Lingua   

Bella Ciao

anonimo
Pagina della canzone con tutte le versioni


1d. "E picchia picchia alla porticella" - Alle radici di "Bella...
Di là da cui boscage | na bela fia a j'è.
So pare e sua mare | la völo maridè,
A völo dè-i-la a ün prinsi | fiöl d'imperadur.
Mi voï nè re nè prinsi | fiöl d'imperadur
Déi-me cul giuvineto | ch'a jè 'n cula përzun.
O fia, dla mia fia, | l'è pa 'n parti da ti,
Duman a úndes ure | a lo faran müri.
S'a fan müri quel giuve | ch'a m'fasso müri mi!
Ch'a m'fasso fè na tumba | ch'a i sia d' post për tri,
Ch'a i stago pare e mare, | 'l me amur an brass a mi.
An sima a cula tumba | piantran dle röze e fiur.
Tuta la gent ch'a i passa | a sentiran l'odur,
Diran: J'è mort la bela, | l'è morta për l'amur!
E picchia picchia la porticella
dicendo: «Oi bella, mi vieni a aprir».
E picchia picchia la porticella
dicendo: «Oi bella, mi vieni a aprir».

Con una mano aprì la porta
e con la bocca la gli dà un bacin.
La gh’ha dato un bacio così tanto forte
che la suoi mamma la l’ha sentì.

Ma cos’hai fatto, figliola mia,
che tutto il mondo parla mal di te?
Ma lascia pure che il mondo 'l diga:
io voglio amare chi mi ama me.

Io voglio amare quel giovanotto
ch’l'ha fatt sett’anni di prigion per me.
L’ha fatt sett’anni e sette mesi
e sette giorni di prigion per me.

E la prigione l'è tanto scura,
mi fa paura, la mi fa morir.


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org