Language   

Mujer lunar

Rebeca Lane
Back to the song page with all the versions


OriginalTraduzione italiana di Lorenzo Masetti
MUJER LUNARDONNA LUNARE
Ni dios ni patria ni marido ni partido
Así es como nací así es como he vivido
Desde que mamá me parió a este mundo
Marcaron con rosado el color de mi rumbo
Pero mamá a mí me gusta el morado
Me gusta la poesía y la melancolía
No creo en cuentos de hadas ni en fantasías
No quiero ser de nadie yo quiero ser mía
Yo me cuento un cuento cada mañana
Abrí mis alas huí del paraíso con Lilith y niñas malas
No creo en nadie que arriba esté juzgando
Soy dueña de mis actos voy improvisando
Né dio né patria, né marito né partito
così è come sono natA così come sono vissuta
Da quando mamma mi ha partorito in questo mondo
han segnato con il rosa il colore della mia strada
Però mamma, a me piace il viola
mi piace la poesia e la malinconia
Non credo alle favole di fate né alla fantasie
non voglio essere di nessuno voglio essere mia
e ogni mattino mi racconto una nuova storia
Ho aperto le ali, sono fuggita dal paradiso con Lilith e le bambine cattive
Non credo in nessuno che giudichi da lassù
son padrona delle mie azioni, improvviserò
Soy mujer soy un ser lunar
Cambio como la luna de blanca a oscura
En mi vientre llevo la simiente
De mi útero nació toda la gente
Es mi sangre mensual menstrual
De donde nace la vida no de tu costilla
No vine al mundo para hacerte feliz
Ni que tus golpes me dejen cicatriz
Sono donna, sono un essere lunare
cambio come la luna da bianca a oscura
Nel mio ventre porto la progenie
dal mio utero è nata tutta la gente
è dal mio sangue mestruale mensile
che nasce la vita, non dalla tua costola
non son venuta al mondo per farti felice
né perché i tuoi colpi mi lascino una cicatrice
Han pedido de mi que sea casta y pura
Que no tenga deseos y que no me quepa duda
Que mi felicidad está en la cocina
Haciendo guisos que engañen mi autoestima
Debo aspirar a estar encadenada a una casa
Estar casada con lo mejor de mi casta embarazada
Parirle hijos al sistema y si la tripa aprieta
Aprender a vivir callada la pobreza
Por cada golpe que me das se conmociona el universo
Por eso yo me defiendo por eso yo no acepto
Los príncipes que vienen a salvarme
Con piropos y dinero vienen a insultarme
Mi è stato chiesto di essere casta e pura
di non avere desideri e che non mi sfiori il dubbio
che la mia felicità deve realizzarsi nella cucina
a preparare sformati che ingannino la mia autostima
Devo aspirare a restare incatenata a una casa
A sposarmi con il migliore della mia casta, messa incinta
partorire figli per il sistema e se il ventre stringe
imparare a star zitta e vivere in povertà
Per ogni colpo che mi dai si turba l'universo
per questo mi difendo per questo non accetto
i principi che vengono a salvarmi
con lusnghe o con denaro vengono a insultarmi
Soy mujer soy un ser lunar
Cambio como la luna de blanca a oscura
En mi vientre llevo la simiente
De mi útero nació toda la gente
Es mi sangre mensual menstrual
De donde nace la vida no de tu costilla
No vine al mundo para hacerte feliz
Ni que tus golpes me dejen cicatriz
Sono donna, sono un essere lunare
cambio come la luna da bianca a oscura
Nel mio ventre porto la progenie
dal mio utero è nata tutta la gente
è dal mio sangue mestruale mensile
che nasce la vita, non dalla tua costola
non son venuta al mondo per farti felice
né perché i tuoi colpi mi lascino una cicatrice
Por tener cuerpo de mujer me creen tierna
Pero me dicen perra si en la calle enseño pierna
Más que esposa la gente anda buscando una sirvienta
Mejor si calladita y con piernas abiertas
Yo soy fruta completa no busco media naranja
No soy puta ni soy santa soy lo que me da la gana
Aspiro a ser tratada como humana es lo mínimo
De este delirio colectivo me emancipo yo abdico
No asumo roles que estén preestablecidos
No te amo por tu sexo sino por lo compartido
La libertad es cuando ya no hay etiquetas
El puño en alto para celebrar a las guerreras
Siccome ho un corpo da donna mi credono tenera
però mi danno della troia se mostro una coscia per strada
Più che una sposa la gente cerca una serva
meglio se sta zitta e con le cosce aperte
Sono un frutto completo, non cerco la metà dell'arrancia
non sono puttana, non sono santa sono quello che mi pare
Aspiro a essere trattata come essere umano, è il minimo
Da questo delirio collettivo mi emancipo, abdico
Non assumo ruoli prestabiliti
la libertà è quando non ci sono etichette
il pugno alzato per celebrare le guerriere
Como en la montaña están las guerrilleras
Como en el micrófono hoy están las raperas
Sobrevivientes de violencia mamás solteras
Hermanas feministas del planeta tierra
Come sulla montagna stanno le guerrigliere
come davanti al microfono oggi stanno le rapper
Sopravvissute alla violenza, ragazze madri
Sorelle femministe del pianeta terra


Back to the song page with all the versions

Main Page

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org