Language   

La canzone degli sfollati

Pietruccio Cerquetti
Back to the song page with all the versions


OriginalLa versione dei Trainanà
LA CANZONE DEGLI SFOLLATI

‘Llajò lo Porto cò lo primo mitrajamendo
Tutti se dà a la fuga prondi a lo sfollamento
Chj se vutta in cambagna chj drendo Citanò
Chj su ‘pe le mondagne o verso Montecò.

Nuaddre ce ‘ttroemo vicino a Tallei:
Su ‘n-letto de du posti dormemo in cingue o in sei
Ce semo rrifugiati a la mejo che se pò
L’urdemi che ‘rvà a casa ha da durmì de fò

‘Na casa de du vani: vendi ne semo troppi
un pochi ‘gna che vaca a durmì sopre li coppi
Perchè tutti ‘llà drendo non ce se pò ‘boccà
Armeno chi va sopre li dendi pò ‘ngioccà

Chj dorme su le vrande e chi sopre le rete
L’acqua ce sta londano tocc’a suffrì la sete
Se anghe li vicinati te la fa caccia
O ‘gna che bei poco o non pò più cucinà

Più bbuffa adè la sera quann’è l’ora de la cena
A ‘posto de la luce ce sta la citilena
Tegne tutte le frosce se ‘ngomingia a fumà
Ce mmascheremo tutti comme che Carnuà

Ma se ‘sta vita angor quarghe semestre
Ce torna mejo a mette su ‘n-circolo equestre
La spesa più grossa sarria da fa ‘n-tennò
Armeno stemo drendo non ‘stemo più de fò

Statemo tra Tallei e la Villa pijapochi
Pare che semo quelli che jemo a ‘fà li jochi
E sse non ge ‘berghesse ‘llo pòro de Quatrì
Saressimo ridutti comme li vorattì

‘Na spece de nuà adè la famija Sacchi
Se ‘rizza la matina ‘dè tutti rutti e stracchi
Dorme tutti-nzème drendo un cammerò
Chi ritti chi sta ciumi ‘dè vendisei perzò!

Quisti d’è li regali che cià fatto lo duce
senz’acqua, senza casa e angora senza luce
proprio immezzo la strada cià vuto vedé
pigliesse un corbo a isso e lo latro de lo ré
LA CANZONE DEGLI SFOLLATI

‘Llajò lo Porto cò lo primo mitrajamendo
Tutti se dà a la fuga prondi a lo sfollamento
Chj se vutta in cambagna chj drendo Citanò
Chj su ‘pe le mondagne, Morrovalle o Montecò.

Nuaddre ce ‘ttroemo vicino a Tallei:
Su ‘n-letto de du posti dormemo in cingue o in sei
Ce semo rrifugiati a la mejo che se pò
L’urdemi che ‘rvà a casa ha da durmì de fò

‘Na casa de du vani: vendi ne semo troppi
un pochi ‘gna che vaca a durmì sopre li coppi
Perchè tutti drendo non ce se pò ‘entrà
Armeno chi va sopre li dendi pò ‘ngioccà

Chj dorme su le vrande e chi sopre le rete
L’acqua ce sta londano tocc’a suffrì la sete
Se anghe li vicinati te la farà caccia
O ‘gna che bei poco o non pò più cucinà

Più bbuffa adè la sera quann’è l’ora de cena
A ‘posto de la luce ce sta la citilena
Tegne tutte le frosce se ‘ngomingia a fumà
Ce mmascheremo tutti comme che Carnuà

Statemo tra Tallei e la Villa pijapochi
Pare che semo quelli che jemo a ‘fà li jochi
E sse non ge ‘berghesse ‘llo pòro de Quatrì
Saressimo ridutti comme li vorattì

‘Na spece de nuà ce sta la famija Sacchi
Se ‘rizza la matina ‘dè tutti rutti e stracchi
Dorme tutti nzème drendo un cammerò
Chi ritti chi sta ciumi chi sta co lo padrò!

Questa vita dura ancora qualche semestre
torna mejo a metter lu culu su l'equestre
e la spesa più grossa sarà dei fantellon
almeno stemo dentro non stemo più de for

Questo è lo regalo che cià fatto la guerra
magnare co la tessera e dormire giù per terra
ormai che ce l'abbiamo sta bella libertà
iddio ce l'hanno data e chi ce la leverà

Quisti d’è li regali che cià fatto lo duce
senz’acqua, senza casa e angora senza luce
proprio immezzo la strada cià vuto vedé
pigliesse un corbo a isso
pigliesse un corbo a isso
pigliesse un corbo a isso
e lo latro de lo ré


Back to the song page with all the versions

Main Page

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org