Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Author Paolo Rossi

Remove all filters
Downloadable! Video!

Giorgio Gaber: Qualcuno era comunista

Dal Festival Gaber di Cittadella di Viareggio, luglio 2013 l'adattamento di Paolo Rossi di "Qualcuno era comunista", per l'occasione divenuto "Qualcuno era del Partito democratico"
Qualcuno era del Partito Democratico perchè un giorno era tornato dalle ferie e gli avevano improvvisamente cambiato nome al partito
(Continues)
Contributed by dq82 2016/3/12 - 10:32
Downloadable! Video!

Era meglio morire da piccoli

Anonymous
Era meglio morire da piccoli (la lista)
(Continues)
Contributed by dq82 2016/3/11 - 17:29
Downloadable! Video!

Bokassa Rap

[1994]
Versi di Stefano Benni, pubblicati su Il Manifesto del 29 luglio 1994
Musica di Juggy (un duo costituito da Anton Giulio “Juggy” Castagna e Marco De Angelis), nel loro disco “Par condicio” del 1995, distribuito gratuitamente con la rivista Avvenimenti.
In due versioni, una interpretata – credo – da Neri Marcorè che imita Berlusconi, l’altra interpretata dallo stesso Marcorè con Daniele Formica, David Riondino e Paolo Rossi.
I giudici, se vogliono giudicare, bisogna che si facciano eleggere
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2015/8/20 - 15:40
Song Itineraries: Prime Minister Abuse
Downloadable! Video!

I soliti accordi

[1994]

Dall’album omonimo, un brano scritto con Paolo Rossi e presentato insieme a lui al Festival di Sanremo, dove chiesero ai due di omettere l’espicito riferimento a “Forza Italia” connesso ai “grandi ladroni”… Non so se il duo obbedì o meno…
Sì, vai! (Vado?) Vai, e percuotilo nell'ombra! (E se le prendo io?) No...
(Continues)
Contributed by Bartleby 2011/2/23 - 11:34
Video!

Abdul

da "Hammamet e altre storie" del 1994
Ciao, ciao bell'Italia son venuto col trenino
(Continues)
2010/10/5 - 23:11
Downloadable! Video!

Kowalsky

[1993]
Dall'album Storie d'Italia

testo di Massimo Bubola e Marino Severini
musica di Massimo Bubola e Sandro Severini

L’idea di questa canzone è nata leggendo la sceneggiatura di Kowalsky, uno spettacolo teatrale ideato e scritto da Paolo Rossi, Davide Riondino e Gino e Michele con la regia di Salvatores. Così è nato Kowalsky numero due. Kowalsky impersona il Sogno, il nomadismo originario e la canzone racconta il suo viaggio, la sua odissea in questo paese. L'arco di tempo va dalla fine degli anni '70 ad oggi, un periodo in cui l'Italia ha rinunciato al sogno e a sognare...

Le 'stazioni' di questo viaggio sono molte, da quella di Bologna, allo Zen di Palermo, dal Leoncavallo alla Mirafiori, dalla Domiziana al Ferrante Apporti.

Kowalsky è il nuovo 'soggetto' vagante, usa strategie multiple, 'armi'- linguaggi diversi, li contamina per riuscire a sopravvivere. La canzone è divisa in... (Continues)
Kowalsky crocifisso
(Continues)
Contributed by Donquijote82 2008/12/12 - 10:43




hosted by inventati.org