Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Author Crass

Remove all filters
Downloadable! Video!

Merry Crassmas

[1981]
Stupendo 7" (A & Bside) natalizio dai Crass, che si firmarono come Creative Recording And Sound Services.

Probabilmente i Crass sono una delle pochissime band salite alla ribalta che possono realmente definirsi punk nel pieno senso della parola, sopratutto in un’epoca come gli inizi degli anni ’80 in cui il punk era visto ormai come una moda più che come un movimento.
I Crass erano anzitutto fortemente critici del punk comunemente inteso, ma non si fermavano lì; i loro testi velenosi, diretti e incisivi avevano come bersaglio la realtà sociale e politica mondiale specialmente della natia Gran Bretagna: consumismo, antimilitarismo, ecologia… Proprio per questo divennero bersaglio dei media e dei politici inglesi, in primis dall’acerrima nemica Margaret Thatcher, a cui giocarono spesso pesanti tiri mancini, come quella volta che nel 1982 crearono un vero e proprio caso internazionale... (Continues)
Hello everybody, it’s Santa here to say to you all – have fun!
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2017/12/23 - 20:29
Downloadable! Video!

Arlington '73

1982
Well Forked But Not Dead (Christ: The Album)
-D'ya know what I just realized?
(Continues)
Contributed by Dq82 2017/8/14 - 23:39
Song Itineraries: Poppie: an Antiwar flower?
Downloadable! Video!

Upright Citizen

‎[1979]‎
Album “Stations of the Crass”‎

Canzone dedicata ai “cittadini rispettabili”, quelli che la domenica a messa, quelli che i soldi prima ‎di tutti, quelli che Berlusconi è un grand’uomo, quelli che la bandiera, quelli che la guerra è un male ‎necessario, quelli che onore ai caduti…‎
You have this life, what for? Tell me
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/10/30 - 13:43
Downloadable! Video!

Nineteen Eighty Bore

‎[1982]‎
Album “Christ – The Album”‎



Doppio, densissimo album in cui i Crass concentrarono singoli e materiali registrati tra il 1981 e ‎l’inizio del 1982. Di lì a poco, in aprile, l’inizio della guerra alla Falklands/Malvinas. Qui c’è tutto ‎il resto: il controllo sulle masse esercitato attraverso la televisione, le banche e i grandi gruppi ‎industriali, i “Troubles” in Nord Irlanda, la morte di Bobby Sands e le proteste dei prigionieri ‎politici repubblicani, madame Thatcher ovvero “Della Repressione”, qui esemplificata nel “Brixton ‎Riot” dell’aprile 1981 quando 5000 “black british” si scontrarono per tre giorni con la polizia dopo ‎che nel rogo di una casa, innescato per motivi di odio razziale, avevano perso la vita alcuni giovani ‎neri… “La tua vita ridotta a zero, soltanto ad un inutile gioco in TV. Il Grande Fratello ti sta ‎scrutando, amico, ce l’hai proprio lì di fronte.”
Who needs lobotomy when we've got the ITV?
(Continues)
Contributed by Bartleby 2012/3/19 - 08:30
Downloadable! Video!

Gotcha

[1982]
Lato B del singolo Sheepfarming in the Falklands, poi inclusa nell'album "Best Before 1984" del 1986.

Questa canzone è un elenco di tutti i più tipici ingredienti degli anni bui del thatcherismo, nella cui ombra crebbero anche i fascisti del British National Party.... "Argie", "spik", "dago", "wok", "gook", "paki bum", "thieving arab"... sono tutte espressioni spregiative in slang, spesso nate in ambiente militare, con cui nel Regno Unito i razzisti designano i non britannici – nell'ordine - gli argentini, gli ispanici, gli italiani o i latinoamericani, i negri, i filippini e gli asiatici in genere, i pachistani (letteralmente "pachistani rottinculo"), gli arabi (sempre ladroni)... Noi italiani siamo pure dei "dago gimp", cioè qualcosa tipo impotenti o depravati, e "greasy pimp", cioè papponi impomatati... ma ce n'è pure per il "prog arsehole" (buco di culo sinistrorso), per il "commie... (Continues)
Gotcha, you Argie bastard, gotcha, you fucking spik,
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/3 - 22:10
Downloadable! Video!

Nagasaki Is Yesterday's Dog-End

[1984]
Album "Best Before 1984"
ATTENTION. Piss to the parties, the politicians. The pratt-stud men and their slaughter games.
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/1 - 22:20
Downloadable! Video!

I Know There Is Love

[1982]
Album "Christ – The Album"
Do you think I was born on this wretched earth for you to govern and kill?
(Continues)
Contributed by Alessandro 2010/2/2 - 12:16
Downloadable! Video!

Statement

[1980]
Album "Chappaquiddick Bridge", prodotto dai Crass.

"Statement" è il "manifesto" delle Poison Girls e - non a caso - il titolo della più importante fra le collection riguardanti questa band, "Statement - The Complete Recordings" del 1995.
I denounce the system
(Continues)
Contributed by Alessandro 2010/1/15 - 13:37
Downloadable! Video!

Abort The System

Dalla band "sorella" dei più noti Crass, un brano che compare nella collection "Statement: The Complete Recordings" uscita nel 1995.
The woman has a body
(Continues)
Contributed by Alessandro 2010/1/15 - 13:06
Downloadable! Video!

G's Song

[1979]
Album “Stations of the Crass”
This country tell us that we're down and out
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/12/9 - 12:11
Downloadable! Video!

The Gasman Cometh

Da/From: "Stations Of The Crass"

Album registrato dal vivo al Pied Bull - Londra - il 7 agosto 1979

Recorded live at Pied Bull - London - 7th august 1979

Testo e musica dei Crass
Lyrics and music by Crass
The train now standing on platform four,
(Continues)
Contributed by daniela -k.d.- 2007/5/18 - 18:41
Song Itineraries: Extermination camps
Downloadable! Video!

You're Already Dead

Dalla compilation "Best Before 1984" realizzata nel 1986, a due anni dallo scioglimento del gruppo.
ATTENTION. Fuck American power. Fuck Russian power. Fuck British power.
(Continues)
Contributed by Alessandro 2007/5/15 - 15:24
Downloadable! Video!

They've Got A Bomb

Won't destroy the world,
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2007/5/7 - 23:16
Downloadable! Video!

Major General Despair

We're looking for a better world, but what do we see?
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2006/3/15 - 15:35
Downloadable! Video!

Fight War, Not Wars

Forse il testo più semplice di tutta la nostra raccolta. Semplice, diretto, efficacissimo. A volte bastano pochissime parole, che riprendiamo da qui.
Fight war,
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2006/3/10 - 23:03
Downloadable! Video!

Sheepfarming in the Falklands

[1982]
Album: Best Before 1984 [1986]

Nel 1982 si combatteva la guerra delle Falkland/Malvinas tra Argentina e Inghilterra. Questa guerra, per alcuni aspetti si potrebbe considerare una sorta di anticipazione di futuri teatri di guerra, visto che essa fu combattuta da un paese del Terzo Mondo contro una potenza coloniale in difesa degli ultimi coriandoli di quello che, una volta, fu un impero globale. Va, però, espressa una considerazione iniziale: la guerra fu possibile perché l'Inghilterra era ormai una potenza in decadenza.

Fu una guerra strana, un conflitto tra uno Stato dell'emisfero settentrionale della Terra con uno Stato dell'emisfero meridionale. Per gli inglesi si combatteva in primavera, per gli argentini e per il teatro di operazioni belliche si era in pieno autunno, alle porte di un freddo inverno polare. E' stata, inoltre, la guerra più "meridionale" della storia e la più... (Continues)
Sheep farming in the Falklands, re-arming in the fucklands
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/8/1 - 17:55
Song Itineraries: Falklands (Malvinas) War
Downloadable! Video!

Don't Tell Me You Care

[1982]

Per ulteriori notizie sulla guerra delle Falklands/Malvine, si veda l'introduzione a Sheepfarming in the Falklands.

For further information on the Falklands war, see the introduction to Sheepfarming in the Falklands.
You shit-head slimy got it alls
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/8/1 - 17:41
Song Itineraries: Falklands (Malvinas) War
Downloadable! Video!

Immortal Death

[1982]

Per ulteriori informazioni sulla guerra della Falklands/Malvine, si veda l'introduzione a Sheepfarming in the Falklands.

For further information on Falklands war see the introduction to Sheepfarming in the Falklands.
Our boys have returned as men, our men.
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/8/1 - 17:37
Song Itineraries: Falklands (Malvinas) War
Downloadable! Video!

How Does it Feel?

[1982]

Per ulteriori informazioni sulla guerra della Falklands/Malvine, si veda l'introduzione a Sheepfarming in the Falklands.

For further information on Falklands war see the introduction to Sheepfarming in the Falklands.
When you woke this morning you looked so rocky-eyed,
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/8/1 - 17:34
Downloadable! Video!

Ribal Tribal Rebel Revel

[1980]
Cor blimey
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/8/1 - 17:29
Downloadable! Video!

The Unelected President

(2003)

written and performed by Crass
featuring Dylan Bates on violin
words by Penny Rimbaud
vocals by Eve Libertine

Si può ascoltare su
http://www.peace-not-war.org/Music/Crass/index.html
we're looking for a better world, but what do we see?
(Continues)
2004/11/16 - 15:49

Essi vennero

[1994]
Testo e musica di Marco Ciari, Stefano Giaccone, Lalli

"Verso la fine degli anni settanta, un gruppo di compagni torinesi accende la scintilla che prende il nome di Franti: …il cattivo del libro "Cuore", quello che rompe i vetri a fiondate e non ascolta il maestro, quello che ride quando il re d'italia muore.
Un manifesto, più che un nome. fanno musica semplice, che sa pensare di testa propria e non cavalca le tendenze di mercato. Per questo, e per il vizio bastardo di non prostituirsi, di essere comunque diversi, si trovano tagliati fuori da tutti i circuiti: quello tradizionale non li vuole perchè gli sputano addosso ridendo tutte le sue contraddizioni, quello alternativo neanche, in fondo per gli stessi motivi.
Solo, per la strada, Franti è cantante e pittore, saltimbanco e scrittore, sognatore e poeta. La poesia di franti è poesia da strada: canta frasi raccolte dai manifesti... (Continues)
Tre streghe volando di ritorno dal sabba
(Continues)
Downloadable! Video!

Una bandiera di carta

"Verso la fine degli anni settanta, un gruppo di compagni torinesi accende la scintilla che prende il nome di Franti: …il cattivo del libro "Cuore", quello che rompe i vetri a fiondate e non ascolta il maestro, quello che ride quando il re d'italia muore.
Un manifesto, più che un nome. fanno musica semplice, che sa pensare di testa propria e non cavalca le tendenze di mercato. Per questo, e per il vizio bastardo di non prostituirsi, di essere comunque diversi, si trovano tagliati fuori da tutti i circuiti: quello tradizionale non li vuole perchè gli sputano addosso ridendo tutte le sue contraddizioni, quello alternativo neanche, in fondo per gli stessi motivi.
Solo, per la strada, Franti è cantante e pittore, saltimbanco e scrittore, sognatore e poeta. La poesia di franti è poesia da strada: canta frasi raccolte dai manifesti e dalle scritte sui muri, le parole della gente sull’autobus,... (Continues)
Una bandiera di carta porterò alla festa dei pupazzi animati
(Continues)




hosted by inventati.org