Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Author Richard Fariña

Remove all filters
Video!

The Falcon

[1965]
Parole di Richard Fariña
Sulla melodia de “The Cuckoo”, canzone tradizionale risalente al XVII Secolo, ripresa in quegli stessi anni anche dai Pentangle
Nell’album di Mimi & Richard Fariña intitolato “Celebrations For A Grey Day”
Testo trovato su Mudcat Café
Oh, the falcon was a pretty bird, wandered as she flew.
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2017/11/27 - 08:45
Video!

All the World Has Gone By

[1964-65]
Parole di Kim Chappell e Richard Fariña
Musica di Joan Baez
Nell’album “Memories” di Mimi e Richard Fariña pubblicato nel 1968, il primo dopo la prematura morte di quest’ultimo, avvenuta in un incidente motociclistico nel 1966.
La canzone fu probabilmente scritta da un’amica delle sorelle Baez, Joan e Mimi, tal Kim Chappell, una free spirit, senza lavoro e senza casa, che le Baez avevano preso in carico.

This song has a rather confusing provenance. David Hajdu reports that Richard wrote the poem and Joan and her friend Kim Chappell set it to music (see Positively 4th Street, pages 273 and 296). However, I believe that the lyrics were originally written by Kim Chappell and set to music by Joan Baez in 1964 or very early in 1965 (note that this would make it Joan's first writing credit).
Kim Chappell was a close friend of Joan and not a musician at all. She is discussed in... (Continues)
All the world has gone by
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/3/3 - 08:49
Song Itineraries: Anti War Love Songs
Video!

Mainline Prosperity Blues

[1965]
Parole e musica di Richard Fariña
Nell’album “Reflections in a Crystal Wind”, con Margarita Mimi Baez Fariña, compagna di Richard e sorella di Joan Baez.

“Mainline Prosperity Blues” - traccia che apre il secondo lato del secondo e ultimo album della coppia (Richard morirà di lì a qualche mese, in un incidente motociclistico accaduto il 30 aprile 1966, mentre si recava a festeggiare il compleanno di Mimi) – è una canzone su quant’è buona la droga (quando è buona) e su quanto sono brutti il lavoro e la società su di esso fondata…
Good morning, teaspoon
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2015/11/3 - 10:27
Video!

Chastity Belt

Anonymous
‎[Primi anni 60?]‎
Canzone goliardica che probabilmente ebbe origine nelle accolite o nelle società rugbystiche ‎universitarie di Cambridge o di Oxford. Si troverebbe pubblicata per la prima volta su di un numero ‎del 1962 della rivista musicale inglese “Sing!”.‎
Io l’ho trovata inclusa in un EP datato 1963 dei Four For Fun, gruppetto di giovani musicisti ‎costituito dai fratelli scozzesi Rory ed Alex McEwen, da Richard Dick Fariña e dalla sua ‎compagna di allora, Carolyn Hester.‎



Testo trovato sul sempre ottimo Mudcat Café‎

Un’allegra canzoncina sul – potrebbe dirsi – meglio fare l’amore che fare la guerra, ma anche sul ‎‎“quando il gatto non c’è [in questo caso il nobile Sir Oswald partito per la guerra] i topi [in questo ‎caso lo straniero di passaggio ed infine il servo furbo] ballano”… non fosse per quella stupida ‎cintura di castità imposta dal “cunning old Celt” alla sua bella... (Continues)
Oh, say, gentle maiden, may I be your lover?
(Continues)
Contributed by Bernart 2013/10/8 - 09:38
Video!

House Un-American Blues Activity Dream

[1965]
Registrata dal vivo al Newport Folk Festival.
Inclusa nell’album postumo “Memories” del 1968.



Questo brano racconta di quando Richard Fariña, artista statunitense politicamente impegnato e di origini cubane da parte di padre, dopo aver fatto un viaggio a Cuba ed essersi esibito in concerti nell’isola, venne bollato come “comunista” e chiamato a rispondere di fronte alla commissione parlamentare d’inchiesta per le attività anti-americane, non quella buffonata voluta da quell’alcolista del Senatore McCarthy negli anni 50, ma quella “seria” che funzionò dal 1938 fino al 1975 e della quale fece parte – per dirne uno – Richard Nixon

“Political activism earned folk music artist/beat novelist Richard Fariña a subpoena to testify before the House Un-American Activities Committee. The government wanted to make him a criminal after a playfully defiant trip to Cuba and his outspoken performances... (Continues)
I was standing on the sidewalk, had a noise in my head.
(Continues)
Contributed by Alessandro 2010/4/20 - 13:31
Downloadable! Video!

For Women

[2006]
Album "Ma'at Mama"



Un’attualizzazione, per così dire, della bellissima Four Women di Nina Simone, ma il riferimento nella seconda strofa è sempre alla storia dolorosa dell’emancipazione degli afro-americani negli USA: le “Four Women” della Simone diventano le quattro ragazzine uccise dal KKK nell’attentato alla 16th Street Baptist Church di Birmingham, Alabama, il 15 settembre 1963.
Sull’episodio in specifico si vedano anche Alabama di John Coltrane, Birmingham Sunday di Richard Fariña, Mississippi Goddam, sempre della Nina Simone, e Talking Birmingham Jam di Phil Ochs
Alla fine dell’ultima strofa, la Rucker fa riferimento al titolo dell’album: “Ma’at” o “Mayet” o “Muʔʕat” nell’antico Egitto indicava il concetto di verità, giustizia, ordine ed armonia delle cose. Il principio era personificato nella giovane dea Maat, raffigurata a volte alata oppure con in una mano il bastone del potere e nell’altra la chiave della vita
My skin I brown
(Continues)
Contributed by Alessandro 2009/8/26 - 10:34
The Italian version of Richard Fariña's Birmingham Sunday allows this website to reach 7,000 translations / commentaries.
Riccardo Venturi 2007/12/27 - 22:19




hosted by inventati.org