CCG/AWS Staff 2005/3/25 - 21:08




hosted by inventati.org