Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Author June Tabor

Remove all filters
Downloadable! Video!

Lay This Body Down

Lay this body down - June Tabor (1983)



La cantante pubblica il brano in ben due album -Abyssinians e Poppies. Da dove viene tutta questa tristezza? Da una slave song americana, classificata come traditional spiritual e pubblicata in "Slave Songs of The United States" (Thomas Wentworth Higgins, 1867)
Oh graveyard, oh graveyard
(Continues)
Contributed by Cattia Salto 2020/4/7 - 19:27
Downloadable! Video!

Hughie Grame

(Child #191)
[XVI° secolo?]
Una ballata tradizionale di origine scozzese che Francis James Child riporta in sei o sette versioni (quella che propongo è la prima) nella sua raccolta “The English and Scottish Popular Ballads” (1882-1898), ma che si trova già nel “Minstrelsy of the Scottish Border” di Sir Walter Scott (1802-1803)
Ripresa da Ewan MacColl, senza e con Peggy Seeger, negli anni 50, per esempio in “The English and Scottish Popular Ballads, Volume III” del 1956 e “Classic Scots Ballads” del 1959.
Interpretata poi da molti altri artisti, una su tutti June Tabor

Sir Walter Scott descriveva così le "Border Ballads" di cui "Hughie Graham" è una delle più famose:

"Il tratto di terra nuda e ondulata, a nord del Tyne e delle Cheviot Hills fino agli altipiani scozzesi meridionali, fu per lungo tempo il territorio di uomini che parlavano inglese, ma avevano la visione degli appartenenti... (Continues)
As it befell upon one time,
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2018/3/22 - 22:45
Video!

The Green Fields of England

1977
The Transports

This unique project relates the true story of Henry Cabell and Susannah Holmes, convicts transported to Australia on the “First Fleet” in 1787 and the trials and tribulations which culminated in that historic voyage. The tale is presented as a cycle of new compositions in the idiom of traditional English folk song, linked by narrative passages in the style and to the melodies of broadsheet ballads of the time. The orchestral passages and arrangements for the accompanied songs have been conveived in such a way as to underline the overall feeling of “period” and the instruments used are those likely to have been heard in the church bands or “quires” of East Anglian villages in those days. The singers have been chosen from the front rank of the English folk song revival, and the melodies composed to suit their individual style. A detailed account of the historical background... (Continues)
Farewell to our lovers and our kind relations,
(Continues)
Contributed by Dq82 2018/1/4 - 15:16
Video!

The Humane Turnkey

1977
The Transports

This unique project relates the true story of Henry Cabell and Susannah Holmes, convicts transported to Australia on the “First Fleet” in 1787 and the trials and tribulations which culminated in that historic voyage. The tale is presented as a cycle of new compositions in the idiom of traditional English folk song, linked by narrative passages in the style and to the melodies of broadsheet ballads of the time. The orchestral passages and arrangements for the accompanied songs have been conveived in such a way as to underline the overall feeling of “period” and the instruments used are those likely to have been heard in the church bands or “quires” of East Anglian villages in those days. The singers have been chosen from the front rank of the English folk song revival, and the melodies composed to suit their individual style. A detailed account of the historical background... (Continues)
Part 1
(Continues)
Contributed by Dq82 2018/1/4 - 15:08
Video!

The Ballad of Henry and Susannah

1977
The Transports

This unique project relates the true story of Henry Cabell and Susannah Holmes, convicts transported to Australia on the “First Fleet” in 1787 and the trials and tribulations which culminated in that historic voyage. The tale is presented as a cycle of new compositions in the idiom of traditional English folk song, linked by narrative passages in the style and to the melodies of broadsheet ballads of the time. The orchestral passages and arrangements for the accompanied songs have been conveived in such a way as to underline the overall feeling of “period” and the instruments used are those likely to have been heard in the church bands or “quires” of East Anglian villages in those days. The singers have been chosen from the front rank of the English folk song revival, and the melodies composed to suit their individual style. A detailed account of the historical background... (Continues)
Part 1
(Continues)
Contributed by Dq82 2018/1/4 - 14:46
Video!

All Our Trades Are Gone

[1992]
Parole e musica di Mick Fitzgerald (1951-2016), attore, musicista, cantautore e cantatorie dublinese
Nell’album di June Tabor intitolato “Angel Tiger”

Una canzone dedicata a quanti nella Gran Bretagna di fine secolo scorso sono stati esclusi dal lavoro e posti ai margini della società. Credo che l’autore, Mick Fitzgerald, scomparso solo qualche mese fa, si riferisse in particolare alla gente “pavee”, detta anche “irish travellers” o “tinkers”, i nomadi d’Irlanda e Gran Bretagna…
We will sit here in the morning
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/11/15 - 08:59
Video!

Johnnie

[2000]
Parole e musica di Bram Vermeulen
Nell’album intitolato “Oorlog Aan Den Oorlog”
Lyrics and music by Bram Vermeulen
Album: Oorlog aan den oorlog
Woorden en muziek: Bram Vermeulen
Album: Oorlog aan den oorlog

Guerra alla guerra


BRAM VERMEULEN: OORLOG AAN DEN OORLOG

1. Ik was erbij
2. Johnnie
3. Onschuldig landschap
4. De helden
5. Dans met mij
6. Met z'n allen
7. De verhalen
8. Ja het is waar
9. Meneer Van Der Velde (1)
10. Meneer Van Der Velde (2)
11. Verschrikkelijk inzicht
12. Ja het is waar (instrumentaal)


Trovo il brano anche nel disco collettivo “Seeds of Peace: Passendale Suite 2” (2005), con June Tabor, Coope Boyes & Simpson, Thomas Friz, Bram Vermeulen, Willem Vermandere, Patrick Riguelle, Koen De Cauter, Une Anche Passe, Vredesconcerten Quartet. Trattasi della registrazione di una performance musicale sulla Grande Guerra realizzata nel 2002 presso il cimitero di guerra di Tyne Cot ad Ypres, Belgio. [BB]
Toen 'ie had gelogen van z'n leeftijd
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/11/10 - 13:53
Song Itineraries: World War I (1914-1918)
Video!

Ik was erbij

[2000]
Parole e musica di Bram Vermeulen
Nell’album intitolato “Oorlog Aan Den Oorlog”
Lyrics and music by Bram Vermeulen
Album: Oorlog aan den oorlog
Woorden en muziek: Bram Vermeulen
Album: Oorlog aan den oorlog

Guerra alla guerra


BRAM VERMEULEN: OORLOG AAN DEN OORLOG

1. Ik was erbij
2. Johnnie
3. Onschuldig landschap
4. De helden
5. Dans met mij
6. Met z'n allen
7. De verhalen
8. Ja het is waar
9. Meneer Van Der Velde (1)
10. Meneer Van Der Velde (2)
11. Verschrikkelijk inzicht
12. Ja het is waar (instrumentaal)


Trovo il brano anche nel disco collettivo “Seeds of Peace: Passendale Suite 2” (2005), con June Tabor, Coope Boyes & Simpson, Thomas Friz, Bram Vermeulen, Willem Vermandere, Patrick Riguelle, Koen De Cauter, Une Anche Passe, Vredesconcerten Quartet. Trattasi della registrazione di una performance musicale sulla Grande Guerra realizzata nel 2002 presso il cimitero di guerra di Tyne Cot ad Ypres, Belgio. [BB]
En in wat eens de loopgraaf was
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/11/10 - 09:38
Song Itineraries: World War I (1914-1918)
Downloadable! Video!

די נאַכט

Di Nakht
[1929]

Una canzone scritta nel 1929 a New York da due immigrati dall'Europa dell'est, ebrei. Si tratta di
Aaron Domnits (versi), proveniente forse dalla Bielorussia, e Mikhl Gelbart (musica), proveniente da Łódź, in Polonia, l'autore di מחנות גײען e di molte altre canzoni yiddish.
Chiedo ovviamente (ed umilmente) aiuto a Riccardo per il testo yiddish, che ho trovato qui ma solo come file d'immagine in formato png.
Propongo poi di seguito una traslitterazione in caratteri latini (anche questa da verificare) e una traduzione francese, trovate sempre alla pagina indicata. La traduzione italiana l'ho trovata invece su “Tutti mi chiamano Ziamele: musiche yiddish” di Claudio Canal
Trovo la canzone interpretata da:
Shoshana Kalisch, nel disco collettivo “We Died in Hell—They Called it Passchendaele” del 1993;
June Tabor (ma credo si tratti di un adattamento in inglese) nel suo... (Continues)
ס'איז קײנער מיט מיר אין דער נאַכט,
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/11/2 - 22:27
Song Itineraries: Extermination camps
Downloadable! Video!

Let No Man Steal Your Thyme

La versione più lunga come interpretata da June Tabor nel suo album “Angel Tiger” del 1992.
LET NO MAN STEAL YOUR THYME
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/3/17 - 14:26
Downloadable! Video!

There's a Long, Long Trail

[1913]
Parole di Stoddard King (1889–1933), autore e cantautore
Musica di Alonzo "Zo" Elliott (1891-1964), compositore e cantautore
L’interpretazione più nota è quella del grande tenore irlandese John McCormack, nel 1917.

June Tabor ne ha offerta una propria versione – intitolata “The Long, Long Trail” - nel disco collettivo “We Died in Hell—They Called it Passchendaele” (1993)

La canzone fu pubblicata negli USA nel 1914, poco prima dello scoppio della guerra in Europa e divenne immediatamente popolarissima tra i soldati americani lì spediti a combattere a partire dall’aprile del 1917. Veniva usata spesso per chiudere i concerti per le truppe e l’esecuzione era sempre seguita da un lungo, commosso e significativo silenzio.
Nights are growing very lonely,
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2015/4/30 - 14:02

Klaaglied Van De Vrouwen

[1978]
Parole di Jan Hardeman e Marieke Demeester, due membri del “Elfnovembergroep”, il “Gruppo 11 novembre” (dall’11 novembre 1918, data dell’Armistizio), nato nel 1977 nei Paesi Bassi e in Francia con l’intento di commemorare la Grande Guerra. Il loro motto è “Nooit brengt een oorlog vrede”, che credo di poter tradurre come “Mai nessuna guerra porta la pace”.
Musica tradizionale delle Fiandre
Testo trovato su Mainly Norfolk: English Folk and Other Good Music.
Nel disco collettivo intitolato “We Died in Hell—They Called it Passchendaele” (1993), con June Tabor, Shoshana Kalisch, Kristien Dehollander, Marwan Zoueni & The Lone Tree Orchestra.
O Vaderland, aanhoor onze klacht;
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2015/4/30 - 11:58
Downloadable! Video!

Will Ye Go To Flanders

Versione di June Tabor dal disco collettivo intitolato “We Died in Hell—They Called it Passchendaele” pubblicato nel 1993.
Testo trovato su Mainly Norfolk: English Folk and Other Good Music, dove si fa risalire l’origine della ballata al periodo della guerra di successione spagnola (1702-13)
WILL YE GO TO FLANDERS?
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2015/4/30 - 10:03
Video!

Home Fit for Heroes

[1992]
Parole di Les Barker (1947-), poeta di Manchester.
Musica di Martin Carthy.
Interpretata da Norma Waterson nel disco di Les Barker intitolato “Some Love”, con June Tabor, Roy Bailey, Eliza e Martin Carthy, Chris Harvey, Ken Nicol e molti altri
They died in their millions,
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2015/4/30 - 08:49
Song Itineraries: Heroes, World War I (1914-1918)
Downloadable! Video!

Norwich Gaol

[1977]
Parole e musica di Peter Bellamy
In “The Transports. A Ballad Opera.”
Con la crema dei folksinger inglesi dell’epoca, tra cui The Watersons, Martin Carthy, Nic Jones, A.L. Lloyd, June Tabor, Martin Winsor, Cyril Tawney e Dave Swarbrick.
Testo trovato su Mainly Norfolk: English Folk and Other Good Music

Un’opera che racconta una storia vera, quella di Henry Cabell e Susannah Holmes, “two poor fellows” che nel 1783 furono condannati alla deportazione per aver commesso dei furti a causa della miseria. I due erano amanti e dalla loro relazione era nato un bimbo ma ai due non fu in un primo momento concesso di sposarsi e la famigliola corse il serio rischio di essere smembrata. Uno dei loro carcerieri s’impietosì e intercesse per loro presso il ministro dell’interno.

Così Henry e Susannah poterono unirsi in matrimonio e nel 1787, dando corso alla sentenza, furono imbarcati con il... (Continues)
The food is foul, the air is bad, the company not choice;
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2015/4/29 - 14:02
Downloadable! Video!

Us Poor Fellows

[1977]
Parole e musica di Peter Bellamy
In “The Transports. A Ballad Opera.”
Con la crema dei folksinger inglesi dell’epoca, tra cui The Watersons, Martin Carthy, Nic Jones, A. L. Lloyd, June Tabor, Martin Winsor, Cyril Tawney e Dave Swarbrick.

Un’opera che racconta una storia vera, quella di Henry Cabell e Susannah Holmes, “two poor fellows” che nel 1783 furono condannati alla deportazione per aver commesso dei furti a causa della miseria. I due erano amanti e dalla loro relazione era nato un bimbo ma ai due non fu in un primo momento concesso di sposarsi e la famigliola corse il serio rischio di essere smembrata. Uno dei loro carcerieri s’impietosì e intercesse per loro presso il ministro dell’interno.

Così Henry e Susannah poterono unirsi in matrimonio e nel 1787, dando corso alla sentenza, furono imbarcati con il figlioletto su uno degli 11 vascelli del convoglio battezzato “First... (Continues)
The times they are hard and the wages are poor
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2015/4/29 - 13:42
Downloadable! Video!

Wolf

[2011]
Scritta da Klara e Johanna Söderberg.
Singolo poi incluso in alcune edizioni dell’album intitolato “The Lion's Roar” pubblicato nel 2012.

Dopo l’esordio con una cover dei Fleet Foxes ed “Emmylou”, il loro manifesto artistico esplicitamente dedicato ad Emmylou Harris, June Tabor, Gram Parsons e Johnny Cash, le due sorelle svedesi Klara e Johanna – due vere streguzze, vero Adriana? – sono ormai molto famose, e se lo meritano.
Questa “Wolf” è emblematica del mondo fantastico in cui le First Aid Kit si muovono, come due “Alice in Wonderland” – il videoclip fu girato nel profondo della foresta di Järvsö, Hälsingland, nel Norrland svedese – ma è anche una denuncia della distruzione del pianeta che l’essere umano sta conducendo e della necessità che l’uomo riscopra l’animale naturale che è in lui, proprio per arginare l’autodistruzione in atto…
Per i percorsi “Lupi contro la Guerra” e “Guerra alla Terra”.
Wolf mother, where you been?
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/7/25 - 09:05
Downloadable! Video!

Bentley and Craig

[1982]
Parole e musica di Ralph McTell.
Canzone interpretata anche da June Tabor.

Derek Bentley aveva 20 anni quando il 28 gennaio 1953 fu impiccato nella prigione di Wandsworth a Londra. Derek, che da piccolino aveva contratto l’epilessia in seguito ad una brutta caduta, vide aggravarsi le proprie condizioni di salute quando, durante la seconda guerra, una bomba nazista distrusse la sua casa lasciandolo gravemente ferito. A causa dei danni ricevuti, lo sviluppo mentale di Derek era pari a quello di un bambino di 11 anni. Nel 1952, insieme ad un amico, tentò una maldestra rapina. Scoperti e raggiunti dalla polizia, il complice - tal Christopher Craig di 16 anni – sparò uccidendo un poliziotto. Benchè non fosse nemmeno armato, Derek fu condannato a morte al posto di Christopher, cui non poteva essere inflitta la pena capitale perché minorenne.
Nel 1998, 45 anni dopo, il povero Derek Bentley,... (Continues)
In 1952 in Croydon
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2014/7/9 - 21:23
Video!

The Dalesman's Litany

‎‎[fine 800]‎
Canzone raccolta nello Yorkshire verso la fine dell’800 da Frederic William Moorman (1872-‎‎1918), professore di lingua e letteratura inglese all’Università di Leeds e a lungo presidente della ‎Yorkshire Dialect Society. Moorman la trascrisse e la pubblicò nel suo libro ‎‎“Songs of the Ridings” pubblicato a Londra nel 1918.‎
La melodia risale agli anni 60 ed è attribuita a tal Dave Keddie di Bradford.‎
Tim Hart (membro fondatore degli Steeleye Span) e Maddy Prior (che abbiamo già ‎incontrata in coppia con June Tabor e che pure fu membro degli Steeleye Span), ‎tradussero il testo dall’originario dialetto dello Yorkshire in inglese ed inclusero la canzone nel ‎primo volume della loro raccolta intitolata “Folk Songs of Old England”, pubblicato nel 1968.‎
Informazioni e testo trovati su English Folk Music‎



Il lamento, l’invocazione a Dio, di un lavoratore dello Yorkshire... (Continues)
It's hard when fowks can't finnd their wark
(Continues)
Contributed by Bernart 2013/8/28 - 10:05
Downloadable! Video!

A Place Called England

‎[1999]‎
Lyrics and Music by Maggie Holland
Parole e musica di Maggie Holland
Album: “Getting There”‎
Incisa anche da June Tabor, sempre nel 1999, nell’album “A Quiet Eye”.‎

‎“The first place to be colonised in the British Empire was England…” (Dick Gaughan)‎

Prima di incidere questa canzone, nel 1999, Maggie Holland era rimasta una folksinger parecchio “di nicchia” nella stessa Inghilterra (e ripenso ancora al fatto di averla conosciuta, in Italia, addirittura nel 1983, all'epoca del suo primo album “Still Pause”; un autentico caso), e con poche probabilità di uscirvi, da quella nicchia, nonostante la sua voce assolutamente non comune (la sua grande amica June Tabor la definì “un misto di passione e ubriachezza”). Fino, appunto, a A Place Called England. Con questa canzone, Maggie Holland uscì da quella nicchia per entrare nella mente e nel cuore di quegli inglesi che volevano continuare... (Continues)
I rode out on a bright May morning like a hero in a song,
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/12/21 - 09:35
Video!

She Moves Among Men (the Bar Maid's Song)‎

‎[1983?]
Scritta da Bill Caddick (1944-), cantautore e chitarrista foll inglese.‎
Nell’album della Tabor intitolato “Abyssinians” del 1983.‎

Per il percorso sulla violenza conto le donne…
‎"Speak to me gently before we begin"
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/12/21 - 08:51
Downloadable! Video!

The Flowers O' the Forest

‎[XVI secolo / 1918]‎
Versi di Frederic William Moorman ‎‎(1872-1918), dalla raccolta “Songs of the Ridings”‎
Musica di Lal & Norma Waterson.‎
Nell’album intitolato “A True Hearted Girl” del 1977.‎
Interpretata anche da e insieme a Martin Carthy.‎
Interpretata anche da June Tabor insieme alla The Lone Tree Orchestra nell’album “We ‎Died in Hell - They Called it Passchendaele” del 1993.‎
Testo trovato su English Folk Music‎

Frederic William Moorman – predecessore di J. R. R. Tolkien sulla cattedra di lingua e letteratura ‎inglese dell’Università di Leeds – pubblicò diverse raccolte di storie e poesie tradizionali dello ‎Yorkshire, molte delle quali nel dialetto della regione.‎
‎“I fiori della foresta” sono qui i giovani inglesi che hanno trovato la morte nelle trincee delle ‎Fiandre durante la Grande Guerra ma i versi (come conferma Norma Waterson nelle note al disco) ‎derivano... (Continues)
Day time is weary, and I caw' dusk dreary,
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/12/20 - 15:31
Song Itineraries: World War I (1914-1918)
Downloadable!

La Patrie aux soldats morts

‎[1916]‎
Versi di Émile Verhaeren (1855-1916) poeta belga fiammingo di scrittura francese.‎
Dalla raccolta “Les Ailes rouges de ‎la guerre”‎
Musica di Koen De Cauter, multistrumentista belga ‎fiammingo.‎
Interpretata da Kristien Dehollander.‎
Nel disco collettivo intitolato “We Died in Hell - They Called it ‎‎Passchendaele” (1993) con June ‎Tabor, Shoshana Kalisch, Kristien Dehollander, Marwan Zoueni e The Lone Tree Orchestra.‎

Il poeta Émile Verhaeren dedicò tutta l’ultima parte della sua vita a comporre poesie pacifiste e a ‎denunciare l’orrore e l’assurdità della guerra. Le poesie raccolte in “La Belgique sanglante”, “Parmi ‎les Cendres” e “Les Ailes rouges de la Guerre” furono scritte in Gran Bretagna dove il poeta era ‎fuggito in seguito all’occupazione tedesca del Belgio. Nel 1916 Verhaeren viaggiò molto in Gran ‎Bretagna e in Francia, tenendo conferenze contro la guerra dove... (Continues)
Vous ne reverrez plus les monts, les bois, la ‎terre,
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/12/20 - 14:12
Video!

The Reaper

Album “Aqaba” pubblicato nel 1988‎
A seconda delle fonti viene indicato come un brano tradizionale oppure attribuito a ‎‎Bill Caddick (1944-), cantautore e chitarrista folk ‎inglese.‎
La musica potrebbe essere dello stesso Caddick, ma l’arrangiamento originale è di June Tabor.‎

Il brano si trova anche nel disco collettivo intitolato “We Died in Hell - They Called it ‎Passchendaele” (1993) con June Tabor, Shoshana Kalisch, Kristien Dehollander, Marwan Zoueni e ‎The Lone Tree Orchestra.‎
Son, now it's done, once more the shining field
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/12/20 - 11:06
Downloadable!

The Plains Of Waterloo

Traditional / Tradizionale, ca. 1825
Testo ripreso / Lyrics reproduced from
Mudcat Café
Prima pubblicazione a stampa:
First published in writing:
Frank Kidson / William Reeves, Old English Country Dances, London 1890


Willie e Annie
di Riccardo Venturi

Ancora oggi, dopo quasi nove anni di CCG, mi vengono a mente canzoni che “ci dovevano essere” e che, invece, non ci sono; è il caso di questa splendida ballad di epoca napoleonica, che conosco da più di trent'anni nella versione (che la ha resa ancor più splendida) del John Renbourn Group. Quando si dice “John Renbourn” si dicono altre due cose: “Pentangle” e “Jacqui McShee”. Jacqui McShee era la cantante del gruppo, comunque si chiamasse; una voce, come si dice dalle mie parti, di quelle che schiodano. Senza contare che The Plains of Waterloo è stata interpretata anche da un altro “mostro” del folk britannico, June Tabor.

Le ballate... (Continues)
One fine summer's morning as I went a-walking
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2011/11/16 - 00:28
Downloadable! Video!

מײַן רוע פּלאַץ

Versione inglese/yiddish di June Tabor dall’album “Aqaba” del 1989.
Testo trovato su Mudcat Café




La splendida versione inglese di June Tabor (la traduzione è di Geoff Berner) viene riportata con il ru'e e gli altri adattamenti grafici. Peccato che June non l'abbia cantata anche nell'originale completo yiddish... [RV]
MAYN RU'E PLATZ
(Continues)
Contributed by Bartleby 2011/3/14 - 14:00
Downloadable! Video!

The Easter Tree

Album "Ashes and Diamonds" (1977)
Scritta da Dave Goulder e inclusa anche nel suo album “The January Man” del 1986.

Quella dell’albero pasquale è un’antica tradizione che ha origine in Svezia e che si è diffusa poi in tutto il nord Europa e in nord America. Ma in questa canzone l’Easter Tree non è che un agghiacciante patibolo, quel “Gallows Tree” o “Tyburn Tree”, come anticamente veniva chiamata la forca con riferimento a quella zona di Londra, vicino a Marble Arch, dove dal 16mo secolo cominciarono a tenersi le esecuzioni capitali mediante impiccagione.
A pendere da questo albero di Pasqua non sono uova colorate ma un davvero Strange Fruit
Rain falls upon the Easter Tree, the squirrel shakes his head
(Continues)
Contributed by The Lone Ranger 2010/5/6 - 08:59
Downloadable! Video!

Geordie, or My Geordie Will Be Hanged In A Golden Chain

2. English version by June Tabor
2. La version en anglais de June Tabor
2. June Taborin englanninkielinen versio




“Martin Carthy again accompanied June Tabor in the same year as his solo recording of Geordie, 1976, the aforementioned Scottish version on her and Maddy Prior's album “Silly Sisters”

Si tratta in pratica della ”Versione di Robert Burns” (Child 209A) riportata in inglese corrente per “essere ascoltata”, o meglio, essere capita: il testo scozzese risulterebbe pressoché incomprensibile. Ma nessuna versione inglese autentica è mai esistita in questa forma.

In effect, this is ”Robert Burns' version” (Child 209A) in a current English rendition, so that it may “be listened”, say, be understood: the Scottish lyrics wouldn't be easily grasped by an untrained ear. But no such English version has ever existed in this form. [RV]
GEORDIE
(Continues)
Contributed by Alessandro 2010/4/29 - 11:33
Downloadable! Video!

Lisbon

[Traditional, 19th Century]
[Tradizionale, XIX secolo]
Registrazione/Recording:
June Tabor, "Diamond And Ashes", 1977

Ancora una ballata appartenente all'antico filone della ragazza che si arruola travestendosi da soldato per seguire l'innamorato; del tutto simile nell'impianto (e nei nomi stereotipati di "Nancy" e "Willie/William", di remota tradizione) a Banks of the Nile (e a Jackaroe), sembra differirne soltanto per la guerra: qui siamo di nuovo alla "Peninsular War" (si veda Jamie Foyers), lo spezzone delle guerre Napoleoniche combattuto in Iberia. Ma si può dire che ogni guerra britannica abbia avuto una sua ballata del genere.

Lisbona, per gli storici legami tra la Gran Bretagna e il Portogallo, era il porto naturale di arrivo per le truppe britanniche impegnate contro Napoleone in Iberia. Ancora agli inizi del XIX secolo, una sorta di esotico luogo fatato dove "le colline e i... (Continues)
And it was on one Whitsun Wednesday, the fourteenth day of May,
(Continues)
Contributed by CCG al completo, Staff, Ballad-Hunters, piacentine, marmotte & spiriti ispiratori 2009/9/24 - 00:18
Downloadable! Video!

Our Captain Cried All Hands

June Tabor's version
OUR CAPTAIN CRIED ALL HANDS
(Continues)
2005/8/29 - 15:18
Downloadable! Video!

The Fiddle And The Drum

Dall'album Clouds (1969)

La canzone è una protesta, scritta dal punto di vista di una canadese, contro il governo degli Stati Uniti, che ha scambiato il violino per il tamburo, cioè ha scelto la guerra e non la pace. Ma l'autrice ricorda ancora quanto di buono c'è in una grande nazione. La canzone è stata interpretata anche da June Tabor e recentemente dagli A Perfect Circle
And so once again
(Continues)
2005/4/17 - 22:43
Downloadable! Video!

Shipbuilding

(1983)
From / Da "Punch The Clock"
Testo di / Lyrics by Elvis Costello
Musica di / Music by Clive Langer
Scritta da Elvis Costello e Clive Langer al tempo della guerra delle Falklands, una canzone che affronta il controverso argomento dell'"indotto", sbandierato dai guerrafondai di tutti i tempi.
È storia, ad esempio, che la Seconda Guerra Mondiale sia stata il motore che ha "rilanciato l'economia" statunitense. Ma a che prezzo?

La canzone è scritta dal punto di vista di un lavoratore in un cantiere navale di una qualche zona economicamente depressa del Regno Unito (Liverpool, Newcastle, Belfast) per il quale la guerra vuol dire che, dopo un lungo periodo di disoccupazione, si costruiranno nuove navi. Forse si potrà permettere delle piccole cose che ora paiono un lusso irraggiungibile (un cappotto nuovo per la moglie, la bicicletta per il bambino). Ma un'alternativa ci sarebbe: potremmo... (Continues)
Is it worth it
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi
Song Itineraries: Falklands (Malvinas) War
Downloadable! Video!

The Band Played Waltzing Matilda

[1972]
Testo e musica di Eric Bogle
Lyrics and Music by Eric Bogle
Interpretata anche dai Pogues [Pogue Mahone] e da June Tabor
Also performed by The Pogues [Pogue Mahone] and June Tabor




"Waltzing Matilda" ("Matilda balla il valzer") è una canzone popolare cantata dalle truppe australiane mandate al massacro a Gallipoli, in Turchia, durante la prima guerra mondiale (l'episodio narrato nel famoso film "Gallipoli" di Peter Weir). La canzone è scritta in inglese australiano stretto. Si veda anche Tom Traubert's Blues di Tom Waits.


"Watzing Matilda" e' una popolarissima canzone popolare australiana, dove e' considerata un secondo inno nazionale.

Canta la storia di uno "swagman", che ruba una pecora e, per sfuggire alla polizia, cade in un "billabong" e affoga. I billabong sono dei laghetti isolati che costituiscono cio' che resta di un fiume quando si secca o cambia direzione, come... (Continues)
Now when I was a young man I carried me pack
(Continues)




hosted by inventati.org