Lingua   

Bella Ciao

anonimo
Pagina della canzone con tutte le versioni


1c. “Fior di tomba” nella versione piemontese data da Costantino Nig...
FIOR DI TOMBA

Stamattina mi sono alzata,
stamattina mi sono alzata,
sono alzata - iolì
sono alzata - iolà
sono alzata prima del sol.

Sono andata alla finestra
e ho visto il mio primo amor

che parlava a un'altra ragazza,
discorreva di far l'amor.

Sono andata a confessarmi
e l'ho detto al confessor.

Penitenza che lui m'ha dato:
di lasciare il mio primo amor.

Ma piuttosto che lasciarlo
son contenta mì a morir.

Farem fare la cassa fonda
e andremo dentro in tri:

prima il padre e poi la madre
e il mio amore in braccio a mi,
e il mio amore in braccio a mi.
Di là da cui boscage | na bela fia a j'è.
So pare e sua mare | la völo maridè,
A völo dè-i-la a ün prinsi | fiöl d'imperadur.
Mi voï nè re nè prinsi | fiöl d'imperadur
Déi-me cul giuvineto | ch'a jè 'n cula përzun.
O fia, dla mia fia, | l'è pa 'n parti da ti,
Duman a úndes ure | a lo faran müri.
S'a fan müri quel giuve | ch'a m'fasso müri mi!
Ch'a m'fasso fè na tumba | ch'a i sia d' post për tri,
Ch'a i stago pare e mare, | 'l me amur an brass a mi.
An sima a cula tumba | piantran dle röze e fiur.
Tuta la gent ch'a i passa | a sentiran l'odur,
Diran: J'è mort la bela, | l'è morta për l'amur!


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org