Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Author Rodolfo Assuntino

Remove all filters
Downloadable! Video!

Eve Of Destruction

Testo trovato sulla “Raccolta di canti politici per il corso di Giovanna Marini alla Scuola Popolare di Musica del Testaccio”, a cura di Alessandro Campioni, dicembre 2007 (revisione ottobre 2008)
Il brano si trova in una cassetta contenente la registrazione di uno spettacolo tenuto da Rudi Assuntino nell'aprile del 1966 sulla piazza di Mapello, provincia di Bergamo.
L'ALBA DELLA FINE
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2016/8/5 - 00:52
Downloadable!

Strontium 90

Qualcuno pensava in modo ironico agli effetti del fallout nucleare ben prima di Tropicana!‎

E infatti già allora il grande Rudy Assuntino tradusse questa “Strontium 90” in italiano e ‎Maria Monti la interpretò nel celebre EP “Le canzoni del no”, quello dell’Inno Abissino, de La ninna nanna de la guerra e, ‎soprattutto, de Canzone della marcia della pace, che fu fatto sequestrare dalla magistratura per il forte e chiaro contenuto ‎sovversivo e antimilitarista.‎

‎90Sr è un isotopo radioattivo dello Stronzio presente nel fallout nucleare e con un’emivita ‎‎(permanenza nell’ambiente dopo l’esplosione) di circa 28 anni…‎

‎“Strontium 90” era anche il nome di una scomparsa formazione britannica, fondata nel 1977 da ‎Mike Howlett dei Gong, in cui si incontrarono Stewart Copeland, Sting ed Andy Summers, membri ‎dei nascenti The Police …‎

Forse con qualche omissione ed imprecisione, ecco la versione italiana tradotta da Rudy Assuntino ‎ed interpretata da Maria Monti, trovata sul ‎‎sito di Lodovico Valentini Perugia‎.
STRONZIO 90‎
(Continues)
Contributed by Dead End 2012/10/10 - 10:13

Stornelli presidenziali

La vita è un’avventura
(Continues)
Contributed by DonQuijote82 2011/5/5 - 15:01
Downloadable! Video!

We Shall Not Be Moved

Anonymous
Versione di Barbara Dane dall’album “F.T.A.! Songs et the GI Resistance”, Paredon Records 1970.
Sung by Barbara Dane with active-duty GIs.
Recorded at Fort Hood, Texas, Fort Benning, Georgia and Fort Bragg, North Carolina.
Edited by Irwin Silber.

Come spiega qui la stessa Barbara Dane, si tratta di una versione che raccoglie insieme strofe usate come slogan nel corso di diverse manifestazioni di protesta in diverse parti del mondo… Il riferimento ad Henry Ford fa pensare alle proteste americane contro il complesso militare-industriale durante la guerra in Vienam; “Polaris” era il nome di un missile balistico nucleare americano usato a partire dagli anni 60 dalla U.S Navy, successivamente anche dalla Royal Navy britannica… qualcuno arrivò pure da noi per essere montato sulla fregata Giuseppe Garibaldi, ma la cosa non ebbe seguito (anche se qualcuno di quei Polaris ancora se ne sta nell’Arsenale a La Spezia..); la strofa in italiano rimanda alle nostrane proteste ben descritte in Le... (Continues)
WE SHALL NOT BE MOVED
(Continues)
Contributed by Alessandro 2010/3/16 - 10:25
Bastian contrario... e non solo
REMEMBERING IVAN DELLA MEA


October 16 and 17, 2009 Istituto Ernesto de Martino
Villa San Lorenzo al Prato e Giardini Viale Ariosto Sesto Fiorentino (Florence - Italy)

With: Rudi Assuntino, Moni Ovadia, Alessio Noferini, Alessio Lega, Marco Rovelli, Gualtiero Bertelli, Mimmo and Sandra Boninelli, Paolo Ciarchi, Claudio Cormio, Riccardo Luppi, Banda K100, Paolino Dalla Porta, Fratelli Rossi, Alberto Cesa and CantoVivo, Renato Franchi e l’orchestra del suonatore Jones, Giuseppe “Spedino” Moffa, Marino and Sandro Severini (Gang), Stefano “Cisco” Bellotti, Davide Giromini, E’Zezi, Daniele Sepe, Massimo Ferrante, Buzz On, Tetes de Bois, Claudio Lolli and Paolo Capodacqua, Banda degli ottoni a scoppio, Suonatori Terra Terra, Bianca Giovannini, Nuovo Canzoniere Bresciano, Piero Brega and Orietta Orengo, Sara Modigliani, I Giorni Cantati di Calvatone a Piadena, a video contribution by Marco Paolini, Mattia Ringozzi.
Riccardo Venturi 2009/10/15 - 15:41
Downloadable! Video!

Cansón do 30 zugno

Anonymous
"E POI POI POI CI CHIAMAVANO TEDDY BOYS"



- Cosi è la vita / Banda di Salsomaggiore Terme
- E poi poi ci chiamavano teddy boys / gruppo di giovani genovesi
- Grida in piazza del Duomo prima del discorso
- Discussioni in piazza del Duomo durante il discorso del Presidente della Repubblica
- Grida di Vietnam libero subito dopo la fine del discorso

Le registrazioni sono dovute a Rudy Assuntino e Cesare Bermani

La seguente canzone, ancora sui fatti del 30 giugno 1960 a Genova, è usualmente definita "canzone popolare" da tutte le testimonianze che ancora la riportano (Canti di lotta, La musica dell'altra Italia ecc.). In realtà alcuni sospettano che ci possa essere la mano di un giovanissimo Fabrizio De André. Le strofette sono da cantarsi sull'"aria del Bombacè" cioè la stessa de "La moglie di Cecco Beppe" o "Il general Cadorna".

Fascisti e missini col capo Michelini
appoggiati da... (Continues)
Riccardo Venturi 2007/8/18 - 08:58
Downloadable! Video!

Malarazza [Lamento di un servo ad un Santo crocifisso]

Testo: Anonimo, sec. XVIII [?]
Pubblicazione: in Raccolta amplissima di canti siciliani
di Lionardo Vigo Calanna, 1857, 5419/5420
Rielaborazione di Dario Fo
1973, Ci ragiono e canto, vol. III, atto 2 (interpretazione di Piero Sciotto e La Comune)
1976, Domenico Modugno, singolo Malarazza / Né con te né senza te
Rielaborazione testuale e musicale di Domenico Modugno, Rodolfo Assuntino e Emma Muzzi Loffredo

La storia di questa canzone siciliana è complicata e tormentata.

Nella forma in cui è più nota, fu incisa e pubblicata nel 1976 da Domenico Modugno, come lato A del singolo Malarazza / Né con te né senza te. La rielaborazione del testo era avvenuta assieme allo storico cantautore Rodolfo Assuntino e alla cantautrice, regista e attrice palermitana Emma Muzzi Loffredo (1941-2017)

Ne susseguì immediatamente un'azione legale per plagio presso il tribunale di Milano, intentata da Dario... (Continues)
Nu servu tempu fa d’intra na piazza
(Continues)
Contributed by daniela -k.d.- 2007/3/28 - 16:57
Downloadable! Video!

אונדזער שטעטל ברענט

da questa pagina


Mordechaj Gebirtig: Le mie canzoni
a cura di Rudi Assuntino

A centoventi anni dalla sua nascita e a cinquantacinque dalla sua morte compare anche in Italia l'opera di una delle figure più interessanti e meno conosciute della cultura yiddish, Mordechaj Gebirtig.

Nato il 4 maggio 1877 a Cracovia, nel quartiere ebraico di Kazimierz, Gebirtig: vi trascorre tutta la sua vita. Sarà falegname, mobiliere, attore dilettante, militante del movimento socialista, poeta popolare, compositore analfamusico di canzoni di successo cantate dagli ebrei della sua città, autore di canzoni veicolate dal teatro yiddish in ogni angolo della Polonia, nelle terre popolate dagli ebrei dell'Europa centrorientale ed in quelle dell'emigrazione ebraica per il mondo. Sarà la voce profetica dell'imminente incendio che cancellerà la nazione ebraica ed il cantore dei martirio del suo popolo fino alla... (Continues)
Riccardo Venturi 2005/6/18 - 22:36
Downloadable! Video!

Masters Of War

ITALIANO / ITALIAN [5] - Rudi Assuntino


Versione italiana di Rodolfo (Rudi) Assuntino
Italian version by Rudi Assuntino

Inizialmente questa versione era stata attribuita a Franco Damiani, per via del post originario con il quale era stata inserita nelle primitive CCG e cioè:

«La canzone che segue è una libera interpretazione di "Masters of War" di Bob Dylan, non ho inserito l'autore proprio perchè si tratta di una libera interpretazione (a dir la verità l'unica che io abbia mai sentito cantata in italiano).

L'autore della traduzione-rifacimento è Franco Damiani (che poi sarebbe mio marito).»
(Liuba Casaccia, dal NG it.fan.musica.de-andre)

Ma, come risulta anche nel sito Maggie's Farm e in numerose altre fonti questa è la versione cantata da Rudy Assuntino (si veda anche la discussione su questo stesso sito).
Sembra che la canzone però sia stata cantata anche da Jonathan & Michelle... (Continues)
L'UOMO CHE SA
(Continues)




hosted by inventati.org